Ternana Calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ternana Calcio
Calcio Football pictogram.svg
Ternanastemma.png
Fere, Rossoverdi
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Rosso e Verde (Strisce).png rosso-verde
Simboli Viverna
Inno Noi siamo la Ternana
CambiaRitmo
Dati societari
Città Terni
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie B
Fondazione 1925
Rifondazione 1935
Rifondazione 1945
Rifondazione 1993
Proprietario Italia Edoardo Longarini
Presidente Italia Francesco Zadotti
Allenatore Italia Attilio Tesser
Stadio Libero Liberati
(22.000 posti)
Sito web www.ternanacalcio.com
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato di Serie B
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce
« Poche volte si è visto assomigliare una squadra al proprio ambiente come è avvenuto a Terni. »
(Maurizio Barendson[1])

La Ternana Calcio, meglio conosciuta come Ternana, è una società calcistica italiana con sede nella città di Terni. Fondata nel 1925, milita in Serie B.

Si tratta di una delle formazioni più vincenti dell'Umbria: al suo nome è legata la prima promozione assoluta di una squadra della regione nella massima serie del campionato italiano, nella stagione 1971-1972. Nella sua storia, il club rossoverde conta 2 partecipazioni alla Serie A e 26 in seconda serie, annoverando nel palmarès la conquista di 13 titoli (1 a livello nazionale, 10 in ambito interregionale e 2 a livello regionale).

La compagine e i suoi calciatori sono noti col soprannome di Fere («belve» o «bestie» in dialetto ternano), adottando come simbolo societario la figura mitologica della Viverna (identificata, nell'araldica locale, come il Drago Thyrus). Sono inoltre degni di nota i suoi colori sociali, il rosso e il verde, un accostamento cromatico molto raro in ambito internazionale[2] e quasi unico tra i confini italici.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni e le due guerre[modifica | modifica wikitesto]

Il calcio a Terni nasce nei primi anni del Novecento, quando un gruppo di giovani studenti si riunisce settimanalmente, per sfidare alcune compagini dell'hinterland umbro. Viene costituita una società, non affiliata alla Federazione Italiana del Football, e si gioca senza stilare calendari o programmi, presso l'area del Foro Boario, accanto al Ponte Romano. Sono gli anni del pionierismo, quando bisognava aspettare la fine della fiera per utilizzare lo spiazzo disponibile. Spesso i giocatori erano gli atleti della Palestra Garibaldi, che lasciavano gli attrezzi e si dedicavano a questa nuova moda. Tra gli altri si ricordano Filippo Mangiavecchi ed Emiliano Abate, che anni dopo saranno tra i promotori della nascita di una vera e propria società, che viene creata però solo nel 1915, e porta il nome di Interamna Football Club, in onore del nome latino della città. Tra i giocatori della rosa, c'è da segnalare anche Carlo Farini, che poi diventerà parlamentare nel secondo dopoguerra.

Con l'avvento della Prima guerra mondiale la possibilità di giocare questo nuovo sport si ferma, per riprendere subito dopo la fine delle ostilità. La passione è tanta, nascono due diverse società: l'Unione Calcistica Ternana nel 1918 e il Terni Football Club nel 1920, che per la prima volta adotta le maglie a strisce rosse e verdi. Per cinque anni si giocano partite amichevoli e tornei locali fino al 1925, quando il Terni FC gioca il primo torneo ufficiale, la Terza Divisione regionale, che i rossoverdi vincono e, insieme alla Tiferno di Città di Castello, vengono promossi in Seconda Divisione. L'entusiasmo porta in quello stesso anno alla costruzione dell'impianto di Viale Brin, ad opera della stessa società, che viene inaugurato il 19 luglio con una partita contro il già citato Tiferno, finita 1-1, che darà la promozione ad entrambe le squadre.

La formazione dell'Unione Sportiva della Società Terni che vinse le finali meridionali della Seconda Divisione 1926-1927, salendo di categoria. Da questa stagione, fino al termine del decennio, la squadra ternana adotterà come prima divisa una maglia gialla con dettagli azzurri, in omaggio ai colori della neocostituita provincia di Terni.

Nell'ottobre del 1925, avviene quindi l'inevitabile accorpamento del Terni FC e dell'UC Ternana nella nuova squadra dell'Unione Sportiva Terni, evento che viene indicato come atto di nascita dell'odierna Ternana (2 ottobre 1925). Sono le origini del sodalizio rossoverde, sceso per la prima volta in campo in un torneo regolare il 18 aprile del 1926 (Perugia-Terni 1-3); la squadra vince subito il girone e viene promossa nel campionato di Seconda Divisione. Dopo un solo anno d'attività, l'US Terni si fonde a sua volta con il Football Club Terni, dando vita all'Unione Sportiva della Società Terni che nel 1926-27 gioca un altro torneo d'avanguardia; si va ad uno spareggio finale al Motovelodromo Appio di Roma contro il Savoia, che viene battuto 1-0 con conseguente promozione nel campionato di Prima Divisione. Intanto la squadra, per celebrare l'istituzione della provincia di Terni, inizia a giocare con una divisa gialla e azzurra, i due colori raffigurati nello stemma e nel gonfalone provinciale. Nella stagione seguente la squadra stupisce ancora arrivando in seconda posizione in campionato, a pari merito con la Fiorentina; dovrebbe disputare uno spareggio per la promozione in Serie A, ma deve rinunciare a giocare la partita per una sopraggiunta crisi economica, e rimane così in Prima Divisione.

Nel 1928-29 si assume il titolo di Polisportiva Fascista Ternana, che però si scioglie dopo una sola stagione, lasciando liberi i propri giocatori. Sembra la fine prematura del calcio a Terni, e invece nel 1929-30 si riparte grazie ai fratelli Bosco, nomi mitici per l'industria ternana. Con il Thyrus sul petto, la squadra ricomincia dalla Prima Divisione, col nome di Terni Foot Ball Club e soprattutto col ritorno alle magliette rossoverdi; si mettono a segno "colpi di mercato", e sembra l'inizio di una stagione sfolgorante, invece a metà del suo svolgimento il consiglio direttivo si dimette. Anche nell'anno dopo la crisi si acuirà, nonostante un nuovo cambio di nome (questa volta Associazione Calcistica Ternana). Come avverrà più di una volta nel corso della sua storia, si arriva a quello che al fallimento: dal 1933 al 1934 non si gioca, se non qualche amichevole.

Polisportiva Fascista Mario Umberto Borzacchini fu il nome assunto dalla Ternana nel periodo compreso tra le stagioni calcistiche 1934-35 e 1942-43. La scelta derivò dalla volontà di dedicare al campione di automobilismo ternano Mario Umberto Baconin Borzacchini la squadra di football cittadina dopo la morte del pilota sul circuito di Monza, avvenuta nel 1933. Promossa in Serie C nella stagione 1937-38, sotto la guida dell'allenatore ungherese Béla Károly, la squadra sfiorò poi per due volte la Serie B nelle stagioni 1940-41 e 1942-43, rispettivamente con Guido Gianfardoni, morto prematuramente, e Gino Rossetti nel ruolo di allenatore. Da segnalare come, sotto tale denominazione, la Ternana si aggiudicò la Coppa dell'Italia Centrale nella stagione 1937-38 battendo in finale la Sambenedettese con il risultato di 2-1 (gara disputata sul neutro di Ancona il 24 luglio 1938). Da sottolineare inoltre la vittoria in amichevole contro la Roma proprio nella stagione in cui i giallorossi vinsero il loro primo scudetto.

E poi arriva la Seconda guerra mondiale, con i 108 bombardamenti che distruggono Terni e molte vite; il pallone è solo l'ultimo dei pensieri.

Dal secondo dopoguerra agli anni sessanta[modifica | modifica wikitesto]

L'undici rossoverde (che qui indossa la seconda maglia bianca sbarrata) primo classificato nel girone C della Serie C 1967-1968

Nell'estate del 1945 si tenta la ricostruzione in discontinuità con l'anteguerra,[4] e la società viene ripescata in Serie B dopo aver ben figurato nella stagione 1945-46. Nel 1946-47 la Ternana manca la Serie A di un soffio, preceduta in classifica solo dalla Salernitana di Gipo Viani, mentre l'anno successivo si vede retrocedere in Serie C in seguito alla riduzione dei quadri per il torneo cadetto. È l'inizio di una crisi dalla quale non sarà facile uscire, che sfocia nella stagione 1949-50 con la caduta in IV Serie, nonostante un nome prestigioso in panchina come quello di Gino Colaussi.

Si pensa che sia la fine dell'attività agonistica, ma l'anno dopo si dà mandato al sindaco, Luigi Michiorri (in una sorta di Lodo Petrucci ante litteram), di formare una nuova società. Il peggio sembra passato, ci si arrangia con volenterosi giovani locali e la stagione è salva. L'anno successivo si decide di vendere i migliori e si allestisce una squadra giovanissima, con il capitano Orlando Strinati che subentra in corsa nel doppio ruolo di allenatore-giocatore, ma talmente inesperta e arrangiata da finire addirittura in Promozione regionale. Sono due anni di inferno, segnati addirittura da un derby cittadino con la Bacigalupo del quartiere Matteotti, cosicché bisogna aspettare il 1954-55 per riassaporare la IV Serie e far tornare un po' di entusiasmo intorno ai rossoverdi.

Giorgio Taddei, presidente nei primi anni settanta della Ternana per la prima volta in massima serie.

Si ricostituisce una buona società, allenata da Rodolfo Latini e Corrado De Sio, si allestisce una buona squadra anche se poi alla fine ci si salva vincendo il doppio spareggio con i sardi del Calangianus, grazie anche ad un rigore parato dal portiere Mariano Pazzi nella prima sfida disputata a Civitavecchia. Nel 1956-57 si respira aria nuova, la squadra è buona ma non si va più in là di un'onesta metà classifica. È sempre Corrado De Sio a guidare il sodalizio rossoverde, ma le difficoltà non riescono ad essere superate e nel 1959 si trova costretto a rimettere il tutto nelle mani del sindaco Ezio Ottaviani. Dopo un anno di transizione, con l'aiuto di Renato Alpini la squadra riesce a confermarsi nella IV Serie.

Una prima svolta avviene nel 1961-62, quando è l'onorevole Filippo Micheli ad affidare la presidenza a Renzo Nicolini, allora giovane avvocato, che poi diventerà Presidente dell'Istituto per il credito sportivo. Nel 1964 arriva così la promozione in Serie C, grazie alla vittoria all'ultima giornata contro la Jesina: tecnico di quell'impresa è Riccardo Carapellese. È in quel periodo che viene coniato il soprannome Fere.

L'approdo in Serie B[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione seguente la matricola Ternana sfiora la Serie B, che arriverà finalmente il 23 giugno del 1968. Artefici di quella impresa furono, tra gli altri, Germano, Bonassin, Pandrin, Liguori, Marinai, Nicolini, Meregalli, Cardillo, Sciarretta, con alla guida tecnica il Profeta, Corrado Viciani.[5] Intanto, la Ternana fu trasformata in società per azioni il 25 giugno 1968.

L'anno successivo, l'altro grande evento: l'inaugurazione del nuovo Stadio Libero Liberati, con la partita disputata il 24 agosto 1969 tra la Ternana e i brasiliani del Palmeiras, vinta dai sudamericani per 3-1.[5]

Anni settanta[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco corto e la storica promozione in Serie A[modifica | modifica wikitesto]

« Il gioco della Ternana dava la sensazione di fluire con la semplice naturalezza di una forza della natura, come il salto d’acqua della cascata delle Marmore, e la squadra di Viciani ha finito per incantare tutti. »
(Francesco Rossi, Il Messaggero, 1972[1])

Seguiranno quattro anni di gavetta tra i cadetti, e in una di queste stagioni la squadra sarà guidata, sotto la presidenza di Giorgio Taddei, da Luis Vinicio che iniziava allora la sua carriera di allenatore, prima della storica ascesa alla massima serie, ottenuta con la netta vittoria sul Novara (3-1) il 18 giugno 1972, che spalanca ai rossoverdi le porte della Serie A, storico traguardo mai raggiunto fino ad allora da nessuna squadra dell'Umbria. I protagonisti dell'impresa: Migliorini, Geromel, Cardillo, Marinai, Cucchi, Mastropasqua, Benatti, Rosa, Jacolino, Zeli, Russo, Valle; dall'ottava giornata si ritrovano soli in testa e ci resteranno fino a fine campionato.

La Ternana artefice della vittoria del campionato di Serie B 1971-1972 e della conseguente prima promozione in A della sua storia. Fu al contempo la prima volta assoluta in massima serie per una squadra dell'Umbria.

I meriti del prestigioso risultato, oltre ai 18 atleti che compongono l'organico, sono principalmente da attribuire al credo tattico del tecnico Corrado Viciani – teorico di quel gioco corto che, basandosi sul possesso palla, sul pressing alto e sul continuo scambio di fraseggi e sovrapposizioni tra gli undici della squadra, ubriaca gli avversari e manda in tripudio un'intera città;[5] nel panorama calcistico nazionale dei primi anni settanta, ancora dominato dai lanci lunghi e dal contropiede, la Ternana è uno dei primi club italiani a proporre con successo questo moderno sistema tattico, figlio del calcio totale in quel periodo ai suoi massimi livelli.[6] Viciani fece di necessità virtù, con una squadra di "gregari" in una città operaia per antonomasia:

« Quella Ternana [...] ha stregato sia gli amanti del calcio che gli "addetti ai lavori", ma la cosa più importante è che ha fatto sognare una città che se lo meritava, mettendo sul campo un'umiltà e una determinazione tipicamente operaie, quando ancora si poteva parlare di classe operaia e quando questa poteva sentirsi in paradiso.[1] »

Fatto sta che i tifosi rossoverdi sono in tripudio, dopo anni di bocconi amari si respirerà aria di Serie A, di grande calcio; l'euforia durerà solo una stagione, visto che il campionato seguente si chiude all'ultimo posto, troppo inesperta era la squadra. È da ricordare la prima partita di quella stagione 1972-73, che vedeva scendere al Liberati il Milan di Gianni Rivera: finì 0-0 con la Ternana più volte vicina ad una clamorosa vittoria, e i rossoneri ubriacati dal gioco corto di Viciani.

Corrado Viciani, il tecnico del gioco corto che guidò i rossoverdi alla prima promozione assoluta in Serie A, assieme a Romano Marinai, storico capitano e bandiera della Ternana, che in otto stagioni portò dalla terza serie fino alla massima categoria.

Guidata da Enzo Riccomini, presidente Giorgio Taddei, con Salvatore Garritano in squadra, seguita sempre da un gran numero di tifosi (in 10.000 a Firenze per giocare in campo neutro contro il Como), nel campionato cadetto 1973-74 la squadra conquista immediatamente la risalita nella massima serie, in compagnia dell'Ascoli e del Varese, piazzandosi al terzo posto.

Ma anche il secondo e ultimo campionato di Serie A della Ternana si concluderà, al termine della stagione 1974-75, con un'amarissima retrocessione, con la vana consolazione di aver affrontato tutte le grandi sempre a viso aperto.

La fine dell'esperienza in massima serie[modifica | modifica wikitesto]

Si riprova la risalita, ma i campionati seguenti non saranno forieri di successi, nemmeno quando alla guida della squadra viene chiamato Edmondo Fabbri, nel 1976. Visto il non brillante cammino della squadra, a sostituire il Coreano arriverà addirittura Cesare Maldini. Ma gli ex allenatori azzurri non portano bene ai rossoverdi che si ritrovano ad un passo dalla retrocessione. Il "Cesarone" nazionale viene sostituito da un tecnico locale, Omero Andreani, ex della Ternana operaia anni cinquanta-sessanta che si dimenava in IV Serie al Viale Brin. A tre giornate dalla fine, il Catania vanta cinque punti di vantaggio, ha due partite esterne e lo scontro diretto contro le Fere. Le perderà tutte, la Ternana riesce a vincere proprio al Cibali, oltre che le due gare interne, e si salva per un punto.

L'anno dopo la squadra è guidata da Rino Marchesi, e chiude a soli due punti dalla terza promozione in Serie A. L'anno successivo la squadra è guidata da Renzo Ulivieri, in porta gioca Giulio Nuciari. È una stagione di transizione, visto che l'anno dopo la società passa nelle mani di Adriano Garofoli (che sarà anche presidente della Confindustria Umbra negli anni duemila), e la guida tecnica è affidata a Pietro Santin prima e Omero Andreani poi. In quest'anno la squadra retrocede in Serie C1 e contestualmente arriva in semifinale di Coppa Italia sconfitta dalla Roma, dopo aver eliminato, nell'ordine, Fiorentina, Hellas Verona e Napoli; a fine stagione diversi giocatori vengono ceduti proprio a società di Serie A.

Anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Una formazione rossoverde della stagione 1979-1980, retrocessa in C1 ma semifinalista di Coppa Italia.

Gli anni ottanta saranno ricordati come gli anni più difficili: era strano piombare di nuovo nei campi della provincia dopo aver calcato i palcoscenici più importanti. La squadra si dimena tra la C1 e la C2, e ogni stagione è caratterizzata da repentini cambiamenti di allenatori, giocatori e dirigenti. Nel 1983, mentre infuria la cassaintegrazione, un rigore negato induce Il Messaggero a chiedersi se esista "un disegno per colpire ormai questa città e questa società".[7]

Tornano sulla panchina sia Viciani sia Andreani, ma i risultati stentano ad arrivare. Torna anche Giorgio Taddei, presidente ai tempi della Serie A, in squadra gioca un giovane Stefano Colantuono ma sono campionati mediocri, sempre sull'orlo della retrocessione, che alla fine arriva nel 1985-86. Dopo anni di successi, la società è allo sbando, i tifosi sfiduciati, la città distante dalla squadra.

Quando sembra che non sia possibile l'iscrizione al torneo successivo, arriva a Terni un imprenditore romano, Domenico Migliucci. La fiducia sembra tornare, la campagna acquisti è di tutto rispetto, arrivano a Terni nomi del calibro di Paolo Di Canio, Vincenzo D'Amico e Domenico Di Carlo, ma alla penultima di campionato la sconfitta a Pesaro contro la Vis relega i rossoverdi al terzo posto. L'anno dopo si rischia di precipitare nei dilettanti, e solo con una vittoria sul Martina il rischio è evitato. Migliucci minaccia di abbandonare, si vivono momenti di angoscia dovuta al malgoverno calcistico cittadino, basato su debiti, mancate promesse e comportamenti eccentrici: basti pensare all'organizzazione di un pranzo al sacco allo stadio prima di un incontro o al servizio di nursery da offire alle mamme-tifose. Il fallimento avviene il 12 dicembre 1987, e il campionato è concluso grazie alla curatela fallimentare di Alfiero Vagnarelli, che tra l'altro permette alla squadra di salvarsi dalla retrocessione.

La squadra che nel 1988-1989 ottenne il ritorno in C1, battendo ai rigori il Chieti nello spareggio-promozione. Come già accaduto per gran parte dell'annata, anche in quest'occasione la Ternana scese scaramanticamente in campo rinunciando alla sua tradizionale divisa rossoverde, optando per un particolare completo biancorosso.

Nel 1988-89 appare all'orizzonte una nuova cordata, portata in città da Ernesto Bronzetti e guidata da Gaspare Gambino. Con Claudio Tobia come allenatore e una squadra costruita in extremis con molti giocatori, almeno sulla carta, sul viale del tramonto avviene il miracolo; il campionato è dominato da tre squadre: Ternana, Fidelis Andria e Chieti, che impattano a 48 punti a fine stagione. Si ricorre alla classifica avulsa, per la quale i pugliesi sono subito promossi, mentre umbri e abruzzesi dovranno giocarsela con un'ulteriore partita. Può così chiudersi in grande il decennio con lo spareggio tra la Ternana e il Chieti, giocato allo Stadio Dino Manuzzi di Cesena che, di fronte a 2.000 teatini e 14.000 ternani impazziti di gioia, regala la Serie C1 ai rossoverdi dopo i tiri di rigore. La stagione seguente inizia con la solita suspense, la squadra si iscrive in extremis confermando però in blocco i protagonisti della partita di Cesena. La squadra parte bene, è terza quando mancano poche giornate al termine, poi perde in casa per 2-4 contro la Casertana.

Anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

La ripresa e il fallimento[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato 1990-91 è ugualmente denso di successi nella prima parte, poi il Nola rifila cinque gol ai rossoverdi. Gambino lascia, e nel 1991-1992 passa la mano a Rinaldo Gelfusa, imprenditore ciociaro che non lesina finanze per mettere in piedi una società competitiva. Allenatore è Roberto Clagluna, la squadra viene radicalmente cambiata con l'arrivo di quasi tutti nuovi giocatori. La piazza è esaltata dalle vittorie contro il Perugia in entrambi i derby e la Ternana non lascia il primo posto fino alla fine. Con un gioco abbastanza difensivo (tutte le vittorie, tranne quelle con Barletta e Andria, avverranno per 1-0) ma che fa impazzire i tifosi (Clagluna lasciava sfogare gli avversari e poi quando calavano le difese, arrivava puntuale il gol dei rossoverdi), il 17 maggio 1992 arriva la Serie B grazie alla vittoria contro il Catania. In più, al termine del campionato, l'Andria precede il Perugia e per i tifosi la festa è doppia. Sembra l'inizio di un cammino radioso e invece giunge come una mazzata il fallimento, questa volta definitivo.

La Ternana del 1991-1992 che vinse il girone B della Serie C1 e conquistò, dopo un'attesa di dodici anni, la promozione in cadetteria.

Il fallimento giunge durante il campionato 1992-93; una stagione a dir poco disastrosa, sebbene iniziata benissimo: arrivano in rossoverde Giuseppe Taglialatela e Sandro Tovalieri, i tifosi iniziano a sognare. Una sera d'agosto, mentre la squadra è in ritiro a Norcia, è arrivata una notizia tremenda: i bonifici dei giocatori neo-acquistati non sono mai neanche partiti da Terni, in più esce fuori un debito di 100 milioni di lire e dunque tutti i nuovi giocatori vengono rispediti alle vecchie società di appartenenza. Il campionato comunque inizia, ma la squadra è condannata sin dal principio al ritorno in C1. I rossoverdi ottengono appena 4 vittorie e solo un contributo del comune di Terni per garantire l'esercizio provvisorio consentirà alla Ternana di terminare il campionato e di evitare la radiazione a torneo in corso come accaduto nello stesso anno all'Arezzo. Il gruppo di imprenditori che rileverà dall'asta fallimentare il team rossoverde nonostante avesse fornito garanzie sul riequilibrio economico della Ternana si vide costretto a farla iscrivere dalla Serie D.

Nel 1993-94, dunque, la Ternana affronterà squadre del comprensorio umbro, laziale e abruzzese. Da ricordare i "derby" contro le squadre dei comuni dell'hinterland perugino (spesso giocati allo Stadio Renato Curi) e la quasi stracittadina contro la Narnese. Sostenuta da un pubblico comunque numeroso, non riuscirà, pur partendo con i favori del pronostico, a vincere il campionato e dunque assicurarsi la promozione. Anzi, dietro al Teramo giungerà proprio la Narnese e la Ternana dovrà subire l'onta di non essere nemmeno la prima squadra della Provincia.

L'anno successivo, sotto la presidenza Fedeli, con un pubblico che nonostante le vicissitudini seguirà sempre le sorti dei rossoverdi, è la Viterbese a sbarrare la strada alla Ternana e di quella stagione è da ricordare l'altro derby provinciale con l'Orvietana. A fine stagione però, grazie al ripescaggio, arriva comunque la promozione in Serie C2.

Roberto Borrello, tra i protagonista a metà anni novanta della cavalcata rossoverde dai dilettanti al professionismo.

Nel 1995-96 la squadra fa un gran campionato, arriva terza dietro Treviso e Livorno, ma deve arrendersi ai play-off contro la Fermana a causa di una rete di Pennacchietti subita nel recupero della gara di ritorno a Terni (al termine della quale ci saranno gravi incidenti fuori dallo stadio, con un ragazzino di dieci anni ferito).

L'anno successivo, con la presidenza di Alberto Gianni e Luigi Delneri come allenatore, arriva il salto in Serie C1. È un campionato dominato dalla Ternana che viene inseguita inutilmente prima dalla Maceratese e poi dal Livorno, con sorpassi al vertice e tesi scontri diretti. La svolta arriva dopo la sconfitta subita a Macerata per 3-2, alla quale seguiranno ben otto vittorie consecutive, tra cui quella contro l'Iperzola che, contestualmente al pari del Livorno nel derby contro il Pisa, permetterà ai rossoversi di agganciare il primo posto solitario e non lasciarlo più fino alla vittoria finale sul campo del Fano, con ottomila ternani in festa.

Il ritorno in Serie B[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione successiva, sempre con Delneri e, dapprima con Gianni e poi con Luigi Agarini come presidenti, arriva la promozione dalla Serie C1 alla Serie B. In due anni dunque, la Ternana ha compiuto il doppio salto. Il campionato era partito con l'intenzione di arrivare il più possibile vicino ai play-off, senza pretendere troppo. Ma la squadra si rivelò essere di prim'ordine: Giacomo Modica, Cristian Stellini, Cristian Silvestri, Massimo Borgobello, Giovanni Cornacchini ed Ezio Brevi formano l'intelaiatura di quella formazione che se la batte alla pari con il Cosenza e con i cugini del Gualdo, ma che a causa dell'inopinata sconfitta di Catania alla terzultima giornata, dà il via libera ai calabresi e lascia ai rossoverdi la lotteria dei play-off. Poco male però, la promozione viene sancita dalla vittoria nella finale di Ancona contro la Nocerina, davanti a 8.000 Nocerini e 12.000 Ternani, con un gol di Arcadio nei tempi supplementari.

Nella seconda parte degli anni novanta, Luigi Delneri ha conquistato due promozioni consecutive alla guida della Ternana, riportandola in due stagioni dalla C2 alla Serie B.

Il ritorno in Serie B cementa ancor di più l'entusiasmo intorno alle Fere, rispetto all'ultima disastrosa apparizione c'è la consapevolezza che ci sono le possibilità per salvarsi. Delneri intanto è andato all'Empoli e a Terni arriva Antonello Cuccureddu. L'avvio di campionato è buono, arrivano le vittorie storiche contro Torino (2-1 con rete al 90º di Giovanni Tiberi appena entrato) e Napoli, c'è chi inizia a sognare un triplo salto fino in Serie A ma la sconfitta di Pescara per 5-1 fa tornare tutti con i piedi per terra: Cuccureddu viene esonerato e al suo posto torna Delneri che non aveva trovato spazio nello spogliatoio toscano. Ma le cose peggiorano: in nove partite arrivano solo cinque pareggi, Delneri viene allontanato e al suo posto arriva Vincenzo Guerini. Si lotta fino all'ultimo, e grazie ad una sofferta vittoria con l'Andria proprio all'ultima di campionato arriva la salvezza grazie alla doppietta di Massimo Borgobello. Da ricordare l'esodo dei cinquemila ternani a Cesena e degli ottomila a Montevarchi per giocare in campo neutro a seguito della squalifica per il lancio di un oggetto che colpì il medico del Brescia, e di nuovo, il ferimento dell'allenatore dell'Andria colpito da un bullone lanciato dall curva che provocò strascichi che fecero temere per la salvezza stessa. Quell'anno, arrivò in rossoverde un giovane salentino: Fabrizio Miccoli, ma anche Corrado Grabbi.

Anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Per il primo campionato del nuovo millennio, proprio per non rischiare fino all'ultima giornata, viene riconfermato Guerini e gran parte della squadra. Arrivano Daniele Balli e Fabio Artico e dopo quattro giornate addirittura la squadra è prima in solitudine. Il resto della stagione seguirà tra alti e bassi, ci sarà l'intermezzo della Coppa Italia contro il Perugia (con mitraglietta di Stellini per il gol rossoverde al Curi) e alla fine dopo aver sofferto forse un po' troppo arriverà la salvezza, grazie ad una doppietta di Artico nella vittoria esterna di Salerno alla penultima giornata. Intanto Luigi Agarini possiede tutte le quote, e per l'anno successivo si inizia a parlare di scalata alla Serie A. C'è il ritorno di Corrado Grabbi e di Massimo Borgobello, la squadra allenata da Andrea Agostinelli lotta sempre al vertice e grazie al gioco spumeggiante si ritrova ben presto tra le favorite del torneo. Ma le due sconfitte interne contro Torino e Piacenza, che lasciarenno un mare di polemiche a causa di due arbitraggi un po' dubbi relegheranno i rossoverdi al sesto posto.

Il 2001-02 è un anno tra i più turbolenti: la squadra, pur vendendo Grabbi agli inglesi del Blackburn Rovers parte come favorita del torneo. Ma non riesce mai ad imporsi nonostante il ritorno di Ezio Brevi e la definitiva esplosione di Fabrizio Miccoli autore di 15 reti e 16 pali e così alla fine con una assurda sconfitta a Bari si vede retrocessa. Le polemiche divampano, anche perché le dirette concorrenti, il Siena, il Messina e il Cosenza vengono accusate di aver vinto "troppo" facilmente mentre la Ternana si è trovata di fronte un Bari in serata di grazia. Ma le polemiche finiscono presto, poiché visto il fallimento della Fiorentina, la Ternana viene ripescata.

L'anno successivo, dunque, si riparte dalla Serie B con un nuovo allenatore, Mario Beretta e, dopo un campionato nel quale i rossoverdi arrivano a ridosso delle prime (settimo posto con Borgobello autore di 18 reti), per la stagione 2003-2004 arriva Riccardo Zampagna, viene confermato Mario Frick e vengono lanciati Luis Antonio Jimenez e Houssine Kharja. Si comincia anche a parlare di "Città dello Sport", ovvero di tutta una radicale trasformazione dello Stadio, ma anche della piscina e della costruzione del Palazzetto Sportivo, tutto nei pressi dello Stadio Liberati.[8] Alla fine del girone d'andata la Ternana è seconda a un punto dall'Atalanta; dietro, distaccate di molto tutte le altre. È il campionato successivo al Caso Catania, i posti disponibili per la promozione diretta sono cinque, più uno che uscirà dallo spareggio contro la quartultima di Serie A. La squadra inizia quindi a non vincere più, a marzo Agarini lascia tutto all'imprenditore marchigiano Edoardo Longarini, e la squadra, che ormai si sta facendo sorpassare da tutte quelle di vertice, termina il campionato al settimo posto, a 4 punti dalla Fiorentina.

L'attaccante liechtensteinese Mario Frick, punto fermo dei primi anni duemila, è lo straniero più prolifico coi rossoverdi.

Il progetto della Città dello Sport naufraga anche a causa del parere contrario del TAR dell'Umbria[9]. La stagione successiva parte negativamente. Zampagna viene riscattato alle buste dal Messina e Massimo Borgobello va alla Salernitana. La squadra si ritrova penultima (ironia della sorte, ultimo era il Treviso che, dopo una vigorosa rimonta, approderà ai play-off, e dopo il fallimento del Torino e del Perugia, e il declassamento del Genoa, si ritroverà in Serie A), poi inizia a migliorare grazie anche all'arrivo di Gianni Comandini che risolleva le sorti e fa anche sperare in qualcosa di più di una semplice metà-classifica. Ma dopo una bruttissima sconfitta nel derby, il nono posto è il meglio che si può ottenere, con Mario Frick autore di 16 reti.

Confusione societaria e ricaduta in C1[modifica | modifica wikitesto]

Nel campionato 2005-06 la Ternana retrocede in Serie C1, i tifosi accusano la Presidenza dei fallimenti sportivi secondo loro causati dal continuo cambio di dirigenti, amministratori, allenatori, direttori sportivi e dalla messa fuori rosa dei giocatori migliori. Il campionato è pessimo e i tifosi iniziano ad abbandonare lo stadio. La società si è trovata anche in contrasto con l'Amministrazione Comunale per il rinnovo della concessione dello stadio. Il Comune di Terni ha negato più volte il suo benestare per la concessione del Liberati. Nella gara casalinga contro la Salernitana, valida per la quarta giornata di campionato, che si sarebbe dovuta disputare il 25 settembre 2006, i cancelli dello stadio rimasero chiusi: ciò ha determinato per la Ternana la sconfitta a tavolino per 3-0, decisione poi annullata dagli organi sportivi. La ripetizione della partita, disputata più di sei mesi dopo, il 28 marzo 2007, addirittura dopo la gara di ritorno (giocata un paio di settimane prima), vide infine la vittoria della squadra rossoverde. Il sindacato calciatori minacciò di ritardare l'inizio delle partite dei campionati di Serie A e B per protestare contro l'atteggiamento della dirigenza della Ternana nei confronti dei giocatori messi fuori rosa.

A questo proposito, il 19 gennaio del 2007, la trasmissione televisiva de LA7 Le Partite non Finiscono Mai trasmise un lungo servizio in cui si è tentato di dare una spiegazione a questa strana situazione. Dopo qualche tempo alcuni giocatori come Joseph Dayo Oshadogan e Houssine Kharja si sono svincolati dalla società per accasarsi altrove. L'ennesima travagliata stagione (durante la quale si avvicendano in panchina ben quattro allenatori: Favarin, Raggi, D'Urso, Marino) si conclude con la Ternana che riesce a salvarsi all'ultima partita con il Teramo, unica gioia insieme alla vittoria nel derby di una stagione pessima.

La stagione 2007-08 parte con la concessione dello stadio rinnovate per parte dell'Amministrazione Comunale, che ha visto in disaccordo gran parte della cittadinanza, e la Ternana nel Girone A della Serie C1. La prima parte del campionato trascorre tra tante difficoltà. La squadra, la cui guida tecnica è affidata a Francesco Giorgini, non imbocca la strada giusta. Arriva, anzi, alla fine del girone di andata all'ultimo posto in classifica. Il girone di ritorno registra un deciso cambio di rotta, con i rossoverdi che iniziano una incredibile serie positiva rimanendo imbattuti fino alla fine del campionato, il che consente loro di raggiungere una inaspettata salvezza diretta.

La stagione 2008-09 parte con progetti di promozione, grazie anche agli arrivi di Christian Riganò, Fabio Concas, Giorgio Noviello e alle conferme di Romano Tozzi Borsoi, Marco Rigoni e Luigi Sartor. Ma la squadra vede un periodo di crisi nel girone di andata (che peraltro era cominciato molto bene, addirittura nelle prime posizioni in classifica). La maggior parte del campionato viene comunque giocata con la squadra a centro classifica.

Il 29 maggio 2009 l'amministratore unico Stefano Dominicis si dimette lasciando così le redini amministrative, per il momento, al Direttore Amministrativo Simone Montemari. Dopo un mese, nel giugno 2009, Dominicis torna misteriosamente in carica come amministratore unico firmando anche i vari colpi di mercato. Con Baldassari in panchina, la Ternana parte bene ma poi a fine girone d'andata, la squadra avrà un momento buio con 3 sconfitte e un pareggio. Baldassari si dimette sostituito da Domenicali. Nella campagna acquisti di gennaio arrivano Quondamatteo, Hurtado, Negrini, Pietro Balistrieri, Imburgia, Procida, Gabriel Enzo Ferrari.

Il 7 marzo 2010 la società ufficializza l'esonero del tecnico Manuele Domenicali. Il 9 marzo viene ufficializzato il ritorno del tecnico Francesco Giorgini, con un contratto fino al 30 giugno 2010, un anno e mezzo dopo le sue dimissioni. Il suo compito è di riportare la Ternana in Serie B, ma la società conclude la stagione perdendo il posto utile per i play off all'ultima giornata della stagione, contro la Reggiana a Reggio Emilia, dopo aver occupato le prime cinque posizioni per tutte le giornate. Da rilevare che senza la vittoria del Rimini contro l'Hellas Verona alla penultima giornata, arrivata in pieno recupero, i rossoverdi sarebbero comunque approdati ai playoff (con un turno di anticipo) al posto dei romagnoli per via della classifica avulsa, anche in caso di sconfitta a Reggio Emilia.

Anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Avvicendamenti societari e retrocessione sul campo[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo allenatore rossoverde per la stagione 2010-2011 è Renzo Gobbo neovincitore della Serie D alla guida del Montichiari. Il calciomercato estivo inizia con il botto: la Ternana strappa l'attaccante cileno Luis Antonio Jiménez all'Inter, risolvendo a proprio favore la comproprietà tramite le buste offrendo poco più di 3.000.000 di euro contro i 2.000.000 offerti dal club campione d'Europa. Altri arrivi sono il difensore Grieco e i centrocampisti Nitride e Arrigoni. Il 25 agosto 2010 Edoardo Longarini cede la società ad Angelo Deodati che diventa il nuovo patron della Ternana.

Dopo 7 anni, mercoledì 25 agosto 2010, l'intero pacchetto azionario della Ternana Calcio S.p.A. passa da Edoardo Longarini ad Angelo Deodati dopo quasi un mese di trattative.[10] Il 17 settembre 2010 le azioni della Ternana Calcio SpA diventano ufficialmente di Angelo Deodati che il giorno stesso dichiara i primi quadri dirigenziali che vedono egli Presidente, Rosettano Navarra vicepresidente e Vittorio Cozzella Direttore Sportivo con Longarini patron.[11] Dopo appena quattro mesi, il 23 dicembre 2010, Deodati si dimette per incomprensioni con la dirigenza rossoverde e impegni di lavoro improrogabili. A metà gennaio 2011 il dimissionario Deodati torna nell'organigramma sempre nel ruolo di presidente. Il DG è Roberto Renzi e il DS è Antonio Recchi. Un mese dopo Deodati abbandona definitivamente le redini poiché le azioni di Longarini sono sequestrate dalla Procura di Roma e quindi incedibili. Francesco Zadotti, commercialista di Longarini, diventa quindi presidente. Il 15 maggio all'ultima giornata di campionato la Ternana, in vantaggio contro l'Andria BAT per 2-1 fino al 90° si fa segnare due gol (90° e 95°) per l'2-3 finale quindi si piazza 15ª in classifica e dovrà affrontare ai play-out il Foligno per salvarsi.

Il 29 maggio l'andata dei play-out al Blasone di Foligno vede vittoriosi i padroni di casa per 1-0. Nel ritorno, il 5 giugno alla Ternana basta una vittoria con qualsiasi risultato per non retrocedere. Infatti le Fere vanno in vantaggio 1-0 con gol di Sinigaglia ma al 93° il Foligno agguanta il pareggio e la Ternana retrocede in Lega Pro Seconda Divisione.

Dal ripescaggio alla promozione in B[modifica | modifica wikitesto]

Dura solo due mesi (giugno e luglio) l'incubo della Seconda Divisione, infatti il 4 agosto viene ripescata nella ex C1 per completamento organici a causa delle numerose squadre non iscritte, sborsando complessivamente 1.100.000 € alla Lega Pro e FIGC. La stagione 2011-12 riparte con Zadotti presidente, Cozzella direttore sportivo e Domenico Toscano allenatore. Il 25 aprile 2012 la Ternana, grazie alla vittoria per 2-0 (doppietta di Davide Sinigaglia) sulla Reggiana, ottiene la matematica promozione in Serie B con due giornate d'anticipo rispetto alla fine del campionato. La stagione, dopo il ripescaggio in Prima Divisione, è partita dal ritiro estivo in agosto con un gruppo di 12 giocatori, per poi balzare in testa al campionato alla 7ª giornata d'andata (vittoria per 1-0 a Taranto contro la diretta rivale in classifica) fino al termine dello stesso. L'annata vittoriosa dei rossoverdi, che pure non ha portato al primato nella classifica sul campo, ha anche riscoperto il feeling col pubblico del Liberati che, con una media di 5.316 spettatori a partita, ha spinto al successo la squadra. Stabilito anche il record stagionale di spettatori in Lega Pro con 10.206 spettatori: mai così alto, in casa, dal derby del 2004. Qualificata per la supercoppa di Lega di Prima Divisione, affronta lo Spezia vincitrice del girone B. L'andata a Terni finisce 0-0, mentre il ritorno a La Spezia si conclude con la vittoria bianconera per 2-1, dopo che la Ternana era passata in vantaggio al 72° con Docente.

La stagione 2012-2013 inizia il 13 luglio 2012 col ritiro di Norcia. A causa dei lavori allo stadio Liberati, la squadra è costretta a giocare la prima partita di Coppa Italia e l'esordio in campionato allo Stadio Pietro Barbetti di Gubbio. Il torneo cadetto inizia con tre sconfitte, per poi inanellare 4 vittorie consecutive e una serie di risultati utili (7), che la fanno balzare in zona play-off. Vari infortuni occorsi ai giocatori rossoverdi penalizzano in seguito le prestazioni della Ternana, che comunque continua a ben figurare, ottenendo a fine torneo la seconda miglior difesa in assoluto. Avendo navigato stabilmente nella parte centrale della classifica, le Fere chiudono la stagione al nono posto della graduatoria.

Il campionato di Serie B 2013-2014 per le Fere comincia con la riconferma di Toscano per la terza stagione consecutiva. Nell'ambito del calciomercato estivo, arrivano in Umbria, tra gli altri, l'attaccante Mirco Antenucci dal Torino, assieme a Raffaele Maiello dal Napoli, Fabio Sciacca dal Catania, Nicolas Viola dal Palermo, e Antonio Zito dalla Juve Stabia, oltre ai giovani uruguagi Felipe Avenatti dal River Plate di Montevideo, e César Falleti dal Cerro; viene inoltre riscattato il difensore centrale Alberto Masi dalla Juventus, e messo sotto contratto lo svincolato Damiano Ferronetti. In rosa anche la conferma del giovane portiere Alberto Brignoli, e degli attaccanti Fabio Ceravolo, Gianluca Litteri, Luis Alfageme e Angelo Raffaele Nolé alla sua quarta stagione in rossoverde. In Coppa Italia, i rossoverdi escono in estate al secondo turno, sconfitti ai tempi supplementari dal Lecce. Il 31 dicembre 2013, a seguito di risultati inferiori alle attese e con la squadra vicina alla zona play-out,[12] la società decide di esonerare Toscano ed il suo staff dalla guida tecnica dei rossoverdi,[13] ingaggiando contestualmente Attilio Tesser come nuovo allenatore.[14] La Ternana conseguirà la salvezza a due partite dal termine, classificandosi sedicesima, stazionando per buona parte del campionato nel limbo tra le zone play-off e quelle, più vicine, del play-out.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Ternana Calcio
  • 1918 - Fondazione dell'Unione Calcistica Ternana.

  • 1920 - Fondazione del Terni Football Club.
  • 1925 - Fusione delle due società ternane preesistenti nell'Unione Sportiva Terni.
  • 1925-1926 - 1ª nel girone unico Umbro della Seconda Divisione, ammessa alle finali che non furono disputate. Ammessa alla nuova Seconda Divisione.
  • 1926 - L'Unione Sportiva Terni si fonde con il Football Club Terni, da cui nasce l'Unione Sportiva della Società Terni [15].
  • 1926-1927 - 1ª nel girone B della Seconda Divisione Sud, 1º nel girone finale dopo lo spareggio col Savoia. Promossa in Prima Divisione.
  • 1927-1928 - 3ª nel girone D della Prima Divisione Sud. Retrocessa nel Campionato Meridionale.
  • 1928 - Cambia denominazione in Polisportiva Fascista Ternana.
  • 1928-1929 - 2ª nel girone A del Campionato Meridionale. Rinuncia alle semifinali a calendario già compilato, ripartendo dalla Prima Divisione dalla stagione successiva.
  • 1929 - Assume la nuova denominazione Terni Football Club.
  • 1929-1930 - 9ª nel girone D Sud della Prima Divisione.

  • 1930-1931 - 12ª nel girone F della Prima Divisione.
  • 1931-1932 - 4ª nel girone E della Prima Divisione.
  • 1932-1933 - 7ª nel girone G della Prima Divisione.
  • 1933 - Cambia denominazione in Società Sportiva Ternana.
  • 1933-1934 - Rinuncia al campionato di Prima Divisione ritirandosi a calendario già compilato, ripartendo dalla Seconda Divisione la stagione successiva.
  • 1934 - Assume la nuova denominazione Polisportiva Fascista Mario Umberto Borzacchini.
  • 1934-1935 - 1ª nel girone unico X Zona della Seconda Divisione Umbra. Promossa in Prima Divisione.
  • 1935-1936 - 7ª nel girone unico XI Zona della Prima Divisione Laziale.
  • 1936-1937 - 5ª nel girone unico della Prima Divisione Laziale.
  • 1937-1938 - 2ª nel girone unico della Prima Divisione Laziale. Promossa in Serie C.
Vince la Coppa dell'Italia Centrale (1º titolo).




Semifinale di Coppa Italia.

Finale di Coppa Italia Semiprofessionisti.

  • 1990-1991 - 7ª nel girone B della Serie C1.
  • 1991 - Cambia denominazione in Polisportiva Calcio Ternana S.p.A.
  • 1991-1992 - 1ª nel girone B della Serie C1. Promossa in Serie B.
  • 1992-1993 - 20ª in Serie B. Retrocessa in Serie C1 e finanziariamente fallita.
  • 1993 - La Polisportiva Calcio Ternana fallisce per irregolarità amministrative e finanziarie. La nuova società Associazione Sportiva Ternana Calcio rileva il titolo sportivo della società fallita e viene ammessa al Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1993-1994 - 3ª nel girone F del C.N.D.
  • 1994 - Cambia denominazione in Ternana Calcio Srl.
  • 1994-1995 - 2ª nel girone E del C.N.D. Ammessa in Serie C2 a completamento organici.
  • 1995-1996 - 3ª nel girone B della Serie C2.
  • 1996-1997 - 1ª nel girone B della Serie C2. Promossa in Serie C1.
  • 1997-1998 - 2ª nel girone B della Serie C1. Promossa in Serie B.
  • 1998-1999 - 14ª in Serie B.
  • 1999-2000 - 10ª in Serie B.
  • 2000 - Cambia denominazione in Ternana Calcio S.p.A.

Fase a gironi di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Fase a gironi di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.

Secondo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia Lega Pro.
Secondo turno di Coppa Italia Lega Pro.
Finalista di Supercoppa di Lega di Prima Divisione.
Terzo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Terzo turno di Coppa Italia.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

Cavicchia, Agroppi, Pandrin, Marinai e Liguori, nella stagione 1965-1966, con indosso la storica muta spezzata bianconera, sovente usata all'epoca dagli umbri come divisa di cortesia.
« Terni è una città operaia, qui si vive di lavoro e sacrificio, se volete indossare questa maglia con onore per lei dovrete lavorare e sacrificarvi. »
(Domenico Toscano, 2012[16])

Nel corso di gran parte della sua storia, i colori sociali della Ternana sono stati pressoché stabilmente il rosso e il verde, gli stessi del Comune di Terni. Solo nella parte finale degli anni venti si registrò l'unica variazione di sorta quando, per celebrare la costituzione della nuova provincia ternana, la squadra umbra adottò per qualche anno il giallo e l'azzurro, gli stessi colori utilizzati nello stemma e nel gonfalone provinciale.[17]

La prima divisa della Ternana è quindi tradizionalmente composta da una maglia a strisce verticali rossoverdi, abbinata a pantaloncini e calzettoni neri. È comunque capitato in varie occasioni di derogare a questo schema, soprattutto per quanto concerne pantaloni e calze, che in alcune stagioni hanno visto il ricorso a colorazioni verdi, rosse o bianche; mentre le prime sono sempre passate piuttosto inosservate, in quanto si limitano a riproporre le tinte tradizionali del club, l'uso del bianco, come avviene stabilmente dalla metà degli anni duemiladieci, viene invece generalmente mal visto dalla tifoseria delle Fere per via del possibile rimando cromatico alle mute degli storici rivali perugini.[18]

La Ternana sfoggia una seconda maglia verde nell'annata 1971-1972

La tenuta da trasferta è invece di solito bianca, sebbene di stagione in stagione non sono mancate le più diverse sperimentazioni cromatiche, optando per casacche di colore verde, rosso, grigio, blu e giallo, quest'ultimo virato in tonalità fosforescente od ocra; fino agli anni settanta non era inoltre insolito vedere la squadra rossoverde indossare maglia bianca e pantaloncini neri.[18] Si ricorda, circa le tenute di gioco utilizzate, quanto si verificò nel corso dell'annata 1988-1989 quando, per motivi scaramantici, la Ternana disputò tutto quel campionato di Serie C2 (conclusosi con la promozione) indossando la sua seconda divisa dell'epoca composta da maglia bianca con dettagli rossoverdi, pantaloncini rossi e calze bianche.[19] Solo in anni recenti è infine nata la consuetudine d'una terza divisa, spesso realizzata in grigio o argento, o comunque seguendo i canoni stilistici del tempo.

In tema di maglie, rimane curioso quanto accadde il 6 febbraio 2005 quando, a causa di un disguido con la società del Venezia, le due squadre si ritrovarono a scendere in campo con delle casacche scure sostanzialmente simili. Vista l'impossibilità di poter distinguere i due completi, venne chiesto ai padroni di casa lagunari di cambiare il loro con un altro di un colore differente: al rifiuto di quest'ultimi, probabilmente dettato dalla scaramanzia, furono i giocatori della Ternana a indossare una nuova divisa; non avendo però portato una seconda muta, gli umbri si videro obbligati a sfoggiare le magliette d'allenamento utilizzate nel riscaldamento prepartita, a strisce orizzontali rossoverdi. Queste non avevano i numeri, sicché dirigenti e accompagnatori dei ternani dovettero forzatamente scriverli a mano con un pennarello. Le maglie così utilizzate furono poi vendute a un'asta di beneficenza, attraverso un sito web locale.[20]

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

La Viverna sopra la casacca del 1991-1992

I simboli legati alla Ternana sono il Drago Thyrus (Viverna), un rettile alato senza zampe anteriori, e la Fera, termine dialettale ternano che indica il modo di fare grezzo e violento di una persona (come una bestia); con questo soprannome vengono chiamati i giocatori rossoverdi.

Lo pseudonimo Fere deriva da quello della squadra della stagione 1963-1964, quando si raggiunse la Serie C dopo anni di anonimato in IV Serie. L'attaccante di quella formazione, Sergio Tonini, era soprannominato La Fera a causa del suo ardore agonistico in campo: «Fera» nel parlato locale vuol dire infatti «fiera», «bestia» o «belva», e dunque questo nome passò poi a tutto l'undici ternano. Da allora, l'urlo di battaglia di tutti i tifosi rossoverdi è diventato, per l'appunto, il Fere! Fere!

Inno[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi sono gli inni della Ternana. Tre sono stati scritti da Mogol, uno da Antonello Venditti e altri da gruppi musicali di Terni come i CambiaRitmo, gli Altoforno e i Deltaplani Ternani. Nell'anno in cui la Ternana è stata promossa in Serie A per la prima volta gli è stata legata una canzone di Nino Manfredi, Me pizzica me mozzica.

Ecco l'elenco degli inni:

  • Ternitudine (Altoforno)
  • Serie A andata (Altoforno)
  • Serie A ritorno (Altoforno)
  • Tifo per lei (Altoforno)
  • Forza Fere (Altoforno)
  • Correndo correndo (Antonello Venditti)
  • Noi siamo la Ternana (CambiaRitmo) – Inno ufficiale
  • Un grido al cielo (CambiaRitmo)
  • Fere Ska (CambiaRitmo)
  • Fere Rap (Deltaplani Ternani)
  • Magica Ternana (Jalenti Gabassi)
  • Vai Ternana (Mogol)
  • Rossoverde (Mogol)
  • Cuori rossoverdi (Maggiolini-Casini)
  • Me pizzica me mozzica (Nino Manfredi)
  • Dianda Carcuro (Andrea.G)
  • Balada Fere (Andrea.G)
  • Essere Fere (F. Tacconelli, K. Farinelli, E. Mosconi, F. Flamini)
  • Ternana mia (Ul06)

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stadio Viale Brin e Stadio Libero Liberati.
Panoramica aerea dello Stadio Libero Liberati

Fin dalla nascita della società, nel 1925, la Ternana ha usato il Viale Brin; l'impianto, sito all'interno delle Acciaierie di Terni, è stato il campo da gioco rossoverde fino alla stagione 1968-1969.

Lo stadio casalingo è Libero Liberati, inaugurato nel 1969 in sostituzione del vecchio Brin che venne demolito: al suo posto sorge un parcheggio per gli operai delle acciaierie cittadine. Il nome venne scelto per commemorare l'omonimo motociclista ternano, campione del mondo della Classe 500 nel 1957, e scomparso nella sua città natale nel 1962. Progettato dall'ingegnere Leopoldo Burrachello, dispone di 22.000 posti a sedere. Possiede una struttura unica nel suo genere, almeno nel panorama italiano: la tribuna stampa, separata dal terzo anello, prende spunto dai catini brasiliani, inoltre il Liberati si caratterizza per la sezione senza spalti presente tra le curve Est e Sud. Lo stadio è situato nella zona occidentale della città, tra il centro storico e la periferia, nel quartiere San Martino-Dalmazia. È accessibile da tutta Italia in quanto vicino all'autostrada del Sole e alla E45 (SS 675 e SS 3 bis), e distante 2 km dalla stazione ferroviaria attraverso cui è collegato dalla linea 4 degli autobus di Umbria Mobilità.

Le tribune del Liberati gremite il 18 giugno 1972, per lo storico approdo della Ternana in Serie A.

Negli anni sono state accordate tra Ternana e comune varie convenzioni di utilizzo; quella del giugno 2012, comporta varie opere di restyling come la rimozione dei ventri antisfondamento, la sostituzione del manto erboso (considerato uno dei migliori d'Italia) con il PowerGrass di ultima generazione (sintetico misto al naturale), rifacimento bagni, suolo antiscivolo e potenziamento illuminazione.

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

La Ternana si allena all'antistadio "Giorgio Taddei", in erba sintetica.[21] La Primavera gioca al centro sportivo "Orlando Strinati", nella zona di Terni Est. Per ottimizzare al meglio i lavori di prima squadra e giovanili, a fine 2014 inizieranno i lavori del nuovo centro sportivo - progettato dal Planning Studio Associato degli Architetti Gianluca Galeazzi e Fausto Natali, e Maurizio Mazzoli Architetto - sempre nell'area dello stadio in vicinanza di Ponte Allende: dotato di due campi regolamentari con rispettive gradinate, foresteria da 60 posti letto, nuova sede sociale, laboratorio medicina sportiva, magazzini e lavanderia, pista anulare per running e bike e due aree per parcheggi.[22][23]

Società[modifica | modifica wikitesto]

La Ternana Calcio è strutturata come una società per azioni, controllata dal 2004 dall'imprenditore Edoardo Longarini, e presieduta dal 2011 da Francesco Zadotti.[24]

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Dirigenti della Ternana Calcio.

Dal sito web ufficiale della società.[25]

Ternanastemma.png
Staff dell'area amministrativa
  • Italia Francesco Zadotti - Presidente
  • Italia Vittorio Cozzella - Direttore sportivo
  • Italia Vanessa Fenili - Segretario sportivo
  • Italia Giulio Pinchi - Team manager
  • Italia Angelo Angelelli - Addetto all'arbitro
  • Italia Francesca Caffarelli - Segreteria organizzativa
  • Italia Francesca Bernardini - Segreteria amministrativa
  • Italia Giulia Silvestri - Segreteria settore giovanile
  • Italia Elisabetta Manini - Responsabile relazioni esterne
  • Italia Vicario Communication - Area marketing
  • Italia Lorenzo Modestino - Area comunicazione

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori della Ternana Calcio.
Ternanastemma.png
Allenatori

Ternanastemma.png
Presidenti
  • 1925-1926 Italia Gherado Gazzoli
  • 1939-1942 Italia Aldo Bianciardi
  • 1946-1950 Italia Fernando Lucioli
  • 1950-1955 Italia Luigi Michiorri
  • 1957-1959 Italia Corrado De Sio
  • 1959-1961 Italia Renato Alpini
  • 1961-1964 Italia Renzo Nicolini
  • 1964-1968 Italia Fernando Creonti
  • 1968-1971 Italia Giovanni Manini
  • 1971-1975 Italia Giorgio Taddei
  • 1975-1979 Italia Gianfranco Tiberi
  • 1983-1986 Italia Giorgio Taddei
  • 1986-1988 Italia Domenico Migliucci
  • 1988-1991 Italia Gaspare Gambino
  • 1991-1993 Italia Rinaldo Gelfusa
  • 1994-1996 Italia Franco Fedeli
  • 1996-1998 Italia Alberto Gianni
  • 1998-2005 Italia Luigi Agarini
  • 2005-2006 Italia Luca Ferramosca
  • 2006-2010 Italia Stefano Dominicis (amministratore unico)
  • 2010-2011 Italia Angelo Deodati

  • 2011-oggi Italia Francesco Zadotti

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori della Ternana Calcio.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Semifinale: 1979-1980
Finale: 1980-1981
Finale: 2012
Terzo posto: 1927-1928 (girone D)
  • Campionato Meridionale
Secondo posto: 1928-1929 (girone A)
Secondo posto: 1946-1947 (girone C)
Terzo posto: 1973-1974
Secondo posto: 1941-1942 (girone G)
Terzo posto: 1938-1939 (girone F); 1939-1940 (girone F); 1940-1941 (girone finale B); 1942-1943 (girone finale A); 1964-1965 (girone B); 1965-1966 (girone B)
Secondo posto: 1997-1998 (girone B)
Secondo posto: 1988-1989 (girone C)
Terzo posto: 1986-1987 (girone C); 1995-1996 (girone B)
Secondo posto: 1937-1938 (girone Laziale)
Secondo posto: 1994-1995 (girone E)
Terzo posto: 1993-1994 (girone F)
Secondo posto: 1952-1953
Finale: 2013-2014 (torneo Serie A-B)

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

In 80 stagioni sportive a livello nazionale.

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie A 2 1972-1973 1974-1975 2
Prima Divisione 1 1927-1928 26
Campionato Meridionale 1 1928-1929
Serie B 24 1946-1947 2014-2015
Seconda Divisione 1 1926-1927 33
Prima Divisione 5 1929-1930 1933-1934
Serie C 12 1938-1939 1967-1968
Serie C1 11 1980-1981 2007-2008
Lega Pro Prima Divisione 4 2008-2009 2011-2012
Promozione 2 1950-1951 1951-1952 16
IV Serie 3 1954-1955 1956-1957
Campionato Interregionale 1 1958-1959
Serie D 5 1959-1960 1963-1964
Serie C2 5 1986-1987 1996-1997
Campionato Nazionale Dilettanti 2 1993-1994 1994-1995 3
Campionato Interregionale - 2ª Cat. 1 1957-1958

Campionati regionali[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante le stagioni 1996-97 e 1997-98 lo Stadio Libero Liberati rimase imbattuto per 47 partite consecutive, venendo la Ternana sconfitta dalla Vis Pesaro per 0-1 il 28 aprile 1996, e dal Lecce il 29 novembre 1998. Negli stessi anni, tra la sconfitta di Macerata per 3-2, il 16 marzo 1997, e quella di Catania contro l'Atletico il 3 maggio 1998.
  • La Ternana è la squadra umbra che partecipa ininterrottamente da più anni ai campionati professionistici; l'ultimo torneo disputato dai rossoverdi nei dilettanti risale alla stagione 1994-95.
  • È il club umbro che annovera più partecipazioni alla Coppa Italia Lega Pro (già Semiprofessionisti e Serie C), con 21 edizioni giocate.

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Le seguenti classifiche (top 20) si riferiscono a tutte le partite giocate dai singoli con la maglia della Ternana in tutte le competizioni ufficiali.[26][27]

In corsivo i giocatori in attività ma in un'altra squadra.

Ternanastemma.png
Record di presenze

Ternanastemma.png
Record di reti


Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tifoseria gremisce la Curva Est del Liberati nei primi anni novanta.

La tifoseria più accesa si sistema in Curva Est, e gruppo trainante del tifo sono i Freak Brothers, nato nel 1980 dopo l'esperienza degli Ultras 74. La curva segue da sempre un'ideologia politica di estrema sinistra e comunista, ed è una delle più conosciute e rispettate dell'intero movimento ultras italiano, uno dei primi gruppi ad essere preso di mira dalla repressione delle forze dell'ordine per il loro modo irriverente.

Da qui l'instaurazione del movimento Resistenza Ultras nato grazie alla collaborazione con i tifosi di Livorno, Ancona, Casertana, Savona e Cosenza, per seguire una lotta contro la repressione dello stato e all'ideologia di destra di alcune curve. La Curva Est si batte contro il razzismo, infatti per tre edizioni è stato organizzato il R.A.I., ovvero il Raduno Antirazzista Internazionale. Mezza Italia ultras vi ha partecipato, contro l'apoliticismo e il fascismo nelle curve, il razzismo, il calcio moderno e gli organi istituzionali.

Nel 2007, anno successivo alla retrocessione in C1, si decide di non esporre più lo striscione «Freak Brothers... lo sballo continua» per protestare contro l'autorizzazioni degli striscioni e delle coreografie dalla questura: così la Est decide di chiamarsi Ultras07. Nel 2010, la Est è impegnata anche nel sociale tramite una società dilettantistica chiamata Primidellastrada Terni. Questa associazione è formata dai ragazzi della curva e si occupa di più fronti (sport e tifo, studenti e giovani, lavoro e sociale), che con l'aiuto delle varie associazioni, organi d'informazione e partiti politici locali, cerca di migliorare il territorio in tutti i suoi lati positivi e negativi, aiutare la popolazione dei quartieri più disagiati della città, beneficenza ed iniziative di ogni genere. Questa associazione è un vero e proprio gruppo, essendo composto dai Freak, dai militanti dei centri sociali di sinistra ed eredi della Resistenza Ultras.

I 15.000 tifosi ternani invadono il campo del Manuzzi di Cesena al termine del vittorioso spareggio contro il Chieti del 13 giugno 1989, che sancisce il ritorno delle Fere in Serie C1.

Il 3 agosto 2010 gli Ultras07 si sciolgono a causa dell'indignazione ed i rapporti pessimi con la società capeggiata da Longarini, delle pesanti diffide di alcuni dei componenti, per le normative anti-violenza e per la tessera del tifoso. È la fine, per il momento, del tifo organizzato a Terni.[28]

Dall'ottobre 2011, il gruppo principale, riprende posto in Curva Est, senza però tesserarsi e senza esporre striscioni identificativi autorizzati, per protesta contro schedature e autorizzazioni varie della questura, contro il calcio moderno e la repressione. Nella partita di addio al calcio giocato di Riccardo Zampagna (2011) ed alla partita per i festeggiamenti della promozione in B del 2012, la curva si è rivestita degli striscioni Freak Brothers al primo anello e Primidellastrada al secondo, segno tangibile dell'esistenza/resistenza del gruppo traino della Est, nonostante le numerose diffide e la scelta di non autorizzare striscioni in gare ufficiali. Nel 2014 i Primidellastrada si sciolgono, dando vita a un movimento politico chiamato Socialismo Patriottico.

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Derby calcistici in Umbria e dell'Umbria.

Per l'orientamento politico di estrema sinistra e l'ostilità contro il fascismo ed il razzismo, la Curva Est è gemellata ed ha buoni rapporti con alcune curve, sia italiane che straniere. Gemellaggi sussistono coi supporter di Atalanta, Sampdoria, Casertana, St. Pauli e Wacker Innsbruck.[29][30][31] Ottimi sono i rapporti anche con gli ultras di Celtic,[32] Livorno, Standard Liegi, Cosenza, Venezia, Fano e Gualdo Casacastalda.[29][30][31]

Un frangente dell'acceso derby dell'Umbria tra Ternana e Perugia, qui giocato nel 1991-1992.

Sia per il blasone delle squadre che per il numero d'incontri, la più importante sfida regionale è quella col Perugia,[29][30] così sentita da essere definita il derby dell'Umbria per antonomasia. Tale rivalità, molto spesso accompagnata da incidenti, va ben oltre la semplice gara calcistica: c'è in ballo l'egemonia della Regione, animata dalle diversità storico-culturali (Impero Romano, Umbri ed Etruschi), economiche (industrie siderurgiche e chimiche, dolciarie ed alimentari) e molto altro ancora.

« Noi famo l'acciaio, mica li cioccolatini. »
(Sfottò della tifoseria ternana verso quella perugina, nell'ambito del derby dell'Umbria[33])

Vista l'avversità verso tifoserie schierate a destra, molto sentite sono le rivalità con Ascoli, Lazio, Hellas Verona, Brescia e Triestina. Altrettanto importanti sono le rivalità con gli ultras di Roma, Catania, Pescara, Genoa, Napoli, Salernitana, Bari, Torino, Fiorentina, Siena, Pisa, Empoli, Reggina, Avellino, Bologna, Palermo, Taranto, Foggia, Fidelis Andria, Foligno, Gubbio, Sambenedettese, Ancona, Fermana, Civitanovese, Arezzo, Teramo, Chieti, Virtus Lanciano, Latina, Viterbese, Rimini, Cavese, Juve Stabia e Treviso.[29][30]

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ternana Calcio 2014-2015.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 5 settembre 2014.[34]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Andrea Sala
2 Paesi Bassi D Jens Janse
3 Italia D Luigi Vitale
4 Slovacchia D Martin Valjent
5 Italia D Damiano Ferronetti
6 Italia D Biagio Meccariello
7 Italia C Davide Gavazzi
8 Italia C Marco Piredda
9 Italia A Fabio Ceravolo
10 Italia C Nicolas Viola
11 Uruguay C César Falletti
12 Italia P Eddi Gava
N. Ruolo Giocatore 600px Rosso e Verde (Strisce).png
13 Italia D Pasquale Fazio (capitano)
15 Bulgaria A Valeri Božinov
16 Italia D Alessandro Bastrini
17 Romania D Ștefan Popescu
19 Senegal A Abou Diop
20 Uruguay A Felipe Avenatti
21 Italia D Alberto Masi
22 Italia P Alberto Brignoli
23 Italia C Giuseppe Russo
24 Burkina Faso C Salif Dianda
26 Italia C Luca Crecco
27 Italia C Mirko Eramo

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Dal sito web ufficiale della società.[14]

Ternanastemma.png
Staff dell'area tecnica
  • Italia Attilio Tesser - Allenatore
  • Italia Mark Tullio Strukelj - Allenatore in seconda
  • Italia Edoardo Renosto - Preparatore atletico
  • Italia Luigi Garofalo - Preparatore atletico
  • Italia Leonardo Cortiula - Preparatore portieri
  • Italia Dr. Michele Martella - Responsabile staff sanitario
  • Italia Dr. Fabio Muzi - Medico
  • Italia Roberto Incontri - Massaggiatore
  • Italia Michele Federici - Massaggiatore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il tiqui-taca operaio in calcioromantico.com, 11 agosto 2013.
  2. ^ «L'abbinamento di questi due colori è molto raro tra i club di calcio. Tra le poche squadre che li vestono ci sono il Sedan in Francia, il Marítimo in Portogallo e il Rampla Juniors, la squadra dei quartieri popolari di Montevideo, in Uruguay, che gioca con una casacca palata con calzoncini neri esattamente come la Ternana», cfr. Welter, p. 186
  3. ^ Come una seconda pelle – Ternana in passionemaglie.it, 14 giugno 2011.
  4. ^ La F.I.G.C. attende ancora le iscrizioni al Campionato in Corriere dello Sport, 1º agosto 1945, p. 2.
  5. ^ a b c Ternana con il Palmeiras per inaugurare il Liberati in corrieredellosport.it, 17 novembre 2011.
  6. ^ Roberto Beccantini, La Ternana anni 70 di Viciani, piccola Ajax de noantri in La Gazzetta dello Sport, 11 luglio 2013.
  7. ^ Il Messaggero, 25 gennaio 1983
  8. ^ La città dello sport a Terni: tante belle cose ma niente di realizzato., http://ternimia.blogspot.it/, 8 giugno 2011. URL consultato il 7 agosto 2014.
  9. ^ Annullamento costruzione Città dello Sport
  10. ^ Ivano Mari, Ternana, ora è di Deodati! in terninrete.it, 25 agosto 2010.
  11. ^ Moreno Sturaro, Ternana: a Longarini la proprietà, Deodati presidente in sporterni.it, 12 ottobre 2010.
  12. ^ Massimo Laureti, Ternana, arriva Tesser: Toscano esonerato nonostante la vittoria sulla Reggina in gazzetta.it, 31 dicembre 2013.
  13. ^ La Ternana esonera Domenico Toscano ed il suo staff in ternanacalcio.com, 31 dicembre 2013.
  14. ^ a b La Ternana ingaggia Attilio Tesser ed il suo staff in ternanacalcio.com, 31 dicembre 2013.
  15. ^ Bertazzoni, p. 323
  16. ^ Luca Biribanti, Ternana, Toscano il tecnico della B: "Ho detto ai giocatori: Terni è una città di lavoro e di sacrificio: voi dovete essere così". Dopo la firma: "Respiro aria di gioia" in tuttoggi.info, 11 maggio 2012.
  17. ^ Curiosità storiche sulla maglia delle Fere, rossoverdi.com, 27 giugno 2009.
  18. ^ a b Daniele Costantini, La controversa maglia Macron 2013-2014 della Ternana divide i tifosi rossoverdi in passionemaglie.it, 2 settembre 2013.
  19. ^ Curiosità storiche sulla maglia delle Fere, rossoverdi.com, 26 giugno 2009.
  20. ^ Le maglie dell’ultimo minuto: quando da una distrazione nasce una casacca da collezione in passionemaglie.it, 20 gennaio 2011.
  21. ^ Campi di calcio comunali, comune.terni.it.
  22. ^ Presentato in Comune il progetto del nuovo centro sportivo della Ternana in ternioggi.it, 6 luglio 2012.
  23. ^ Centro Sportivo Ternana Calcio S.p.A., europaconcorsi.com.
  24. ^ Società, ternanacalcio.com.
  25. ^ Organigramma, ternanacalcio.com.
  26. ^ Classifica presenze, databaserossoverde.it.
  27. ^ Classifica marcatori, databaserossoverde.it.
  28. ^ Lorenzo Pulcioni, È la fine del tifo a Terni: gli Ultras07 si sciolgono in sporterni.it, 4 agosto 2010.
  29. ^ a b c d Tifonet
  30. ^ a b c d Tifoseria Ternana
  31. ^ a b Tifo Ternana
  32. ^ Ultras-Tifo Forum -> Friendship (Italy)
  33. ^ Video Striscia La Notizia su rivalità Terni-Perugia, "Noi famo l'acciaio, mica li cioccolatini" in tuttoggi.info, 15 ottobre 2013.
  34. ^ Prima squadra, ternanacalcio.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Saverio Bertazzoni (a cura di), Annuario italiano del giuoco del calcio 1926-1927, Vol. 1, Modena.
  • Alberto Bellavigna, La Ternana dal '900 al 2000, Terni, Alterocca, 1967.
  • Alberto Bellavigna, Alleluia Ternana, Terni, Nobili, 1972.
  • Gastone Strozzi, Storia dello sport a Terni, Arrone, Thyrus, 1991.
  • Giorgio Armadori; Christian Armadori, Tra storia e leggenda: almanacco illustrato della Ternana dalle origini al 2000, Terni, Visconti, 2001, ISBN 88-434-0859-3.
  • Emanuele Lombardini; Alessandro Grilli; Simone Perotti, Il sogno rimAndato, Arrone, Thyrus, 2001.
  • Massimo Carignani, Dall'inferno al paradiso, 2002.
  • Emanuele Lombardini; Simona Maggi; Simone Perotti; Enrico Valentini; Walter Mattioli, Emozioni in rossoverde, Arrone, Thyrus, 2003.
  • Emanuele Lombardini, La stagione del batticuore, Arrone, Thyrus, 2004.
  • Ivano Mari, Fere da Brividi, 2012.
  • Giorgio Welter, Ternana in Le maglie della Serie A, Milano, Codice Atlantico, 2013, pp. 186-187, ISBN 978-88-905512-9-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]