Renato Zaccarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Renato Zaccarelli
Renato zaccarelli.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1987 - giocatore
Carriera
Giovanili
1966-1968 Torino Torino
Squadre di club1
1968-1969 Catania Catania 2 (0)
1969-1970 Torino Torino 0 (0)
1971-1973 Novara Novara 52 (1)
1973-1974 Verona Verona 30 (5)
1974-1987 Torino Torino 317 (17)
Nazionale
1975-1980 Italia Italia 25 (2)
Carriera da allenatore
 ? Italia Italia U-21 B
 ? Italia Italia U-21 (Vice)
2003 Torino Torino
2004-2005 Torino Torino
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Renato Zaccarelli (Ancona, 18 gennaio 1951) è un allenatore di calcio, ex calciatore e dirigente sportivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Zaccarelli (a sinistra) assieme a Sala e Graziani negli anni '70, durante una pausa d'allenamento del Torino al Filadelfia.

Dopo Giorgio Ferrini e Paolo Pulici, Renato Zaccarelli è il terzo giocatore del Torino con più presenze in Serie A. Comincia a tirare i primi calci al pallone nelle file della Junior Ancona, storica squadra del quartiere dorico di Vallemiano; a 15 anni milita nelle giovanili del Torino, per poi essere ceduto a fare esperienza in Serie B con Catania e Novara, fino all'esordio in A con il Verona (1973). Ritorna granata nell'estate del 1974; dall'anno successivo formerà con Eraldo Pecci, Claudio Sala e Patrizio Sala un centrocampo eccezionale.

Zaccarelli era una mezzala classica, elegante, concreta e dal rendimento costante. Verso la fine della sua carriera arretra in difesa reinventandosi libero dal fine senso tattico, quasi un centrocampista aggiunto. In questo ruolo vive una seconda giovinezza a tal punto che nel 1986, all'età di 35 anni, gli viene assegnato il "Guerin d'oro" come miglior giocatore del campionato 1985-86. Con il Toro ha vinto lo scudetto nel 1976.

Zaccarelli (a destra) in azione durante un Perugia-Torino del 1976, contrastato dall'ex compagno di squadra Agroppi.

Ha giocato per un lustro in Nazionale (25 presenze e 2 gol) partecipando al Mondiale in Argentina, dove l'Italia arrivò quarta. Partì dalla panchina come rincalzo di Giancarlo Antognoni e alla fine collezionò cinque presenze ed un gol, quello della vittoria in rimonta per 2-1 contro la Francia dell'allora giovanissimo Michel Platini (che era passata per prima in vantaggio con una rete di Lacombe, segnata dopo appena 40 secondi di gioco).

Allenatore e dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Dopo avere appeso le scarpette al chiodo, Zaccarelli ha alternato la carriera di allenatore con quella di dirigente.

È direttore sportivo del Toro nell'era Goveani, resiste al ciclone Calleri con il ruolo di Team Manager; nel 1992-93 fu D.S. dell'Alessandria.

A questo punto intraprende la carriera di allenatore al servizio della Federazione come commissario tecnico dell'Under-21 di serie B prima, e di vice-allenatore dell'Under-21 maggiore poi.

Torna al Torino nel 2002 in qualità di dirigente del settore giovanile.

Nel 2003 diventa direttore generale al posto di Sandro Mazzola. Zaccarelli si cimenta anche come allenatore nel finale di stagione di Serie A 2002-03 (subentrando a Renzo Ulivieri) e prima dei playoff di Serie B 2004-05 (al posto di Ezio Rossi): in questo frangente porta i granata alla promozione, e questo risulterà decisivo per le sorti del Toro che, pur non venendo promosso in Serie A in virtù delle decisioni della Covisoc, si guadagna comunque la permanenza in Serie B dopo la revoca dell'affiliazione e la successiva rinascita sotto la guida di Urbano Cairo grazie al Lodo Petrucci. Nel 2005-06 si trasferisce al Bologna con l'incarico di Direttore Sportivo.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Esordio in Serie A: 7 ottobre 1973, Fiorentina-Verona 2-1.
  • Esordio in Nazionale: 26 ottobre 1975, Polonia-Italia 0-0.
  • Presenze in Serie A: 347 (22 reti)
  • Presenze in Nazionale: 25 (2 reti)
  • Presenze ai Mondiali: 5 (1 rete)

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1975-1976

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1986

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]