Daniele Portanova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

2014-2015Messina Messina

Daniele Portanova
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 78 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Squadra Genoa Genoa
Carriera
Giovanili
600px Bianco e Azzurro.png Montespaccato
600px Bianco Rosso e Verde.png Casalotti
Roma Roma
Fermana Fermana
Squadre di club1
1997-1998 Fermana Fermana 20 (1)
1998-1999 Genoa Genoa 6 (0)
1999 Cosenza Cosenza 0 (0)
1999-2000 Avellino Avellino 9 (0)
2000-2003 Messina Messina 85 (5)[1]
2003-2004 Napoli Napoli 31 (0)
2004-2009 Siena Siena 158 (8)
2009-2013 Bologna Bologna 107 (7)
2013-2014 Genoa Genoa 36 (2)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 maggio 2014

Daniele Portanova (Roma, 17 dicembre 1978) è un calciatore italiano, difensore del Genoa.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Coinvolto nell'ambito dell'inchiesta sul calcioscommesse della Procura di Bari, il 2 aprile 2012 viene indagato per la probabile combine di alcune partite del campionato di Serie A 2010-2011[2].

Il 26 luglio viene deferito dal procuratore federale Stefano Palazzi per illecito sportivo[3] in merito a Bologna-Bari del 2011[4]. Il 3 agosto Palazzi richiede per lui una squalifica pari a tre anni[5], quindi il 10 agosto la Commissione Disciplinare della Federcalcio lo condanna a sei mesi di squalifica (reato derubricato da illecito sportivo a omessa denuncia)[6]. Il 13 agosto Palazzi presenta ricorso contro la derubricazione del reato[7], ma il 22 agosto in secondo grado gli viene confermata la squalifica.[8]. In appello la squalifica viene ridotta a quattro mesi.

Da un'idea nata nell'estate 2013 crea, insieme all'amico Mattia Nannini, un marchio per una linea di abbigliamento chiamato DM[9].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Difensore alto e roccioso, ma non per questo meno veloce e abile nelle chiusure, è bravo nel gioco aereo e si rende spesso pericoloso nelle aree avversarie, mentre ha meno capacità nella costruzione del gioco e negli appoggi.[10]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Inizi[modifica | modifica sorgente]

Inizia la carriera nelle giovanili della Roma che lo prende dal Casalotti, dove era arrivato dal Montespaccato,[senza fonte] per poi passare in quelle della Fermana, squadra con la quale debutta in Serie C1 nella stagione 1997-1998. Viene quindi ingaggiato dal Genoa con il quale colleziona 6 presenze in Serie B.

Nella stagione successiva si trasferisce al Cosenza, sempre tra i cadetti. Con la squadra calabrese non riesce mai a scendere in campo, così a settembre del 1999 passa all'Avellino con cui disputa 9 partite in Serie C1.

Nel 2000 passa al Messina con cui gioca per tre stagioni, la prima delle quali terminata con una promozione in Serie B. Lascia il Messina dopo aver collezionato 85 gettoni di presenza e 5 gol.

Successivamente viene acquistato dal Napoli, sempre in Serie B. In Campania disputa 31 gare senza segnare mai e a fine stagione, con il fallimento del club partenopeo, si svincola.

L'esperienza nel Siena[modifica | modifica sorgente]

La stagione successiva si accasa al Siena dove ha la possibilità di debuttare in Serie A.

Esordisce in Serie A il 12 settembre 2004 in Palermo-Siena (1-0). Nelle cinque stagioni di militanza al Siena è spesso titolare fisso della retroguardia bianconera e gioca sempre con continuità. In Toscana raggiunge le 158 presenze (e 8 gol) in Serie A. Nella massima categoria dei calciatori del Siena, è secondo, come numero di presenze, soltanto a Simone Vergassola.

Bologna[modifica | modifica sorgente]

Nell'agosto 2009 passa al Bologna in uno scambio alla pari con Claudio Terzi[11], firmando un contratto quadriennale da 600.000 euro a stagione.[senza fonte]

Il 23 settembre 2009 sigla contro il Livorno la sua prima rete in rossoblu, segnando il momentaneo vantaggio del Bologna che si aggiudicherà la partita finita 2-0. L'11 aprile 2010 mette a segno il secondo gol rossoblu in occasione di Bologna-Lazio poi terminata (2-3); tifoso della Lazio, in occasione della segnatura trattiene l'esultanza,[12] comportamento che, in un momento di difficoltà per la compagine rossoblu, gli è causa di critiche provenienti dalla tifoseria bolognese.[13] Segna in Coppa Italia contro il Padova, dove la sua squadra batte gli avversari per 2-1.

Il 16 dicembre 2012, al rientro dopo quattro mesi di squalifica per il calcioscommesse, realizza il suo primo gol stagionale che si rivela decisivo nella vittoria per 3-2 del Bologna a Napoli.

Il ritorno al Genoa[modifica | modifica sorgente]

Il 30 gennaio 2013 si trasferisce a titolo definitivo al Genoa.[14][15] Il 17 marzo 2013 segna a Firenze il suo unico gol stagionale con la maglia dei grifoni nella partita persa 3-2 contro la Fiorentina[16]. Conclude la stagione al Genoa con 15 presenze e quel gol.

In seguito al ritiro di Marco Rossi, il 1º agosto 2013 diventa il nuovo capitano della squadra[17]. Il debutto stagionale avviene il 17 agosto 2013 in occasione della sconfitta ai calci di rigore, dopo il 2-2 dei tempi regolamentari, in Coppa Italia contro lo Spezia. Esordisce poi in campionato il 25 agosto successivo, nella trasferta di Milano contro l'Inter. Il 10 novembre 2013 segna il suo primo (e unico) gol stagionale, firmando il momentaneo 1-0 nella sfida casalinga vinta poi 2-0 contro l'Hellas Verona[18] Conclude la stagione con 21 presenze e un gol.

L'11 luglio 2014 il presidente del Genoa Enrico Preziosi lo definisce un giocatore cedibile, fuori dal progetto della squadra per la nuova stagione, e che non sarà il capitano del Genoa dato che la fascia passerà a Luca Antonelli[19]. Di conseguenza, il 14 luglio seguente non viene convocato dall'allenatore Gian Piero Gasperini per il ritiro del Genoa a Neustift im Stubaital (Austria)[20][21].

Il ritorno al Messina[modifica | modifica sorgente]

Dopo essere stato dichiarato cedibile e fuori dal progetto del Genoa, rescinde il contratto con la squadra ligure e l'1 settembre 2014 si accasa, durante l'ultimo giorno di mercato, all'Acr Messina di Pietro Lo Monaco. Per lui si tratta di un ritorno in Sicilia dopo 11 anni.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 18 maggio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1997-1998 Italia Fermana C1 20 1 CI-C 0 0 - - - - - - 20 1
1998-1999 Italia Genoa B 6 0 CI 4 0 - - - - - - 10 0
ago.-set. 1999 Italia Cosenza B 0 0 CI 3 0 - - - - - - 3 0
set. 1999-2000 Italia Avellino C1 9 0 CI-C - - - - - - - - 9 0
2000-2001 Italia Messina C1 33+3[22] 1 CI-C 0 0 - - - - - - 36 1
2001-2002 B 18 0 CI 1 0 - - - - - - 19 0
2002-2003 B 34 4 CI 1 0 - - - - - - 35 4
Totale Messina 85+3 5 2 0 - - - - 90 5
2003-2004 Italia Napoli B 31 0 CI 1 0 - - - - - - 32 0
2004-2005 Italia Siena A 26 4 CI 0 0 - - - - - - 26 4
2005-2006 A 31 0 CI 2 1 - - - - - - 33 1
2006-2007 A 28 2 CI 2 1 - - - - - - 30 3
2007-2008 A 37 1 CI 0 0 - - - - - - 37 1
2008-2009 A 36 1 CI 1 1 - - - - - - 37 2
Totale Siena 158 8 5 3 - - - - 163 11
2009-2010 Italia Bologna A 36 2 CI 0 0 - - - - - - 36 2
2010-2011 A 33 1 CI 1 0 - - - - - - 34 1
2011-2012 A 34 3 CI 1 1 - - - - - - 35 4
2012-gen. 2013 A 5 1 CI 2 0 - - - - - - 7 1
Totale Bologna 108 7 4 1 - - - - 112 8
gen.-giu. 2013 Italia Genoa A 15 1 CI - - - - - - - - 15 1
2013-2014 A 21 1 CI 1 0 - - - - - - 22 1
Totale Genoa 42 2 5 0 - - - - 47 2
Totale carriera 453+3 23 20 4 - - - - 475 26

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 88 (5) se si comprendono i play-off.
  2. ^ Gazzetta.it
  3. ^ SCOMMESSE: CONTE EVITA L'ILLECITO sportmediaset.it, 26 luglio 2012
  4. ^ Deferiti 13 club e 45 tesserati in La Gazzetta dello Sport, 27 luglio 2012, p. 32.
  5. ^ "Tre anni e sei mesi a Bonucci", sportmediaset.it, 3 agosto 2012.
  6. ^ Scommesse: le sentenze, sportmediaset.it, 10 agosto 2012.
  7. ^ Scommesse: nuova inchiesta a Bari, sportmediaset.it, 18 agosto 2012.
  8. ^ Scommesse: Conte, nessuno sconto, sportmediaset.it, 22 agosto 2012.
  9. ^ Genoa - Il Portanova stilista è nato all’osteria Ilsecoloxix.it
  10. ^ Barreca Vittorio, Le pagelle di Chievo-Bologna, L'informazione, 1 febbraio 2010.
  11. ^ Ufficiale: Portanova al Bologna, Terzi al Siena Tuttomercatoweb.com
  12. ^ Vittorio Barreca, Le pagelle di Bologna-Lazio, L'informazione, 11 aprile 2010.
  13. ^ Faccia Faccia fra il Bologna e i tifosi, Frassinella Federico, L'informazione di Bologna, 14 aprile 2010.
  14. ^ Portanova al Genoa, 30 gennaio 2013, Bolognafc.it
  15. ^ Portanova torna al Genoa, 30 gennaio 2013, Genoacfc.it
  16. ^ Fiorentina-Genoa: 3-2 gol ed emozioni, per i viola tre punti d'oro Lanazione.it
  17. ^ Portanova: «Orgoglioso della fascia di capitano» Tuttosport.com
  18. ^ Genoa-Hellas Verona 2-0.
  19. ^ Preziosi: «Portanova fuori dal nostro progetto, il capitano è Antonelli» Ilsecoloxix.it
  20. ^ Genoa, inizia il ritiro: Portanova non convocato Gianlucadimarzio.com
  21. ^ Genoa: bagno di folla alla Sciorba. Portanova non convocato Cittadigenova.com
  22. ^ Play-off.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]