Quinto Romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quinto Romano
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Provincia Milano Milano
Città CoA Città di Milano.svg Milano
Circoscrizione Zona 7
Altitudine 131 m.s.l.m.
Nome abitanti romaniani
Mappa di localizzazione: Milano
Quinto Romano
Quinto Romano (Milano)

Coordinate: 45°28′32.49″N 9°05′23.33″E / 45.475691°N 9.089813°E45.475691; 9.089813

Quinto Romano è un quartiere di Milano, posto nella periferia occidentale della città, appartenente alla Zona 7.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il nome deriva dal fatto che il nucleo iniziale del borgo era distante 5 miglia romane dal centro della città di Milano e verosimilmente era il luogo di una delle stazioni di posta posizionate in modo regolare ad intervalli di un miglio su tutte le strade romane. Tale origine è comune a svariati altri borghi nei pressi di Milano, tuttora autonomi ovvero inglobati dalla metropoli: Quarto Oggiaro, Quarto Cagnino, Quinto de' Stampi, Sesto San Giovanni, Sesto Ulteriano, Settimo Milanese, e di altre grandi città italiane. Il suo territorio confinava con Trenno a nord, Quarto Cagnino ad est, Baggio a sud, e Settimo Milanese e Figino di Milano ad ovest.

Nel 1609 fu fondata la parrocchia. Nell'estimo voluto dall'imperatrice Maria Teresa nel 1771, Quinto Romano contava 338 abitanti.[1] In età napoleonica, nel 1809, il comune di Quinto Romano fu annesso a Figino, a sua volta incorporato a Settimo nel 1811: furono comunque gli austriaci ad annullare il tutto nel 1816. All'Unità nel 1859, Quinto Romano aveva 630 abitanti, mentre al primo censimento nazionale del 1861 ne venivano registrati 716. Nel 1869 fu soppresso come comune autonomo, diventando frazione dell'allora comune di Trenno[2], a sua volta annesso a Milano nel 1923.[3]

Quinto Romano, anche per la considerevole distanza dal centro di Milano, mantenne un aspetto rurale fino agli anni sessanta del Novecento, rimanendo una borgata agricola ricca di cascine. A tutt'oggi il quartiere ha conservato alcune caratteristiche agricole che si mescolano allo sviluppo urbano tipico di un quartiere periferico di una grande città.

Società[modifica | modifica sorgente]

Il quartiere condivide con altre realtà simili anche le problematiche sociali e le tossicodipendenze, alle quali tuttavia la realtà del quartiere, a differenza di altri, ha saputo reagire senza limitarsi alla protesta per l'inefficacia dei servizi comunali e statali. La popolazione del quartiere ha una palese percezione di una propria identità locale ed un atteggiamento costruttivo, che si esplicita nella costituzione di associazioni di sostegno sociale come Viverequinto. Anche alcune statistiche confermano che, in controtendenza rispetto ad altri quartieri periferici di Milano, il numero degli atti criminali da parte di clandestini è molto piccolo.

Degni di nota a Quinto Romano sono il "Gardaland Water Park", ex "Aquatica", parco acquatico per il tempo libero, ed il campeggio di "Città di Milano", l'unico presente nel territorio comunale). In Via Caldera 85 c'è il campo da calcio della Vercellese 1926. Dal 2005 è attiva la cooperativa sociale Nuove Risorse che offre uno spazio compiti, una Biblioteca e attività culturali e didattiche per ragazzi ed adulti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Comune di Quinto Romano, 1757 - 1797 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  2. ^ Regio Decreto n° 4827 del 17 gennaio 1869, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 47 del 16 febbraio 1869
  3. ^ Regio Decreto 2 settembre 1923, n. 1912, art. 1

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

milano Portale Milano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di milano