Brera (quartiere di Milano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Brera (Milano))
Brera
Brera
Via madonnina, una delle vie principali e più caratteristiche del quartiere
Via madonnina, una delle vie principali e più caratteristiche del quartiere
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Provincia Milano Milano
Città CoA Città di Milano.svg Milano
Circoscrizione Zona 1
Altri quartieri Centro storico, Brera, San Marco, Porta Ticinese, Quadrilatero della moda, Porta Tenaglia, Guastalla, Conca del Naviglio
Patrono Sant'Ambrogio
Mappa di localizzazione: Milano
Brera
Brera (Milano)

Coordinate: 45°28′16.62″N 9°11′06″E / 45.471282°N 9.184999°E45.471282; 9.184999

Brera è un quartiere di Milano appartenente alla zona 1.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La zona si chiama così ricalcando il nome di via Brera. Il nome Brera deriva da braida: terreno incolto, ortaglia. Da questa parola deriva anche braidense, associato all'omonima biblioteca. Gli artisti che fin dal XIX secolo gravitavano attorno all’Accademia di Belle Arti hanno trasformato il quartiere in uno dei più caratteristici di Milano.

Composizione[modifica | modifica sorgente]

Un tempo l'accesso principale da fuori città a Brera era costituito dalla Pusterla Beatrice, che si trovava al termine dell'attuale via Brera, praticamente su via Pontaccio.

L'area è idealmente delimitata da via Pontaccio, via Fatebenefratelli, via dei Giardini, via Monte di Pietà, via Ponte Vetero e via Mercato. Tutto ciò che rientra all'interno di quest'area (escluse le strade appena citate) fa parte del quartiere di Brera. Le vie più importanti sono ovviamente via Brera (con la sua Pinacoteca di Brera, l'Accademia di Belle Arti e la Biblioteca Nazionale Braidense, oltre alla Galleria d'arte moderna Il Castello), via Fiori Chiari, via Fiori Oscuri, via San Carpoforo, via Madonnina, via del Carmine, via Ciovasso e via Ciovassino.

Brera nell'immaginario[modifica | modifica sorgente]

Luoghi ed eventi di interesse[modifica | modifica sorgente]

  • Il Palazzo di Brera, dapprima convento trecentesco appartenente agli Umiliati e che si collocava ai confini dell'area cittadina (da ciò il sostantivo braida, ossia incolto) e successivamente ai Gesuiti, fu trasformato nel XVII secolo dall'architetto Francesco Maria Richini. Nell'opera ebbe un ruolo anche Giuseppe Piermarini, che si occupò, tra le altre cose, del portale di ingresso su via Brera e del cortile.
I vicoli di Brera nel 1955.

Nel 1773 divenne proprietà dello Stato austriaco, che ne dispone l'utilizzo per istituti culturali: l'Accademia di Belle Arti e la Biblioteca Nazionale Braidense. Nel 1859 nel cortile fu collocata una statua in bronzo raffigurante Napoleone.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Brera Web Site

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Milano Portale Milano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Milano