Frank De Bleeckere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frank De Bleeckere
Frank De Bleeckere.jpg
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Nome Frank De Bleeckere
Federazione Belgio Belgio
Professione Agente di commercio
Altezza 182 cm
Peso 74 kg
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1995 - 2011 Jupiler League Arbitro
Attività internazionale
1998 - 2011 UEFA e FIFA Arbitro
Esordio Cipro - Irlanda 0 - 4
24 marzo 2001

Frank De Bleeckere (Oudenaarde, 1º luglio 1966) è un ex arbitro di calcio belga.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

De Bleeckere, internazionale dal 1998, fa il suo debutto in gare ufficiali tra nazionali maggiori il 24 marzo 2001 nella partita di qualificazione ai Mondiali di calcio 2002 tra Cipro ed Irlanda terminata con il punteggio di 0-4. La sua carriera è del tutto particolare, essendo diventato arbitro all'età di 18 anni, solo dopo aver subìto un brutto infortunio che gli ha precluso l'attività da calciatore.

Nel 2005 arbitra, prima, la finale del Campionato mondiale di calcio Under-17 tra Messico e Brasile, e poi i quarti di finale di Champions League tra Liverpool e Juventus. Due anni prima era stato selezionato in occasione del Campionato mondiale di calcio Under-20 disputatosi negli Emirati Arabi Uniti.

Successivamente dirige altre due importanti partite: la semifinale Manchester United - Milan, in Champions League, e Turchia - Svizzera, spareggio per l'accesso ai Mondiali di calcio 2006.

Nel 2006 partecipa al Campionato del mondo di calcio di Germania 2006 dove arbitra due gare della fase a gironi, gli ottavi di finale Inghilterra - Ecuador e i quarti di finale Italia - Ucraina.

Nel 2008 viene convocato per gli Europei del 2008 in Austria e Svizzera dove figura dirigendo le partite della fase a gironi Germania - Croazia e Russia - Svezia, e la semifinale Russia - Spagna.

Nell'agosto 2009 ha l'onore di essere designato per la finale di Supercoppa Europea a Montecarlo tra Barcellona e Shakhtar Donetsk.

Nel settembre 2009 viene convocato, per la seconda volta, al Campionato mondiale di calcio Under-20 in programma in Egitto, di cui arbitra la finalissima tra Brasile e Ghana.

Oltre alla semifinale di ritorno di UEFA Champions League 2006/2007 Manchester Utd-Milan, vanta anche la direzione in tre semifinali di Coppa UEFA (nel 2003, 2008 e 2009), mentre nell'aprile 2010 è designato per la semifinale di ritorno di UEFA Champions League 2009-2010 tra FC Barcellona e Inter.

Viene ufficialmente selezionato dalla FIFA per i Mondiali in Sudafrica nel 2010, dove dirige tre partite, ovvero Argentina-Corea del Sud, USA-Algeria e l'ottavo di finale Paraguay-Giappone.

Nel maggio 2011 ottiene per la terza volta in carriera una semifinale di UEFA Champions League, dirigendo nell'occasione il ritorno del Clásico, tra Barcellona e Real Madrid.

Il 17 dicembre 2011 ha diretto l'ultima gara della carriera, il match del campionato belga tra Zulte Waregem e Bergen.[1]

È stato maggiormente apprezzato per lo stile asciutto e senza fronzoli, e per l'abilità nel lasciar "correre" il gioco, senza inutili interruzioni.

Poco dopo il ritiro, è diventato osservatore arbitrale per conto dell'UEFA, nonché dirigente arbitrale in Belgio.

Sanzioni disciplinari nelle fasi finali delle competizioni ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Campionato del mondo di calcio 2006[modifica | modifica wikitesto]

Incontro Yellow card.svg Red card.svg
Argentina Argentina - Costa d'Avorio Costa d'Avorio 5 0
Croazia Croazia - Giappone Giappone 5 0
Inghilterra Inghilterra - Ecuador Ecuador 6 0
Italia Italia - Ucraina Ucraina 6 0
TOTALE 22 0

Campionato europeo di calcio 2008[modifica | modifica wikitesto]

Incontro Yellow card.svg Red card.svg
Croazia Croazia - Germania Germania 6 1
Russia Russia - Svezia Svezia 5 0
Russia Russia - Spagna Spagna 2 0
TOTALE 13 1

Campionato del mondo di calcio 2010[modifica | modifica wikitesto]

Incontro Yellow card.svg Red card.svg
Argentina Argentina - Corea del Sud Corea del Sud 5 0
Stati Uniti Stati Uniti - Algeria Algeria 6 1
Paraguay Paraguay - Giappone Giappone 5 0
TOTALE 16 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]