Serie B 2002-2003

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serie B 2002-2003
Competizione Serie B
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Organizzatore Lega Nazionale Professionisti
Date dal 14 settembre 2002
al 7 giugno 2003
Luogo Italia Italia
Partecipanti 20
Risultati
Vincitore Siena Siena
(1º titolo)
Promozioni Siena Siena
Sampdoria Sampdoria
Lecce Lecce
Ancona Ancona
Retrocessioni Cosenza Cosenza
Statistiche
Miglior marcatore Italia Igor Protti
Cronologia della competizione
Left arrow.svg ed. precedente ed. successiva Right arrow.svg

Il Campionato di Serie B 2002-03 fu il settantunesimo campionato di Serie B disputato in Italia.

Avvenimenti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Caso Catania.

Il campionato cadetto 2002-03 viene sconvolto dal caso Catania: la società della famiglia Gaucci ricorre contro l'omologazione del match contro il Siena, chiedendo la vittoria a tavolino perché la squadra toscana aveva schierato Luigi Martinelli che, secondo la tesi catanese, doveva scontare una vecchia squalifica. Martinelli aveva in effetti saltato una partita di campionato a causa della squalifica, ma nello stesso weekend era sceso in campo nel Campionato Primavera con la squadra giovanile del Siena, in qualità di fuori quota. Quindi, secondo la società siciliana, l'aver presenziato ad una gara ufficiale, sia pure non relativa alla prima squadra, fa sì che Martinelli di fatto non abbia mai scontato il turno di squalifica e quindi non fosse regolare la sua presenza nel match di Catania. La Commissione d'Appello Federale accoglie il ricorso del club etneo, assegnandogli la vittoria per 2-0 a tavolino. Tuttavia alcune società, dirette concorrenti del Catania nella lotta per la salvezza, chiedono un parere sull'interpretazione della norma sulle squalifiche alla Corte Federale (organo all'epoca separato dalla CAF). Quest'ultima dà ragione al Siena e permette il ripristino del risultato di 1-1 maturato sul campo.

Mentre per il Siena la querelle diventa ininfluente (il punto in più o in meno in classifica non pregiudica la vittoria del campionato cadetto per i toscani e la conseguente promozione in Serie A), per il Catania i due punti in più in classifica sarebbero decisivi per ottenere la permanenza tra i cadetti, costringendo Venezia e Napoli a disputare uno spareggio per decidere chi retrocede al posto dei siciliani. La famiglia Gaucci ricorre pertanto alla Giunta Esecutiva del CONI perché dichiari l'incompetenza della Corte Federale e ripristini la sentenza CAF. Il 1º luglio 2003 il CONI accoglie la richiesta e la FIGC assegna la vittoria a tavolino al Catania in maniera definitiva.

L'8 luglio, però, il Venezia presenta a sua volta un riscorso alla CAF contro l'omologazione del risultato dello scontro diretto con i siciliani (conclusosi 2-0), in relazione alla posizione del giocatore catanese Vito Grieco. Con motivazioni analoghe a quelle addotte a suo tempo dai siciliani per Martinelli, i lagunari vogliono dimostrare che anche il Catania ha utilizzato un calciatore che non aveva mai scontato una vecchia squalifica. Con un iter simile al primo, il Venezia si vede riconosciuta la vittoria per 0-3 a tavolino che rimanda in Serie C1 il Catania ed evita lo spareggio tra i veneti ed il Napoli.

Il Catania ricorre anche agli organi di giustizia ordinaria (TAR Sicilia e Consiglio di Stato), contestando anche il fatto che il ricorso del Venezia sarebbe stato presentato oltre i termini. Dal punto di vista formale alla fine anche la giustizia ordinaria dà ragione a quella sportiva, tuttavia il caos verificatosi in piena estate a causa di regolamenti poco chiari sulle squalifiche dei calciatori convince alla fine la FIGC a sfruttare il decreto legge denominato salvacalcio annullando tutte le retrocessioni in Serie C1. Lo stesso Catania, il Genoa e la Salernitana vengono dunque ripescate in Serie B, mentre al posto del Cosenza (nel frattempo escluso da tutti i campionati per inadempienze finanziarie) viene ripescata la Fiorentina per meriti sportivi. Nella stagione successiva, quindi, la Serie B passerà da venti a ben ventiquattro squadre.

Per quanto riguarda le promozioni, i primi due posti furono occupati stabilmente dallo stesso Siena, al suo esordio in Serie A, e dalla Sampdoria, tornata in A dopo quattro anni difficili. Al terzo posto si classificò il Lecce, che tornò quindi immediatamente in massima serie, seguito dall'Ancona, che non vedeva la Serie A da dieci anni; la neopromossa Triestina allenata da Ezio Rossi fu la rivelazione iniziale, piazzandosi al primo posto alla fine del girone di andata con 36 punti, trascinata dalle reti di Dino Fava Passaro. Nella prima fase del girone di ritorno subì un calo, che non le consentì di andare oltre il quinto posto, in coabitazione con il Palermo, che non riesce a centrare la promozione a causa dei nove punti persi tra le mura amiche nel girone di ritorno. La classifica finale tiene conto della sconfitta a tavolino del Siena contro il Catania, quindi il Siena arrivò a pari punti con la Sampdoria in testa (anche se i toscani risultarono ugualmente primi per gli scontri diretti).

Profili[modifica | modifica sorgente]

Club Città Stadio Stagione 2001-2002
Ancona Ancona Ancona Stadio Del Conero 8º posto in Serie B
Ascoli Ascoli Ascoli Piceno Stadio Cino e Lillo Del Duca 1º posto in Serie C1/B
Bari Bari Bari Stadio San Nicola 6º posto in Serie B
Cagliari Cagliari Cagliari Stadio Sant'Elia 12º posto in Serie B
Catania Catania Catania Stadio Angelo Massimino 3º posto in Serie C1/B
(promosso dopo i play-off)
Cosenza Cosenza Cosenza Stadio San Vito 12º posto in Serie B
Genoa Genoa Genova Stadio Luigi Ferraris 12º posto in Serie B
Lecce Lecce Lecce Stadio Via del Mare 16º posto in Serie A
Livorno Livorno Livorno Stadio Armando Picchi 1º posto in Serie C1/A
Messina Messina Messina Stadio Giovanni Celeste 12º posto in Serie B
Napoli Napoli Napoli Stadio San Paolo 5º posto in Serie B
Palermo Palermo Palermo Stadio Renzo Barbera 10º posto in Serie B
Salernitana Salernitana Salerno Stadio Arechi 6º posto in Serie B
Sampdoria Sampdoria Genova Stadio Luigi Ferraris 10º posto in Serie B
Siena Siena Siena Stadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena 12º posto in Serie B
Ternana Ternana Terni Stadio Libero Liberati 17º posto in Serie B
Triestina Triestina Trieste Stadio Nereo Rocco 5º posto in Serie C1/A
(promosso dopo i play-off)
Venezia Venezia Venezia Stadio Pierluigi Penzo 18º posto in Serie A
Verona Verona Verona Stadio Marcantonio Bentegodi 15º posto in Serie A
Vicenza Vicenza Vicenza Stadio Romeo Menti 9º posto in Serie B

[modifica | modifica sorgente]

Squadra Sponsor Tecnico Sponsor
Ancona Ancona Devis Banca Marche
Ascoli Ascoli Uhlsport CaRisAP - Gruppo IntesaBci
Bari Bari Lotto Tele+
Cagliari Cagliari A-Line Terra Sarda
Catania Catania Galex Energia Siciliana
Cosenza Cosenza Sport Point Provincia di Cosenza
Genoa Genoa Erreà Costa
Lecce Lecce Asics Provincia di Lecce
Livorno Livorno Asics Cassa di Risparmio di Livorno
Messina Messina Asics Jonax
Napoli Napoli Diadora Peroni
Palermo Palermo Lotto Provincia di Palermo
Salernitana Salernitana Garman Zip Jeans & Casual
Sampdoria Sampdoria Asics ERG
Siena Siena Lotto Montepaschivita - Mpv
Ternana Ternana Erreà (Nessuno Sponsor)
Triestina Triestina Asics Peace no war!
Venezia Venezia Kelme Emmezeta
Verona Verona Lotto Clerman
Vicenza Vicenza Biemme Artel

Allenatori[modifica | modifica sorgente]

Squadra Allenatore Squadra Allenatore
Ancona Italia Luigi Simoni Napoli[1][2] Italia Franco Colomba (1ª; 3ª-16ª)
Italia Sergio Buso (17ª)
Italia Franco Scoglio (2ª; 18ª-25ª)
Italia Franco Colomba (26ª-38ª)
Ascoli Italia Giuseppe Pillon Palermo[3][4] Italia Ezio Glerean (3ª)
Italia Daniele Arrigoni (1ª-2ª; 4ª-22ª)
Italia Nedo Sonetti (23ª-38ª)
Bari[5] Italia Attilio Perotti (1ª; 3ª-17ª)
Italia Marco Tardelli (2ª; 18ª-38ª)
Salernitana[6] Rep. Ceca Italia Zdeněk Zeman (1ª; 3ª-17ª)
Italia Franco Varrella (2ª; 18ª-38ª)
Cagliari Italia Giampiero Ventura Sampdoria Italia Walter Novellino
Catania[7][8][9][10] Italia Francesco Graziani & Italia Maurizio Pellegrino (1ª; 3ª-10ª)
Italia Francesco Graziani (11ª)
Galles John Toshack (2ª; 12ª-20ª)
Italia Edoardo Reja (21ª-29ª)
Italia Vincenzo Guerini (30ª-38ª)
Siena Italia Giuseppe Papadopulo
Cosenza[11][12][13] Italia Antonio Sala (1ª; 3ª-13ª)
Italia Emiliano Mondonico (2ª; 14ª-22ª)
Italia Sandro Salvioni (23ª-29ª)
Italia Antonio Sala (30ª-38ª)
Ternana Italia Mario Beretta
Genoa[14][15] Italia Claudio Onofri (3ª-4ª)
Italia Vincenzo Torrente (5ª-8ª)
Italia Rino Lavezzini & Italia Vincenzo Torrente (1ª-2ª; 9ª-38ª)
Triestina Italia Ezio Rossi
Lecce Italia Delio Rossi Venezia Italia Gianfranco Bellotto
Livorno Italia Roberto Donadoni Verona Italia Alberto Malesani
Messina[16] Italia Francesco Oddo (1ª-32ª)
Italia Bruno Bolchi (33ª-38ª)
Vicenza Italia Andrea Mandorlini

Classifica finale[modifica | modifica sorgente]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
1uparrow green.svg 1. Siena Siena 67 38 17 16 5 46 26
1uparrow green.svg 1. Sampdoria Sampdoria 67 38 17 16 5 53 31
1uparrow green.svg 3. Lecce Lecce 63 38 15 18 5 46 33
1uparrow green.svg 4. Ancona Ancona 61 38 16 13 9 53 40
5. Palermo Palermo 58 38 16 10 12 45 42
5. Triestina Triestina 58 38 15 13 10 54 46
7. Vicenza Vicenza 55 38 14 15 11 45 37
8. Ternana Ternana 54 38 13 15 10 55 50
8. Cagliari Cagliari 54 38 14 12 12 47 46
10. Livorno Livorno 49 38 12 13 13 48 43
10. Bari Bari 49 38 10 19 9 38 37
12. Ascoli Ascoli 48 38 13 9 16 46 52
13. Venezia Venezia 48 38 12 12 14 37 41
14. Verona Verona 46 38 10 16 12 42 42
15. Messina Messina 46 38 10 16 12 51 54
16. Napoli Napoli 45 38 10 15 13 42 49
17. Catania Catania[17] 43 38 12 7 19 45 60
18. Genoa Genoa[18] 39 38 9 12 17 47 51
The death.svg 19. Cosenza Cosenza[19] 36 38 10 6 22 29 52
20. Salernitana Salernitana[18] 23 38 4 11 23 28 63

Verdetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Neanche Scoglio sveglia il Napoli, gazzetta.it, 22 dicembre 2002.
  2. ^ Il Napoli cambia ancora: via Scoglio, torna Colomba, repubblica.it, 12 marzo 2003.
  3. ^ Zamparini azzardo Arrigoni, gazzetta.it, 17 settembre 2002.
  4. ^ ”Il Palermo tornerà in alto”, gazzetta.it, 11 febbraio 2003.
  5. ^ Tardelli si rimette in gioco, gazzetta.it, 30 dicembre 2002.
  6. ^ Varrella è il dopo Zeman: “Ci risolleveremo”, gazzetta.it, 28 dicembre 2002.
  7. ^ Napoli lascia la crisi al Catania, gazzetta.it, 6 novembre 2002.
  8. ^ Sette gol per Toshack, gazzetta.it, 12 novembre 2002.
  9. ^ Toshack pianta in asso Gaucci, gazzetta.it, 29 gennaio 2003.
  10. ^ Catania, ora tocca a Guerini, gazzetta.it, 7 aprile 2003.
  11. ^ Cosenza: via Sala, torna Mondonico, gazzetta.it, 27 novembre 2002.
  12. ^ Il Cosenza decide: arriva Salvioni, gazzetta.it, 12 febbraio 2003.
  13. ^ Oggi Salvioni sarà licenziato. Il Cosenza richiama Sala, gazzetta.it, 7 aprile 2003.
  14. ^ Il Genoa va a Torrente e aspetta Pruzzo o Ulivieri, gazzetta.it, 26 settembre 2002.
  15. ^ Torrente vice-tecnico, oggi c’è la firma, gazzetta.it, 25 ottobre 2002.
  16. ^ Messina: Oddo va via, in arrivo c’è Bolchi, gazzetta.it, 1º maggio 2003.
  17. ^ Riammesso in Serie B su ordinanza del TAR di Catania.
  18. ^ a b Riammesso in Serie B su delibera della FIGC per i postumi del Caso Catania.
  19. ^ Radiato dai campionati professionistici per fallimento e rimpiazzato dalla Fiorentina.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

1ª giornata
5 nov. 2002 25 gen. 2003
1-1 Ancona-Verona 1-0
0-0 Bari-Triestina 2-1
1-0 Cagliari-Venezia 0-3
0-2 Catania-Napoli 0-1
1-2 Cosenza-Palermo 0-1
1-2 Salernitana-Ascoli 0-3
2-0 Sampdoria-Livorno 1-1
0-0 Siena-Lecce 1-1
1-0 Ternana-Messina 2-2
1-0 Vicenza-Genoa 2-0
4ª giornata
21 set. 2002 22 feb. 2003
0-0 Ascoli-Sampdoria 0-3
0-0 Genoa-Bari 1-2
2-1 Lecce-Salernitana 1-2
2-0 Livorno-Triestina 0-1
3-3 Messina-Catania 1-1
1-2 Napoli-Cosenza 0-1
1-0 Palermo-Siena 1-2
0-1 Ternana-Cagliari 1-1
1-1 Venezia-Verona 0-1
1-1 Vicenza-Ancona 1-3
7ª giornata
12 ott. 2002 15 mar. 2003
1-1 Ancona-Siena 0-0
1-1 Bari-Lecce 0-1
1-0 Cagliari-Ascoli 1-1
1-2 Livorno-Ternana 1-1
3-1 Messina-Vicenza 1-2
3-1 Salernitana-Palermo 1-1
1-0 Sampdoria-Catania 0-0
1-0 Triestina-Cosenza 0-1
0-1 Venezia-Genoa 0-0
2-2 Verona-Napoli 0-0
10ª giornata
2 nov. 2002 5 apr. 2003
2-1 Ancona-Messina 1-1
0-1 Bari-Palermo 2-2
1-1 Cagliari-Lecce 1-1
1-1 Catania-Ascoli 1-2
2-0 Livorno-Genoa 1-3
1-2 Napoli-Siena 0-2
1-1 Sampdoria-Triestina 2-2
1-0 Ternana-Cosenza 3-0
1-0 Venezia-Salernitana 1-1
4-2 Verona-Vicenza 1-4
13ª giornata
24 nov. 2002 26 apr. 2003
1-0 Ascoli-Ancona 1-1
1-2 Cosenza-Venezia 2-0
2-2 Genoa-Verona 2-2
1-0 Lecce-Livorno 2-1
2-2 Messina-Bari 0-1
2-1 Palermo-Ternana 0-0
2-0 Salernitana-Napoli 1-2
1-0 Siena-Sampdoria 0-0
3-0 Triestina-Cagliari 0-2
2-1 Vicenza-Catania 1-2
16ª giornata
15 dic. 2002 17 mag. 2003
4-0 Ascoli-Napoli 0-2
1-0 Cagliari-Sampdoria 1-3
4-2 Genoa-Ancona 0-1
1-1 Lecce-Vicenza 1-1
4-2 Livorno-Cosenza 2-0
2-1 Messina-Palermo 1-2
2-2 Salernitana-Triestina 0-2
2-1 Ternana-Bari 1-2
2-1 Venezia-Catania 2-0 a tav.
1-2 Verona-Siena 0-0
19ª giornata
18 gen. 2003 7 giu. 2003
1-0 Ancona-Livorno 1-1
1-1 Bari-Verona 1-1
2-1 Catania-Cagliari 2-1
2-1 Cosenza-Genoa 0-3
1-0 Napoli-Messina 1-1
2-0 Palermo-Lecce 0-3
4-0 Sampdoria-Venezia 1-3
3-0 Siena-Salernitana 1-1
3-1 Triestina-Ascoli 2-2
1-0 Vicenza-Ternana 1-1
2ª giornata
6 gen. 2003 1º feb. 2003
1-4 Ascoli-Vicenza 1-2
1-0 Genoa-Ternana 3-1
1-0 Lecce-Catania 1-2
1-0 Livorno-Cagliari 1-1
2-0 Messina-Salernitana 0-0
1-1 Napoli-Ancona 2-3
0-0 Palermo-Sampdoria 0-1
2-1 Triestina-Siena 0-1
1-1 Venezia-Bari 1-0
1-0 Verona-Cosenza 1-0
5ª giornata
28 set. 2002 1º mar. 2003
1-1 Ancona-Ternana 0-1
0-1 Bari-Napoli 1-1
1-0 Cagliari-Genoa 3-1
0-2 Messina-Lecce 1-1
2-1 Salernitana-Livorno 0-0
2-1 Sampdoria-Cosenza 3-1
0-0 Siena-Vicenza 1-1
2-1 Triestina-Palermo 0-1
1-1 Venezia-Ascoli 2-1
2-0 Verona-Catania 1-2
8ª giornata
19 ott. 2002 22 mar. 2003
1-1 Ancona-Sampdoria 1-2
2-1 Cagliari-Verona 1-1
2-1 Catania-Salernitana 0-0
1-0 Cosenza-Ascoli 0-3
1-1 Genoa-Messina 1-2
1-1 Lecce-Triestina 1-0
0-1 Napoli-Livorno 1-1
1-1 Siena-Bari 0-0
1-1 Ternana-Venezia 0-0
1-3 Vicenza-Palermo 0-1
11ª giornata
10 nov. 2002 12 apr. 2003
0-0 Ascoli-Verona 0-1
1-1 Cosenza-Cagliari 0-3
3-1 Genoa-Napoli 2-2
0-0 Lecce-Ternana 0-0
2-1 Messina-Livorno 1-4
0-2 Palermo-Venezia 2-0
0-1 Salernitana-Sampdoria 0-1
4-3 Siena-Catania 0-2 a tav.
3-2 Triestina-Ancona 0-3
1-1 Vicenza-Bari 1-1
14ª giornata
1º dic. 2002 3 mag. 2003
1-1 Ascoli-Genoa 2-1
0-0 Bari-Ancona 2-1
2-0 Cagliari-Salernitana 2-1
0-2 Catania-Cosenza 1-3
1-1 Livorno-Siena 0-2
0-0 Napoli-Palermo 1-2
0-0 Sampdoria-Vicenza 2-1
1-2 Ternana-Triestina 3-4
0-2 Venezia-Messina 1-1
1-1 Verona-Lecce 1-1
17ª giornata
22 dic. 2002 24 mag. 2003
1-3 Ancona-Lecce 1-2
0-3 Bari-Livorno 2-2
3-1 Catania-Ternana 1-3
0-0 Cosenza-Salernitana 2-1
1-1 Napoli-Venezia 1-2
2-2 Palermo-Ascoli 2-1
3-2 Sampdoria-Verona 0-0
2-1 Siena-Genoa 3-1
2-1 Triestina-Messina 2-2
4-2 Vicenza-Cagliari 0-3
3ª giornata
14 set. 2002 8 feb. 2003
4-2 Ancona-Palermo 1-0
2-0 Bari-Ascoli 2-3
2-2 Cagliari-Napoli 0-2
3-2 Catania-Genoa 0-2
2-1 Cosenza-Vicenza 0-3
0-3 Salernitana-Ternana 0-4
4-2 Sampdoria-Lecce 0-1
1-0 Siena-Messina 0-0
1-2 Triestina-Venezia 0-1
0-1 Verona-Livorno 1-1
6ª giornata
5 ott. 2002 8 mar. 2003
1-0 Ascoli-Messina 2-3
0-0 Catania-Ancona 0-2
0-2 Cosenza-Bari 0-1
3-0 Genoa-Salernitana 2-2
3-1 Lecce-Venezia 2-2
1-1 Napoli-Sampdoria 0-2
1-0 Palermo-Livorno 2-2
1-0 Siena-Cagliari 3-2
1-0 Ternana-Verona 1-0
1-1 Vicenza-Triestina 1-1
9ª giornata
26 ott. 2002 29 mar. 2003
2-0 Ascoli-Ternana 1-2
1-1 Bari-Sampdoria 1-1
0-0 Cosenza-Siena 0-1
0-0 Genoa-Lecce 1-2
2-1 Livorno-Venezia 1-1
2-1 Messina-Verona 1-4
1-1 Palermo-Cagliari 2-2
0-2 Salernitana-Ancona 1-3
4-0 Triestina-Catania 2-1
3-3 Vicenza-Napoli 1-2
12ª giornata
17 nov. 2002 19 apr. 2003
1-0 Ancona-Cosenza 0-0
1-1 Bari-Salernitana 2-1
0-2 a tav. Cagliari-Messina 2-2
2-0 Catania-Palermo 3-3
2-0 Livorno-Ascoli 1-2
1-1 Napoli-Lecce 1-1
2-1 Sampdoria-Genoa 2-0
1-1 Ternana-Siena 1-0
1-2 Venezia-Vicenza 1-2
1-0 Verona-Triestina 1-3
15ª giornata
8 dic. 2002 10 mag. 2003
2-1 Ancona-Cagliari 1-2
1-0 Catania-Bari 1-2
3-3 Cosenza-Messina 0-1
2-1 Lecce-Ascoli 0-1
0-0 Palermo-Genoa 1-1
1-3 Salernitana-Verona 0-2
1-2 Sampdoria-Ternana 1-1
0-0 Siena-Venezia 3-1
2-1 Triestina-Napoli 1-2
0-0 Vicenza-Livorno 2-2
18ª giornata
12 gen. 2003 31 mag. 2003
2-1 Ascoli-Siena 0-4
1-0 Cagliari-Bari 0-0
2-2 Genoa-Triestina 0-1
0-0 Lecce-Cosenza 2-1
2-1 Livorno-Catania 2-3
3-3 Messina-Sampdoria 1-1
0-1 Salernitana-Vicenza 2-2
1-1 Ternana-Napoli 0-1
2-4 Venezia-Ancona 1-2
0-0 Verona-Palermo 0-2

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Record[modifica | modifica sorgente]

  • Maggior numero di vittorie: Sampdoria e Siena (17)
  • Minor numero di sconfitte: Lecce, Sampdoria e Siena (5)
  • Migliore attacco: Vicenza (55 gol fatti)
  • Miglior difesa: Siena (25 gol subiti)
  • Miglior differenza reti: Sampdoria e Siena (+22)
  • Maggior numero di pareggi: Bari (19)
  • Minor numero di pareggi: Cosenza (6)
  • Maggior numero di sconfitte: Salernitana (23)
  • Minor numero di vittorie: Salernitana (4)
  • Peggiore attacco: Salernitana (28 gol fatti)
  • Peggior difesa: Salernitana (63 gol subiti)
  • Peggior differenza reti: Salernitana (-35)

Classifica marcatori[modifica | modifica sorgente]

Gol Rigori Marcatore Squadra
1rightarrow.png 23 Igor Protti Livorno Livorno
21 Dino Fava Passaro Triestina Triestina
19 Davide Dionigi Napoli Napoli
19 Stefan Schwoch Vicenza Vicenza
19 Massimo Borgobello Ternana Ternana
17 Riccardo Zampagna Messina Messina
16 Simone Tiribocchi Siena Siena
16 Ernesto Chevantón Lecce Lecce
16 Fabio Bazzani Sampdoria Sampdoria
15 Gionatha Spinesi Bari Bari
13 Filippo Maniero Palermo Palermo

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Almanacco illustrato del calcio, Modena, Edizioni Panini, volume 2004.
  • Carlo Fontanelli, Annogol 2005, Empoli, Geo Edizioni S.r.l., 2005.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]