Filippo Maniero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Filippo Maniero
Filippo Maniero 2007byFigiu.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 85 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Albignasego Albignasego
Ritirato 2010 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1983
1983-1989
Giallo e Rosso.svg Legnarese
Padova Padova
Squadre di club1
1989-1990 Padova Padova 17 (3)
1990-1991 Atalanta Atalanta 6 (0)
1991 Padova Padova 4 (1)
1991-1992 Ascoli Ascoli 17 (4)
1992-1995 Padova Padova 60 (10)
1995-1996 Sampdoria Sampdoria 25 (6)
1996-1997 Verona Verona 33 (12)
1997-1998 Parma Parma 10 (4)
1998 Milan Milan 13 (3)
1998-2002 Unione Venezia Venezia 116 (54)
2002-2003 Palermo Palermo 31 (13)
2003-2004 Brescia Brescia 18 (1)
2004-2005 Torino Torino 27 (6)
2005 Rangers Rangers 0 (0)
2005-2006 Piovese Piovese  ? (?)
2006-2007 Giallo e Rosso.svg Legnarese  ? (?)
2008-2009 Giallo e Rosso.svg Legnarese  ? (?)
2009-2010 600px Celeste e Bianco.png Casalserugo  ? (?)
Nazionale
1990-1992 Italia Italia U-21 4 (0)
Carriera da allenatore
2007-2008 Piovese Piovese Vice
2010-2011 600px Bianco Rosso e Azzurro.png Maserà
2011-2012 Abano Abano
2013- Albignasego Albignasego
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 gennaio 2014

Filippo Maniero (Legnaro, 11 settembre 1972) è un allenatore di calcio, dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante, allenatore dell'Albignasego.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Filippo Maniero in azione con la maglia del Padova durante la partita contro il Taranto in Serie B.

Cresciuto nella Legnarese[1], ha esordito tra i professionisti il 17 dicembre 1989, nelle file del Padova nella partita di Serie B contro il Licata, conclusasi 0-0. Debutta in Serie A l'11 settembre 1990 con la maglia dell'Atalanta, nella sconfitta 0-2 contro il Milan. Il primo gol arriva un anno dopo, l'8 dicembre 1991, indossando i colori dell'Ascoli.

Nel 1992 torna in Serie B al Padova e vi gioca tre stagioni, ottenendo nel 1994 la promozione in Serie A. Resta quindi in Veneto anche nel successivo campionato, concluso con 31 partite e 9 reti. La stagione successiva la gioca in Serie A con la Sampdoria, che nel settembre 1996 lo cede all'Hellas Verona[1].

Nel 1997 è al Parma, con cui gioca 6 partite in Champions League. Nel gennaio del 1998 si accasa al Milan che lo acquista per 10 miliardi di lire,[2] dove segna 3 volte in 13 incontri[1]. In estate riparte dal Venezia, dove resta quattro anni, di cui uno in Serie B[1].

Seguono numerosi altri cambiamenti di maglia: nel 2002 è ancora in Serie B al Palermo[1], nel 2003 in A al Brescia[1], quindi ancora in B al Torino. Con i granata conquista la promozione in Serie A, annullata poi a tavolino dalla Federcalcio per il fallimento della società[3].

Rimane allora disoccupato, fino a quando arriva l'offerta dei Rangers Glasgow, che decide di accettare. Dopo quaranta giorni senza alcuna convocazione nemmeno per la panchina rescinde il contratto[4] e si accasa alla Piovese, in Eccellenza e la porta in serie D[5].

Nel 2006 gioca con la Legnarese la piccola squadra del suo paese natale in cui ha iniziato la carriera di calciatore[6][7][8].

Al termine della stagione 2006-2007 decide di smettere con il calcio giocato, per via di un problema al ginocchio destro.[9]

Dopo l'esperienza da vice-allenatore nella Piovese di Valeriano Fiorin e dopo aver subito un intervento al ginocchio destro, decide di tornare in campo nella stagione 2008-2009 sempre con la Legnarese.[10]

Nel novembre 2009 passa al Casalserugo in Prima Categoria[11]. Alla fine della stagione 2009-2010 si ritira cominciando quella di allenatore.

L'addio al calcio professionistico[modifica | modifica sorgente]

Il 7 aprile 2008, allo Stadio Euganeo di Padova Maniero dà l'addio al calcio giocato insieme all'amico e collega Ivone De Franceschi con una partita a scopo benefico. Alla manifestazione dal nome "Padovani sempre" hanno partecipato colleghi, ma soprattutto amici dei due, tra i quali Alessandro Del Piero, Álvaro Recoba, Francesco Toldo, Giuseppe Galderisi, Angelo Di Livio, Amauri, Fabio Quagliarella, Nicola Legrottaglie, David Di Michele, Gianluca Falsini, Ciro Ferrara e molti altri[12].

Nonostante avesse dato l'addio al calcio professionistico, continuò a giocare in quello dilettantistico.

Beach soccer[modifica | modifica sorgente]

Dopo il ritiro dal calcio professionistico, si è dedicato anche al beach soccer, come giocatore dell'Italia Beach Soccer, una rappresentativa nazionale formata per lo più da ex calciatori professionistici, che partecipa a tornei della Beach Soccer Golden League[13].

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Conta quattro presenze nella Under-21, nel biennio 1990-1992. Ha esordito il 26 settembre 1990 nella vittoria 1-0 sull'Olanda.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Nel 2007 diviene vice-allenatore e osservatore tecnico del settore giovanile[14] della Piovese di Valeriano Fiorin. Inoltre prende il patentino di base da allenatore.[7]

Nella stagione 2010-2011 allena il Maserà, squadra di Maserà di Padova in Provincia di Padova che milita in Prima Categoria.[15][16]

Nel giugno 2011 viene chiamato a guidare l'Abano formazione di Abano Terme che milita in Eccellenza.[17] Debutta sulla panchina nero-verde il 31 agosto nella partita persa per (1-0) contro la Vigontina, valida per la Coppa Italia di categoria.[18][19] Il 7 novembre 2012 viene esonerato dopo aver perso 2-0 contro il Villafranca Veronese (terza sconfitta nelle ultime cinque gare).[20][21]

Il 16 dicembre 2013 l'Albignasego, società della Provincia di Padova che milita in Prima Categoria, lo chiama a guidare la prima squadra in sostituzione del dimissionario Giuseppe Crivellaro.[22] Debutta in campionato il 12 gennaio con una sconfitta per 3-2 contro il Borgoricco.[23]

Dirigente[modifica | modifica sorgente]

Il 28 febbraio 2013 entra nel neonato Legnaro Calcio in qualità di dirigente facendo parte del direttivo,[24] come responsabile dei campi da gioco.[25]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Panini, 2003-04, op. cit..
  2. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 14 (1997-1998), Panini, 6 agosto 2012, p. 10.
  3. ^ Cimminelli chiude il capitolo sul fallimento del Toro calcio in La Repubblica, 21 febbraio 2006, p. 16 sezione:Torino. URL consultato il 20 marzo 2010.
  4. ^ (EN) Maniero chooses early Ibrox exit in BBC Sport, 12 ottobre 2005. URL consultato il 20 marzo 2010.
  5. ^ Piovese con la serie D nel... Sacco in Il Mattino di Padova, 20 giugno 2006, p. 46. URL consultato il 20 marzo 2010.
  6. ^ Matteo Bruschetta, Pippo Maniero ha deciso «Vado alla Legnarese» in Il Mattino di Padova, 16 luglio 2006, p. 43. URL consultato il 20 marzo 2010.
  7. ^ a b PIPPO MANIERO «Senza calcio non so stare e ho scelto la Legnarese» in Il Mattino di Padova, 25 settembre 2008, p. 36. URL consultato il 20 marzo 2010.
  8. ^ Federico Franchin, Ginocchio okay Maniero riparte con la Legnarese in Il Mattino di Padova, 17 agosto 2009, p. 23. URL consultato il 20 marzo 2010.
  9. ^ Gerardo Muollo, Pippo Maniero, stavolta è proprio addio in Il Mattino di Padova, 24 luglio 2007, p. 45. URL consultato il 21 dicembre 2013.
  10. ^ Alessandro Mazzon, Pippo: «Torno in campo» in Il Mattino di Padova, 7 luglio 2008, p. 26. URL consultato il 21 dicembre 2013.
  11. ^ Maniero riparte da Casalserugo in Il Mattino di Padova, 30 novembre 2009, p. 26. URL consultato il 20 marzo 2010.
  12. ^ Stefano Edel, Parata di stelle con Del Piero, Amauri e Recoba per l'addio al calcio di Maniero e De Franceschi in Il Mattino di Padova, 08 aprile 2008. URL consultato il 20 marzo 2010.
  13. ^ Calcio da spiaggia: nei lidi esplode il beach soccer
  14. ^ Vigontina: sì di Sabatini, Pistore forse in Il Mattino di Padova, 02 luglio 2007. URL consultato il 21 dicembre 2013.
  15. ^ Stefano Loverro, Federico Franchin, Pippo Maniero allenatore del Maserà in Il Mattino di Padova, 23 giugno 2010, p. 33. URL consultato il 9 luglio 2010.
  16. ^ PIPPO MANIERO, VIA LE SCARPE DA CALCIO. PER LUI ARRIVA UNA PANCHINA...
  17. ^ Gianni Biasetto, Abano sarà il mio trampolino in Il Mattino di Padova, 02 giugno 2011. URL consultato il 5 settembre 2011.
  18. ^ Vigontina-Abano 1-0 carta.ilgazzettino.it
  19. ^ Nei derby di Coppa sorride la Vigontina, pari a Piove mattinopadova.gelocal.it
  20. ^ Matteo Lunardi, Maniero esonerato, manca solo l’annuncio in Il Mattino di Padova, 07 novembre 2012. URL consultato il 19 novembre 2012.
  21. ^ Abano, via Pippo Maniero! Per la panchina ipotesi Brocca o Santi... in Venetogol, 02 giugno 2011. URL consultato il 5 settembre 2011.
  22. ^ Federico Franchin, Cambio di panchina: si dimette Crivellaro e arriva Pippo Maniero in Albignasego Calcio, 16 dicembre 2013. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  23. ^ Federico Franchin, Albignasego-Borgoricco 2-3 in Albignasego Calcio, 12 gennaio 2014. URL consultato il 18 gennaio 2014.
  24. ^ Martina Maniero, C’è Pippo Maniero a guidare il neonato Legnaro. Ai genitori: «Contiamo sui vostri ragazzi» in Il Mattino di Padova, 2 marzo 2013. URL consultato il 16 luglio 2013.
  25. ^ Staff in asdlegnarocalcio.it. URL consultato il 6 gennaio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]