Guido Vergani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guido Vergani (Milano, 18 marzo 193522 aprile 2005) è stato un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Orio Vergani, iniziò a lavorare per Tempo Illustrato sotto la direzione di Arturo Tofanelli nel 1959.

Negli anni settanta scrisse per Il Mondo e per il Corriere della Sera, passando, negli anni ottanta a la Repubblica prima come inviato speciale (costume, cronaca ma anche nera, politica e guerra) per poi diventarne il caporedattore delle pagine milanesi. Finita questa esperienza collaborò con La Stampa e con Panorama (sotto la direzione di Andrea Monti).

A metà anni novanta Ferruccio De Bortoli lo richiamò al Corriere della Sera dove chiuse la sua carriera facendosi molto amare per la rubrica Il Milanese e per la grande attenzione rivolta al Teatro alla Scala e alle problematiche legate al suo restauro.

Cronologia delle opere[modifica | modifica sorgente]

  • Mesina (1968)
  • Il delitto di piazzale Lotto (1973)
  • Vestire i sogni (1981)
  • Giovanotti in camera (1995)
  • Caro Coppi (1995)
  • Un Buco nell'Anima (1996)
  • Il Dizionario della Moda (1998)
  • Maria Pezzi Missoni. Una vita per la moda, Skira, (1998)
  • Paolo Grassi. Lettere 1942-1980,a cura di G. Vergani, Skira, (2004)