Raúl Tamudo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raúl Tamudo
Dati biografici
Nome Raúl Tamudo Montero
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 180 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Sabadell Sabadell
Carriera
Giovanili
Espanyol Espanyol
Squadre di club1
1996-1997 Espanyol B Espanyol B 42 (18)
1996-1998 Espanyol Espanyol 14 (2)
1998 Alaves Alavés 6 (0)
1998-1999 Lleida Lleida 14 (5)
1999-2010 Espanyol Espanyol 326 (127)
2010-2011 Real Sociedad Real Sociedad 31 (7)
2011-2012 Rayo Vallecano Rayo Vallecano 32 (9)
2012 Pachuca Pachuca 9 (0)
2013 Rayo Vallecano Rayo Vallecano 4 (1)
2013- Sabadell Sabadell 12 (2)
Nazionale
1997
1998-2000
2000
2000-2007
1997-2002
Spagna Spagna U-20
Spagna Spagna U-21
Spagna Spagna olimpica
Spagna Spagna
Catalogna Catalogna
1 (0)
11 (5)
6 (1)
13 (5)
4 (1)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Sydney 2000
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 giugno 2013

Raúl Tamudo Montero (Barcellona, 19 ottobre 1977) è un calciatore spagnolo, attaccante del Sabadell.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Espanyol[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto delle giovanili della squadra locale dell'Espanyol, è stato ceduto due volte in prestito di sei mesi a squadre di Liga Adelante prima di affermarsi definitivamente nel 1999-2000. Da quel momento in poi è diventato un titolare inamovibile della squadra arrivando sempre in doppia cifra di gol in nove stagioni in Liga, aiutando la squadra catalana a vincere due Coppe di Spagna: in quella del 2000 ha segnato un gol di testa rubando la palla al portiere dell'Atlético Madrid Toni Jiménez; ha avuto un ruolo fondamentale anche nella finale del 2006 segnando il primo gol al secondo minuto e servendo a Luis García l' assist del secondo gol.

Nel 2000 è stato vicino ai Rangers, ma il trasferimento è saltato dopo che ha fallito le visite mediche. Due giorni dopo ha segnato una tripletta nella partita di Coppa UEFA contro il Grazer A.K. (vittoria in casa per 4-0, 4-1 complessivo).

Nel 2007 ha segnato un gol fondamentale nel derby di Barcellona, con la maglia dell'Espanyol, appena dopo il gol di van Nistelrooy del Madrid a Saragozza: con la sua doppietta il 9 giugno nel 2-2 contro il Barcellona all' ultima giornata della Liga 2006-2007 permette infatti al Real Madrid di vincere il titolo arrivando a 112 gol in Liga e diventando il capocannoniere di tutti i tempi dell'Espanyol (superato il record di 111 gol stabilito da Rafael Marañón nel 1983); cinque anni dopo capita invece una cosa analoga. Nella stessa stagione ha segnato due dei sette gol della sua squadra in Coppa UEFA, il primo contro i connazionali del Siviglia e il secondo quattro mesi dopo al terzo minuto nella vittoria per 3-2 contro la stessa squadra.

Alcuni infortuni e un calo di forma hanno limitato le sue prestazioni nelle seguenti due stagioni, e nel 2008-2009 ha perso il posto da titolare a seguito dell' acquisto dell'uruguaiano Iván Alonso; tuttavia, nell' ultima partita della stagione, ha segnato 3 gol nella vittoria per 3-0 contro il Málaga (che era buono per aver ancora guidato la squadra in gol ancora una volta, alle sei), ricevando poi un'ovazione al momento della sostituzione.

La stagione 2009-2010 è stata a dir poco disastrosa per Tamudo in termini sportivi: ha dovuto lottare ancora una volta contro degli infortuni venendo isolato dall' allenatore (e suo ex compagno di squadra) Mauricio Pochettino e ha avuto dei contrasti con la dirigenza per questioni contrattuali; il suo minutaggio potenziale è ulteriormente diminuito nella finestro di calciomercato di gennaio con l' acquisto di un altro argentino: Pablo Osvaldo; a fine stagione ha chiuso con solo sei presenze (senza gol).

Ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio di agosto 2010, a quasi 33 anni, ha firmato un contratto annuale con la Real Sociedad, club neopromosso in Liga dopo tre anni di assenza. Ha segnato 3 gol nelle prime 4 partite, di cui uno contro il Real Madrid di José Mourinho che sarà anche il primo gol subito sotto la gestione dell'allenatore portoghese. Ma nonostante queste reti la squadra è riuscita a totalizzare solo un punto, perdendo per l'appunto contro il Madrid (2-1 in casa) e contro l'Osasuna (1-3).

Il 26 agosto 2011 ha firmato un contratto annuale con il Rayo Vallecano, club neopromosso in Liga. Gioca principalmente da titolare, segnando un gol contro la sua ex squadra, l'Espanyol (nonostante la sconfitta per 5-1), ma il gol più importante arriva in seguito. Il Rayo lotta per non retrocedere e al '91 è ancora sullo 0-0 in casa contro il Granada ed il Villarreal sarebbe salvo in virtù dello 0-0 contro l'Atlético Madrid. Ma quando arriva la notizia del gol di Radamel Falcao contro i "sottomarini gialli", basterebbe un gol della squadra di Vallecas per salvare il Rayo. Tamudo siglerà il gol a un minuto dalla fine.

Il 14 giugno 2012 viene ingaggiato dal Pachuca, club militante in Primera División de México. Ma l'11 dicembre 2012 l'attaccante spagnolo rescinde dopo soli 4 mesi il suo contratto.

Il 31 gennaio 2013 viene nuovamente ingaggiato dal Vallecano. Il 24 febbraio debutta nuovamente col Rayo in una partita contro il Real Valladolid. Il 17 marzo segna il suo primo e unico gol dal ritorno con la squadra di Madrid al Camp Nou contro il Barcellona, futuro campione di Spagna.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Membro stabile della nazionale dal 16 agosto 2000 (Germania-Spagna 4-1); è tornato in nazionale dopo due anni segnando un gol fondamentale nella vittoria per 3-1 contro la Danimarca in una partita di qualificazione a Euro 2008 il 13 ottobre 2007. Per coincidenza, ha seganto anche il compagno di squadra nell'Espanyol Albert Riera.

In precedenza aveva anche militato nella Spagna vincitrice della medaglia d' argento alle Olimpiadi estive del 2000 segnando anche un gol nella semifinale contro gli Stati Uniti.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Spagna Spagna
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
16/08/2000 Hannover Germania Germania 4 – 1 Spagna Spagna Amichevole -
13/02/2002 Barcellona Spagna Spagna 1 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
21/08/2002 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 1 Spagna Spagna Amichevole 1
18/02/2004 Barcellona Spagna Spagna 2 – 1 Perù Perù Amichevole -
18/08/2004 Las Palmas de Gran Canaria Spagna Spagna 3 – 2 Venezuela Venezuela Amichevole 2
03/09/2004 Valencia Spagna Spagna 1 – 1 Scozia Scozia Amichevole -
13/10/2004 Vilnius Lituania Lituania 0 – 0 Spagna Spagna Qual. Mondiali 2006 -
03/09/2005 Santander Spagna Spagna 2 – 1 Canada Canada Amichevole 1
07/09/2005 Madrid Spagna Spagna 1 – 1 Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro Qual. Mondiali 2006 -
13/10/2007 Aarhus Danimarca Danimarca 1 – 3 Spagna Spagna Qual. Euro 2008 1
17/10/2007 Helsinki Finlandia Finlandia 0 – 0 Spagna Spagna Amichevole -
17/11/2007 Madrid Spagna Spagna 3 – 0 Svezia Svezia Qual. Euro 2008 -
24/11/2007 Las Palmas de Gran Canaria Spagna Spagna 1 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Euro 2008 -
Totale Presenze 13 Reti 5

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Espanyol: 1999, 2006
Espanyol: 1999-2000, 2005-2006

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Sydney 2000

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]