Acciaierie di Terni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acciai Speciali Terni S.p.A.
Logo
Stato Italia Italia
Tipo società per azioni
Fondazione 10 marzo 1884 a Terni
Fondata da
Sede principale Terni, viale B. Brin 218
Gruppo ThyssenKrupp AG
Filiali
Persone chiave
  • Joachim Limberg (presidente)
  • Lucia Morselli (AD)
Settore Siderurgia, Metallurgia, Informatica
Prodotti Acciaio inossidabile, Acciaio al carbonio, Acciai legati
Fatturato Green Arrow Up.svg 2,3 miliardi di (2013)
Sito web www.acciaiterni.it

Acciai Speciali Terni SpA, (nota anche come AST) è una società italiana operante nel settore della metallurgia, siderurgia e informatica. È stata fondata il 10 marzo 1884 con il nome di Società degli Alti Forni, Fonderie e Acciaierie di Terni.

Dal 2014 l'AST è controllata della ThyssenKrupp AG e quindi la denominazione diventa ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni (TKAST).

Con base a Terni e attraverso società controllate e partecipate in Italia e all'estero, è specializzata nella lavorazione e distribuzione di acciai (inox, basso legati e al carbonio) destinati principalmente ai settori alimentari, edili, casalinghi, elettrodomestici, energetici e all'industrie di base, siderurgiche e meccaniche.[1]

L'Acciai Speciali Terni, ad oggi, si qualifica come gruppo industriale leader per l'impiantistica moderna e sofisticata, per le innovazioni tecnologiche e produttive e per la qualità dei propri processi e prodotti, classificandosi come uno dei maggiori poli siderurgici mondiali.[2]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

La necessità di disporre di un’industria siderurgica nazionale si avvertì appena dopo l’Unità d’Italia e divenne ancora più pressante durante il primo gabinetto Cairoli, quando l’ammiraglio Benedetto Brin presentò un progetto di legge per la costruzione di un centro siderurgico che potesse fornire l’acciaio necessario alle corazze delle navi da guerra.[3] Nel 1883 una seconda Commissione d’indagine sullo stato delle industrie del ferro in Italia, dopo quella istituita durante il primo governo Depretis, promossa dal Ministro della Marina, ammiraglio Ferdinando Acton e presieduta dall’ammiraglio Benedetto Brin, scelse Terni come sede ideale per la costruzione di un impianto siderurgico di livello nazionale. La decisione della Commissione fu dettata da tre vantaggi che la città umbra offriva rispetto ad altri siti: l’esistenza di impianti non disprezzabili, come la ‘Fabbrica d’Armi’, una fabbrica per manufatti di ferro e una fonderia di ghisa, che produceva un quarto dei tubi di ghisa per acquedotti costruiti in Italia;[4] la notevole disponibilità di risorse idriche, stimate nell’ordine di almeno 150.000 cavalli e la posizione strategica di Terni, lontana dalle coste e, pertanto, protetta da eventuali attacchi dal mare.[5] In più, parte del pacchetto azionario della Fonderia di ghisa era nelle mani della Società Veneta Costruzioni Pubbliche, di cui era titolare Vincenzo Stefano Breda, amico personale dell’ammiraglio Brin.[6]

Le acciaierie all'inizio degli anni 1910

Il 10 marzo 1884 fu redatto l’atto fondativo della ‘Società degli Alti Forni e Fonderie di Terni’ (SAFFAT), con le garanzie dello Stato e i capitali di alcuni grossi istituti di credito, quali la Banca Generale, il Credito Mobiliare e la Banca Nazionale. La costruzione dello stabilimento iniziò poco dopo con il supporto delle maestranze dell’acciaieria francese Schneider e con lo smantellamento e il trasferimento della Real Fabbrica d'Armi e delle acciaierie di Mongiana (Calabria). Il completamento fu raggiunto dopo due anni e mostrò un complesso di assoluto rilievo internazionale.

Due convertitori Bessemer, cinque forni Martin-Siemens e cinque laminatoi potevano sfornare acciaio comune, acciai speciali per corazze, cannoni e proiettili.[7] L’energia elettrica necessaria era prodotta da un sistema idrodinamico costituito da una condotta forzata di poco più di 6 kilometri, che portava l’acqua del Velino all’interno dell’area industriale dopo un dislivello di 200 metri.[8] Il vanto dello stabilimento fu il grande maglio da 108 tonnellate con un sottoincudine da 1.000 tonnellate fuso in un unico blocco, esempio unico per la metallurgia del tempo.[9]

Inizialmente il Breda aveva previsto che la SAFFAT facesse parte di un sistema integrato di produzione di acciaio e ghisa su scala nazionale, ma le difficoltà economiche derivate dalle ingenti spese per l’impiantistica, sovradimensionata rispetto al volume reale delle commesse, portarono la società sull’orlo del fallimento, che fu evitato grazie ai ripiani delle banche, degli ordinativi statali e dello scorporo degli acciai comuni dirottati sull’ ‘Acciaieria Tardy & Benech’ di Savona, rilevata nel 1891. Il crollo degli istituti di credito fra il 1893 e il 1894 indusse la Banca d'Italia ad intervenire in cambio di un completo riassetto societario, che si realizzò dopo che la SAFFAT fu ammessa alle quotazioni di borsa nel 1898. Entrarono, oltre ad alcuni speculatori, gli industriali Attilio Odero e Giuseppe Orlando, appoggiati dalla Banca Commerciale Italiana e dal Credito Italiano. All'epoca, lo stabilimento ternano produceva una media di 30.000 tonnellate annue di acciaio, contro una capacità produttiva di 140.000 tonnellate.[10]

Il modello polisettoriale[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del conflitto gli ordinativi statali crollarono, mettendo la SAFFAT di fronte allo spettro del crack finanziario, nonostante fosse stata presa l’iniziativa di costruire un nuovo laminatoio per lamierino magnetico. L’intervento della Banca Commerciale Italiana[11] e, soprattutto, la competenza manageriale di Arturo Bocciardo, fiduciario della stessa banca, furono decisivi.[12] A partire dal 1922, quando la SAFFAT mutò il nome in ‘Terni Società per l’Industria e l’Elettricità’, più semplicemente chiamata ‘Terni’, acquistò la ‘Società Industriale per il Carburo di Calcio, Acetilene e Gas’,[13] con stabilimento sempre a Terni, con un apprezzabile patrimonio idroelettrico capace di sviluppare poco più di 9000 Kw[14] e con una piccola azienda partecipata, la ‘Società Italiana per l’Ammoniaca Sintetica’ (SIAS).[15] La componente siderurgica, tuttavia, rimase preponderante ed assorbì gran parte degli investimenti sull’impiantistica, fra cui 4 nuovi laminatoi per tondini di ferro, bande stagnate, lamiere sottili, ed un forno elettrico. Nel 1927 la fusione della Vickers Terni con i cantieri Odero portò alla creazione della Odero-Terni e nel 1929 con l'inserimento dei Cantieri Orlando si ebbe la nascita della Odero-Terni-Orlando (OTO), che controllava le attività cantieristiche dell’alto Tirreno e il cantiere Ansaldo-San Giorgio, mentre l’acquisizione del complesso idroelettrico Nera-Velino, strappata alle comunità locali in cambio di fornitura di energia elettrica, permise alla Terni di acquisire il più grande bacino idroelettrico d'Europa, con una potenza di 171.000 Kw nel 1931.[16]

La storia della Terni è legata a quella della Valnerina anche in relazione alla presenza della tranvia Terni-Ferentillo, promossa e realizzata nel 1901-1909 ad opera della Società Imprese Elettriche in Italia e della Società per Carburo di Calcio, che nel 1922 fu ceduta anch'essa alla "Terni". La STET, società eesercente della tranvia[17], acquisì contestualmente anche il raccordo ferroviario fra la stazione e lo stabilimento di Terni razionalizzando così i traffici viaggiatori e merci. L'intero impianto fu chiuso nel 1960.

Gli anni 1931-1932, particolarmente critici per l’equilibrio del sistema bancario italiano, che risentiva solo allora della grande depressione del 1929, furono decisivi per le sorti della Terni, che erano state fino ad allora legate ai finanziamenti statali e bancari. Mussolini e Alberto Beneduce, presidente dell’IRI, riconoscendo nella ‘Terni’ un’importante componente dell’industria strategica nazionale, appoggiarono la soluzione di inserirla nella Finsider, insieme all’Ilva e alle acciaierie dell'Ansaldo. Le attività cantieristiche navali, che avevano fatto la storia della società, furono scorporate ed inserite, insieme ai cantieri Ansaldo-San Giorgio nella società Cantieri Navali del Tirreno e Riuniti, mentre la siderurgia, insieme alla componente elettrica e chimica, continuarono ad essere il perno produttivo della ‘Terni’.[18] Il corso autarchico dato all’economia nazionale dal Governo, favorì notevolmente la ‘Terni’, che incrementò le sue produzioni con l’ installazione di 4 nuovi forni da 25 tonnellate, una pressa da 12.000 tonnellate, nuove officine per la produzione di cannoni e proiettili. Nel 1940 vi risultavano occupati poco meno di 10.000 addetti, capaci di sfornare 66.000 tonnellate di acciaio bellico.[19] Il settore idroelettrico fu adeguato allo sviluppo dell’impianto siderurgico con la costruzione di nuove centrali sul fiume Vomano, [1] che fecero salire la generazione di energia elettrica a 1,3 miliardi di Kwh. Con queste credenziali la ‘Terni’ partecipò allo sforzo bellico della Seconda guerra mondiale, tanto che i suoi impianti furono uno degli obiettivi sia dei bombardamenti alleati sia della rappresaglia tedesca.[20]

Gli acciai speciali[modifica | modifica wikitesto]

Con la cessazione del conflitto, le produzioni siderurgiche della 'Terni' furono molto ridimensionate. La cacciata di Bocciardo dalla Finsider e l'avvio del piano di ristrutturazione della siderurgia italiana, in cui era prevista la localizzazione sul mare dei centri di produzione tutti a ciclo integrale, misero in grave difficoltà la ‘Terni’, già costretta a mutare rapidamente le tipologie dei manufatti per scopi non più bellici ma civili. Il settore chimico fu smembrato fra ENI ed Anic, mentre il comparto elettrico fu l’áncora di salvezza per tutta l’azienda: nel 1952 arrivò a produrre 2 miliardi di Kwh e proprio in quel periodo fu realizzato l’elettrodotto che alimentò, in parte, lo stabilimento siderurgico di Cornigliano.

Elettrodotto ad alta tensione

Anche la componente idroelettrica, una delle migliori realtà produttive italiane, fu assorbita nel 1962 dall’Enel, alla quale non era sfuggita l’importanza che questo settore della ‘Terni’ rivestiva nel panorama energetico nazionale.[21][22] La politica produttiva che fu messa in opera in quegli anni tese, da una parte al recupero della grande esperienza lavorativa accumulata nel corso di decenni, dall’altra all’aggiornamento tecnologico, nel tentativo di uscire dalla marginalità in cui l’azienda era stata relegata. La scelta cadde sugli acciai speciali, ed in questo contesto va annoverata la joint venture con la ‘Armco Steel Corporation’, nel 1960, per la produzione di laminati magnetici e con la ‘United States Steel ‘, nel 1961, per la costruzione di un nuovo stabilimento per la produzione di acciaio inossidabile, (‘Terninoss’).[23] Ciò nonostante, le difficoltà di bilancio furono notevoli, perché gli impianti risultarono sovradimensionati rispetto alla domanda di mercato, sebbene il lamierino magnetico coprisse quasi la totalità del fabbisogno nazionale e i grossi fucinati per i vessels delle centrali nucleari, soprattutto all’estero, avesse raggiunto un buon livello produttivo.[24]: basta ricordare il rotore per il generatore della Brown Boveri da 1.300 MW[25], e i componenti per le centrali nucleari della ‘Westinghouse Electric Company’ negli Stati Uniti, per la ‘Central Electricity Generating Board’ e l’Électricité de France. La situazione si aggravò fra il 1974 e il 1979 e la ‘Terni’ rientrò nel riassetto generale della siderurgia pubblica varato nel 1982, quando l’IRI decise di inserire criteri di gestione privata all’interno della Finsider; la ‘Terni’ fu nominata capofila nella produzione dei getti, delle fucinature, degli acciai inossidabili e dei laminati piani al silicio, in cui erano coinvolti gli stabilimenti Italsider di Lovere e Trieste, anch’essi di antica tradizione siderurgica, con una capacità produttiva totale di oltre 500.000 tonnellate di acciaio l’anno. Sempre nel 1982 rilevò anche l’Industria Acciai Inox’ (IAI) di Torino, già FIAT, specializzata nella produzione di laminati piani inossidabili.

A metà degli anni ottanta lo stabilimento ternano, che si sviluppava su 1.300.000 metri quadrati, produceva 1.000.000 di tonnellate di acciaio l’anno, era fra i primi cinque produttori mondiali di acciaio inossidabile, leader nazionale nella produzione dei laminati magnetici, dei tondini per le centrali nucleari, del materiale rotabile per le Ferrovie dello Stato, della ghisa in pani e sferoidale, acquisì la certificazione dell’ ‘American Society of Mechanical Engineers’[26] per la qualità dell’impiantistica e dei metodi produttivi. Nel 1987 gli stabilimenti di Trieste furono separati dal gruppo e la ‘Terni’, con la nuova denominazione di ‘Terni Acciai Speciali SpA’ (TAS), formò un unico complesso con la IAI e la ‘Terninoss’, di cui rilevò la metà posseduta della ‘United States Steel’.

Alla fine del 1988, con la liquidazione della Finsider, la 'TAS' entrò a far parte dell’Ilva, come principale stabilimento per la produzione dei laminati piani speciali. In questo contesto, nel 1989 iniziò la produzione di acciaio al titanio, tramite un’apposita società, la ‘Titania’, che ben presto raggiunse dimensioni apprezzabili, risultando il terzo produttore mondiale di questo tipo di acciaio. Fra il 1990 e il 1993 presero corpo altre iniziative: la ‘Società delle Fucine’, interessata alla produzione di componenti in acciaio ad alto valore tecnologico per vari settori dell’industria, il ‘Tubificio di Terni', la 'Titania' per la produzione di acciaio al titanio e il ‘CS Inox’, di assoluto valore europeo per la produzione e la commercializzazione dell’inossidabile, tutte attualmente appartenenti alla galassia ThyssenKrupp. Nel 1994 gli stabilimenti di Terni e Torino sono confluiti nella ‘Acciai Speciali Terni’ (AST), che è stata privatizzata con la cessione alla ‘Kai Italia’, in cui figuravano imprenditori italiani e la multinazionale tedesca ThyssenKrupp, che qualche anno più tardi avrà l'intera proprietà dell’AST, con la denominazione di 'ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni’.[27] Alla fine degli anni novanta la produzione di acciaio ha raggiunto la media annua di poco meno di 1.200.000 tonnellate, con un livello di utilizzo della capacità produttiva di circa il 100%.[28]

Il 31 gennaio 2012 Outokumpu acquista per 2.7 miliardi di euro Inoxum, la Divisione Acciai Inossidabili di ThyssenKrupp, di cui fa parte ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni[29][30]. Dal 1 gennaio 2013 la denominazione dell'aziend torna ad essere semplicemente AST.

A seguito di tale operazione, i finlandesi di Outokumpu si ritroverebbero ad avere una posizione dominante sul mercato europeo dell'inox, motivo per cui l'Antitrust europeo ha subordinato il via libera all'acquisizione alla cessione delle attività italiane di Inoxum (AST di Terni)[31][32][33]. Il 12 febbraio 2014, la Commissione Europea ufficializza il ri-acquisto dell'AST e VDM da parte di ThyssenKrupp.[34]

Lo stesso giorno viene ufficializzato il trasferimento della Linea5 da Torino a Terni.[35]

Il 10 marzo 2014, le acciaierie hanno festeggiato i 130 anni di attività. Per l'occasione il Presidente del Senato Pietro Grasso ha visitato ufficialmente gli stabilimenti[36], mentre il 20 marzo Papa Francesco ha ricevuto nell'Aula Paolo VI della Santa Sede, 7.500 ternani per un'udienza spaciale per l'anniversario delle acciaierie.[37][38]

Nell'assemblea di luglio del 2014, l'AD di AST Marco Pucci rassegna le dimissioni dopo 28 anni di servizio, lasciando il ruolo a Lucia Morselli, già AD della Berco. [39]

Il gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Del gruppo AST fanno parte:[40]

  • Terninox: società leader di distribuzione di prodotti in acciaio inossidabile.
  • Tubificio di Terni: produttore di tubi inox per marmitte catalitiche e per usi decorativi.
  • Società delle Fucine: produttore di grandi fucinati per il settore energetico. Dispone della pressa più grande d'Europa.
  • Aspasiel: leader nel settore process industry, specializzato in soluzioni informatiche per aziende industriali e servizi infrastrutturali.

Consiglio d'amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il CdA è così composto:[41]

  • Joachim Limberg: Presidente
  • Lucia Morselli: CEO
  • Torsten Schlueter: Consigliere delegato
  • Mathias Rist: Consigliere delegato
  • Antonio Bufalini: Consigliere delegato
  • Klaus Keysberg: Consigliere

L'incidente di Torino[modifica | modifica wikitesto]

Nella notte fra il 5 e il 6 dicembre 2007 otto operai dello stabilimento di Torino furono investiti da un getto di olio bollente in pressione che prese fuoco[42]. Sette morirono nel giro di un mese, mentre un altro operaio subì ferite non gravi. Critiche all'azienda furono sollevate da più parti, sia perché alcuni degli operai coinvolti nell'incidente stavano lavorando da 12 ore, avendo quindi accumulato 4 ore di straordinario, sia perché secondo le testimonianze di alcuni operai i sistemi di sicurezza non funzionarono (estintori scarichi, idranti inefficienti, mancanza di personale specializzato)[43]. L'azienda ha smentito che all'origine dell'incendio vi fosse una violazione delle norme di sicurezza[44].

Secondo quanto riportato dal quotidiano La Stampa, nell'ambito dell'inchiesta seguita all'incidente, la Guardia di Finanza avrebbe sequestrato all'amministratore delegato Herald Espenhahn un documento dove si afferma che Antonio Boccuzzi, l'unico testimone sopravvissuto, «va fermato con azioni legali», in quanto sostiene in televisione accuse pesanti contro l'azienda. Il documento attribuisce la colpa dell'incendio ai sette operai, che si erano distratti[45]. A carico dell'amministratore delegato i pubblici ministeri formularono l'ipotesi di reato di omicidio volontario con dolo eventuale e incendio doloso (dolo eventuale), mentre altri cinque dirigenti furono accusati di omicidio colposo ed incendio colposo (con l'aggravante della previsione dell'evento); fu contestata l'omissione dolosa dei sistemi di prevenzione antincendio ed antinfortunistici[46]. Fu rinviata a giudizio anche l'azienda come persona giuridica.

Il 1º luglio 2008 i familiari delle sette vittime accettarono l'accordo con l'azienda in merito al risarcimento del danno per una somma complessiva pari a 12.970.000 euro. In seguito all'accordo i familiari rinunciarono al diritto di costituirsi parte civile nel processo ai dirigenti[47].

Il 15 aprile 2011 la Corte d’assise di Torino, sezione seconda, ha confermato i capi d'imputazione a carico di Herald Espenhahn, amministratore delegato della società "THYSSENKRUPP Acciai Speciali Terni s.p.a.", condannandolo a 16 anni e 6 mesi di reclusione. Altri cinque manager dell'azienda (Marco Pucci, Gerald Priegnitz, Daniele Moroni, Raffaele Salerno e Cosimo Cafueri) sono stati condannati a pene che vanno da 13 anni e 6 mesi a 10 anni e 10 mesi.

Il 28 febbraio 2013 la Corte d'assise d'appello modifica il giudizio di primo grado, non riconoscendo l'omicidio volontario, ma l'omicidio colposo, riducendo anche le pene ai manager dell'azienda: 10 anni a Herald Espenhahn, 7 anni per Gerald Priegnitz e Marco Pucci, 8 anni per Raffaele Salerno e Cosimo Cafueri, 9 per Daniele Moroni.[48]

Nella notte del 24 aprile 2014 la Suprema Corte di Cassazione ha confermato le colpe dei sei imputati e dell'azienda, ma ha ordinato un nuovo processo d'appello per ridefinire le pene. Queste non potranno aumentare rispetto quelle definite nel 2013[49].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Acciai Speciali Terni home
  2. ^ Chi Siamo
  3. ^ Alfredo Capone, Primi passi del protezionismo. La questione ferroviaria’’, in Storia d’Italia’’, diretta da Giuseppe Galasso, UTET, Torino 1981, p. 312
  4. ^ Roberto Monicchia, L’industria siderurgica sino al 1922, in Storia Illustrata delle città dell’Umbria, a cura di Raffaele Rossi, Terni, a cura di Michele Giorgini, Elio Sellino Editore, Milano 1994, p. 536
  5. ^ Franco Bonelli, Lo sviluppo di una grande impresa in Italia. La Terni dal 1884 al 1962, Einaudi, Torino 1975, pp. 10-13
  6. ^ Franco Bonelli, Pietro Crateri, Breda, Vincenzo Stefano, in Dizionario Biografico degli Italiani, Treccani, Roma 1969, vol. XI, pp.100-106
  7. ^ AAVV, L’Umbria, manuali per il territorio – Terni, Edindustria, Roma 1980, pp. 665-666
  8. ^ La Società degli Alti Forni Fonderie ed Acciaierie di Terni ed i suoi stabilimenti, Terni 1898, pp. 32-37
  9. ^ Gino Papuli, Le primogeniture industriali, in Storia Illustrata delle città dell’Umbria, op.cit., pp. 611-614
  10. ^ L'Umbria, manuali per il territorio, op.cit., p. 668
  11. ^ Franco Bonelli, ‘’Lo sviluppo di una grande impresa in Italia’’, op. cit., pp. 74-77
  12. ^ ‘’ibidem’’, pp. 167-173 per la strategia polisettoriale di Bocciardo
  13. ^ ‘’Terni – Società per l’Industria e l’Elettricità, Anonima, Sede in Roma, 1884-1934’’, Genova 1934, pp. 103-105
  14. ^ ‘’ibidem’’, pp. 66-67
  15. ^ Tommaso Gemma ‘’Le origini dell’Ammoniaca Sintetica a Terni’’, in ‘Rassegna Economica’, II, 11-12, 1955, pp. 3-5
  16. ^ ‘’Terni – Società per l’Industria e l’Elettricità, Anonima, Sede in Roma, 1884-1934’’, op. cit., pp. 59-61 e 65-75 ; Gino Papuli, ‘’L’industria elettrica’’, in ‘’Storia Illustrata delle città dell’Umbria’’, op. cit., pp. 554-556
  17. ^ Adriano Cioci, La tramvia Terni-Ferentillo, Kronion, Bastia Umbra, 1989.
  18. ^ Francesco Chiapparono, ‘’La ‘Terni’ siderurgica dal 1922 ad oggi’’, in ‘’Storia Illustrata delle città dell’Umbria’’, op. cit., pp. 600-602
  19. ^ L'Umbria, manuali per il territorio, op.cit., p. 687
  20. ^ Francesco Chiapparino, La 'Terni' siderurgica dal 1922 ad oggi, op.cit., p. 604
  21. ^ ibidem, pp. 604-606
  22. ^ Secondo le regole della nazionalizzazione, la Terni, in quanto autoproduttore sarebbe dovuta rimanere fuori dalla nazionalizzazione. Tuttavia la centralità degli impianti che permettevano una connessione tra Nord e Sud spinse il legislatore ad una vistosa eccezione. Come compenso fu stabilito un prezzo speciale dell'energia elettrica per un buon numero di anni.
  23. ^ Franco Bonelli, Lo sviluppo di una grande impresa in Italia’’, op. cit., pp. 293-294
  24. ^ Francesco Chiapparino, La 'Terni' siderurgica dal 1922 ad oggi’’, op. cit., pp. 606-608
  25. ^ Asea Brown Boveri (ABB)
  26. ^ ASME - Home
  27. ^ Angelo Dringoli, Il caso AST (Acciai Speciali Terni), in Massimiliano Affinito, Marcello de Cecco, Angelo Dringoli, Le privatizzazioni nell'industria manifatturiera italiana, Donzelli Editore, Roma 2000, pp. 30-76
  28. ^ ibidem, p. 45
  29. ^ thyssenkrupp.com
  30. ^ IlSole24Ore.com
  31. ^ IlSole24Ore.com
  32. ^ ilmessaggero.it
  33. ^ ternioggi.it
  34. ^ http://www.agi.it/economia/notizie/201402121237-eco-rt10099-acciai_speciali_terni_ok_ue_a_riacquisto_da_thyssenkrupp
  35. ^ AST: A TERNI ARRIVA LA LINEA 5 DA TORINO :: Informazione :: Politica e sindacale
  36. ^ Terni festeggia i 130 anni delle acciaierie. Pietro Grasso: «Un patrimonio di tutto il paese» | Umbria24.it
  37. ^ Il Papa riceve gli operai delle acciaierie di Terni: "Il lavoro è dignità" - Vatican Insider
  38. ^ Papa incontra operai acciaierie Terni - Photostory Primopiano - ANSA.it
  39. ^ Pucci se ne va dall’Ast, il nuovo ad è Lucia Morselli |
  40. ^ http://www.acciaiterni.it/Chi_Siamo/Chi_Siamo/Investor_Relations/Il_Gruppo.jsp
  41. ^ http://www.acciaiterni.it/Chi_Siamo/Chi_Siamo/Investor_Relations/Consiglio_di_Amministrazione.jsp
  42. ^ Articolo su Repubblica (Torino, incendio in acciaieria un operaio morto, sei in fin di vita)
  43. ^ Articolo su Repubblica
  44. ^ Articolo su Repubblica
  45. ^ Articolo su La Stampa (La Thyssen contro il sopravvissuto "Lo denunceremo")
  46. ^ Articolo sul Corriere
  47. ^ Articolo su Repubblica
  48. ^ Thyssen, non fu omicidio volontario pene ridotte, i parenti occupano l'aula - Torino - Repubblica.it
  49. ^ Thyssen: Cassazione, colpe certe ma pene non aumentino in ANSA, 25 aprile 2014. URL consultato il 27 aprile 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Bonelli, Lo sviluppo di una grande impresa in Italia. La Terni dal 1884 al 1962. Einaudi, Torino 1975, OCLC 3040531
  • AAVV, Storia Illustrata delle città dell'Umbria, a cura di Raffaele Rossi, Terni, a cura di Michele Giorgini, 2 vv. Elio Sellino Editore, Milano 1994, ISBN 88-236-0049-9
  • L'Umbria, manuali per il territorio, Terni. Edindustria, Roma 1980
  • Renato Covino (a cura di), Le industrie di Terni: schede su aziende, infrastrutture e servizi. Giada, Narni (TR) 2002, ISBN 88-87288-16-X
  • Aldo Bartocci, La Terni (1884-1984): la storia, gli acciai. Edizioni CESTRES, Terni 1985

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Economia