Umberto Agnelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Umberto Agnelli
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Umberto AGNELLI.jpg
Luogo nascita Losanna
Data nascita 1º novembre 1934
Luogo morte Torino
Data morte 27 maggio 2004
Titolo di studio Laurea in Legge
Professione Imprenditore
Partito DC
Legislatura VII
Incarichi parlamentari
  • Membro della 3ª Commissione permanente (Affari esteri) dal 27 settembre 1978 al 19 giugno 1979
  • Membro della 5ª Commissione permanente (Bilancio) dal 27 luglio 1976 al 26 settembre 1978
Pagina istituzionale
Umberto Agnelli, presidente della Juventus, con Giampiero Boniperti nel 1960

Umberto Agnelli (Losanna, 1º novembre 1934Torino, 27 maggio 2004) è stato un imprenditore, dirigente sportivo e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ultimo di sette fratelli, era figlio di Edoardo Agnelli e di Virginia Bourbon del Monte di San Faustino. Orfano di padre ad appena un anno, perse la madre all'età di undici; il fratello Gianni, maggiore di tredici anni, capofamiglia designato, sarà per lui come un padre. Svolge il servizio militare presso la Scuola di Applicazione di Cavalleria di Pinerolo, come il fratello Gianni e il nonno.[1] Laureatosi in giurisprudenza a Palermo, Umberto divenne a meno di ventitré anni presidente della Juventus e nel 1959 venne eletto presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio.

Impegnato a lungo nel processo di ristrutturazione della FIAT, con la contestuale apertura verso capitali e mercati esteri, Agnelli e famiglia figuravano al 278º posto nella classifica del periodico Forbes (2003) sugli uomini più ricchi del mondo, con un patrimonio netto stimato attorno agli 1,5 miliardi di dollari.

Subentrò alla presidenza della FIAT dal 28 febbraio 2003, subito dopo la morte del fratello Giovanni, che aveva affiancato a lungo nella conduzione della casa automobilistica torinese. Negli anni settanta, Agnelli fu senatore della Repubblica nelle file della Democrazia Cristiana. Come alto dirigente della FIAT ebbe a lungo il controllo su primarie imprese editoriali e sulla società calcistica torinese Juventus.

Affetto da carcinoma polmonare, trascorse gli ultimi giorni assistito dalla moglie e dai due figli nella sua residenza della Mandria (vicino a Torino), dove si spense il 27 maggio 2004, solamente 15 giorni prima del nipote Egon von Fürstenberg, che morì l'11 giugno 2004. La sua ultima comparsa in pubblico era avvenuta il 26 aprile 2004 quando era stata conferita alla moglie Allegra una laurea ad honorem in veterinaria dall'Università di Torino. L'aggravarsi delle sue condizioni di salute gl'impedì però di presenziare all'assemblea degli azionisti della società torinese.

Matrimoni e discendenza[modifica | modifica sorgente]

Umberto si sposò due volte: una prima con Antonella Bechi Piaggio (proveniente dalla famiglia d'imprenditori che ha ideato lo scooter Vespa), e una seconda con Allegra Caracciolo, cugina di Marella Caracciolo, moglie di Giovanni Agnelli. Curiosamente Antonella Bechi Piaggio si risposerà con un lontano parente materno di Allegra Caracciolo, Uberto Visconti di Modrone. A Torino, Umberto e Allegra vivevano nella residenza I Roveri all'interno del parco La Mandria.

  • dalla prima moglie, Antonella, Umberto ebbe
    • due gemelli (Alberto e Enrico), nati nel luglio 1962 e vissuti pochissimi giorni;
    • Giovanni Alberto, detto Giovannino, morto di tumore nel 1997;
  • dalla seconda moglie, Allegra, Umberto ebbe un figlio ed una figlia:

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Grande Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 2 giugno 1972. Su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri.
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)

Il suo nome nella musica leggera[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nizza Cavalleria. URL consultato il 10 luglio 2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 19820250 LCCN: n95014409