Colle del Gran San Bernardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colle del Gran San Bernardo
Grand St Bernard.jpg
Vista sul versante italiano
Stati Svizzera Svizzera
Italia Italia
Regione Vallese Vallese
Valle d'Aosta Valle d'Aosta
Località collegate Martigny
Aosta
Altitudine 2'473 m s.l.m.
Coordinate 45°52′08.4″N 7°10′15.6″E / 45.869°N 7.171°E45.869; 7.171Coordinate: 45°52′08.4″N 7°10′15.6″E / 45.869°N 7.171°E45.869; 7.171
Infrastruttura Strada asfaltata
Costruzione del collegamento 1905
Pendenza massima 11%
Lunghezza 81 km
Chiusura invernale ottobre-maggio 
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Colle del Gran San Bernardo

Il Colle del Gran San Bernardo (Col du Grand Saint-Bernard in francese) è un valico alpino a quota 2.473 m s.l.m., tra Aosta e Martigny, che collega l'italiana valle del Gran San Bernardo con la svizzera valle d'Entremont, con la cima del passo situata in territorio svizzero.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Ospizio nei pressi del colle.

Fin dai tempi dell'Impero Romano, quando sul colle si edificò il tempio dedicato a Giove Pennino, donde l'antico nome "Col de Mont Iuppiter", poi "Col de Mons Joux", il valico costituì un importante via di comunicazione attraverso le Alpi.

Nell'area intorno al tempio romano sono stati scoperti degli edifici risalenti alla stessa epoca. Questi potrebbero essere delle aree di sosta lungo la via che conduceva oltre le Alpi (dette mutationes).

Nel 1035, ad opera di San Bernardo di Mentone, si costruì sul colle un Ospizio gestito da una congregazione di canonici regolari, allo scopo di ricoverare, assistere e proteggere i numerosi viaggiatori.

Anche Napoleone Bonaparte, nel maggio del 1800, passò dal Gran San Bernardo durante la seconda campagna d'Italia; attraversato con notevoli difficoltà il valico, il Primo console sboccò in pianura e sconfisse l'esercito austriaco nella Battaglia di Marengo.

Il colle[modifica | modifica sorgente]

Il passo visto dalla vetta del monte Vélan.

Sul versante italiano, il valico è unito al fondovalle da una comoda strada che sale da Aosta, frequentata da mezzi pesanti. Poco dopo l'abitato di Saint Oyen la strada si sdoppia. Da un lato si entra in una strada protetta da paravalanghe che conduce al traforo, che consente di attraversare il confine italo-svizzero in qualsiasi stagione senza avventurarsi fino ai 2473 metri del colle. Dall'altra la strada ordinaria diventa stretta e ripida e sale per circa 15 km fino al colle, dal quale si può godere della vista di un piccolo lago, gelato fino a primavera inoltrata, e di panorami sulle montagne circostanti.

A causa della elevata quota e di conseguenza del clima piuttosto rigido, il colle rimane chiuso da metà ottobre al 31 di maggio. Nel momento della riapertura solitamente devono ancora essere utilizzati i mezzi spazzaneve per liberare la strada. La Regione Autonoma Valle d'Aosta poco al di sotto del valico ha posizionato una stazione meteorologica che monitora la temperatura e la quantità di neve presente al suolo[1].

A partire almeno dal XVI secolo, i canonici dell'ospizio allevavano grossi cani molossoidi, per la guardia e protezione dell'Ospizio stesso dai non infrequenti malintenzionati (le cronache riportano numerosi episodi di brigantaggio), ma anche per numerosi altri impieghi, dal trasporto di piccoli carichi (latte, formaggi), alla fornitura di forza motrice (un dispositivo a mulino, azionato dai cani, muoveva l'enorme spiedo della cucina dell'ospizio). Ma l'impiego che li rese celebri nel mondo fu quello di ausiliari dei canonici nel tracciare la pista nella neve fresca, prevedere la caduta di valanghe, e ritrovare i viaggiatori dispersi col maltempo, o addirittura sepolti dalle slavine. A partire dall'800, da questi cani si selezionò la razza oggi nota come Cane di San Bernardo.

Passeggiate[modifica | modifica sorgente]

Panello di passeggiata in estate

Ci sono diverse passeggiate partendo dal colle del Gran San Bernardo:

Manifestazioni sportive[modifica | modifica sorgente]

Dal 1920 si disputa la gara automobilistica "Aosta-Gran San Bernardo", sospesa nel 1957 è stata ripresa nel 2002.[2]

Oltre a essere stato percorso dal Giro d'Italia 1973 nella tappa Ginevra-Aosta[3] e dal Tour de France 2009[4] è sede della Pedalata ecologica "Aosta - Gran San Bernardo".[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (PDF) Dati meteo in regione.vda.it. URL consultato il 30/5/2014.
  2. ^ Aosta/Gran San Bernardo - La Storia in cameva.it. URL consultato il 30/5/2014.
  3. ^ Ciclotour: Aosta - Colle del Gran San Bernardo in lovevda.it. URL consultato il 30/5/2014.
  4. ^ (EN) 2009 Tour de France Preview Stage 16 – Grand and Petit Saint-Bernard in cycling-challenge.com. URL consultato il 30/5/2014.
  5. ^ Calendario Gare in Federazione Ciclistica Italiana - Comitato Regionale Valle d'Aosta. URL consultato il 30/5/2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Tappa Precedente
- da Roma -
Itinerario di Sigerico
Via Francigena
Tappa Successiva
- verso Canterbury -
Mansio XLVIII - Sce Remei
Saint-Rhémy-en-Bosses
Transitus portae Magni Sancti Bernardi
Passo del Gran San Bernardo
Via-Francigena-sign.jpg
Mansio XLIX - Petrecastel
Bourg-Saint-Pierre