Riccardo Ferri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riccardo Ferri
Riccardo ferri inter.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181[1] cm
Peso 77[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1996 - giocatore
Carriera
Giovanili
Inter Inter
Squadre di club1
1981-1994 Inter Inter 290 (6)
1994-1996 Sampdoria Sampdoria 36 (0)
Nazionale
1981
1982-1986
1986-1992
Italia Italia U-20
Italia Italia U-21
Italia Italia
 ? (?)
22 (0)
45 (4)
Carriera da allenatore
1996-1998 Inter Inter Giovanili
Palmarès
 Europei di calcio Under-21
Bronzo 1984
Argento 1986
W.Cup.svg  Mondiali di calcio
Bronzo Italia 1990
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Riccardo Ferri (Crema, 20 agosto 1963) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Era conosciuto come Ferri II, avendo un fratello maggiore, Giacomo.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Cresciuto nell'Inter, esordì in Serie A l'11 ottobre 1981 contro il Cesena, a 18 anni. Divenne titolare due anni dopo e vestì la casacca nerazzurra per tredici stagioni in totale.

Vinse con la maglia dell'Inter lo "Scudetto dei record", la Supercoppa italiana del 1989 e per due volte la Coppa UEFA (1990-1991, 1993-1994), sotto la guida di Giovanni Trapattoni.

Nel 1994 si trasferì alla Sampdoria, insieme al compagno di squadra Walter Zenga, nella trattativa che portò Gianluca Pagliuca in nerazzurro.[2] Chiuse la carriera dopo aver giocato due stagioni in maglia blucerchiata.

Assieme a Franco Baresi è il giocatore con più autogol nel campionato di Serie A (a tal punto da essere citato nella canzone A che ora è la fine del mondo? di Luciano Ligabue), con 8 marcature nella propria porta, tra cui una nel derby contro il Milan del 20 dicembre 1987 terminato 1-0 in favore dei rossoneri. All'epoca per il conteggio degli autogol era sufficiente un leggero tocco per essere decretata l'autorete.[3]

Con la maglia dell'Inter ha totalizzato 418 presenze e 8 reti, così suddivise: 290 (6) in campionato, 62 nelle coppe europee, 66 (2) in Coppa Italia.[4]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ha vestito per 45 volte la maglia della Nazionale, segnando 4 reti. Il suo esordio risale al 6 dicembre 1986 contro Malta, dove ebbe anche modo di segnare una rete.

Disputò in maglia azzurra gli Europei del 1988 e i Mondiali del 1990, in cui l'Italia è arrivata terza. La sua ultima apparizione in Nazionale risale al 1992 (contro gli Stati Uniti).

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Ritiratosi, fino al 1998 ha allenato nelle giovanili dell'Inter. Lasciata l'Inter per alcuni dissidi con il presidente Massimo Moratti[5], ha fatto l'opinionista in diverse trasmissioni Mediaset: è soprattutto ospite di Alberto Brandi a Controcampo[6] e opinionista a Diretta stadio... ed è subito goal! sull'emittente privata 7 Gold[7].

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Campionato Coppa Italia Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1981-1982 Italia Inter A 2 0 CI 0 0 CU 0 0 - - - 2 0
1982-1983 A 12 0 CI 6 0 CdC 4 0 - - - 22 0
1983-1984 A 24 0 CI 2 0 CU 6 0 - - - 32 0
1984-1985 A 28 1 CI 8 0 CU 5 0 - - - 41 1
1985-1986 A 27 0 CI 7 0 CU 8 0 - - - 42 0
1986-1987 A 30 0 CI 8 1 CU 7 0 - - - 45 1
1987-1988 A 25 2 CI 10 1 CU 5 0 - - - 40 3
1988-1989 A 31 0 CI 8 0 CU 6 0 - - - 45 0
1989-1990 A 20 0 CI 2 0 CC 2 0 SI 0 0 24 0
1990-1991 A 26 0 CI 2 0 CU 10 0 - - - 38 0
1991-1992 A 29 2 CI 2 0 CU 2 0 - - - 33 2
1992-1993 A 20 1 CI 6 0 - - - - - - 26 1
1993-1994 A 16 0 CI 5 0 CU 7 0 - - - 28 0
Totale Inter 290 6 66 2 62 0 0 0 418 8
1994-1995 Italia Sampdoria A 20 0 CI 3 0 CC 5 0 SI 1 0 29 0
1995-1996 A 16 0 CI 1 0 - - - - - - 17 0
Totale Sampdoria 36 0 4 0 5 0 1 0 46 0
Totale carriera 326 6 70 2 67 0 1 0 464 8

Presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Inter: 1981-1982
Inter: 1988-1989
Inter: 1989

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Inter: 1990-1991, 1993-1994

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 30 settembre 1991. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[8]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012, p. 37.
  2. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 11 (1994-1995), Panini, 16 luglio 2012, p. 10.
  3. ^ Chi detiene il record di autoreti nella storia della serie A? in Gazzetta dello sport, 10 gennaio 2004. URL consultato il 16 giugno 2010.
  4. ^ Statistiche, archivio.inter.it.
  5. ^ Moratti e l' Interismo futblogger.com, 3 aprile 2012.it
  6. ^ Allenatori emergenti, ecco le pagelle controcampo.sportmediaset.it
  7. ^ Riccardo Ferri: "Questa Inter è migliorata nel gioco" Fcinternews.it
  8. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Ferri Riccardo, Quirinale.it. URL consultato il 6 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]