Francisco Farinós

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francisco Farinós
Farinós en el ayuntamiento de Alicante tras el ascenso en 2010 cropped.JPG
Dati biografici
Nome Francisco Javier Farinós Zapata
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 172 cm
Peso 69 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 11 febbraio 2014
Carriera
Giovanili
1996 Valencia Valencia
Squadre di club1
1996 Valencia Mestalla Valencia Mestalla 15 (3)
1997-2000 Valencia Valencia 115 (10)
2000-2002 Inter Inter 33 (1)
2002-2003 Villarreal Villarreal 22 (2)
2003-2004 Inter Inter 16 (1)
2005-2006 Maiorca Maiorca 17 (1)
2006-2011 Hercules Hércules 147 (22)
2011-2012 Levante Levante 30 (1)
2012-2014 Villarreal Villarreal 11 (1)
Nazionale
1995-1996
1997
1997-2000
1999-2000
Spagna Spagna U-18
Spagna Spagna U-20
Spagna Spagna U-21
Spagna Spagna
15 (2)
2+ (2)
17 (5)
2 (0)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-18
Oro Grecia 1995
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro Romania 1998
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 ottobre 2012

Francisco Javier Farinós Zapata (Valencia, 29 marzo 1978) è un ex calciatore spagnolo, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Esordisce da diciottenne nella squadra della sua città, il Valencia, guadagnandosi il posto da titolare in mezzo al campo. Con la squadra valenciana conquistò una Coppa del Re e una Supercoppa Spagnola nel 1999, con Claudio Ranieri come allenatore. Partecipò al grande cammino della sua squadra verso la finale di Champions League 1999-2000, dove la formazione allenata da Héctor Cúper perse contro i connazionali del Real Madrid per 3-0 a Parigi.

Dopo tre anni in cui si guadagna l'attenzione di molti club europei, nel 2000 viene notato dall'Inter, che lo acquista a titolo definitivo per 36 miliardi di lire.[1] Nel ritorno dei quarti di finale di Coppa UEFA 2001-2002, giocati tra Inter e Valencia, si è infilato i guantoni ed è subentrato per esaurimento cambi come portiere al posto dell'espulso Francesco Toldo, difendendo l'1-0 firmato Nicola Ventola. L'Inter verrà poi eliminata dal Feyenoord in semifinale.[2] Rimane all'Inter per tre anni, inframezzati da un anno di prestito al Villarreal nel 2002-2003.

Nel 2004 parte per un prestito biennale al Mallorca. Nel 2006 firma con l'Hércules, club di Segunda División. Nel 2009 vince il premio BBVA al fair-play.

Nel 2010 la squadra di Alicante è promossa nella Liga, e Farinos torna nel massimo campionato spagnolo.

Nel 2011-2012 gioca nel Levante, sempre in Spagna, rimanendo svincolato a fine stagione.

Nel dicembre 2012 passa al Villarreal, sua ex squadra, in Segunda División.[3]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ha fatto parte in passato della Nazionale spagnola Under-20, partecipando al Mondiale 1997 di categoria, e di quella maggiore, totalizzando due presenze. Ha peraltro messo a referto 17 presenze per la selezione Under-21, segnando cinque gol e vincendo il campionato europeo 1998.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Valencia: 1998
Valencia: 1998-1999
Valencia: 1999

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

1995
1998

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Milan perde il derby: Farinos all'Inter in Corriere della Sera, 10 giugno 2000. URL consultato il 15 maggio 2014.
  2. ^ Matteo dalla Vite, Come Farinos in La Gazzetta dello Sport, 19 dicembre 2012, p. 9.
  3. ^ Sms in Extra Time, 18 dicembre 2012, p. 12.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]