David Messina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo autore di fumetti, vedi David Messina (fumettista).

David Messina (Palermo, 7 febbraio 1932) è un giornalista sportivo italiano.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Quotidiani[modifica | modifica sorgente]

Laureato in giurisprudenza comincia la sua carriera di giornalista presso L'Ora di Palermo come cronista giudiziario. Le sue capacità, grazie alle quali diventa professionista sul finire del 1965, non vengono trascurate dai big del giornalismo e, dopo aver collaborato come cronista sportivo a Tuttosport (come corrispondente siciliano), si trasferisce a Milano come inviato dei quotidiani La Stampa, Corriere dello Sport e La Gazzetta dello Sport, diventando una delle firme maggiori del quotidiano.

Una lunga militanza, nelle file della rosea, in un'epoca in cui il giornalista faceva il calciomercato da vero segugio e doveva saper evitare i trabocchetti dei vari presidenti e allenatori.

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Tra il 1982 e il 1984 ha collaborato con Telemontecarlo con la trasmissione Quasigol e, con la nascita delle emittenti televisive regionali, iniziò a collaborare con Telelombardia fondando i programmi Qui Studio a Voi Stadio e Cartellino Rosso, trasmissione dove i telespettatori potevano chiamare in diretta rivolgendo domande, oppure opinioni, al conduttore nel dopo-partita. Abbandonata Telelombardia passò a Italia 7 Gold come opinionista di punta della trasmissione Diretta Stadio... ed è subito goal, per poi collaborare con Play TV, Canale Italia (conducendo vari programmi di sport e attualità) e Antenna 3.

Altre attività[modifica | modifica sorgente]

Contemporaneamente alle apparizioni televisive, Messina ha diretto la rivista Top Hockey ed è presidente del Gruppo Lombardo Giornalisti Sportivi dal 1993, che sotto la sua spinta si professionalizza sempre di più e diventa tra i più attivi a livello nazionale, ed insegnante di giornalismo professionistico a Milano. Essendo il numero uno dei giornalisti sportivi lombardi e membro dell'Unione Stampa Sportiva Italiana (USSI) appare sempre più spesso a fine gara allo Stadio di San Siro per premiare il migliore in campo, ruolo intrapreso in collaborazione con TELE+ negli anni novanta, in seguito ai risultati delle votazioni tra i cronisti presenti in tribuna stampa.

Il 4 e il 5 aprile 2007 si è candidato per la presidenza dell'USSI assieme a Luigi Ferrajolo, presidente dell'Ordine dei Giornalisti Sportivi del Lazio. Le elezioni, avvenute a Casale Monferrato (Alessandria), hanno visto la vittoria di Luigi Ferrajolo con 90 voti, contro i 46 di Messina e 9 schede nulle.

Libri[modifica | modifica sorgente]

  • Sandro Mazzola vi insegna il calcio
  • L'Italia di Arrigo Sacchi edito da Mursia
  • Gioie, brividi, avventure-ecco la storia di 68 anni di mondiali edito da Rizzoli.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni di inviato del quotidiano La Stampa, David Messina ebbe l'occasione di lavorare insieme all'ex CT azzurro Vittorio Pozzo; ogni domenica lo aspettava alla stazione di Milano, poiché Pozzo arrivava dal Piemonte in treno, dopodiché i due si dirigevano allo Stadio di San Siro per seguire le gare di campionato dell'Inter o del Milan.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie