La vita agra (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La vita agra
l'amara storia di un intellettuale di provincia
Autore Luciano Bianciardi
1ª ed. originale 1962
Genere Romanzo
Lingua originale italiano
Ambientazione Milano, 1954-1970
Protagonisti Luciano
Coprotagonisti Anna
Altri personaggi Mara, Carlone, la vedova Viganò, Otello Tacconi, Franz il triestino, il dottor Fernaspe, la signora De Sio, Heric e Inge Fissliger

La vita agra è un romanzo del 1962 scritto da Luciano Bianciardi.

È il romanzo di successo di Bianciardi ed è ampiamente autobiografico. Il protagonista lascia la provincia e con essa la moglie e il figlioletto per andare a vivere a Milano con l'intento iniziale di vendicare i minatori morti in un incidente causato dalla scarsa sicurezza sul lavoro. È ovvio il riferimento all'incidente alla miniera di Ribolla del 1954, in cui persero la vita 43 minatori.

Il romanzo è una riflessione sulle conseguenze del boom economico italiano sulla società e sui rapporti interpersonali e può essere visto come il terzo di una trilogia iniziata con Il lavoro culturale e L'integrazione.

Al romanzo è ispirato il film La vita agra di Carlo Lizzani, con Ugo Tognazzi che interpreta il Bianciardi/protagonista.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura