Sergio Agüero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sergio Agüero
Suisse vs Argentine - Sergio Agüero (cropped).jpg
Dati biografici
Nome Sergio Leonel Agüero del Castillo
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 172[1] cm
Peso 74[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Manchester City Manchester City
Carriera
Giovanili
Independiente Independiente
Squadre di club1
2003-2006 Independiente Independiente 54 (23)
2006-2011 Atletico Madrid Atlético Madrid 175 (74)
2011- Manchester City Manchester City 88 (53)
Nazionale
2004
2005-2007
2008
2006-
Argentina Argentina U-16
Argentina Argentina U-20
Argentina Argentina Olimpica
Argentina Argentina
5 (3)
11 (6)
5 (2)
56 (21)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Brasile 2014
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Pechino 2008
Transparent.png Mondiali di Calcio Under-20
Oro Paesi Bassi 2005
Oro Canada 2007
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 17 agosto 2014

Sergio Leonel Agüero del Castillo (Quilmes, 2 giugno 1988) è un calciatore argentino, attaccante del Manchester City e della Nazionale argentina.

È primatista di gol sia con l'Atlético Madrid (20)[2] sia con il Manchester City (13)[3] nelle competizioni calcistiche europee.

Ha fatto parte della Nazionale di calcio dell'Argentina Under-20 col quale ha vinto due mondiali di categoria nel 2005 in Olanda e nel 2007 in Canada, in quest'ultimo viene eletto miglior giocatore e riceve il titolo di capocannoniere con 6 gol.[4]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Sin da bambino è detto "El Kun", (anche scritto sulla maglia da gioco) dal nome del protagonista del cartone animato giapponese Kum Kum il cavernicolo.[5] È stato ufficialmente fidanzato con la secondogenita di Diego Armando Maradona, Giannina, dalla quale ha avuto un figlio, Benjamin, nato a Madrid il 19 febbraio 2009,[6] fino a gennaio 2013 quando si sono separati.[7] Nel 2008 ha preso parte a due canzoni: una cantata con Los Leales intitolata "Kun Agüero"[8] e un'altra cantata insieme a Diego Armando Maradona e Ezequiel Agüero dei Mezgaya, fidanzato di sua sorella Gabriella, intitolata "Dalma y Giannina son mi inspiración", dedicata proprio alle figlie del Pibe de Oro.[9]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Il suo ruolo iniziale era quello di seconda punta, ma col tempo ha cominciato a giocare nel ruolo di primo attaccante. È dotato di ottima tecnica, una notevole accelerazione, grande agilità, dribbling, facilità di tiro con entrambi i piedi oltre che di una spiccata intelligenza calcistica. Peculiare è il suo repentino cambio di direzione palla al piede, favorito dal baricentro basso e dalla potenza che riesce ad imprimere nell'esecuzione del movimento. Nel corso delle stagioni ha irrobustito la propria struttura muscolare e guadagnato in forza fisica, senza per questo venir meno al suo stile di gioco originario. Avendo una buona elevazione possiede comunque un discreto colpo di testa, ed è anche molto abile nel fornire assist.[5]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Independiente[modifica | modifica sorgente]

Inizia a giocare nell'Independiente, squadra della Primera División argentina, debuttando in campionato il 7 luglio 2003 contro il San Lorenzo a 15 anni e 35 giorni, e diventando il più giovane giocatore ad aver esordito in Primera División nell'era professionistica, record detenuto fino ad allora da Diego Armando Maradona.[10] Nel campionato di Apertura del 2005 il 18 agosto realizza 2 gol nella sfida vinta per 3 a 0 contro il Instituto.

Atlético Madrid[modifica | modifica sorgente]

Agüero con l'Atlético Madrid

2006-2007[modifica | modifica sorgente]

Nell'aprile del 2006 l'Atletico Madrid si assicura le sue prestazioni. Anche se l'Independiente inizialmente nega il trasferimento, è lo stesso Agüero ad ammettere che non sa cosa succederà nel futuro e che potrebbero essere gli ultimi gol e partite con l'Indipendiente.[11] Il 29 maggio, in una conferenza stampa, l'Atlético annuncia di averne completato l'acquisto[12] e due giorni dopo conferma la firma di un contratto di sei anni, dopo aver concluso un trasferimento da 20 milioni di Euro.[13] Chiude la sua prima stagione con la maglia dei Colchoneros con 7 gol realizzati in 42 partite giocate.

Agüero nella prima stagione con l'Atletico

2007-2008[modifica | modifica sorgente]

Dopo una stagione di debutto nel calcio spagnolo nella quale realizza solo 6 gol in 38 partite, termina la stagione 2007-2008 al terzo posto nella classifica cannonieri con 19 reti segnate. Dopo aver passato il turno dell'Intertoto passa anche il turno eliminatorio per accedere alla Coppa UEFA dove il 16 agosto segna un gol contro il Vojvodina (3-0). Il primo gol del campionato arriva nel derby alla prima giornata contro il Real Madrid persa 2 a 1, disputata il 25 agosto 2007. Realizza 4 gol di fila contro il Real Murcia il 16 settembre finita 1 a 1, contro il Racing Santander vinta 4 a 0 giocata il 23 settembre, nella sfida giocata il 26 settembre contro l'Athletic Bilbao vinta 2 a 0 e contro l'Osasuna 4 giorni dopo (2-0). In Coppa UEFA nella partita dei gironi contro il Erciyesspor finita 5 a 0 realizza la sua prima doppietta in stagione il 4 ottobre, due settimane dopo sempre in Coppa UEFA segna altri 2 gol contro la Lokomotiv Mosca pareggiata 3 a 3. Il 31 ottobre contro il Siviglia, partita finita 4 a 3 per l'Atletico segna un gol di testa e realizza un assist per Maxi Rodriguez. Il 3 marzo 2008 segna 2 gol nella sfida vinta contro il Barcellona vinta 4 a 2, il primo gol che porta al pareggio per 1 a 1 con tiro deviato, il secondo che assicura il risultato col quarto gol con un tiro di destro, nella stessa partita realizza 1 assist e procura un rigore poi battuto da Diego Forlan, al 73' viene ammonito per comportamento irregolare. Realizza la sua terza doppietta nel 6 a 3 contro l'Almeria. Nelle ultime 6 partite di campionato segna 5 gol, l'ultimo nella sfida persa contro il Valencia.

2008-2009[modifica | modifica sorgente]

Il quotidiano italiano Tuttosport lo premia con il titolo Golden Boy 2007 come miglior giocatore Under-21 in Europa. Il 14 maggio 2008 riceve il Premio Antonio Puerta come miglior giocatore del campionato di quell'anno.[14] Il 13 settembre segna il primo gol nella sfida persa per 2 a 1 il Real Valladolid. Sette giorni dopo arriva il secondo gol contro il Recreativo de Huelva finita 4 a 0. Il 16 settembre arriva il suo debutto nella UEFA Champions League nella sfida di andata dei gironi contro il PSV Eindhoven, dove realizza una doppietta permettendo all'Atletico di vincere 3 a 0. Il primo ottobre contro il Marsiglia partita vinta 2 a 1 realizza il suo terzo gol nel torneo. L'11 ottobre 2008 l'Atlético Madrid versa nelle casse dell'Independiente i 5 milioni di euro restanti per completare il trasferimento; Agüero diventa così un giocatore dell'Atlético a tutti gli effetti.[15] Il 1º novembre arriva la sua prima doppietta in Liga raggiungendo quota 4 gol nella partita vinta 2 a 0 contro il Maiorca. Segna altri 2 gol nel 5 a 2 di Gijon contro lo Sporting gicata il 6 dicembre. Come l'anno precedente si ripete nella sfida contro il Barcellona con un'altra doppietta, il primo gol arriva al 55' minuto con un tiro di destro, il secondo gol lo realizza all'89' con un tiro di sinistro. Il 30 maggio realizza il suo ultimo gol nella partita vinta 3 a o contro l'Almeria. Conclude la stagione con 21 gol in 47 partite.

2009-2010[modifica | modifica sorgente]

Il primo gol nella stagione 2009-2010 arriva il 19 settembre 2009 nella sfida persa 5 a 2 contro il Barcellona alla terza giornata di Liga. Protagonista con 2 gol nella sfida pareggiata 2 a 2 contro il Chelsea nella quarta giornata di UEFA Champions League. Segna nel derby di Madrid all'Estadio Vicente Calderón contro il Real il 7 novembre (2-3). Nel 4 a 0 contro l'Espanyol arriva la sua prima doppietta il 29 novembre. Il 5 dicembre nella sua ultima partita dell'anno in campionato realizza uno dei 4 gol subiti dal Real Valladolid. Con il KO per 3 a 0 contro il Porto l'8 dicembre l'Atletico Madrid viene eliminata dalla competizione arrivando al terzo posto qualificandosi così ai sedicesimi di finale di UEFA Europa League, dove il 18 e il 25 febbraio 2010 sfida il Galatasaray pareggiando l'andata 1 a 1 e vincendo il ritorno per 2 a 1. Dopo la squadra Turca arriva lo Sporting Lisbona (11 marzo andata 0-0) dove nella sfida del ritorno allo Stadio José Alvalade è il protagonista della partita con 2 gol che permettono alla squadra Madrilena con un 2 a 2 di passare il turno per i gol fuori casa. Nella giornata di campionato seguente a quella dell'Europa League segna un gol nel 2 a 0 interno contro l'Athletic Bilbao. Nei quarti di finale è una sfida tutta spagnola contro il Valencia, ma solo nella partita di andata del primo aprile serve l'assist per Forlan (2-2). Viene ammonito sia all'andata che al ritorno dunque salta l'andata delle semifinali.[16] Come la sfida degli ottavi l'Atletico passa il turno con 2 pareggi qualificandosi al turno successivo. Dopo aver saltato la prima partita (1-0 per l'Atletico) ritorna ad Anfield per sfidare il Liverpool dove il Madrid perde per 2 a 1 ma per i gol fuori casa arriva in finale.[17] Il 12 maggio 2010 è protagonista nella finale di Europa League contro gli inglesi del Fulham, assistendo Diego Forlan in entrambe le reti che fissano il risultato sul 2-1 e assegnano il trofeo all'Atlético Madrid dopo i tempi supplementari, a 36 anni di distanza dall'ultimo successo europeo del club spagnolo.[18]

Agüero impegnato in un derby madrileno

Non arriva però il bis per la squadra di Madrid che deve arrendersi al Sevilla Fútbol Club nella finale di Copa del Rey per 2-1 disputata al Camp Nou di Barcellona.

2010-2011[modifica | modifica sorgente]

Il 27 agosto 2010 segna una rete nella Supercoppa Europea disputata a Montecarlo contro l'Inter e terminata 2-0 per i colchoneros. Nella sua prima partita di UEFA Europa League il 21 ottobre contro il Rosenborg (3-0) realizza un gol. Sei giorni dopo in Coppa del Re contro l'Universidad di Las Palmas finita 5 a 0 realizza una doppietta. Il primo gol in Liga lo realizza il 30 ottobre 2010 nella sfida interna pareggiata 1 a 1 contro l'Almerìa. Segna 2 gol contro la Real Sociedad il 21 novembre finita 4 a 2 per l'" Atleti " , realizza anche un assist. L'11 dicembre 2010 disputa contro il Deportivo La Coruña la partita numero 300 in carriera riuscendo anche a segnare un gol in una gara poi terminata 2-0.

Il 4 gennaio 2011 rinnova il suo contratto fino al 30 giugno 2014[19] e viene abbassata la clausola rescissoria, che scende da 60 a 45 milioni di euro.[20][21] Il giorno seguente viene nominato vice-capitano dell'Atlético Madrid insieme al compagno di reparto Forlan.[22] Decide la sfida di febbraio contro il Real Saragozza segnando l'unico gol della partita.

Il 12 marzo 2011 segna 2 gol contro l'Almerìa (2-2). Nel finale di stagione tra marzo e aprile realizza molti gol. Dopo la doppietta all'Almeria arrivano altri 6 gol tra cui il 24 aprile contro il Levante realizza la sua quinta doppietta della stagione. Il 30 aprile regala un'altra vittoria all'Atletico nell'1 a 0 contro il Deportivo la Coruña. Il 30 aprile 2011 contro il Deportivo al Riazor riesce a marcare il 98esimo gol contro l'Atletico entrenado nella top 10 dei marcatori storici della squadra dei colchoneros. Il 21 maggio 2011 consegue la sua prima tripletta nella vittoria 3-4 dell'Atletico sul Il 21 maggio realizza una tripletta contro il Real Club Deportivo Mallorca nella partita vinta 4 a 3 dall'Atlético Madrid[23] ma due giorni dopo esprime ufficialmente la volontà di lasciare l'Atlético per motivi di crescita e totalmente sportivi e non economici.[22]. Passeranno però due mesi finché si concretizzerà l'operazione. Dopo numerosi rumours circa un suo possibile passaggio a squadre come il Real Madrid o la Juventus alla fine è il Manchester City ad aggiudicarsi il giocatore argentino.

Manchester City[modifica | modifica sorgente]

2011-2012[modifica | modifica sorgente]

Nasri e Agüero con il trofeo della Premier League in mano

Il 28 luglio 2011 si trasferisce al Manchester City per 45 milioni di euro. Al giocatore verrà corrisposto un ingaggio settimanale di circa 200.000 euro, per un totale di 10,4 milioni a stagione.[24] Il 15 agosto 2011 segna i suoi primi due gol con la maglia dei Citizens, all'esordio, nella vittoria per 4-0 contro lo Swansea.[25] Il 10 settembre 2011 sigla la sua prima tripletta, nella gara contro il Wigan vinta per 3-0 dal City.[26] Il 18 settembre 2011 firma una doppietta contro il Fulham, mettendo così a segno 8 gol nelle prime 5 giornate di Premier League.[27] Il 18 ottobre 2011 segna il suo primo gol in Champions League, nella partita vinta al 92º contro il Villarreal. Il 29 novembre segna il suo primo gol in Carling Cup, nella partita vinta per 1-0 contro l'Arsenal. Il 21 dicembre, nella partita vinta per 3-0 contro lo Stoke City, realizza una doppietta. L'8 gennaio 2012, nella partita persa dai citizens per 3-2 contro lo United in FA Cup realizza il suo primo gol nella competizione. Dopo l'eliminazione dalla Champions League è protagonista nei sedicesimi di finale di Europa League, dove contro il Porto sia all'andata (16 febbraio finita 2 a 1 per il City e sia al ritorno (23 febbraio) finita 4 a 0 è autore di 2 gol. Il 15 marzo nella gara di ritorno degli ottavi di UEFA Europa League contro lo Sporting Lisbona realizza una doppietta, la partita viene vinta per 3 a 2 dal Manchester City ma non basta per ribaltare l'1 a 0 dell'andata e qualificarsi ai quarti.[28] Arriva al ventesimo gol in campionato il 14 aprile 2012 nella partita contro il Norwich City, finita 6-1 per i Citizens, gara in cui peraltro segna una doppietta.[29][30][31] Il 13 maggio, al 94º minuto, segna il gol che permette ai Citizens di vincere dopo 44 anni, la Premier League.[32]

2012-2013[modifica | modifica sorgente]

Apre la stagione seguente vincendo il Community Shield al Villa Park di Birmingham, grazie alla vittoria per 3-2 sul Chelsea. Poco dopo però verrà bloccato da un infortunio che all'inizio sembra abbastanza grave ma alla fine si rivelerà una cosa sistemabile in poco tempo.[33] Il 29 settembre contro il Fulham segna il gol dell'1 a 1, la partita finisce 2 a 1 con gol partita di Edin Džeko.[34] Il 6 ottobre segna il primo gol all'Etihad Stadium della nuova stagione contro il Sunderland, subentrando a Mario Balotelli. Nella prima gara di ritorno della UEFA Champions League il 6 novembre 2012 segna il gol del pareggio del 2 a 2 contro l'Ajax.[35][36] Nella sfida del 17 novembre vinta 5 a 0 contro l'Aston Villa realizza una doppietta, un gol su rigore e uno in contropiede, che fa volare momentaneamente in vetta alla Premier league il Manchester City con 28 punti.[37][38] Il 21 novembre segna un gol nella sfida contro il Real Madrid pareggiata 1 a 1. Segna nell'ultima sfida dell'anno il 29 dicembre contro il Norwich vinta 4 a 3 e il primo dell'anno nella sfida contro lo Stoke City vinta 3 a 0. Nel finale di stagione ha diversi infortuni, alla coscia e al ginocchio. Realizza l'ultima rete contro il Reading il 14 maggio. Conclude la sua seconda stagione con 40 partite e 17 gol.

Dzeko e Aguero alla battuta del calcio d'inizio

2013-2014[modifica | modifica sorgente]

Inizia la stagione 2013-2014 con la vittoria per 4-0 contro il Newcastle, segnando anche una gol. Nel derby del 22 settembre 2013 contro il Manchester United realizza una doppietta, contribuendo alla vittoria della sua squadra per 4-1. Salta per infortunio il match contro l'Aston Villa (2-3) e torna in campo nella vittoria per 3-1 contro l'Everton. Quattro giorni dopo decide la sfida di Champions League contro il CSKA Mosca (2-1), segnando due gol. A fine stagione riesce a vincere la sua seconda Premier League, nonostante i molti infortuni che hanno caratterizzato la sua annata. Il 14 agosto 2014 rinnova il suo contratto con il Manchester City per altri cinque anni.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Nazionale giovanile[modifica | modifica sorgente]

Sudamericano Under-16 2004[modifica | modifica sorgente]

Nel 2004 viene convocato per giocare il campionato sudamericano Under-16 in Paraguay. Gioca la sua prima partita il 12 settembre a Encarnación contro gli Stati Uniti Under-16 vinta 2 a 1, segna un gol. Va in rete anche nella seconda partita tre giorni dopo vinta 3 a 0 contro l'Ecuador Under-16. Si qualifica ai quarti di finale dove il 22 settembre grazie ad un suo gol l'Argentina batte 1 a 0 il Perù Under-16. Perde in semifinale il 24 settembre a Luque 2 a 0 contro la Colombia. Conclude il suo torneo con 4 partite e 3 gol.

Agüero in azione con la maglia dell'Argentina
Mondiali U-20 2005[modifica | modifica sorgente]

Nel 2005, a 17 anni, partecipa al Campionato mondiale Under-20, vinto con la Nazionale argentina. Esordisce il 11 giugno a Emmen contro la Nazionale di calcio della Germania Under-20, vinta 1 a 0. Gioca la seconda partita il 14 giugno a Enschede contro l'Egitto Under-20, l'Argentina vince 2 a 0 grazie ai gol di Messi e Zabaleta. Il 28 giugno battendo il Brasile Under-20 in semifinale 2 a 1 l'Argentina si qualifica in finale dove Agüero si procura il rigore che, realizzato da Messi, decide l'incontro con la Nigeria, la partita finisce 2 a 1 per l'Argentina, che vince il Mondiale dopo quello vinto nel 2001.

Mondiali U-20 2007[modifica | modifica sorgente]

Nel 2007 vince per la seconda volta consecutiva il Campionato mondiale Under-20, organizzato in Canada. Debutta il 30 giugno a Ottawa contro la Nazionale di calcio della Repubblica Ceca Under-20, pareggiata 0 a 0.[39] Il 3 luglio segna 2 gol nella sfida contro il Panama Under-20 finita 6 a 0.[40] Tre giorni dopo decide l'ultima partita del girone grazie ad un suo gol, nella sfida vinta 1 a 0 contro la Corea del Nord Under-20.[41] L'Argentina si qualifica agli ottavi di finale dove a Toronto il 12 luglio contro la Polonia Under-20 segna una doppietta che permette alla Sellecion di accedere ai quarti contro il Messico Under-20 il 15 luglio dove grazie ad un gol di Maximiliano Moralez l'Argentina vince 1 a 0. In semifinale il 19 luglio vince 3 a 0 contro il Cile Under-20 qualificandosi in finale. Il 22 luglio a Toronto si laurea campione nella partita vinta 2 a 1 contro la Repubblica Ceca. Al 60' la R.Ceca passa in vantaggio grazie al gol di Martin Fenin, al 62' grazie ad un suo gol pareggia 1 a 1 e all'86' grazie al gol di Mauro Zárate l'Argentina vince.[42] Viene premiato con il Pallone d'oro quale miglior giocatore della manifestazione, dopo essersi affermato come capocannoniere del torneo con 6 reti segnate.

XXIX Olimpiadi 2008[modifica | modifica sorgente]

Nel 2008 viene incluso dal C.T. Sergio Batista nella rappresentativa olimpica per i Giochi olimpici di Pechino. Gioca la sua prima partita il 7 agosto contro la Costa d'Avorio, partita vinta 2 a 1, viene ammonito e sostituito all'80'. Il 19 agosto a Pechino realizza due reti al Brasile in semifinale; il 23 agosto in finale la sua squadra batte la Nigeria e conquista l'oro olimpico.

Nazionale maggiore[modifica | modifica sorgente]

Esordisce con la Nazionale maggiore, il 3 settembre 2006, in un'amichevole contro il Brasile all'Emirates Stadium di Londra.

Nel Mondiale 2010 disputato in Sudafrica viene inserito nella lista dei 23 convocati dal C.T. Diego Armando Maradona e fa il suo debutto assoluto nella manifestazione il 17 giugno al Soccer City di Johannesburg, nel secondo tempo della partita contro la Corea del Sud, contribuendo immediatamente da protagonista alle due reti realizzate da Higuain.[43] Tuttavia l'Argentina non riesce a superare i quarti di finale, dopo la sconfitta per 4-0 subita ad opera della Germania.[44]

Il 7 settembre 2010 segna un gol nella partita vinta dall'Argentina contro la Spagna per 4 a 1.

Il 27 giugno 2011 viene inserito dal C.T. Sergio Batista nella lista dei convocati per la Coppa America da disputare in casa.[45] Nel match inaugurale subentra a Ezequiel Lavezzi e va subito in rete, segnando il gol del 1-1 contro la Bolivia.[46][47] Il 12 luglio realizza una doppietta nella partita vinta contro la Costa Rica.[48] L'Argentina esce però ai quarti, battuta ai rigori dall'Uruguay, poi vincitore del torneo.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 17 agosto 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe internazionali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2002-2003 Argentina Independiente PD 1 0 - - - - - - - - - 1 0
2003-2004 PD 5 0 - - - CL 2 0 - - - 7 0
2004-2005 PD 12 5 - - - - - - - - - 12 5
2005-2006 PD 36 18 - - - - - - - - - 36 18
Totale Independiente 54 23 - - 2 0 - - 56 23
2006-2007 Spagna Atlético Madrid PD 38 6 CR 4 1 - - - - - - 42 7
2007-2008 PD 37 19 CR 4 2 Int+CU 1+8 0+6 - - - 50 27
2008-2009 PD 37 17 CR 1 0 UCL 9 4 - - - 47 21
2009-2010 PD 31 12 CR 7 1 UCL+UEL 8+8 4+2 - - - 54 19
2010-2011 PD 32 20 CR 4 3 UEL 4 3 SU 1 1 41 27
Totale Atlético Madrid 175 74 20 7 38 19 1 1 234 101
2011-2012 Inghilterra Manchester City PL 34 23 FACup+CdL 1+3 1+1 UCL+UEL 6+4 1+4 CS 0 0 48 30
2012-2013 PL 30 12 FACup+CdL 4+0 3+0 UCL 5 2 CS 1 0 40 17
2013-2014 PL 23 17 FACup+CdL 3+2 4+1 UCL 6 6 - - - 34 28
2014-2015 PL 1 1 FACup+CdL 0+0 0+0 UCL 0 0 CS 1 0 2 1
Totale Manchester City 88 53 13 10 21 13 1 0 123 76
Totale carriera 317 150 33 17 61 32 2 1 413 200

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Argentina Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
03/09/2006 Londra Argentina Argentina 0 – 3 Brasile Brasile Amichevole - Ingresso al 60’ 60’ Ammonizione al 66’ 66’
11/10/2006 Murcia Spagna Spagna 2 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 72’ 72’
07/02/2007 Parigi Francia Francia 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 84’ 84’
11/09/2007 Melbourne Australia Australia 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 90’ 90’
13/10/2007 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 0 Cile Cile Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 74’ 74’
17/11/2007 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2010 1 Uscita al 75’ 75’
26/03/2008 Il Cairo Egitto Egitto 0 – 2 Argentina Argentina Amichevole 1 Uscita al 86’ 86’
04/06/2008 San Diego Messico Messico 1 – 4 Argentina Argentina Amichevole 1 Uscita al 84’ 84’
08/06/2008 East Rutherford Stati Uniti Stati Uniti 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 88’ 88’
15/06/2008 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2010 -
18/06/2008 Belo Horizonte Brasile Brasile 0 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 67’ 67’
06/09/2008 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2010 1 Ingresso al 46’ 46’
10/09/2008 Lima Perù Perù 1 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 - Uscita al 63’ 63’
11/10/2008 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 1 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2010 1 Uscita al 71’ 71’
15/10/2008 Santiago del Cile Cile Cile 1 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 -
11/02/2009 Marsiglia Francia Francia 0 – 2 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 82’ 82’
28/03/2009 Buenos Aires Argentina Argentina 4 – 0 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2010 1 Uscita al 78’ 78’
06/06/2009 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Colombia Colombia Qual. Mondiali 2010 - Uscita al 40’ 40’
12/08/2009 Mosca Russia Russia 2 – 3 Argentina Argentina Amichevole 1 Uscita al 63’ 63’
05/09/2009 Rosario Argentina Argentina 1 – 3 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 46’ 46’
09/09/2009 Asunción Paraguay Paraguay 1 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 - Uscita al 59’ 59’
24/05/2010 Buenos Aires Argentina Argentina 5 – 0 Canada Canada Amichevole 1 Ingresso al 70’ 70’
17/06/2010 Johannesburg Argentina Argentina 4 – 1 Corea del Sud Corea del Sud Mondiali 2010 - 1º turno - Ingresso al 75’ 75’
22/06/2010 Polokwane Grecia Grecia 0 – 2 Argentina Argentina Mondiali 2010 - 1º turno - Uscita al 77’ 77’
03/07/2010 Città del Capo Argentina Argentina 0 – 4 Germania Germania Mondiali 2010 - Quarti - Ingresso al 75’ 75’
07/09/2010 Buenos Aires Argentina Argentina 4 – 1 Spagna Spagna Amichevole 1 Ingresso al 68’ 68’
20/06/2011 Buenos Aires Argentina Argentina 4 – 0 Albania Albania Amichevole 1 Ingresso al 61’ 61’
01/07/2011 La Plata Argentina Argentina 1 – 1 Bolivia Bolivia Coppa America 2011 - 1º turno 1 Ingresso al 71’ 71’
06/07/2011 Santa Fe Argentina Argentina 0 – 0 Colombia Colombia Coppa America 2011 - Ingresso al 60’ 60’
11/07/2011 Córdoba Argentina Argentina 3 – 0 Costa Rica Costa Rica Coppa America 2011 2 Uscita al 85’ 85’
16/07/2011 Santa Fe Argentina Argentina 1 – 1 dts
(4-5 dcr)
Uruguay Uruguay Coppa America 2011 - Quarti - Uscita al 83’ 83’
02/09/2011 Calcutta Argentina Argentina 1 – 0 Venezuela Venezuela Amichevole - Ingresso al 77’ 77’
06/09/2011 Dacca Argentina Argentina 3 – 1 Nigeria Nigeria Amichevole - Ingresso al 77’ 77’
15/11/2011 Barranquilla Colombia Colombia 1 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2014 1 Ingresso al 46’ 46’ Ammonizione al 85’ 85’
29/02/2012 Berna Svizzera Svizzera 1 – 3 Argentina Argentina Amichevole -
02/06/2012 Buenos Aires Argentina Argentina 4 – 0 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2014 1 Ammonizione al 52’ 52’Uscita al 63’ 63’
09/06/2012 New York Argentina Argentina 4 – 3 Brasile Brasile Amichevole - Ingresso al 74’ 74’
15/08/2012 Francoforte Germania Germania 1 – 3 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
12/10/2012 Mendoza Argentina Argentina 3 – 0 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2014 1 Uscita al 79’ 79’
17/10/2012 Santiago del Cile Cile Cile 1 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 82’ 82’
14/11/2012 Riyad Arabia Saudita Arabia Saudita 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
06/02/2013 Solna Svezia Svezia 2 – 3 Argentina Argentina Amichevole 1 Ammonizione al 67’ 67’Uscita al 75’ 75’
07/06/2013 Buenos Aires Argentina Argentina 0 – 0 Colombia Colombia Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 81’ 81’
11/06/2013 Quito Ecuador Ecuador 1 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2014 1 Uscita al 61’ 61’
14/06/2013 Città del Guatemala Guatemala Guatemala 0 – 4 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 46’ 46’
10/09/2013 Asunción Paraguay Paraguay 2 – 5 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2014 1 Uscita al 76’ 76’
11/10/2013 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 1 Perù Perù Qual. Mondiali 2014 - Ammonizione al 54’ 54’
15/11/2013 East Rutherford Ecuador Ecuador 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 63’ 63’
18/11/2013 Saint Louis Argentina Argentina 2 – 0 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Amichevole 2 Ammonizione al 59’ 59’Uscita al 77’ 77’
05/03/2014 Bucarest Romania Romania 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 57’ 57’
07/06/2014 La Plata Argentina Argentina 2 – 0 Slovenia Slovenia Amichevole - Ingresso al 58’ 58’
15/06/2014 Rio De Janeiro Argentina Argentina 2 – 1 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Mondiali 2014 - 1º turno - Uscita al 87’ 87’
21/06/2014 Belo Horizonte Argentina Argentina 1 – 0 Iran Iran Mondiali 2014 - 1º turno - Uscita al 77’ 77’
25/06/2014 Porto Alegre Nigeria Nigeria 2 – 3 Argentina Argentina Mondiali 2014 - 1º turno - Uscita al 38’ 38’
09/07/2014 San Paolo Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 dts
(2-4 dcr)
Argentina Argentina Mondiali 2014 - Semifinale - Ingresso al 82’ 82’
13/07/2014 Rio de Janeiro Germania Germania 1 – 0 dts Argentina Argentina Mondiali 2014 - Finale - Ingresso al 46’ 46’ Ammonizione al 64’ 64’
Totale Presenze 56 Reti 21

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Manchester City: 2011-2012, 2013-2014
Manchester City: 2012
Manchester City: 2013-2014

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Atlético Madrid: 2009-2010
Atlético Madrid: 2010

Individuale[modifica | modifica sorgente]

Canada 2007 (6 gol)
Canada 2007
2007
2008
2008
2009

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Sergio Aguero, uefa.com, 24 luglio 2011. URL consultato il 28 luglio 2011.
  2. ^ Atlético. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  3. ^ Man. City, UEFA.com. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  4. ^ Aguero Mattatore, firenzeviola.it, 23 luglio 2007. URL consultato il 14 aprile 2012.
  5. ^ a b Aguero, classe da vendere, www.gazzetta.it, 13 settembre 2007. URL consultato il 10 settembre 2008.
  6. ^ Maradona diventa nonno È nato Benjamin Aguero, La Gazzetta dello Sport, 19 febbraio 2009. URL consultato il 10 luglio 2014.
  7. ^ Tra Giannina e Agüero la love story è finita corrieredellosport.it
  8. ^ Aguero, momento magico, La Gazzetta dello Sport, 22 agosto 2008. URL consultato il 28 luglio 2011.
  9. ^ Maradona e Aguero cantanti, La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 28 luglio 2011.
  10. ^ (EN) The rise of Sergio Aguero, news.bbc.co.uk, 7 maggio 2008. URL consultato il 30 agosto 2008.
  11. ^ (ES) Agüero admitió que pudo haber sido su último partido en el fútbol argentino, clarin.com, 29 aprile 2006. URL consultato il 30 agosto 2008.
  12. ^ (EN) Atletico agree fee for Independiente starlet, soccernet.espn.go.com, 29 maggio 2006. URL consultato il 30 agosto 2008.
  13. ^ (EN) "Atlético sign Argentine prodigy Aguero", soccernet.espn.go.com, 31 maggio 2006. URL consultato il 30 agosto 2008.
  14. ^ (ES) Agüero recibe el premio al mejor jugador de la temporada, www.as.com, 14 maggio 2008. URL consultato il 10 settembre 2008.
  15. ^ Calcio, Atletico Madrid: 5 mln all'Independiente per Aguero, news.kataweb.it, 11 ottobre 2008. URL consultato il 12 ottobre 2008.
  16. ^ Atletico-Valencia, transfermarkt.it, 1º aprile 2010. URL consultato il 15 aprile 2012.
  17. ^ Forlan gela il Liverpool Atletico Madrid in finale, corrieredellosport.it, 29 aprile 2010. URL consultato il 15 aprile 2012.
  18. ^ L'Atletico trionfa in Europa: 2-1 al Fulham, Forlan show!, corrieredellosport.it, 12 maggio 2010. URL consultato il 15 aprile 2012.
  19. ^ (ES) El Atlético de Madrid cierra la renovación de su delantero Sergio Kun Agüero, www.clubatleticodemadrid.com, 4 gennaio 2011. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  20. ^ Aguero-Juve più vicini, repubblica.it, 19 maggio 2011.
  21. ^ Juve, nessuno sconto per Aguero - L'Atletico Madrid: "Costa 45 milioni", sportmediaset.it, 19 maggio 2011.
  22. ^ a b La fuga di Aguero dà il via a un valzer di attaccanti?
  23. ^ Maiorca 3-4 Atlético Madrid, it.eurosport.yahoo.com, 21 maggio 2011. URL consultato il 10 luglio 2014.
  24. ^ e: Aguero passa al Manchester City di Mancini. E Tevez sogna l'Inter
  25. ^ Mancini si gode Aguero, Il City ne fa 4 allo Swansea, Gazzetta.it, 15 agosto 2011. URL consultato il 16 agosto 2011..
  26. ^ Tripletta di Aguero lancia Manchester City, Ansa.it, 10 settembre 2011. URL consultato il 10 luglio 2014.
  27. ^ Premier League - City riacciuffato, 2-2 a Craven Cottage - Yahoo! Eurosport
  28. ^ Manchester fuori dall'Europa-La Spagna piazza la tripletta, La Gazzetta dello Sport, 15 marzo 2012. URL consultato il 19 marzo 2012.
  29. ^ Tevez-Aguero, il City dilaga, repubblica.it, 14 aprile 2012. URL consultato il 14 aprile 2012.
  30. ^ TEVEZ-AGUERO E IL CITY SOGNA: 6-1 Norwich ko. Lo United è ora a +2, sportmediaset.it, 14 aprile 2012. URL consultato il 14 aprile 2012.
  31. ^ Lo United crolla a Wigan, Aguero rilancia il City: -5, La Gazzetta dello Sport, 14 aprile 2012. URL consultato il 14 aprile 2012..
  32. ^ Pazzesco Manchester City:Campione con un gol al 94'!, La Gazzetta dello Sport, 14 aprile 2012. URL consultato il 13 maggio 2012.
  33. ^ Supercoppa inglese al City - A Mancini il derby con Di Matteo, La Gazzetta dello Sport, 12 agosto 2012. URL consultato il 12 agosto 2012.
  34. ^ United ko col Tottenham. Dzeko gol, vince il City, corrieredellosport.it, 29 settembre 2012. URL consultato il 30 settembre 2012.
  35. ^ Champions League - Ajax e Dortmund frenano City e Real: doppio 2-2, eurosport.com, 6 novembre 2012. URL consultato l'8 novembre 2012.
  36. ^ Il 2-2 con l'Ajax è una condanna, La Gazzetta dello Sport, 6 novembre 2012. URL consultato l'8 novembre 2012.
  37. ^ Manchester City-Aston Villa 5-0: Mancini fa la 'manita', apre Silva, una doppietta a testa per Aguero e Tevez, goal.com, 17 novembre 2012. URL consultato il 18 novembre 2012.
  38. ^ Il City vola in vetta, uefa.com, 17 novembre 2012. URL consultato il 18 novembre 2012.
  39. ^ Argentina-Rep.Ceca 0-0, fifa.com, 30 giugno 2007. URL consultato il 10 luglio 2012.
  40. ^ Panama-Argentina 0-6, fifa.com, 3 luglio 2007. URL consultato il 7 luglio 2012.
  41. ^ Argentina-C.del Nord 1-0, fifa.com.
  42. ^ Under 20: trionfo Argentina, La Gazzetta dello Sport, 22 luglio 2007. URL consultato il 10 luglio 2012.
  43. ^ L'Argentina avvisa tutti, quattro schiaffi alla Sud Corea, sky.it, 17 giugno 2010. URL consultato il 10 luglio 2014.
  44. ^ Uber alles: altro poker, la Germania fa fuori anche Maradona, sky.it, 3 luglio 2010. URL consultato il 10 luglio 2014.
  45. ^ (ES) Nómina de jugadores que disputarán la Copa América "Argentina 2011", www.afa.org.ar, 27 giugno 2011. URL consultato il 10 luglio 2014.
  46. ^ Argentina, è falsa partenza: 1-1 Aguero la salva con la Bolivia e successivamente realizza una doppietta contro la costa rica, La Gazzetta dello Sport, 2 luglio 2011.
  47. ^ Argentina, esordio flop. Ma non sempre è un dramma, sky.it, 2 luglio 2011. URL consultato il 10 luglio 2014.
  48. ^ Aguero inKuntenibile, l'Argentina fa tris e vola ai quarti, sky.it, 2 luglio 2011. URL consultato il 10 luglio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]