Serie A 2009-2010

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Serie A 2009-2010
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 108ª
Organizzatore Lega Calcio
Date dal 22 agosto 2009
al 16 maggio 2010
Luogo Italia Italia
Partecipanti 20
Risultati
Vincitore Inter Inter
(18º titolo)
Retrocessioni Atalanta Atalanta
Siena Siena
Livorno Livorno
Statistiche
Miglior marcatore Italia Antonio Di Natale (29)
Incontri disputati 380
Gol segnati 992 (2,61 per incontro)
Serie A 2009-2010.PNG
Distribuzione geografica delle squadre della Serie A 2009-2010
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2008-2009 2010-2011 Right arrow.svg

Il Campionato di Serie A 2009-10 è stato il 108º campionato italiano di calcio e il 78º a girone unico. Cominciato il 22 agosto 2009 è terminato il 16 maggio 2010. Le prime due giornate (23 e 30 agosto) si sono suddivise in quattro orari: due anticipi al sabato alle 18:00 e alle 20:45, anticipo la domenica alle 18:00 e sette partite in contemporanea alle 20:45. A partire dalla 3ª giornata e fino alla 36ª compresa, ad eccezione dei 4 turni infrasettimanali (23 settembre e 28 ottobre 2009, 6 gennaio e 24 marzo 2010) e del sabato precedente la Pasqua, le sette partite della domenica torneranno a disputarsi alle ore 15:00, con posticipo serale alle ore 20:45, fermi restando i due anticipi del sabato (18:00 e 20:45). Il campionato si è concluso il 16 maggio 2010, in base all'imposizione della FIFA su tale data allo scopo di garantire il giusto riposo ai giocatori impegnati nel campionato mondiale di calcio 2010 in Sudafrica.

In proposito, per le qualificazioni ai Mondiali 2010, si sono effettuate tre soste: il 6 settembre, l'11 ottobre e 15 novembre 2009. Altre due soste, il 27 dicembre 2009 e il 3 gennaio 2010 si sono effettuate per le feste di Natale, che quest'anno saranno prive dell'Epifania, giorno in cui si è giocato il terzo e penultimo turno infrasettimanale. Il turno del 4 aprile 2010 si è giocato il giorno precedente (3 aprile) per le feste di Pasqua.

La squadra campione in carica è l'Inter, che ha portato il suo numero di campionati vinti a 18. A prendere il posto di Torino, Reggina, e Lecce retrocesse in Serie B, sono state Bari, promosso dopo otto anni di cadetteria, Parma e Livorno, tornate nella massima serie dopo un solo anno di assenza.

Sono state 12 le regioni rappresentate in questo torneo. Le regioni maggiormente rappresentate sono state la Lombardia e la Toscana (3 squadre). Emilia-Romagna, Liguria, Lazio e Sicilia hanno avuto 2 squadre a testa mentre Friuli-Venezia Giulia, Campania, Veneto, Puglia, Sardegna e Piemonte sono state rappresentate da una sola squadra ciascuna.

Anche in questa stagione, per la quinta volta consecutiva, a parità di punteggio la graduatoria finale è determinata in base alla classifica avulsa.

Nessuna novità per l'accesso alle coppe europee: riguardo alla Champions League le prime tre classificate sono state ammesse direttamente alla fase a gironi, mentre la quarta classificata dovrà disputare il turno di playoff. Per la qualificazione in Europa League saranno validi il 5º e 6º posto, mentre la terza squadra sarà la vincitrice della Coppa Italia; qualora quest'ultima fosse già ammessa alla Champions League, il posto verrà occupato dall'altra finalista, ma se la vincitrice di Coppa Italia ottiene l'accesso in Europa League per via del piazzamento conseguito in campionato, oppure entrambe le finaliste accedono alla Champions League, allora verrà qualificata la squadra giunta al 7º posto in Serie A.[1]

Avvenimenti[modifica | modifica sorgente]

Sorteggio calendari[modifica | modifica sorgente]

Il sorteggio del campionato di calcio 2009-2010 è stato effettuato presso la Sede della Lega Calcio il 29 luglio 2009 alle 17, con diretta TV su Raidue[2].

I parametri della compilazione dei calendari sono[3]:

  • le città con due società in A (Roma, Milano e Genova) vedranno l'ordine di esordio in casa invertito rispetto al campionato scorso;
  • non ripetere gli incontri d'avvio già verificatisi negli ultimi due anni;
  • nei turni infrasettimanali serali (5ª e 10ª di andata, 11ª di ritorno) non sono possibili incontri tra Fiorentina, Inter, Juventus, Milan e Roma né i derby di Genova, Milano e Roma. Gli incontri sono stati programmati il mercoledì alle 20:45 con un posticipo il giovedì alle 20:45;
  • i tre derby cittadini si giocano in giornate diverse tra loro;
  • Le società partecipanti alle coppe europee non si incontrano tra loro nelle giornate 6ª, 9ª, 13ª, 15ª e 16ª, quelle poste tra un turno di Europa League con gare al giovedì e un turno successivo di Champions;
  • nelle ultime 4 giornate le gare in casa sono perfettamente alternate a quelle in trasferta.

Campionato[modifica | modifica sorgente]

Girone di andata[modifica | modifica sorgente]

Claudio Ranieri: dal suo arrivo alla 3ª giornata, la Roma ha totalizzato più punti di tutti.

Il girone di andata vede inizialmente Inter, Juventus e la Sampdoria di Delneri contendersi la vetta della classifica. La Juventus vince le prime quattro partite portandosi in testa assieme ai doriani ma poi, nelle successive due partite, pareggia contro il Bologna e perde a Palermo mentre i blucerchiati pareggiano con il Parma; i nerazzurri passano così in testa alla 7ª giornata. Nel frattempo Roma, Milan e Napoli conoscono un inizio di campionato decisamente inferiore alle aspettative: il Milan vince solo contro Siena e Bologna, mentre alla Roma dopo due sole giornate Spalletti si dimette, lasciando la guida a Ranieri; il Napoli invece ottiene solo 7 punti in 7 partite.

Nei mesi di ottobre e novembre la lotta per la vetta si riduce a una contesa tra Juventus e Inter, con i nerazzurri che però tengono un alto ritmo vincendo 7 partite su 8 tra la 7ª e la 14ª giornata; la Juventus invece, dopo una ripresa, perde contro il Cagliari e il Napoli, scivolando a -8 dalla rivale alla 14ª giornata. Nel frattempo risalgono il Milan e il Napoli (quest'ultimo rinvigorito dall'arrivo sulla panchina di Walter Mazzarri) che, dall'8ª giornata, vincono diverse partite, risalendo gradualmente la classifica. Alla fine di novembre, dopo 14 giornate, i rossoneri arrivano a soli 7 punti dai cugini, lottando anch'essi per la vetta assieme alla Juve. Lo scontro diretto tra questa e l'Inter riavvicina la squadra di Ciro Ferrara alla vetta, distante adesso solo 5 lunghezze: la sfida finisce 2-1 per i bianconeri grazie alla fortuita rete di Chiellini e il decisivo pallonetto di Marchisio.

Antonio Cassano: la sua Sampdoria ha raggiunto l'obiettivo Champions League.

Ma proprio da questo momento per i bianconeri inizierà un lungo periodo di crisi di gioco e risultati che li porterà a perdere con Bari (3-1) Catania (1-2) e Milan (0-3), allontanandosi definitivamente dal primo posto. Il Milan rimarrà invece ancora in corsa, ma alla fine del girone sarà l'Inter a laurearsi campione d'inverno con 8 punti di vantaggio sulla rivale cittadina; resterà negli annali del calcio l'ultima partita del girone d'andata del team di Moratti: un 4-3 in rimonta contro il Siena con reti decisive negli ultimi secondi di gioco messe a segno da Sneijder e Samuel. Nel frattempo la Roma inizia a riprendere quota, risalendo la classifica e giungendo a lottare per il 4º posto assieme al Napoli alla fine del girone.

Perde quota invece la Sampdoria (da segnalare anche un Cassano in temporanea crisi con l'ambiente blucerchiato) mentre il Genoa, il Palermo, il Bari ed il Cagliari mostrano una certa continuità, arrivando a contendersi i piazzamenti per l'Europa League. La lotta per la salvezza vede come protagonisti l'Atalanta, che vive un inizio di stagione difficile, il Siena, anch'esso protagonista di un'annata iniziata in modo molto difficoltoso, il Livorno neo-promosso, il Bologna e il Catania. Mentre il Bologna, dopo un discreto avvio, perde molti punti, il Catania chiude in modo più positivo il girone di andata.

Girone di ritorno[modifica | modifica sorgente]

I nerazzurri campioni d'inverno aprono il girone di ritorno così come avevano cominciato quello di andata: sofferto pareggio col sorprendente Bari (e in rimonta: da 2-0 a 2-2) e prova di forza nel derby, vinto grazie alle reti di Milito e Pandev, nonostante due espulsioni e un arbitraggio molto contestato. Intanto la Roma comincia a delinearsi sempre più come la principale rivale dell'Inter, inanellando una notevole serie di risultati utili: nonostante tre pareggi consecutivi con Napoli, Milan e Livorno riesce a ridurre il distacco dai campioni uscenti, che ridotti in 9 pareggiano al Meazza contro la Sampdoria e perdono 3-1 al Massimino di Catania.

Diego Milito, suo il gol che ha assegnato nell'ultima giornata lo scudetto all'Inter.

La lotta per il titolo vede coinvolte Roma e Inter, col Milan a fare da possibile outsider. Una prima svolta la si ha il 28 marzo, quando all'Olimpico si affrontano le prime della classe: un errore di Júlio César e un gol di Toni decidono il match in favore dei giallorossi e riducono a un punto il divario fra le due formazioni. Mentre i rossoneri nel frattempo perdono terreno, la domenica seguente le due squadre escono vincitrici (la Roma a Bari e l'Inter col Bologna); poi sette giorni dopo avviene il sorpasso, con i romanisti che battono 2-1 l'Atalanta e approfittano del passo falso dell'Inter a Firenze (2-2).

A questo punto i nerazzurri sperano in uno sgambetto della Lazio nel derby che però non avviene, dato che i biancocelesti, pur portandosi in vantaggio nel primo tempo, sbagliano un rigore (parata di Júlio Sérgio, su tiro di Floccari) e si fanno successivamente rimontare dalla doppietta di Vučinić; tuttavia la settimana dopo, quando la nuova capolista sembrava ormai lanciata, l'Inter ritorna in testa piegando 3-1 l'Atalanta: contemporaneamente la Sampdoria, con una doppietta di Pazzini, vince in casa dei romanisti. I nerazzurri vincono poi le ultime 3 partite del campionato e ottengono il loro 18º scudetto dopo la vittoria di Siena, grazie al gol vittoria di Diego Milito.

Antonio Di Natale, attaccante dell'Udinese e capocannoniere del torneo con 29 reti.

Terza classificatasi è il Milan, che con Roma e Inter accede direttamente alla Champions League; ai preliminari di questa, dopo un testa a testa col Palermo segnato dal pareggio nello scontro diretto a due giornate dal termine, è la Sampdoria targata Cassano-Pazzini, che dopo un primo periodo di cedimento ritorna nelle zone alte della classifica. Ai rosanero andrà l'Europa League, così come al Napoli e alla Juventus, autrice di un infruttuoso girone di ritorno. Retrocedono infine il Livorno (dopo un solo anno nella massima serie), all'ultimo posto con una sola vittoria nel 2010, il Siena (alla prima retrocessione in Serie B dopo sette stagioni in A) e l'Atalanta, che saluta la Serie A dopo tre stagioni.

Il titolo di capocannoniere va al centravanti dell'Udinese Antonio Di Natale, che con 29 reti distacca di 7 lunghezze l'interista Milito e di 10 il doriano Pazzini e il rosanero Miccoli. La stagione sarà ricordata inoltre per il notevole numero di cambi di allenatore, che ha visto coinvolte 12 delle 20 società partecipanti.

Dopo la conclusione del campionato, l'8 giugno 2010, il Procuratore Federale della FIGC Stefano Palazzi interroga e successivamente deferisce[4] Enrico Preziosi e Massimo Moratti, rispettivamente presidenti di Genoa e Inter, per la trattativa del trasferimento dei calciatori Diego Milito e Thiago Motta svoltasi attraverso il presidente Preziosi, che non avrebbe potuto prendervi parte direttamente in quanto inibito all'attività di dirigente in seguito alla squalifica per 5 anni subita nel 2008. Il 9 luglio i due vengono condannati rispettivamente a 6 mesi di inibizione per Preziosi e 90.000 euro di ammenda al Genoa e 3 mesi di inibizione per Moratti e 45.000 euro di ammenda all'Inter. Sia Genoa che Inter hanno successivamente presentato ricorso, respinto il 28 luglio dello stesso anno.

Squadre partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Club Città Stadio Sponsor Tecnico Sponsor Ufficiale Stagione 2008-2009 Dettaglio
Atalanta Atalanta Bergamo Stadio Atleti Azzurri d'Italia Erreà Sit-In Sport 11º posto in Serie A 2009-2010
Bari Bari Bari Stadio San Nicola Erreà Radionorba
Banca Popolare di Bari
1º posto in Serie B 2009-2010
Bologna Bologna Bologna Stadio Renato Dall'Ara Macron BigPoker.it
Cerasarda
17º posto in Serie A 2009-2010
Cagliari Cagliari Cagliari Stadio Sant'Elia Macron Dahlia TV
Sardegna
9º posto in Serie A 2009-2010
Catania Catania Catania Stadio Angelo Massimino (Cibali) Legea SP - Energia Siciliana
Provincia di Catania
15º posto in Serie A 2009-2010
Chievo Chievo Verona Stadio Marcantonio Bentegodi Givova Banca Popolare di Verona
Merkur-Win
16º posto in Serie A 2009-2010
Fiorentina Fiorentina Firenze Stadio Artemio Franchi Lotto Toyota 4º posto in Serie A 2009-2010
Genoa Genoa Genova Stadio Luigi Ferraris (Marassi) Asics Gaudì 5º posto in Serie A 2009-2010
Inter Inter Milano Stadio Giuseppe Meazza (San Siro) Nike Pirelli Campione d'Italia 2009-2010
Juventus Juventus Torino Stadio Olimpico di Torino Nike New Holland Fiat Group
Iveco
2º posto in Serie A 2009-2010
Lazio Lazio Roma Stadio Olimpico di Roma Puma Edileuropa
Paideia
10º posto in Serie A 2009-2010
Livorno Livorno Livorno Stadio Armando Picchi Legea Banca Carige 3º posto in Serie B
(promosso ai play-off)
2009-2010
Milan Milan Milano Stadio Giuseppe Meazza (San Siro) Adidas Bwin 3º posto in Serie A 2009-2010
Napoli Napoli Napoli Stadio San Paolo Macron Lete 12º posto in Serie A 2009-2010
Palermo Palermo Palermo Stadio Renzo Barbera Lotto Gruppo Eurobet 8º posto in Serie A 2009-2010
Parma Parma Parma Stadio Ennio Tardini Erreà Navigare
Banca Monte Parma
2º posto in Serie B 2009-2010
Roma Roma Roma Stadio Olimpico di Roma Kappa WIND 6º posto in Serie A 2009-2010
Sampdoria Sampdoria Genova Stadio Luigi Ferraris (Marassi) Kappa ERG Mobile, poi ERG Più 13º posto in Serie A 2009-2010
Siena Siena Siena Stadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena Kappa Monte Paschi 14º posto in Serie A 2009-2010
Udinese Udinese Udine Stadio Friuli Lotto Dacia 7º posto in Serie A 2009-2010

Allenatori e primatisti[modifica | modifica sorgente]

Squadra Allenatore Calciatore più presente Cannoniere
Atalanta[5][6][7] Italia Angelo Gregucci (1ª-4ª)
Italia Antonio Conte (5ª-18ª)
Italia Valter Bonacina (19ª)
Italia Bortolo Mutti (20ª-38ª)
Italia Simone Tiribocchi (37) Italia Simone Tiribocchi (11)
Bari Italia Giampiero Ventura Italia Leonardo Bonucci (38) Brasile Italia Paulo Vitor Barreto (14)
Bologna[8] Italia Giuseppe Papadopulo (1ª-8ª)
Italia Franco Colomba (9ª-38ª)
Italia Daniele Portanova (36) Italia Marco Di Vaio (12)
Cagliari[9] Italia Massimiliano Allegri (1ª-33ª)
Italia Giorgio Melis (34ª-38ª)
Italia Alessandro Agostini,
Italia Alessandro Matri (38)
Italia Alessandro Matri (13)
Catania[10] Italia Gianluca Atzori (1ª-15ª)
Serbia Italia Siniša Mihajlović (16ª-38ª)
Italia Marco Biagianti (38) Argentina Italia Maxi López (11)
Chievo Italia Domenico Di Carlo Italia Stefano Sorrentino (37) Italia Sergio Pellissier (11)
Fiorentina Italia Cesare Prandelli Francia Sébastien Frey,
Italia Alberto Gilardino,
Italia Riccardo Montolivo (36)
Italia Alberto Gilardino (15)
Genoa Italia Gian Piero Gasperini Italia Giuseppe Sculli (37) Argentina Spagna Rodrigo Palacio (7)
Inter Portogallo José Mourinho Brasile Júlio César (38) Argentina Italia Diego Milito (22)
Juventus[11] Italia Ciro Ferrara (1ª-21ª)
Italia Alberto Zaccheroni (22ª-38ª)
Brasile Italia Diego (33) Italia Alessandro Del Piero (9)
Lazio[12] Italia Davide Ballardini (1ª-23ª)
Italia Edoardo Reja (24ª-38ª)
Uruguay Italia Fernando Muslera (36) Italia Sergio Floccari (8)
Livorno[13][14] Italia Vittorio Russo & Italia Gennaro Ruotolo (1ª-8ª)
Italia Serse Cosmi (9ª-32ª)
Italia Gennaro Ruotolo (33ª-38ª)
Italia Cristian Raimondi (32) Italia Cristiano Lucarelli (10)
Milan Brasile Italia Leonardo Brasile Spagna Ronaldinho (36) Italia Marco Borriello (14)
Napoli[15] Italia Roberto Donadoni (1ª-7ª)
Italia Walter Mazzarri (8ª-38ª)
Italia Morgan De Sanctis (38) Slovacchia Marek Hamšík (12)
Palermo[16] Italia Walter Zenga (1ª-13ª)
Italia Delio Rossi (14ª-38ª)
Italia Mattia Cassani (37) Italia Fabrizio Miccoli (19)
Parma Italia Francesco Guidolin Italia Antonio Mirante (37) Bulgaria Valeri Božinov (8)
Roma[17] Italia Luciano Spalletti (1ª-2ª)
Italia Claudio Ranieri (3ª-38ª)
Norvegia John Arne Riise (36) Italia Francesco Totti,
Montenegro Mirko Vučinić (14)
Sampdoria Italia Luigi Delneri Italia Giampaolo Pazzini,
Svizzera Reto Ziegler (37)
Italia Giampaolo Pazzini (19)
Siena[18][19] Italia Marco Giampaolo (1ª-9ª)
Italia Marco Baroni (10ª-13ª)
Italia Alberto Malesani (14ª-38ª)
Italia Massimo Maccarone (37) Italia Massimo Maccarone (12)
Udinese[20][21] Italia Pasquale Marino (1ª-17ª)
Italia Gianni De Biasi (18ª-25ª)
Italia Pasquale Marino (26ª-38ª)
Slovenia Samir Handanovič (37) Italia Antonio Di Natale (29)

Classifica finale[modifica | modifica sorgente]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Scudetto.svg Coppacampioni.png Coccarda Coppa Italia.svg Blason Union européenne.svg 1. Inter Inter 82 38 24 10 4 75 34 +41
Coppacampioni.png 2. Roma Roma 80 38 24 8 6 68 41 +27
Coppacampioni.png 3. Milan Milan 70 38 20 10 8 60 39 +21
Coppacampioni.png 4. Sampdoria Sampdoria 67 38 19 10 9 49 41 +8
Coppauefa.png 5. Palermo Palermo 65 38 18 11 9 59 47 +12
Coppauefa.png 6. Napoli Napoli 59 38 15 14 9 50 43 +7
Coppauefa.png 7. Juventus Juventus 55 38 16 7 15 55 56 -1
8. Parma Parma 52 38 14 10 14 46 51 -5
9. Genoa Genoa 51 38 14 9 15 57 61 -4
10. Bari Bari 50 38 13 11 14 49 49 0
11. Fiorentina Fiorentina 47 38 13 8 17 48 47 +1
12. Lazio Lazio 46 38 11 13 14 39 43 -4
13. Catania Catania 45 38 10 15 13 44 45 -1
14. Chievo Chievo 44 38 12 8 18 37 42 -5
15. Udinese Udinese 44 38 11 11 16 54 59 -5
16. Cagliari Cagliari 44 38 11 11 16 56 58 -2
17. Bologna Bologna 42 38 10 12 16 42 55 -13
1downarrow red.svg 18. Atalanta Atalanta 35 38 9 8 21 37 53 -16
1downarrow red.svg 19. Siena Siena 31 38 7 10 21 40 67 -27
1downarrow red.svg 20. Livorno Livorno 29 38 7 8 23 27 61 -34

Legenda:

      Campione d'Italia e ammessa alla UEFA Champions League 2010-2011
      Ammesse alla UEFA Champions League 2010-2011
      Ammesse alla UEFA Europa League 2010-2011
      Retrocesse in Serie B 2010-2011

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Verdetti[modifica | modifica sorgente]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

andata
1ª giornata
ritorno
23 ago. 2009 17 gen. 2010
1-1 Bologna-Fiorentina 2-1
1-2 Catania-Sampdoria 1-1
3-2 Genoa-Roma 0-3
1-1 Inter-Bari 2-2
1-0 Juventus-Chievo 0-1
1-0 Lazio-Atalanta 0-3
0-0 Livorno-Cagliari 0-3
2-1 Palermo-Napoli 0-0
1-2 Siena-Milan 0-4
2-2 Udinese-Parma 0-0


andata
4ª giornata
ritorno
20 set. 2009 7 feb. 2010
4-1 Bari-Atalanta 0-1
1-2 Cagliari-Inter 0-3
1-1 Catania-Lazio 1-0
3-1 Chievo-Genoa 0-1
2-0 Juventus-Livorno 1-1
1-0 Milan-Bologna 0-0
0-0 Napoli-Udinese 1-3
1-0 Parma-Palermo 1-2
3-1 Roma-Fiorentina 1-0
4-1 Sampdoria-Siena 2-1


andata
7ª giornata
ritorno
4 ott. 2009 28 feb. 2010
1-1 Atalanta-Milan 1-3
0-0 Bari-Catania 0-4
1-3 Bologna-Genoa 4-3
1-2 Cagliari-Chievo 1-2
0-0 Fiorentina-Lazio 1-1
2-1 Inter-Udinese 3-2
2-0 Palermo-Juventus 2-0
2-1 Roma-Napoli 2-2
1-1 Sampdoria-Parma 0-1
0-0 Siena-Livorno 2-1


andata
10ª giornata
ritorno
28 ott. 2009 21 mar. 2010
2-1 Bologna-Siena 0-1
1-2 Catania-Chievo 1-1
2-1 Genoa-Fiorentina 0-3
5-3 Inter-Palermo 1-1
5-1 Juventus-Sampdoria 0-1
0-1 Lazio-Cagliari 2-0
1-0 Livorno-Atalanta 0-3
2-2 Napoli-Milan 1-1
2-0 Parma-Bari 1-1
2-1 Udinese-Roma 2-4


andata
13ª giornata
ritorno
22 nov. 2009 3 apr. 2010
1-3 Bologna-Inter 0-3
2-3 Fiorentina-Parma 1-1
1-0 Juventus-Udinese 0-3
2-1 Livorno-Genoa 1-1
4-3 Milan-Cagliari 3-2
0-0 Napoli-Lazio 1-1
1-1 Palermo-Catania 0-2
3-1 Roma-Bari 1-0
2-1 Sampdoria-Chievo 2-1
0-2 Siena-Atalanta 0-2


andata
16ª giornata
ritorno
13 dic. 2009 25 apr. 2010
1-1 Atalanta-Inter 1-3
3-1 Bari-Juventus 0-3
3-3 Cagliari-Napoli 0-0
0-1 Catania-Livorno 1-3
2-1 Chievo-Fiorentina 2-0
1-0 Lazio-Genoa 2-1
0-2 Milan-Palermo 1-3
2-1 Parma-Bologna 1-2
0-0 Sampdoria-Roma 2-1
2-1 Siena-Udinese 1-4


andata
19ª giornata
ritorno
10 gen. 2010 16 mag. 2010
0-1 Bologna-Cagliari 1-1
2-1 Fiorentina-Bari 0-2
2-0 Genoa-Catania 0-1
4-3 Inter-Siena 1-0
0-3 Juventus-Milan 0-3
2-1 Livorno-Parma 1-4
1-0 Napoli-Sampdoria 0-1
1-0 Palermo-Atalanta 2-1
1-0 Roma-Chievo 2-0
1-1 Udinese-Lazio 1-3
andata
2ª giornata
ritorno
30 ago. 2009 24 gen. 2010
0-1 Atalanta-Genoa 0-2
0-0 Bari-Bologna 1-2
1-3 Cagliari-Siena 1-1
1-2 Chievo-Lazio 1-1
1-0 Fiorentina-Palermo 0-3
0-4 Milan-Inter 0-2
3-1 Napoli-Livorno 2-0
2-1 Parma-Catania 0-3
1-3 Roma-Juventus 2-1
3-1 Sampdoria-Udinese 3-2


andata
5ª giornata
ritorno
23 set. 2009 14 feb. 2010
0-0 Atalanta-Catania 0-0
0-1 Bari-Cagliari 1-3
2-0 Bologna-Livorno 1-0
2-0 Fiorentina-Sampdoria 0-2
2-2 Genoa-Juventus 2-3
3-1 Inter-Napoli 0-0
1-2 Lazio-Parma 2-0
3-3 Palermo-Roma 1-4
0-0 Siena-Chievo 1-0
1-0 Udinese-Milan 2-3


andata
8ª giornata
ritorno
18 ott. 2009 7 mar. 2010
2-1 Catania-Cagliari 2-2
1-2 Chievo-Bari 0-1
0-5 Genoa-Inter 0-0
1-1 Juventus-Fiorentina 2-1
1-1 Lazio-Sampdoria 1-2
1-2 Livorno-Palermo 0-1
2-1 Milan-Roma 0-0
2-1 Napoli-Bologna 1-2
1-0 Parma-Siena 1-1
1-3 Udinese-Atalanta 0-0


andata
11ª giornata
ritorno
1º nov. 2009 24 mar. 2010
3-0 Cagliari-Atalanta 1-3
1-1 Chievo-Udinese 0-0
3-1 Fiorentina-Catania 0-1
2-3 Juventus-Napoli 1-3
0-2 Livorno-Inter 0-3
2-0 Milan-Parma 0-1
0-0 Palermo-Genoa 2-2
2-1 Roma-Bologna 2-0
0-0 Sampdoria-Bari 1-2
1-1 Siena-Lazio 0-2


andata
14ª giornata
ritorno
29 nov. 2009 11 apr. 2010
1-2 Atalanta-Roma 1-2
2-1 Bari-Siena 2-3
2-0 Cagliari-Juventus 0-1
0-2 Catania-Milan 2-2
1-0 Chievo-Palermo 1-3
3-0 Genoa-Sampdoria 0-1
1-0 Inter-Fiorentina 2-2
0-0 Lazio-Bologna 3-2
1-1 Parma-Napoli 3-2
2-0 Udinese-Livorno 2-0


andata
17ª giornata
ritorno
20 dic. 2009 2 mag. 2010
2-2 Bologna-Atalanta 1-1
1-2 Fiorentina-Milan 0-1
1-1 Genoa-Bari 0-3
1-0 Inter-Lazio 2-0
1-2 Juventus-Catania 1-1
3-1 Livorno-Sampdoria 0-2
2-0 Napoli-Chievo 2-1
1-0 Palermo-Siena 2-1
2-0 Roma-Parma 2-1
2-1 Udinese-Cagliari 2-2
andata
3ª giornata
ritorno
13 set. 2009 31 gen. 2010
0-1 Atalanta-Sampdoria 0-2
0-2 Bologna-Chievo 1-1
1-0 Fiorentina-Cagliari 2-2
4-1 Genoa-Napoli 0-0
2-0 Inter-Parma 1-1
0-2 Lazio-Juventus 1-1
0-0 Livorno-Milan 1-1
1-1 Palermo-Bari 2-4
1-2 Siena-Roma 1-2
4-2 Udinese-Catania 1-1


andata
6ª giornata
ritorno
27 set. 2009 21 feb. 2010
1-1 Catania-Roma 0-1
1-1 Chievo-Atalanta 1-0
1-1 Juventus-Bologna 2-1
1-1 Lazio-Palermo 1-3
0-1 Livorno-Fiorentina 1-2
0-0 Milan-Bari 2-0
2-1 Napoli-Siena 0-0
0-2 Parma-Cagliari 0-2
1-0 Sampdoria-Inter 0-0
2-0 Udinese-Genoa 0-3


andata
9ª giornata
ritorno
25 ott. 2009 14 mar. 2010
3-1 Atalanta-Parma 0-1
2-0 Bari-Lazio 2-0
3-2 Cagliari-Genoa 3-5
1-2 Chievo-Milan 0-1
0-1 Fiorentina-Napoli 3-1
2-1 Inter-Catania 1-3
1-0 Palermo-Udinese 2-3
0-1 Roma-Livorno 3-3
4-1 Sampdoria-Bologna 1-1
0-1 Siena-Juventus 3-3


andata
12ª giornata
ritorno
8 nov. 2009 28 mar. 2010
2-5 Atalanta-Juventus 1-2
1-0 Bari-Livorno 1-1
3-1 Bologna-Palermo 1-3
2-0 Cagliari-Sampdoria 1-1
0-0 Catania-Napoli 0-1
4-2 Genoa-Siena 0-0
1-1 Inter-Roma 1-2
1-2 Lazio-Milan 1-1
2-0 Parma-Chievo 0-0
0-1 Udinese-Fiorentina 1-4


andata
15ª giornata
ritorno
6 dic. 2009 18 apr. 2010
2-1 Bologna-Udinese 1-1
2-0 Fiorentina-Atalanta 1-2
2-2 Genoa-Parma 3-2
2-1 Juventus-Inter 0-2
0-2 Livorno-Chievo 0-2
3-0 Milan-Sampdoria 1-2
3-2 Napoli-Bari 2-1
2-1 Palermo-Cagliari 2-2
1-0 Roma-Lazio 2-1
3-2 Siena-Catania 2-2


andata
18ª giornata
ritorno
6 gen. 2010 9 mag. 2010
0-2 Atalanta-Napoli 0-2
2-0 Bari-Udinese 3-3
2-2 Cagliari-Roma 1-2
1-0 Catania-Bologna 1-1
0-1 Chievo-Inter 3-4
4-1 Lazio-Livorno 2-1
5-2 Milan-Genoa 0-1
1-2 Parma-Juventus 3-2
1-1 Sampdoria-Palermo 1-1
1-5 Siena-Fiorentina 1-1

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Record[modifica | modifica sorgente]

  • Maggior numero di vittorie: Inter e Roma (24)
  • Minor numero di sconfitte: Inter (4)
  • Migliore attacco: Inter (75 gol fatti)
  • Miglior difesa: Inter (34 gol subiti)
  • Miglior differenza reti: Inter (+41)
  • Maggior numero di pareggi: Catania (15)
  • Minor numero di pareggi: Juventus (7)
  • Minor numero di vittorie: Livorno e Siena (7)
  • Maggior numero di sconfitte: Livorno (23)
  • Peggiore attacco: Livorno (27 gol fatti)
  • Peggior difesa: Siena (67 gol subiti)
  • Peggior differenza reti: Livorno (-34)
  • Partita con più reti: Inter - Palermo 5-3 , Genoa - Cagliari 5-3 (8)
  • Partita con maggiore scarto di gol: Genoa - Inter 0-5 (5)
  • Maggior numero di reti in una giornata: 39 (28ª giornata)
  • Minor numero di reti in una giornata: 17 (6ª, 27ª giornata)
  • Maggior numero di risultati utili consecutivi: Roma (24)
  • Maggior numero di sconfitte consecutive: Bologna (5)
  • Maggior numero di vittorie consecutive: Roma (7)
  • Imbattibilità portiere: Morgan De Sanctis (Napoli), 588 minuti
  • Minor numero di sconfitte interne: Inter, Palermo e Sampdoria (0)
  • Maggior numero di rigori parati consecutivi: Morgan De Sanctis (Napoli), 3
  • Maggior numero di assist forniti: Ronaldinho (Milan) ,17
  • Gol segnati complessivamente in tutto il campionato: 992 (media 2,61 a partita)

Capoliste solitarie[modifica | modifica sorgente]

Football Club Internazionale Milano Associazione Sportiva Roma Football Club Internazionale Milano Unione Calcio Sampdoria

  • 6ª giornata: Sampdoria Sampdoria
  • Dall'8ª alla 32ª giornata: Inter Inter
  • Dalla 33ª alla 34ª giornata: Roma Roma
  • Dalla 35ª alla 38ª giornata: Inter Inter

Classifica marcatori[modifica | modifica sorgente]

Gol Rigori Giocatore Squadra
29 6 Italia Antonio Di Natale Udinese Udinese
22 4 Argentina Diego Milito Inter Inter
19 6 Italia Fabrizio Miccoli Palermo Palermo
19 3 Italia Giampaolo Pazzini Sampdoria Sampdoria
15 1 Italia Alberto Gilardino Fiorentina Fiorentina
14 4 Brasile Paulo Vitor Barreto Bari Bari
14 1 Italia Marco Borriello Milan Milan
14 5 Italia Francesco Totti Roma Roma
14 2 Montenegro Mirko Vučinić Roma Roma
13 2 Uruguay Edinson Cavani Palermo Palermo
13 3 Italia Alessandro Matri Cagliari Cagliari
12 2 Italia Marco Di Vaio Bologna Bologna
12 2 Camerun Samuel Eto'o Inter Inter
12 2 Italia Sergio Floccari Genoa Genoa (4)
Lazio Lazio (8)
12 2 Slovacchia Marek Hamšík Napoli Napoli
12 1 Italia Massimo Maccarone Siena Siena
12 0 Brasile Alexandre Pato Milan Milan
12 5 Brasile Ronaldinho Milan Milan
11 0 Italia Sergio Pellissier Chievo Chievo
11 0 Italia Fabio Quagliarella Napoli Napoli
11 0 Italia Simone Tiribocchi Atalanta Atalanta
11 1 Brasile Adaílton Bologna Bologna
11 1 Argentina Maxi López Catania Catania
10 3 Italia Cristiano Lucarelli Livorno Livorno
9 0 Italia Mario Balotelli Inter Inter
9 3 Italia Alessandro Del Piero Juventus Juventus

Squadra campione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Football Club Internazionale Milano 2009-2010.
Titolari
12 Brasile Júlio César
13 Brasile Maicon
6 Brasile Lúcio
25 Argentina Walter Samuel
4 Argentina Javier Zanetti
19 Argentina Esteban Cambiasso
8 Italia Thiago Motta
10 Paesi Bassi Wesley Sneijder
27 Macedonia Goran Pandev
9 Camerun Samuel Eto'o
22 Argentina Diego Milito

Riserve

Miglior undici[modifica | modifica sorgente]

La formazione ideale, basata sulla media dei voti dati dai quotidiani ai giocatori (fonte Televideo)[23].


Media spettatori[modifica | modifica sorgente]

Media spettatori della Serie A 2009-10: 25.570[24][25].

Club Pos. Media Max. Totale Abbonamenti
Inter Inter 1 52.492 80.018 1,067.698 40.327
Napoli Napoli 2 47.049 56.211 775.141 17.000
Milan Milan 3 42.809 78.467 813.373 27.865
Roma Roma 4 40.925 61.898 778.516 24.454
Lazio Lazio 5 36.515 61.615 686.920 25.579
Fiorentina Fiorentina 6 27.427 38.389 521.127 20.349
Genoa Genoa 7 27.019 33.265 486.122 24.289
Bari Bari 8 25.393 51.943 482.423 13.154
Sampdoria Sampdoria 9 25.239 34.494 479.551 20.406
Palermo Palermo 10 24.978 35.872 475.314 16.370
Juventus Juventus 11 23.186 25.779 435.560 19.048
Bologna Bologna 12 20.130 33.067 369.934 12.583
Udinese Udinese 13 17.242 23.874 329.762 13.960
Parma Parma 14 17.050 21.323 324.157 13.691
Catania Catania 15 15.342 20.941 291.504 10.668
Atalanta Atalanta 16 13.201 20.764 245.369 7.980
Cagliari Cagliari[26] 17 12.985 NC NC NC
Chievo Chievo 18 11.922 28.136 226.517 6.962
Siena Siena 19 11.043 15.373 213.571 8.444
Livorno Livorno 20 10.645 15.982 202.700 7.427

Audience televisiva[modifica | modifica sorgente]

Audience media per società delle gare di Serie A TIM 2009-2010 trasmesse in diretta sui canali Sky e Mediaset Premium[25]:

Club Pos. Media Sky Media MP  % Sky
Inter Inter 1 1.001.297 713.306 4,57%
Juventus Juventus 2 919.612 572.044 4,24%
Milan Milan 3 781.319 597.567 3,53%
Roma Roma 4 608.311 523.197 3,05%
Napoli Napoli 5 426.736 529.103 2,18%
Lazio Lazio 6 362.039 289.540 1,68%
Fiorentina Fiorentina 7 349.341 519.962 1,74%
Genoa Genoa 8 317.295 228.167 1,39%
Palermo Palermo 9 309.416 416.151 1,38%
Sampdoria Sampdoria 10 278.828 483.122 1,28%
Bari Bari 11 222.310 203.007 1,24%
Udinese Udinese 12 206.363 287.782 1,02%
Catania Catania 13 198.743 238.780 1,04%
Chievo Chievo 14 188.661 203.507 0,99%
Parma Parma 15 178.603 324.866 0,99%
Livorno Livorno 16 173.558 210.458 0,96%
Cagliari Cagliari 17 147.789 144.296 0,91%
Bologna Bologna 18 135.475 149.821 0,88%
Atalanta Atalanta 19 134.147 126.623 0,80%
Siena Siena 20 134.143 219.162 0,77%

Audience media per società delle gare di Serie A TIM 2009-2010 trasmesse in contemporanea sui canali Sky[25]:

Club Pos. Media Sky
Inter Inter 1 377.278
Juventus Juventus 2 369.378
Milan Milan 3 329.348
Napoli Napoli 4 264.524
Roma Roma 5 218.305
Cagliari Cagliari 6 136.493
Lazio Lazio 7 121.159
Fiorentina Fiorentina 8 102.929
Bologna Bologna 9 101.728
Catania Catania 10 94.345
Atalanta Atalanta 11 91.206
Livorno Livorno 12 90.104
Siena Siena 13 88.714
Udinese Udinese 14 87.836
Chievo Chievo 15 87.696
Sampdoria Sampdoria 16 85.362
Palermo Palermo 17 80.992
Parma Parma 18 76.193
Genoa Genoa 19 73.614
Bari Bari 20 67.412

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Regolamento UEFA Europa League 2010-2011, paragrafo 2.04
  2. ^ Lega Calcio. URL consultato il 17-4-2010.
  3. ^ Senza teste di serie Possibile Inter-Milan in la Repubblica, 28 luglio 2009. URL consultato il 17-4-2010.
  4. ^ Palazzi aveva dichiarato attendibile la testimonianza di Preziosi che dichiarava il suo operato nell'operazione e inattendibile quella di Moratti, che sosteneva il contrario.
  5. ^ Comunicato stampa dell'Atalanta B.C., Sito dell'Atalanta B.C., 21-9-2009. URL consultato il 17-4-2010.
  6. ^ Comunicato stampa dell'Atalanta B.C., Sito dell'Atalanta B.C., 7-1-2010. URL consultato il 17-4-2010.
  7. ^ Mutti all'Atalanta, Sito dell'Atalanta B.C., 11-01-2010. URL consultato il 17-4-2010.
  8. ^ Franco Colomba è il nuovo allenatore del Bologna, Sito del Bologna F.C., 20-10-2009. URL consultato il 17-4-2010.
  9. ^ Cagliari Calcio, esonerato Allegri, ANSA, 14 aprile 2010. URL consultato il 18-4-2010.
  10. ^ Sinisa Mihajlovic è il nuovo allenatore del Catania, Sito del Calcio Catania, 8-12-2009. URL consultato il 17-4-2010.
  11. ^ Zaccheroni nuovo allenatore della Juventus, Sito della Juventus F.C., 29-1-2010. URL consultato il 17-4-2010.
  12. ^ Alberto Abbate, Reja al lavoro, ricomincia da Ledesma in la Repubblica, 10 febbraio 2010. URL consultato il 17-4-2010.
  13. ^ Serse Cosmi nuovo tecnico del Livorno Calcio, Sito dell'A.S. Livorno Calcio, 21-10-2009. URL consultato il 17-4-2010.
  14. ^ Cambio alla guida tecnica: Ruotolo allenatore, Sito dell'A.S. Livorno Calcio, 5-4-2010. URL consultato il 17-4-2010.
  15. ^ È Walter Mazzarri il nuovo allenatore, Sito della S.S.C. Napoli, 6-10-2009. URL consultato il 17-4-2010.
  16. ^ Delio Rossi è l'allenatore del Palermo, Sito dell'U.S.C. Palermo, 23-11-2009. URL consultato il 17-4-2010.
  17. ^ Comunicato Ufficiale A.S. Roma: conduzione tecnica affidata al sig. Claudio Ranieri, Sito dell'A.S. Roma, 2-9-2009. URL consultato il 17-4-2010. (PDF)
  18. ^ UFFICIALE: Siena, esonerato Giampaolo, tuttomercatoweb.com, 29-10-2009. URL consultato il 29-1-2014.
  19. ^ Malesani si presenta a Siena: "Nulla è compromesso", sport.sky.it, 24-11-2009. URL consultato il 29-1-2014.
  20. ^ Comunicato Udinese Calcio, Sito dell'Udinese Calcio, 22-12-2009. URL consultato il 17-4-2010.
  21. ^ L'Udinese riaffida la guida tecnica della Prima Squadra al Signor Pasquale Marino, Sito dell'Udinese Calcio, 21-2-2010. URL consultato il 24-4-2010.
  22. ^ Juventus qualificata all'Europa League 2010-2011 poiché le due finaliste di Coppa Italia (Roma e Inter) sono già qualificate alla Champions League .
  23. ^ Televideo. URL consultato il 25-6-2010.
  24. ^ Statistiche spettatori serie A 2009-2010. URL consultato il 25-6-2010.
  25. ^ a b c Analisi del trend degli spettatori allo stadio e degli ascolti televisivi della Serie A TIM e della Serie B TIM, Lega Calcio, 19-5-2010. URL consultato il 25-6-2010. (PDF)
  26. ^ Il Cagliari non ha comunicato dati ufficiali sugli spettatori.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Uomini e gol - Stagione 2009/2010 di Nicola Binda e Roberto Cominoli, supplemento al giornale Tribuna Sportiva di Novara. Risultati, presenze e reti di tutti i campionati italiani dalla Serie A alla Serie D e le classifiche finali dei campionati Berretti, Primavera, Eccellenza e Promozione.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]