Luigi Garlando

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi Garlando (Milano, 5 maggio 1962) è un giornalista e scrittore italiano.

Laureato in lettere moderne a Milano, comincia a muovere i primi passi nel mondo dei fumetti. Approda poi alla Gazzetta dello Sport, dove ha ereditato la rubrica di Candido Cannavò, e dove scrive tuttora sia per il quotidiano sia per il supplemento SW-Sportweek dove ha pure una sua rubrica (Ripartenze, dedicata al calcio).

Come inviato ha partecipato a due campionati del mondo (Germania 2006 e Corea e Giappone 2002) due giochi olimpici ed un Tour de France. È stato premiato dal CONI per la sezione inchieste e per il racconto sportivo. Scrive inoltre libri per ragazzi, trattando temi d'attualità, sociali e sportivi, perché - spiega - «Non esistono temi da grandi e temi da bambini, ma esistono modi diversi per affrontarli».[1]

È un appassionato collezionista di copie in tutte le lingue della Divina Commedia di Dante.

Nel 2005 vince il Premio Cento per Mio papà scrive la guerra.

Nel 2008 riceve il Premio Bancarella Sport per Ora sei una stella. Il romanzo dell'Inter.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi Garlando: «Vi racconto il judo che combatte la Camorra», intervista su mentelocale.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]