Derby di Roma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il derby di Roma è la stracittadina calcistica che mette di fronte le squadre di Lazio e Roma, le due principali società della Capitale. La sfida, colloquialmente detta anche derby della Capitale, derby Capitolino o derby del Cupolone, in riferimento alla cupola di San Pietro, costituisce uno dei derby più accesi d'Italia, a causa della forte rivalità che intercorre tra le rispettive tifoserie.[1][2] Il derby ha acquisito maggiore prestigio internazionale alla fine degli anni novanta, grazie all'ottimo andamento delle contendenti che in quegli anni disponevano di due formazioni altamente competitive e dalla metà degli anni duemila rimane una delle partite di calcio più seguite al mondo, tanto da essere trasmessa in oltre 170 nazioni di ogni continente.[3]

La sfida tra le due squadre, rappresentò, almeno inizialmente, la contrapposizione di due classi sociali differenti: la Lazio fu fondata come società podistica nel 1900 a Piazza della Libertà, in quello che sarebbe poi divenuto il rione Prati, dove abitavano gli impiegati del nuovo stato unitario. La società, che costituì ufficialmente il suo settore calcistico nel 1910, scelse come campo di gioco lo Stadio della Rondinella, situato ai Parioli, quartiere della medio-alta borghesia cittadina. La Roma, invece, nacque ventisette anni dopo dalla fusione di tre squadre, e giocava nel popolare rione di Testaccio, nell'omonimo stadio. Colori sociali e stemmi marcarono subito la distinzione fra i due club: per i giallorossi i colori furono quelli della città di Roma con il simbolo della Lupa Capitolina. Di segno opposto la scelta della Lazio, che attinse i propri dalla bandiera della Grecia, patria dei primi giochi olimpici, scegliendo come stemma un'aquila, animale simbolo delle legioni romane dell'antico Impero.[4][5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dal primo derby all'abbattimento del Campo Testaccio (1929-1940)[modifica | modifica wikitesto]

Le formazioni prima del fischio d'inizio del primo derby

Il primo derby tra Lazio e Roma si disputò l’8 dicembre del 1929 alla Rondinella. Lo scontro tra le due squadre si rivelò fin dall'inizio carico di rivalità e tensioni. L'astio tra le compagini era dovuto anche al fatto che in precedenza, nel 1927, la Lazio si era rifiutata di confluire nella fusione che avrebbe portato alla nascita dell'Associazione Sportiva Roma. La tifoseria romanista, infatti, vantava la presenza di tifosi appartenuti alle tre squadre di Alba, Roman e Fortitudo, che avevano appunto costituito la Roma, e anche in virtù di questo, si rivelò nettamente più numerosa di quella laziale, tanto da far sembrare i biancoazzurri ospiti nel proprio stadio. Alla prevalenza numerica romanista in quel primo incontro tra le due compagini cittadine dovette contribuire anche il timore nutrito dai supporter laziali, per lo più di estrazione borghese, nei confronti della tifoseria avversaria, dal profilo sociale più popolare[6] e ritenuta forse portatrice della tradizionale turbolenza attribuita agli abitanti dell’Urbe.[7] Un altro motivo della passione e dell'immediato e popolare seguito suscitati dai giallorossi, è dovuto all'esplicito richiamo del club alla romanità, espresso anche dal nome, dal simbolo e dai colori sociali. La Lazio, invece, che all'epoca contava circa un quinto dei sostenitori giallorossi,[8] sembrava manifestare certi atteggiamenti forse percepiti come snobistici e sentiti estranei alla tradizione romana, contribuendo ad alienarle la simpatia di molti sportivi capitolini.[9][10] A causa delle tensioni e degli scontri avvenuti nei derby precedenti la fondazione della Roma, si era persino pensato di non far disputare l'incontro. La partita si giocò ugualmente, e fu vinta dalla Roma grazie ad una rete al 73' dell'attaccante giallorosso Rodolfo Volk, che insaccò la palla nella rete laziale davanti ai 15.000 spettatori.[9][11] Nel girone di ritorno si giocò il primo derby al Campo Testaccio, che si concluse nuovamente con una vittoria dei giallorossi (3-1) che si imposero nettamente ai cugini, che dopo essere andati in vantaggio all'8' con Pastore, subirono i gol di Bernardini e Volk nel primo tempo, e di Chini nel secondo. Nel finale di stagione la Roma, battendo all'ultima giornata il Padova per 8-0, evitò alla Lazio di dover affrontare lo spareggio salvezza contro la Triestina: al termine della partita, insieme ai romanisti, furono molti i laziali presenti allo stadio, tra cui la dirigenza biancoceleste, che festeggiarono la vittoria della Roma.[12]

Benito Mussolini assiste al secondo derby della Capitale, vinto per 3-1 dalla squadra giallorossa

Nella stagione 1930-1931 si ebbe il primo pareggio tra le due squadre, quando nella partita di andata, giocata sotto gli occhi di Mussolini, il risultato venne fissato sull'1-1, nonostante un dominio di gioco da parte dei laziali.[13] Dopo la partita di beneficenza giocata il 22 febbraio 1931, in cui la Roma sconfisse per 4-1 la Lazio allo Stadio del Partito Nazionale Fascista,[14] la partita di ritorno di campionato si chiuse nuovamente in pareggio, questa volta sul risultato di 2-2. I tifosi di ambedue le squadre rimasero scontenti, e dopo uno screzio in campo tra un dirigente laziale e De Micheli, il confronto fra le tifoserie sfociò in una vera e propria rissa con tanto di invasione di campo. Il comportamento di giocatori e tifosi costò alle due squadre la squalifica del campo per una giornata, la stessa sorte toccò ad alcuni giocatori ai quali furono inflitte le relative ammende.[15]

Nella stagione 1931-1932 la Roma vinse il derby sia all'andata (2-0) che al ritorno (1-4). Ma è in questa stagione che la Lazio ottenne il suo primo successo, seppur al di fuori di una gara ufficiale, il 26 giugno 1932 durante la Coppa Fornari. La stagione successiva il confronto stracittadino vide il prevalere dei biancocelesti, che conquistarono la loro prima vittoria in gare ufficiali; la partita terminò 2-1, e per la Roma andò a segno Volk, che stabilì il record, ancora imbattuto, di reti consecutive nei derby di campionato, essendo andato a segno per ben sette volte. La stagione si chiuse con un nuovo incontro, nel girone di ritorno, il 26 marzo 1933, che terminò 3-1 per i giallorossi.

Sclavi, il portiere della Lazio, tenta invano di respingere il tiro di Tomasi nell'azione del primo dei tre gol realizzati dall'attaccante giallorosso nel 5-0 del 1º novembre 1933

La stagione 1933-1934 vide affrontarsi le due squadre in una partita storica che rimarrà impressa nella mente dei tifosi per molto tempo: al Campo Testaccio nel girone di andata i padroni di casa travolgono la Lazio per 5-0, grazie ad una tripletta di Tomasi e ad una doppietta di Bernardini, rimanendo ad oggi la partita con il maggior scarto di gol tra le due squadre. Il risultato schiacciante tuttavia non condizionò giocatori e pubblico, che questa volta si dimostrarono estremamente corretti, specialmente nell'occasione dell'infortunio di Del Debbio.[16] Nella partita di ritorno, la Roma segnò tre gol nel primo quarto d'ora, e sicura della vittoria rallentò il gioco; ma la Lazio reagì e, nonostante l'inferiorità numerica, grazie alla tripletta di Demaría, agguantò il pareggio con una rimonta incredibile. Solo dopo il terzo gol dei biancocelesti la Roma ricominciò ad attaccare, senza riuscire ad andare a segno, scontrandosi per tre volte con il palo della porta avversaria.[17] In pareggio (1-1 e 0-0), terminarono anche i due incontri della stagione successiva; in entrambi fu forte la contestazione per l'ex capitano della Roma Attilio Ferraris che, voluto fortemente dal presidente laziale Gualdi, passò a vestire la maglia biancoceleste; il contratto tra le due squadre prevedeva che il giocatore non giocasse nessuno dei due derby, pena la multa di 25.000 lire, ma Ferraris fu schierato ugualmente tra le file laziali, scatenando le contestazioni dei tifosi romanisti.[18]

Le forze dell'ordine cercano di placare la rissa scatenatasi nel derby del 21 febbraio 1937

I derby del campionato 1935-1936, vinti dalla Roma, furono entrambi decisi con un gol nel finale da parte di Renato Cattaneo, che segnò all'89' all'andata e all'82' al ritorno, regalando ai giallorossi due vittorie consecutive. Tra le due partite, il 19 gennaio 1936, venne giocato il primo derby romano di Coppa Italia, vinto dalla Lazio, che con il risultato di 2-1 guadagnò l'accesso ai quarti di finale. Nella stagione seguente prevalsero sempre i giallorossi: all'andata con un netto 3-1, mentre al ritorno bissarono il successo con un gol realizzato da Alfredo Mazzoni. Il gol di Mazzoni scaturì da una punizione dubbia, in una partita in cui la Lazio, comunque, aveva dominato e che continuò a controllare anche dopo la rete romanista. Al termine della partita il malcontento tra i laziali crebbe, e quando Subinaghi e Viani vennero alle mani, si scatenò una rissa che costrinse le forze dell'ordine ad intervenire per separare i giocatori.[19]

Nella stagione 1937-1938 il primo incontro finì in pareggio, con la Roma che segnò nuovamente verso lo scadere, grazie alla rete di Frisoni che rispose al gol di Piola. Nel ritorno furono nuovamente i giallorossi ad aggiudicarsi il derby con il gol all'85' di Borsetti che fissò il risultato sul 2-1. I derby capitolini della stagione successiva si giocarono entrambi nel 1939: il primo vide finalmente l'affermazione della Lazio (alla seconda vittoria in campionato dopo il lontano derby del 1932), con un completo dominio dei biancocelesti che portò ad un risultato di 2-0;[20][21] il secondo vide il ritorno alla vittoria dei romanisti, che si imposero con un netto 3-1 sui cugini. Il 7 gennaio 1940, nella stagione successiva, si giocò l'ultimo derby disputato al Campo Testaccio, che a causa delle sue ridotte dimensioni costrinse duemila tifosi a non poter assistere alla partita. Il match fu molto scorretto e terminò con due espulsioni; alla fine prevalse la Roma, grazie alla rete nel primo tempo di Campilongo.[22][23] Nella partita di ritorno fu invece la Lazio a vincere di misura, con il gol nel primo tempo di Flamini, pur giocando con numerose riserve.[24][25] A guerra iniziata, il Campo Testaccio, che già in precedenza aveva dato segni di cedimento, venne considerato inidoneo. Così, in data 21 ottobre 1940, il campo venne definitivamente abbattuto.[26]

Dallo scudetto alla retrocessione della Roma (1940-1951)[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1940-1941 il primo derby finì in pareggio (1-1), con il dominio dei biancocelesti nel primo tempo e dei giallorossi nel secondo.[27] Le due squadre si riaffrontarono nel girone di ritorno, in una partita estremamente delicata, in quanto entrambe le compagini erano a forte rischio retrocessione.[28]L'incontro venne vinto dalla Lazio con un 2-0 sancito da una doppietta di Silvio Piola. Nel campionato seguente, vide la luce il primo scudetto giallorosso, che seguito da Torino e Venezia conquistò anche il titolo di campione d'inverno. Nel girone d'andata, la Roma vinse il derby in modo fortuito (2-1), con un autogol del laziale Faotto, allo scadere del tempo regolamentare.[29] Nella partita di ritorno, con la Roma in piena lotta scudetto, la Lazio fermò i concittadini con un pareggio (1-1) favorendo il Torino, che verrà nonostante ciò scavalcato nel finale di campionato dai giallorossi, che conquisteranno (come detto sopra) il loro primo titolo.[30]

Mentre i giocatori delle due squadre si contendono la palla nel derby del 23 dicembre 1945 c'è (in basso a destra) un giocatore a terra: è Amedeo Amadei, e gli accertamenti riveleranno per lui una frattura allo zigomo
Una fase di gioco del derby del 17 ottobre 1948, finito in parità

La Roma nella stagione 1942-1943 perse il derby di andata per 3-1, in una partita completamente controllata dai biancocelesti;[31] ma i giallorossi, campioni d'Italia in carica, risposero nel girone di ritorno, prima vincendo 1-0 in campionato e poi con un 2-1 ai quarti di finale della Coppa Italia, firmato Kriezu e Dagianti. Questo fu l'ultimo derby prima dell'armistizio di Cassibile, con il quale il Regno d'Italia cessò le ostilità contro le forze Anglo-Americane Alleate, nell'ambito della seconda guerra mondiale. Il campionato, tra il 1943 e il 1945, non si disputò, e al suo posto fu organizzato, per le squadre capitoline, il campionato romano di guerra, la cui prima edizione fu vinta dalla Lazio, e la seconda dalla Roma, rilevando un sostanziale equilibrio fra le due squadre.

Quella che uscì dalla seconda guerra mondiale fu un'Italia smembrata e distrutta. Tuttavia, durante la ricostruzione, il calcio non fu dimenticato. Le nuove istituzioni repubblicane decisero di mantenerlo in vita, dividendo il campionato in due distinti gironi territoriali. Le due compagini romane presero parte al girone Centro-Sud. I rispettivi incontri videro una vittoria della Roma all'andata (2-1) ed una vittoria della Lazio al ritorno (1-0), ma solo la Roma riuscì a superare il girone, disputando la finale per l'assegnazione del titolo. Nella stagione 1946-1947, a quasi due anni dalla fine delle ostilità, la massima divisione tornò a girone unico. Le due partite, giocate come nel precedente anno allo Stadio Nazionale, videro la Roma trionfare 3-0 all'andata, e un pareggio a reti inviolate al ritorno. Il declino dei giallorossi, dopo aver conquistato lo scudetto, si fece sempre più evidente, e nel campionato 1947-1948 terminò ad un solo punto dalla retrocessione, con la salvezza ottenuta, in extremis, all'ultima giornata. Gli incontri tra le due squadre, videro la Roma vincere all'andata (1-0), con un gol di Amedei che, dopo aver segnato, fu costretto ad abbandonare la partita per una vertebra incrinata, e al ritorno la Lazio, che si impose sui rivali per 2-0.[32]

L'anno seguente, le romane si eguagliarono sia in campionato, dove terminarono con un distacco di due punti, sia negli scontri diretti, che terminarono entrambi in pareggio: in quello d'andata al gol di Losi rispose nel finale Magrini; nel derby di ritorno la Lazio resistette agli assalti dei giallorossi, facendo finire la partita a reti inviolate.[33]

Un nuovo e rapido declino della squadra giallorossa si manifestò nella stagione 1949-1950. Alla sesta giornata, venne battuta per 3-1 dalla formazione laziale che si impose nettamente, e, a seguito della partita, avvennero gravi incidenti causati dal lancio di oggetti dei tifosi romanisti.[34][35] Il ritorno terminò 0-0 in una partita senza grandi emozioni.[36] La Roma concluse la stagione nella parte bassa della classifica, a pochi punti dalla retrocessione, mentre la Lazio conquistò il quarto posto. La stagione deludente dei giallorossi fu un presagio di quello che sarebbe successo l'anno seguente, quando la Roma non riuscì a piazzarsi oltre il penultimo posto e venne retrocessa; in questa stagione i derby furono entrambi vinti dalla Lazio: quello d'andata, grazie a un gol di Flamini nel secondo tempo (in un incontro che sembrava destinato a finire in pareggio),[37] quello di ritorno, grazie ai gol di Sentimenti III al primo minuto (risultato il gol più veloce nella storia del derby), seguito poi da un gol di Cecconi, che fissò il punteggio sul 2 a 1 per i biancocelesti.

Dino da Costa e la retrocessione della Lazio (1951-1961)[modifica | modifica wikitesto]

La Roma si classificò prima in Serie B l'anno successivo e, al suo ritorno nella massima serie, perse tre derby della stagione 1952-1953, due in campionato e uno nell'amichevole in Coppa Messaggero. La Roma, neopromossa, riuscì a risorgere dopo la retrocessione e si piazzò, a campionato concluso, davanti ai concittadini. Impresa che riuscì ai giallorossi anche l'anno dopo: in questa stagione il derby dell'andata finì in pareggio (1-1), mentre quello di ritorno fu vinto dalla Roma, che non vinceva un derby da ben sette anni. A fine partita ci furono violenti scontri tra i tifosi per un rigore a favore dei laziali non concesso dall'arbitro.[38] Nella nuova stagione, nel girone di andata, ci fu nuovamente un pareggio, con i laziali in vantaggio per primi, e agganciati un minuto dopo dai giallorossi.[39] Nella partita di ritorno la Roma fu travolta per 3-1, in un incontro in cui i laziali dominarono contro tutti i pronostici.[40][41] La stagione successiva si aprì con un derby amichevole disputato durante il Trofeo Remo Zenobi, terminato 5-1 per la Roma. Tra i marcatori giallorossi ci fu Dino da Costa, attaccante brasiliano comprato dalla Roma durante il mercato estivo, che diverrà per la Lazio, nel decennio successivo, un cliente decisamente scomodo. Il primo match tra le squadre si ebbe alla quinta giornata, con una partita conclusasi a reti inviolate. Il ritorno, inizialmente rinviato a causa di una violenta nevicata su Roma, fu vinto dalla Lazio (1-0). Tra le varie discussioni che si accesero a fine gara, una verteva sull'arbitro Vincenzo Orlandini, che a detta dei giocatori della Roma li avrebbe spinti e schiaffeggiati.[42]

Vivolo 3 marzo 1957.png Lojodice 27 ottobre 1957.png
Due portieri a confronto: Tessari (a sinistra) intuisce il rigore calciato da Vivolo ma non para, Lovati (a destra) non arriva a deviare il tiro di Lojodice

Nella stagione 1956-1957 il primo incontro capitolino venne vinto dalla Roma (3-0), grazie a Pestrin e ad una doppietta di Dino da Costa, alla prima realizzazione in un derby ufficiale. Al ritorno il travolgente da Costa firmò un'altra doppietta ma questa non bastò ai giallorossi per vincere. La Lazio, dopo aver accorciato le distanze grazie al gol di Selmosson, riportò il punteggio in parità. Durante la partita, un impiegato, Renato Zuccone, fu colto da una paralisi cardiaca, probabilmente causata dalla troppa emozione per il gol di Selmosson, trasportato all'ospedale, morì poche ore dopo.[43]

Quella del 1957-1958 fu la prima stagione in cui si disputarono quattro derby, peraltro tutti in gare ufficiali; da Costa, vera bestia nera dei biancocelesti, realizzò una rete in ognuno dei quattro derby. Nel primo di campionato, la Roma vinse per 3-0,[44] nel secondo di ritorno, ebbe la meglio la Lazio, vincendo per 2-1, con tutte e tre le reti segnate negli ultimi dieci minuti. Il terzo, nel girone eliminatorio di Coppa Italia, fu vinto nuovamente dalla Lazio (3-2), mentre quello del ritorno, il quarto della stagione, finì in pareggio (1-1). Quest'ultima, fu una partita insignificante dal punto di vista del risultato, essendo la Lazio già qualificata, ma animato dalle polemiche del passaggio clamoroso di Selmosson da una compagine all'altra.[45] Lo svedese andò a segno nel derby d'andata della stagione successiva, con un gol che venne considerato il più bello della giornata,[46] proprio contro la sua ex-squadra e vide la Roma vincere per 3-1, con la doppietta del solito da Costa a fissare il risultato. Lojodice, Selmosson e Da Costa furono i marcatori che colpirono i laziali anche nella partita di ritorno, terminata 3-0 per i giallorossi. Con lo stesso risultato finì anche il primo derby della stagione seguente, con la doppietta di Manfredini e il gol allo scadere di Raggio di Luna Selmosson, a segno per il terzo derby consecutivo con la maglia della Roma. Nel secondo confronto stagionale sono ancora i giallorossi a vincere, aiutati anche dalla fortuna, con un gol che inizialmente venne assegnato a da Costa, per poi essere contestato e ufficializzato come autogol di Janich.[47]

La Roma sconfisse la Lazio per la quinta volta consecutiva, e questa volta in maniera travolgente, nel campionato 1960-1961, con un 4-0 che celebrò i giallorossi in testa alla classifica e confermò il momento di profonda crisi attraversato dai biancocelesti. La partita di ritorno fu vinta per 2-1 dalla Lazio, che però concluse la stagione all'ultimo posto della classifica, retrocedendo in Serie B.[48]

La Lazio tra Serie A e Serie B, fino alla conquista dello scudetto (1961-1974)[modifica | modifica wikitesto]

Fabio Capello batte dagli undici metri il portiere della Lazio, Michelangelo Sulfaro, nel derby del 1º marzo 1970

Nonostante la retrocessione della Lazio le strade delle due compagini si incrociarono anche nella stagione 1961-1962. Ciò avvenne il 25 aprile 1962 agli ottavi di finale di Coppa Italia; la partita, bloccata sullo 0-0 anche dopo i tempi supplementari, fu vinta ai rigori dai giallorossi per 6-4. A fine stagione la Roma si confermò squadra di valore, abitando le parti alte della classifica, mentre la Lazio non ottenne per un punto la promozione. Promozione che otterrà l'anno successivo, piazzandosi al secondo posto in Serie B. Le due squadre si poterono quindi incontrare nel campionato 1963-1964. Gli incontri finirono tutti e due in pareggio, 0-0 quello dell'andata con i giallorossi in difficoltà contro i cugini neopromossi,[49] e 1-1 quello del ritorno, con la Roma che si impose sui laziali ma che fallì numerose conclusioni sotto rete.[50] In pareggio finirono anche i due derby della stagione seguente, entrambi a reti inviolate, con le squadre bloccate dalla paura di perdere, deludendo le aspettative dei tifosi.[51][52] Alla Lazio andò il derby d'andata del campionato 1965-1966 (1-0) sbloccato grazie ad una rete di D'Amato; al ritorno si ripeté lo stesso copione degli ultimi anni, con un derby a rete inviolate che deluse nuovamente i tifosi.[53][54]

La Serie A 1966-1967 si aprì con la scelta di aumentare le squadre retrocesse a quattro, così da attuare, nell'anno successivo, la riforma che prevedeva una Serie A a sedici squadre. Il derby d'andata, assai vivace, terminò con il successo della Roma per 1-0;[55] quello del ritorno, finito sul punteggio di 0-0, venne in seguito ribattezzato derby senza i fotografi, per l'assenza di questi durante l'evento. La relativa protesta va cercata nella disposizione della Federcalcio di vietare ai fotografi di stazionare, come d'abitudine, nella zona del campo appena dietro le porte di gioco.[56] Al termine della stagione la Roma si piazzò a metà classifica, mentre la Lazio per un punto non riuscì a salvarsi, retrocedendo in Serie B per la seconda volta nella sua storia.

Il tecnico Tommaso Maestrelli assiste ai festeggiamenti allo Stadio Olimpico per lo scudetto vinto dalla sua Lazio il 12 maggio 1974

La Lazio, nella serie cadetta, non riuscì ad ottenere la promozione, arrivando solamente 11ª. Promozione che arrivò l'anno seguente con il primo posto in Serie B. Nel frattempo si disputò un derby nel primo turno della Coppa Italia 1968-1969, che fu vinto dalla Roma per 1-0. L'incontro si disputò anche nella Coppa Italia successiva, in quello che viene ironicamente ricordato come derby della luce, poiché a pochi minuti dalla fine, con la Roma in vantaggio per 1-0, ci fu un'interruzione dell'energia elettrica che portò alla decisione di sospendere la partita, che comunque fu vinta a tavolino dai giallorossi per 2-0.[57][58][59] Dopo due anni di assenza si tornò a disputare il derby in campionato: l'andata vide i giallorossi trionfare (2-1), il ritorno vide la Lazio andare in gol con Fortunato, e poi essere raggiunta con un rigore realizzato da Capello che destò molte polemiche da parte di giocatori e tifosi.[60] Le due squadre capitoline, in questi anni, non riuscirono comunque ad affermarsi in classifica, terminando sempre il campionato in basse posizioni. La Lazio, nella stagione 1970-1971, finì per retrocedere nuovamente; i derby di quell'anno finirono entrambi in pareggio (1-1 e 2-2).

Nella stagione successiva, l'unica sfida disputata, fu quella nel girone eliminatorio di Coppa Italia, in cui la Lazio, pur militando nella serie cadetta, ebbe la soddisfazione di battere i cugini per 1-0; il risultato scatenò diversi tafferugli tra tifosi dopo il triplice fischio dell'arbitro.[61] La Lazio, piazzandosi alle spalle della Ternana, ottenne subito la promozione e l'anno successivo, da neopromossa, condusse un campionato incredibile, classificandosi terza alle spalle di Juventus e Milan. I derby furono entrambi vinti dalla travolgente Lazio (1-0 e 2-0) che lottò fino alla fine per lo scudetto. Successo che raggiunse nel successivo campionato, in cui si aggiudicò per la prima volta nella sua storia il titolo nazionale, vincendo nuovamente entrambi i confronti con i giallorossi: 2-1 in favore dei laziali fu il risultato sia dell'andata che del ritorno, contro una Roma che venne definita da Giorgio Chinaglia: "una squadra da fondo classifica".[62]

La Roma con le grandi, la Lazio in coda (1974-1993)[modifica | modifica wikitesto]

Lo striscione laziale in dialetto romanesco recita ve mannamo in B, sorte che negli anni successivi toccherà invece proprio alla Lazio

Chinaglia fu smentito l'anno successivo, dove entrambe le squadre si affermarono nella parte alta della classifica, e la Roma sconfisse in tutti e tre i derby disputati la compagine laziale. La stagione seguente vide un calo delle due squadre, con la Roma che si mantenne comunque sopra i biancocelesti; i due derby finirono in pareggio (1-1 e 0-0). La supremazia giallorossa sembrò invertirsi nel campionato 1976-1977: questa volta fu la Lazio a posizionarsi nella parte alta della classifica. I derby, però, furono spartiti equamente: quello d'andata fu dominato dalla Roma ma vinto dalla Lazio (1-0),[63] e quello di ritorno dalla Lazio, in cui vinse la Roma grazie a un gol del giovane e promettente Bruno Conti (1-0).[64][65] Nella stagione successiva, i due derby definiti alla camomilla, si risolsero entrambi in pareggio e senza emozioni (0-0 e 1-1).[66][67] Il sostanziale equilibrio, mostrato in entrambe le gare, si manifestò ugualmente in campionato, dove la Roma arrivò sopra i concittadini per soli due punti.

La situazione si ribaltò nel 1978-1979, quando fu la Lazio a fine stagione a trovarsi di poco sopra i cugini. Il primo derby, seppur acceso, si concluse a reti inviolate, mentre il secondo fu vinto dai biancocelesti per 2-1. Questa fu l'ultima stagione in cui i laziali riuscirono a superare (a campionato finito) i romanisti in classifica, prima di un lungo periodo che durerà fino alla stagione 1992-1993; fino ad allora si creerà un divario tra le due compagini, con la Roma che occuperà sempre posizioni al vertice della classifica, e la Lazio che verterà nella zona bassa, arrivando persino a retrocedere. La partita d'andata della stagione 1979-1980 fu la più drammatica che la sfida stracittadina ricordi, essendo una delle pagine più buie dell'intera storia del calcio italiano. Un razzo nautico sparato da un tifoso della Curva Sud causò la morte di Vincenzo Paparelli, giovane sostenitore laziale. La partita, che si giocò in un clima surreale di estrema tensione, terminò in pareggio (1-1). La partita di ritorno fu disputata nel bel mezzo del polverone alzato dallo scandalo del calcioscommesse del 1980, e fu vinta dalla Roma per 2-1.[68] La Roma vinse la Coppa Italia e arrivò settima in campionato, mentre la Lazio, arrivata quartultima, venne retrocessa a causa degli illeciti sportivi.

Il romanista Bruno Conti e il laziale Bruno Giordano si salutano prima di un derby della stagione 1979-1980

Nel frattempo, la Roma raccolse nella stagione 1982-1983 il suo secondo scudetto, superando la Juventus di Michel Platini e compagni. La stagione seguente, Lazio e Roma si sfidarono nuovamente, in quello che fu denominato il derby amico, in virtù di un confronto tra le due società che mancava da ben tre anni. Le tifoserie, infatti, si scatenarono con vivaci e colorate coreografie.[69] La partita, in un clima di festa, fu vinta dai giallorossi per 2-0; nella partita di ritorno, con un pareggio per 2-2 la Lazio fermò il cammino della Roma nella sfida scudetto contro la Juventus.[70] La Lazio neopromossa, tuttavia, fece fatica ad affermarsi nel campionato, e mentre la Roma combatteva per il primo posto, la compagine biancoceleste lottava per non retrocedere. Retrocessione che non riuscì ad evitare l'anno successivo, arrivando penultima; i derby, finiti entrambi con dei deludenti pareggi (0-0 e 1-1),[71] furono contraddistinti dalla mancanza di gioco e fair play, in particolare il derby di ritorno che sfociò in una rissa.[72] L'unico derby che vide una netta supremazia fu quello disputato a inizio stagione nel girone di qualificazione di Coppa Italia, vinto 2-0 dalla Roma.

La Lazio tornò in Serie A solamente nella stagione 1988-1989, riuscendo a sconfiggere gli eterni rivali, grazie al primo gol nella massima divisione del giovane Paolo Di Canio, che riportò la sua squadra alla vittoria dopo ben dieci anni.[73] Il ritorno terminò sullo 0-0, tra le polemiche per il primo derby in maglia giallorossa di Lionello Manfredonia, passato da una parte all'altra del Tevere, e con la consapevolezza da parte di entrambe le squadre di non essere competitive come le compagini milanesi.[74][75] Nella stagione 1989-1990, entrambe le squadre dimostrarono, nuovamente, di essere lontane da qualsiasi ambizione scudetto, con la Roma che riuscì comunque a qualificarsi per le competizioni europee. Il derby d'andata finì 1-1, con la Lazio che in dieci uomini sfiorò la vittoria, sogno infranto, però, da una rete allo scadere del regista della nazionale Giannini.[76] Al ritorno, la Roma trovò la vittoria nel derby che mancava da sette anni, grazie ad un gol di Rudi Völler. Dall'incontro successivo, del 2 dicembre 1990, fino a quello d'andata della stagione 1993-1994, la stracittadina romana assistette alla più lunga striscia di pareggi consecutivi che si ricordi, ben sette. Ciò nonostante la Lazio del capocannoniere Giuseppe Signori, nella stagione 1992-1993, concluse, dopo oltre dieci anni, la stagione davanti ai cugini romanisti.

Il poker biancoceleste, la manita giallorossa e la finale di Coppa Italia (1993-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Stretta di mano tra i compagni di nazionale Rudi Völler e Karl-Heinz Riedle nel derby del 6 ottobre 1991

Dopo una lunga serie di pareggi, si giunse al primo derby vinto dalla Lazio, che in casa andò a segno con Beppe Signori, mentre per la Roma il capitano Giannini sbagliò un calcio di rigore e fu fortemente criticato dal presidente Sensi.[77] Questo fu il primo match disputato dal giovane calciatore Francesco Totti, che presto diventerà il recordman di presenze nell'intera storia del derby capitolino. Nella stagione successiva, le vittorie furono spartite in egual misura: 3-0 per la Roma di Carlo Mazzone e 2-0 per la Lazio di Zdeněk Zeman. Il primo derby del campionato 1995-1996 finì senza reti, mentre il secondo, che sembrava destinato anch'esso sullo 0-0, fu deciso da un fallo di mano di Lanna allo scadere, che provocò il rigore realizzato da Signori, che in seguito venne espulso.[78] Dopo i due pareggi della stagione 1996-1997 (0-0 e 1-1), arrivò l'incredibile impresa di Sven-Göran Eriksson, che alla guida della Lazio vinse quattro derby in un'unica stagione, tra campionato e Coppa Italia.[79]

Le due squadre ritrovarono il prestigio perduto, tornando a combattere per le prime posizioni: di conseguenza, anche la stracittadina acquistò maggiore importanza. La prima del campionato 1998-1999 fu un esempio di grande spettacolo, con la Roma che in dieci uomini riuscì a rimontare due gol alla Lazio, portando il risultato sul 3-3.[80] Nel ritorno Zeman si prese la rivincita sulla sua ex-squadra vincendo 3-1 con la doppietta di Marco Delvecchio e il gol di Totti allo scadere, che mostrò la celebre maglia con su scritto vi ho purgato ancora. Nella sfida seguente, quella del 21 novembre 1999, la Lazio subì quattro gol, addirittura in mezz'ora, e la partita finì 4-1, con il gol della bandiera di Sinisa Mihajlović. Nella sfida di ritorno fu la Lazio a vendicarsi vincendo 2-1, riuscendo anche nell'impresa di rimontare nove punti alla capolista Juventus, aggiudicandosi, all'ultima giornata, il suo secondo scudetto.

I giocatori manifestano solidarietà alle vittime del terremoto in Abruzzo nel derby di ritorno dell'11 aprile 2009

Il successo della Lazio non fu un caso isolato. Infatti, la Roma rispose immediatamente ai laziali vincendo il suo terzo scudetto l'anno successivo, anch'essa dopo aver avuto la meglio sulla Juventus, con l'approdo tra le proprie file del calciatore argentino Gabriel Omar Batistuta. Il derby d'andata fu deciso dall'autorete di Negro che consegnò la vittoria alla Roma;[81] il ritorno terminò sul risultato di 2-2, in un derby giocato fino all'ultimo respiro, in cui la Lazio recuperò due reti ai cugini proprio allo scadere.[82] A dominare la stagione 2001-2002 furono i giallorossi, che vinsero 2-0 all'andata e addirittura 5-1 al ritorno, in cui andò a segno Vincenzo Montella, che realizzò la prima e unica quaterna nella storia del derby, chiuse l'incontro Francesco Totti, con uno dei suoi gesti balistici più famosi: il cucchiaio.[83] Nella stagione seguente entrambe le sfide finirono in parità (2-2 e 1-1). Le due compagini si scontrarono anche nelle semifinali di Coppa Italia, entrambi i match furono vinti dai giallorossi che accedettero alla finale, poi persa contro il Milan.

Nella stagione 2003-2004 l'andata se la aggiudicò la Roma, grazie ad una prodezza di tacco di Mancini e al raddoppio di Emerson;[84] il derby di ritorno, disputato inizialmente il 21 marzo 2004, venne sospeso all'inizio del secondo tempo dopo le incessanti richieste dei tifosi, in base alla falsa notizia della morte di un ragazzo fuori dallo stadio, diffusasi nella Curva Sud. La partita, recuperata esattamente un mese dopo, terminò 1-1, con le marcature di Totti e Corradi. Nella stagione successiva il primo derby fu vinto 3-1 dalla Lazio, trascinata da Paolo Di Canio che tornò dopo sedici anni a segnare nel derby, provocando non poche polemiche per l'esultanza con il saluto romano sotto la curva romanista, durante i festeggiamenti post-partita.[85][86] La partita di ritorno fu sommersa da altre critiche: terminata a reti inviolate, la gara fu considerata un biscotto da entrambe le tifoserie, che si unirono in cori impietosi verso tutti i giocatori.[87][88] Seguì il derby del 23 ottobre 2005, finito 1-1, in cui l'arbitro Paparesta venne colpito sul volto da una monetina lanciata dalla Tribuna Tevere, riservata ai supporter giallorossi.[89] Il match di ritorno si concluse a favore dei giallorossi per 2-0 e fu ricordato per essere stata l'undicesima vittoria consecutiva dei romanisti, che stabilirono l'allora record italiano.[90]

Federico Balzaretti in lacrime per la gioia di aver segnato al derby

Nel frattempo la Lazio venne coinvolta nello scandalo di Calciopoli; questo non impedì ai biancocelesti di travolgere i cugini, con un secco 3-0, nel primo derby della stagione 2006-2007. Il ritorno, invece, terminò senza reti. Nella stagione successiva fu la Roma ad aggiudicarsi il derby, vincendo per 3-2. Al ritorno la partita finì col medesimo risultato, questa volta a vantaggio dei laziali, con l'ultimo gol realizzato in pieno recupero dal centrocampista Valon Behrami. Anche nella stagione successiva i derby vennero spartiti equamente tra le due squadre, con una vittoria dei laziali e una dei romanisti. In seguito, dal 6 dicembre 2009 al 13 marzo 2011, la Roma conquistò, tra campionato e Coppa Italia, cinque vittorie consecutive.[91] La Lazio, negli anni seguenti, provò a replicare, vincendo tre gare di fila, arrestandosi però nel derby dell'8 aprile 2013, terminato in pareggio (1-1). Nella partita successiva, disputata il 26 maggio 2013, la Lazio ottenne un risultato storico battendo la Roma per 1-0, grazie alla rete decisiva al 71' minuto di Senad Lulić, in occasione della finale di Coppa Italia giocata nello stadio Olimpico di Roma: non era mai accaduto infatti, nella lunga storia del derby capitolino, che le due squadre si scontrassero nell'ultimo atto di una competizione ufficiale.[92]

Nella stagione 2013-2014 il derby d'andata venne vinto dalla Roma, grazie alle reti di Balzaretti e Ljajić; la vittoria nel derby risulterà la quarta delle dieci vittorie con cui i giallorossi aprirono il campionato mentre quello di ritorno finì a reti inviolate.

Lista dei risultati[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Data Partita Marcatori Competizione [93]
1929-1930 8 dic. 1929 Lazio Lazio - Roma Roma 0-1 73' Volk Serie A 1
4 mag. 1930 Roma Roma - Lazio Lazio 3-1 8' Pastore (L), 20' Bernardini (R), 44' Volk (R), 68' Chini (R) Serie A 2
1930-1931 7 dic. 1930 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 34' Foni (L), 76' Volk (R) Serie A 3
22 feb. 1931 Lazio Lazio - Roma Roma 1-4 41' Chini (R) (rig.), 60' Volk (R), 80' Volk (R), 82' Pastore (L), 85' Eusebio (R) Amichevole -
24 mag. 1931 Lazio Lazio - Roma Roma 2-2 30' Pastore (L), 49' Volk (R), 61' Fantoni I (L), 88' Bodini II (R) Serie A 4
1931-1932 6 dic. 1931 Roma Roma - Lazio Lazio 2-0 51' Volk, 55' Eusebio Serie A 5
1º mag. 1932 Lazio Lazio - Roma Roma 1-4 3' Chini (R), 34' Fantoni I (L), 48' Volk (R), 54' Costantino (R), 59' Costantino (R) Serie A 6
26 giu. 1932 Roma Roma - Lazio Lazio 0-3 18' Fantoni I, 26' Fantoni I, 31' Malatesta Coppa Fornari -
1932-1933 23 ott. 1932 Lazio Lazio - Roma Roma 2-1 4' Demaría (L), 18' Volk (R), 83' Castelli (L) Serie A 7
26 mar. 1933 Roma Roma - Lazio Lazio 3-1 20' Costantino (R), 53' Fasanelli (R), 79' Demaría (L), 86' Eusebio (R) Serie A 8
1933-1934 1º nov. 1933 Roma Roma - Lazio Lazio 5-0 18' Tomasi, 31' Tomasi, 49' Bernardini, 55' Tomasi, 89' Bernardini Serie A 9
11 mar. 1934 Lazio Lazio - Roma Roma 3-3 8' Bernardini (R), 10' Costantino (R), 15' Guaita (R), 31' Demaría (L), 42' Demaría (L), 83' Demaría (L) Serie A 10
1934-1935 18 nov. 1934 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 61' Guaita (R) (rig.), 72' Piola (L) (rig.) Serie A 11
31 mar. 1935 Lazio Lazio - Roma Roma 0-0 Serie A 12
1935-1936 13 ott. 1935 Lazio Lazio - Roma Roma 0-1 89' Cattaneo Serie A 13
19 gen. 1936 Lazio Lazio - Roma Roma 2-1 27' Piola (L), 35' Camolese (L), 77' Gadaldi (R) Coppa Italia 14
16 feb. 1936 Roma Roma - Lazio Lazio 1-0 82' Cattaneo Serie A 15
1936-1937 18 ott. 1936 Roma Roma - Lazio Lazio 3-1 9' Busani (L), 29' Di Benedetti (R), 62' Serantoni (R), 89' Di Benedetti (R) Serie A 16
21 feb. 1937 Lazio Lazio - Roma Roma 0-1 52' Mazzoni Serie A 17
1937-1938 3 ott. 1937 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 22' Piola (L), 88' Frisoni (R) Serie A 18
6 feb. 1938 Roma Roma - Lazio Lazio 2-1 7' Michelini (R), 17' Camolese (L), 85' Borsetti (R) Serie A 19
22 mag. 1938 Lazio Lazio - Roma Roma 3-0 11' Busani, 41' Vettraino, 82' Vettraino Amichevole -
1938-1939 15 gen. 1939 Roma Roma - Lazio Lazio 0-2 3' Zacconi, 39' Busani Serie A 20
21 mag. 1939 Lazio Lazio - Roma Roma 1-3 3' Michelini (R), 5' Coscia (R), 12' Capri (L), 42' Bonomi (R) Serie A 21
1939-1940 7 gen. 1940 Roma Roma - Lazio Lazio 1-0 5' Campilongo Serie A 22
26 mag. 1940 Lazio Lazio - Roma Roma 1-0 14' Flamini Serie A 23
9 giu. 1940 Lazio Lazio - Roma Roma 3-3 5' Coscia (R), 45' Busani (L), 48' Pantò (R), 55' Busani (L), 65' Vettraino (L), 77' Timon (R) Amichevole -
1940-1941 24 nov. 1940 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 12' Zironi (L), 58' Amadei (R) Serie A 24
16 mar. 1941 Lazio Lazio - Roma Roma 2-0 43' Piola, 80' Piola Serie A 25
1941-1942 11 gen. 1942 Roma Roma - Lazio Lazio 2-1 15' Amadei (R), 23' Piola (L), 90' Faotto (L) (aut.) Serie A 26
24 mag. 1942 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 8' Pantò (R), 70' Puccinelli (L) Serie A 27
1942-1943 22 nov. 1942 Lazio Lazio - Roma Roma 3-1 32' Piola (L), 63' Acerbi (R) (aut.), 76' Koenig (L), 87' Pantò (R) (rig.) Serie A 28
7 mar. 1943 Roma Roma - Lazio Lazio 1-0 38' Amadei Serie A 29
15 mag. 1943 Roma Roma - Lazio Lazio 2-1 28' Krieziu (R), 62' Dagianti (R), 66' Gualtieri (L) Coppa Italia 30
1943-1944 9 gen. 1944 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 8' Manola (L), 19' Amadei (R) Camp. romano -
7 mag. 1944 Lazio Lazio - Roma Roma 0-0 Camp. romano -
29 giu. 1944 Lazio Lazio - Roma Roma 3-2 35' Andreoli (R), 40' Manfré (L), 46' Amadei (R) (rig.), 60' Longhi (L), 88' Koenig (L) Amichevole -
1944-1945 4 mar. 1945 Lazio Lazio - Roma Roma 2-0 46' Koenig, 78' Koenig Camp. romano -
6 mag. 1945 Roma Roma - Lazio Lazio 1-0 60' Urilli Camp. romano -
27 mag. 1945 Lazio Lazio - Roma Roma 0-1 57' Amadei (rig.) Torn. interregionale -
1945-1946 23 dic. 1945 Lazio Lazio - Roma Roma 1-2 29' Urilli (R), 56' Manola (L), 71' Gualtieri (L) (aut.) Div. Nazionale 31
24 mar. 1946 Roma Roma - Lazio Lazio 0-1 36' Koenig Div. Nazionale 32
1946-1947 6 ott. 1946 Roma Roma - Lazio Lazio 3-0 10' Renica, 71' Di Paola, 81' Amadei Serie A 33
2 mar. 1947 Lazio Lazio - Roma Roma 0-0 Serie A 34
1947-1948 16 nov. 1947 Lazio Lazio - Roma Roma 0-1 14' Amadei Serie A 35
21 apr. 1948 Roma Roma - Lazio Lazio 0-2 47' Cecconi, 52' De Andreis Serie A 36
1948-1949 17 ott. 1948 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 23' Losi (R), 83' Magrini (L) Serie A 37
6 feb. 1949 Lazio Lazio - Roma Roma 0-0 Serie A 38
1949-1950 16 ott. 1949 Lazio Lazio - Roma Roma 3-1 9' Penzo (L), 39' Spartano (R), 51' Puccinelli (L), 84' Remondini (L) (rig.) Serie A 39
19 feb. 1950 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 40
1950-1951 15 ott. 1950 Roma Roma - Lazio Lazio 0-1 71' Flamini Serie A 41
25 feb. 1951 Lazio Lazio - Roma Roma 2-1 1' Sentimenti III (L), 34' Cecconi (L), 57' Bacci (R) Serie A 42
1952-1953 7 set. 1952 Lazio Lazio - Roma Roma 3-1 56' Bredesen (L), 70' Renosto (R), 84' Bredesen (L), 89' Larsen (L) Coppa Messaggero -
16 nov. 1952 Lazio Lazio - Roma Roma 1-0 41' Bettolini Serie A 43
22 mar. 1953 Roma Roma - Lazio Lazio 0-2 55' Puccinelli, 58' Puccinelli Serie A 44
1953-1954 6 set. 1953 Lazio Lazio - Roma Roma 1-0 18' Bredesen Coppa dell'Amicizia -
29 nov. 1953 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 19' Galli (R), 41' Vivolo (L) Serie A 45
18 apr. 1954 Lazio Lazio - Roma Roma 1-2 7' Celio (R), 18' Bortoletto (R), 50' Fontanesi (L) Serie A 46
1954-1955 5 set. 1954 Lazio Lazio - Roma Roma 0-2 57' Pandolfini, 65' Pandolfini Trofeo Zenobi -
17 ott. 1954 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 33' Hansen (L), 34' Celio (R) Serie A 47
6 mar. 1955 Roma Roma - Lazio Lazio 1-3 11' Hansen (L), 47' Burini (L), 56' Burini (L), 59' Cardarelli (R) Serie A 48
1955-1956 11 set. 1955 Lazio Lazio - Roma Roma 1-5 8' Galli (R), 15' da Costa (R), 45' Nyers (R), 65' Nyers (R), 73' Nyers (R), 89' Vivolo (L) Trofeo Zenobi -
16 ott. 1955 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 49
4 apr. 1956 Lazio Lazio - Roma Roma 1-0 46' Muccinelli Serie A 50
1956-1957 14 ott. 1956 Lazio Lazio - Roma Roma 0-3 33' da Costa, 58' Pestrin, 68' da Costa Serie A 51
3 mar. 1957 Roma Roma - Lazio Lazio 2-2 22' Vivolo (L) (rig.), 32' da Costa (R), 48' da Costa (R), 69' Selmosson (L) Serie A 52
1957-1958 27 ott. 1957 Roma Roma - Lazio Lazio 3-0 58' Lojodice, 61' da Costa, 76' Ghiggia Serie A 53
16 mar. 1958 Lazio Lazio - Roma Roma 2-1 81' Selmosson (L), 83' Burini (L), 89' da Costa (R) Serie A 54
21 giu. 1958 Roma Roma - Lazio Lazio 2-3 27' Tozzi (L), 33' da Costa (R), 58' Tozzi (L), 61' Secchi (R), 75' Bizzarri (L) Coppa Italia 55
12 lug. 1958 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 27' Tozzi (L), 74' da Costa (R) Coppa Italia 56
1958-1959 30 nov. 1958 Lazio Lazio - Roma Roma 1-3 9' Selmosson (R), 25' Pozzan (L), 52' da Costa (R), 65' da Costa (R) Serie A 57
12 apr. 1959 Roma Roma - Lazio Lazio 3-0 22' Lojodice, 81' Selmosson, 87' da Costa Serie A 58
1959-1960 18 ott. 1959 Roma Roma - Lazio Lazio 3-0 2' P. Manfredini, 42' P. Manfredini, 86' Selmosson Serie A 59
6 mar. 1960 Lazio Lazio - Roma Roma 0-1 32' Janich (L) (aut.) Serie A 60
1960-1961 13 nov. 1960 Lazio Lazio - Roma Roma 0-4 22' P. Manfredini, 25' P. Manfredini, 37' P. Manfredini, 83' Orlando Serie A 61
19 mar. 1961 Roma Roma - Lazio Lazio 1-2 17' Giuliano (R), 22' Rozzoni (L), 24' Rozzoni (L) Serie A 62
1961-1962 25 apr. 1962 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 (6-4 dopo calci di rigore) Coppa Italia 63
1963-1964 6 ott. 1963 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 64
23 feb. 1964 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 22' Rozzoni (L), 79' Carpanesi (R) Serie A 65
1964-1965 15 nov. 1964 Lazio Lazio - Roma Roma 0-0 Serie A 66
28 mar. 1965 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 67
1965-1966 10 ott. 1965 Roma Roma - Lazio Lazio 0-1 39' D'Amato Serie A 68
27 feb. 1966 Lazio Lazio - Roma Roma 0-0 Serie A 69
1966-1967 11 set. 1966 Lazio Lazio - Roma Roma 1-0 57' Marchesi (rig.) Coppa dell'Amicizia -
23 ott. 1966 Lazio Lazio - Roma Roma 0-1 16' Enzo Serie A 70
5 mar. 1967 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 71
1968-1969 8 set. 1968 Roma Roma - Lazio Lazio 1-0 61' Ferrari Coppa Italia 72
1969-1970 7 set. 1969 Lazio Lazio - Roma Roma 0-2 (0-1,, 87' Peirò; poi 0-2 a tavolino) Coppa Italia 73
26 ott. 1969 Roma Roma - Lazio Lazio 2-1 65' Spinosi (R), 74' Landini (R), 89' Massa (L) Serie A 74
1º mar. 1970 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 48' Fortunato (L), 57' Capello (R) (rig.) Serie A 75
1970-1971 6 set. 1970 Roma Roma - Lazio Lazio 2-0 44' Wilson (L) (aut.), 68' B. Vieri (R) Coppa Italia 76
15 nov. 1970 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 69' Dolso (L), 84' Petrelli (R) Serie A 77
14 mar. 1971 Roma Roma - Lazio Lazio 2-2 30' Santarini (R) (aut.), 40' Zigoni (R), 62' Chinaglia (L) (rig.), 74' Salvori (R) Serie A 78
1971-1972 29 ago. 1971 Lazio Lazio - Roma Roma 1-0 24' Chinaglia Coppa Italia 79
1972-1973 12 nov. 1972 Roma Roma - Lazio Lazio 0-1 35' Nanni Serie A 80
11 mar. 1973 Lazio Lazio - Roma Roma 2-0 32' Garlaschelli (L), 38' Santarini (R) (aut.) Serie A 81
1973-1974 9 set. 1973 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Coppa Italia 82
9 dic. 1973 Lazio Lazio - Roma Roma 2-1 34' Negrisolo (R), 48' Franzoni (L), 68' Chinaglia (L) Serie A 83
31 mar. 1974 Roma Roma - Lazio Lazio 1-2 6' Pulici (L) (aut.), 47' D'Amico (L), 51' Chinaglia (L) (rig.) Serie A 84
1974-1975 22 set. 1974 Lazio Lazio - Roma Roma 0-1 61' Prati Coppa Italia 85
1º dic. 1974 Roma Roma - Lazio Lazio 1-0 35' De Sisti Serie A 86
23 mar. 1975 Lazio Lazio - Roma Roma 0-1 74' Prati Serie A 87
1975-1976 16 nov. 1975 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 55' De Sisti (R), 78' Chinaglia (L) Serie A 88
14 mar. 1976 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 89
1976-1977 28 nov. 1976 Lazio Lazio - Roma Roma 1-0 40' Giordano Serie A 90
27 mar. 1977 Roma Roma - Lazio Lazio 1-0 13' Conti Serie A 91
1977-1978 20 nov. 1977 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 92
19 mar. 1978 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 9' Clerici (L) (aut.), 55' Giordano (L) (rig.) Serie A 93
1978-1979 12 nov. 1978 Lazio Lazio - Roma Roma 0-0 Serie A 94
18 mar. 1979 Roma Roma - Lazio Lazio 1-2 20' Cordova (L) (aut.), 58' De Sisti (R) (aut.), 89' Nicoli (L) Serie A 95
1979-1980 28 ott. 1979 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 5' Rocca (R) (aut.), 16' Pruzzo (R) Serie A 96
2 mar. 1980 Lazio Lazio - Roma Roma 1-2 60' Pruzzo (R), 74' D'Amico (L), 85' Giovannelli (R) Serie A 97
1983-1984 23 ott. 1983 Lazio Lazio - Roma Roma 0-2 3' Nela, 63' Pruzzo Serie A 98
26 feb. 1984 Roma Roma - Lazio Lazio 2-2 8' D'Amico (L), 24' D'Amico (L) (rig.), 40' Di Bartolomei (R) (rig.), 51' Cerezo (R) Serie A 99
1984-1985 9 set. 1984 Roma Roma - Lazio Lazio 2-0 66' Iorio (rig.), 75' Di Carlo Coppa Italia 100
11 nov. 1984 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 101
24 mar. 1985 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 71' Antonelli (R), 73' Giordano (L) Serie A 102
1988-1989 15 gen. 1989 Lazio Lazio - Roma Roma 1-0 25' Di Canio Serie A 103
28 mag. 1989 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 104
1989-1990 19 nov. 1989 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 64' Bertoni (L), 83' Giannini (R) Serie A 105
18 mar. 1990 Lazio Lazio - Roma Roma 0-1 30' Völler Serie A 106
1990-1991 2 dic. 1990 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 45' Völler (R) (rig.), 55' Sosa (L) Serie A 107
6 apr. 1991 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 54' Völler (R) (rig.), 80' Sosa (L) Serie A 108
1991-1992 6 ott. 1991 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 65' Riedle (L), 81' Rizzitelli (R) Serie A 109
1º mar. 1992 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 5' Sosa (L), 70' Hassler (R) Serie A 110
1992-1993 29 nov. 1992 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 49' Giannini (R), 88' Gascoigne (L) Serie A 111
18 apr. 1993 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 112
1993-1994 24 ott. 1993 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 17' Piacentini (R), 79' Di Mauro (L) Serie A 113
6 mar. 1994 Lazio Lazio - Roma Roma 1-0 7' Signori Serie A 114
29 mag. 1994 Lazio Lazio - Roma Roma 0-2 2' Cappioli, 37' Cappioli Trofeo G. Calleri -
1994-1995 27 nov. 1994 Lazio Lazio - Roma Roma 0-3 3' Balbo, 25' Cappioli, 51' Fonseca Serie A 115
23 apr. 1995 Roma Roma - Lazio Lazio 0-2 30' Casiraghi, 70' Signori (rig.) Serie A 116
1995-1996 1º ott. 1995 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 117
18 feb. 1996 Lazio Lazio - Roma Roma 1-0 85' Signori (rig.) Serie A 118
1996-1997 8 dic. 1996 Lazio Lazio - Roma Roma 0-0 Serie A 119
4 mag. 1997 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 35' Balbo (R), 91' Protti (L) Serie A 120
1997-1998 2 nov. 1997 Roma Roma - Lazio Lazio 1-3 47' R. Mancini (L), 57' Casiraghi (L), 84' Nedvěd (L), 91' Delvecchio (R) Serie A 121
6 gen. 1998 Lazio Lazio - Roma Roma 4-1 2' Bokšić (L), 32' Jugović (L) (rig.), 39' Balbo (R) (rig.), 75' R. Mancini (L), 80' Fuser (L) Coppa Italia 122
21 gen. 1998 Roma Roma - Lazio Lazio 1-2 45' Jugović (L) (rig.), 54' Paulo Sérgio (R), 94' Gottardi (L) Coppa Italia 123
8 mar. 1998 Lazio Lazio - Roma Roma 2-0 50' Bokšić, 62' Nedvěd Serie A 124
1998-1999 29 nov. 1998 Lazio Lazio - Roma Roma 3-3 25' Delvecchio (R), 28' R. Mancini (L), 56' R. Mancini (L), 69' Salas (L) (rig.), 78' Di Francesco (R), 82' Totti (R) Serie A 125
11 apr. 1999 Roma Roma - Lazio Lazio 3-1 13' Delvecchio (R), 43' Delvecchio (R), 79' C. Vieri (L), 90' Totti (R) Serie A 126
1999-2000 21 nov. 1999 Roma Roma - Lazio Lazio 4-1 7' Delvecchio (R), 11' Montella (R), 26' Delvecchio (R), 31' Montella (R), 52' Mihajlović (L) (rig.) Serie A 127
25 mar. 2000 Lazio Lazio - Roma Roma 2-1 3' Montella (R), 25' Nedvěd (L), 28' Verón (L) Serie A 128
2000-2001 17 dic. 2000 Lazio Lazio - Roma Roma 0-1 70' Negro (aut.) Serie A 129
29 apr. 2001 Roma Roma - Lazio Lazio 2-2 48' Batistuta (R), 54' Delvecchio (R), 78' Nedvěd (L), 95' Castromán (L) Serie A 130
2001-2002 27 ott. 2001 Roma Roma - Lazio Lazio 2-0 49' Delvecchio, 90' Totti Serie A 131
10 mar. 2002 Lazio Lazio - Roma Roma 1-5 13' Montella (R), 30' Montella (R), 37' Montella (R), 53' D. Stanković (L), 64' Montella (R), 72' Totti (R) Serie A 132
2002-2003 27 ott. 2002 Lazio Lazio - Roma Roma 2-2 51' Fiore (L), 57' Delvecchio (R), 66' Batistuta (R), 75' D. Stanković (L) Serie A 133
5 feb. 2003 Lazio Lazio - Roma Roma 1-2 12' Cassano (R), 49' Emerson (R), 76' Fiore (L) Coppa Italia 134
8 mar. 2003 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 8' D. Stanković (L), 89' Cassano (R) Serie A 135
16 apr. 2003 Roma Roma - Lazio Lazio 1-0 56' Montella Coppa Italia 136
2003-2004 9 nov. 2003 Roma Roma - Lazio Lazio 2-0 81' Mancini, 86' Emerson Serie A 137
21 apr. 2004 Lazio Lazio - Roma Roma 1-1 40' Corradi (L), 61' Totti (R) (rig.) Serie A 138
2004-2005 6 gen. 2005 Lazio Lazio - Roma Roma 3-1 29' Di Canio (L), 68' Cassano (R), 74' César (L), 85' Rocchi (L) Serie A 139
15 mag. 2005 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 140
2005-2006 23 ott. 2005 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 40' Totti (R), 57' Rocchi (L) Serie A 141
26 feb. 2006 Lazio Lazio - Roma Roma 0-2 31' Taddei, 63' Aquilani Serie A 142
2006-2007 10 dic. 2006 Lazio Lazio - Roma Roma 3-0 44' C. Ledesma, 52' Oddo (rig.), 73' Mutarelli Serie A 143
29 apr. 2007 Roma Roma - Lazio Lazio 0-0 Serie A 144
2007-2008 31 ott. 2007 Roma Roma - Lazio Lazio 3-2 12' Rocchi (L), 19' Vučinić (R), 42' Mancini (R), 57' Perrotta (R), 69' C. Ledesma (L) Serie A 145
19 mar. 2008 Lazio Lazio - Roma Roma 3-2 31' Taddei (R), 44' Pandev (L), 57' Rocchi (L) (rig.), 62' Perrotta (R), 92' Behrami (L) Serie A 146
2008-2009 16 nov. 2008 Roma Roma - Lazio Lazio 1-0 50' J. Baptista Serie A 147
11 apr. 2009 Lazio Lazio - Roma Roma 4-2 2' Pandev (L), 3' Zárate (L), 9' Mexès (R), 58' Lichtsteiner (L), 81' De Rossi (R), 84' Kolarov (L) Serie A 148
2009-2010 6 dic. 2009 Roma Roma - Lazio Lazio 1-0 79' Cassetti Serie A 149
18 apr. 2010 Lazio Lazio - Roma Roma 1-2 15' Rocchi (L), 54' Vučinić (R) (rig.), 64' Vučinić (R) Serie A 150
2010-2011 7 nov. 2010 Lazio Lazio - Roma Roma 0-2 52' Borriello (rig.), 85' Vučinić (rig.) Serie A 151
19 gen. 2011 Roma Roma - Lazio Lazio 2-1 53' Borriello (R) (rig.), 57' Hernanes (L) (rig.), 77' F. Simplício (R) Coppa Italia 152
13 mar. 2011 Roma Roma - Lazio Lazio 2-0 69' Totti, 91' Totti (rig.) Serie A 153
2011-2012 16 ott. 2011 Lazio Lazio - Roma Roma 2-1 5' Osvaldo (R), 51' Hernanes (L) (rig.), 93' Klose (L) Serie A 154
4 mar. 2012 Roma Roma - Lazio Lazio 1-2 10' Hernanes (L) (rig.), 16' Borini (R), 62' Mauri (L) Serie A 155
2012-2013 11 nov. 2012 Lazio Lazio - Roma Roma 3-2 11' Lamela (R), 37' Candreva (L), 45' Klose (L), 46' Mauri (L), 86' Pjanić (R) Serie A 156
8 apr. 2013 Roma Roma - Lazio Lazio 1-1 16' Hernanes (L), 57' Totti (R) (rig.) Serie A 157
26 mag. 2013 Roma Roma - Lazio Lazio 0-1 71' Lulić Coppa Italia 158
2013-2014 22 set. 2013 Roma Roma - Lazio Lazio 2-0 63' Balzaretti, 94' Ljajić (rig.) Serie A 159
9 feb. 2014 Lazio Lazio - Roma Roma 0-0 Serie A 160
2014-2015 11 gen. 2015 Roma Roma - Lazio Lazio Serie A 161
24 mag. 2015 Lazio Lazio - Roma Roma Serie A 162

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche generali[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie
Lazio
Pareggi Vittorie
Roma
Gare Reti Lazio Reti Roma
Serie A 36 56 48 140 134 171
Divisione Nazionale 1 0 1 2 2 2
Totale campionato 37 56 49 142 136 173
Coppa Italia 6 3 9 18 17 21
Totale gare ufficiali 43 59 58 160 153 194
Campionato romano 1 2 1 4 3 2
Amichevoli 2 1 1 4 10 9
Altri incontri[94] 4 0 4 8 9 11
Totale generale 50 62 64 176 175 216

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Dino da Costa: l'ala giallorossa è il miglior marcatore nella storia del derby con 12 reti, di cui 9 in campionato, 2 in Coppa Italia e 1 in un derby valido per l’assegnazione della Coppa Zenobi. Un tredicesimo gol, segnato in un Lazio-Roma 0-1 del 6 marzo 1960, gli venne contestato e fu considerato autorete del difensore laziale Francesco Janich[95]
Giocatore Squadra Campionato Coppa Italia Partite non
ufficiali
Totale gare
ufficiali
Totale
Dino da Costa Roma Roma 9 2 1 11 12
Marco Delvecchio Roma Roma 9 0 0 9 9
Francesco Totti Roma Roma 9 0 0 9 9
Vincenzo Montella Roma Roma 7 1 0 8 8
Rodolfo Volk Roma Roma 7 0 2 7 9
Silvio Piola Lazio Lazio 6 1 0 7 7
Alejandro Demaría Lazio Lazio 5 0 0 5 5
Arne Selmosson Lazio Lazio
Roma Roma
5 0 0 5 5
Tommaso Rocchi Lazio Lazio 5 0 0 5 5
Amedeo Amadei Roma Roma 5 0 3 5 8
Pedro Manfredini Roma Roma 5 0 0 5 5
Giorgio Chinaglia Lazio Lazio 4 1 0 5 5
Vincenzo D'Amico Lazio Lazio 4 0 0 4 4
Pavel Nedved Lazio Lazio 4 0 0 4 4
Mirko Vucinic Roma Roma 4 0 0 4 4
Fulvio Bernardini Roma Roma 4 0 0 4 4
Raffaele Costantino Roma Roma 4 0 0 4 4
Roberto Mancini Lazio Lazio 3 1 0 4 4
Hernanes Lazio Lazio 3 1 0 4 4
Giuseppe Signori Lazio Lazio 3 0 1 3 4
Silvio Piola: l'attaccante biancoceleste è il miglior marcatore laziale nella storia del derby con 7 reti

Classifica presenze calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Squadra Campionato Coppa Italia Partite non
ufficiali
Totale gare
ufficiali
Totale
Francesco Totti Roma Roma 34 5 1 39 40
Sergio Santarini Roma Roma 19 6 0 25 25
Guido Masetti Roma Roma 22 2 2 24 26
Daniele De Rossi Roma Roma 21 2 0 23 23
Giuseppe Wilson Lazio Lazio 19 4 0 23 23
Aldair Roma Roma 20 2 0 22 22
Giuseppe Favalli Lazio Lazio 18 3 1 21 22
Paolo Negro Lazio Lazio 16 4 1 20 21
Aldo Puccinelli Lazio Lazio 19 1 0 20 20
Fulvio Bernardini Roma Roma 18 1 1 19 20
Giacomo Losi Roma Roma 16 3 1 19 20
Silvio Piola Lazio Lazio 17 2 0 19 19

Classifica presenze allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Liedholm, l'allenatore con più panchine nel derby di Roma, tra i brasiliani Falcão e Cerezo
Allenatore Squadra Campionato Coppa Italia Partite non
ufficiali
Totale gare
ufficiali
Totale
Nils Liedholm[96] Roma Roma 15 1 0 16 16
Sven-Göran Eriksson[97] Roma Roma
Lazio Lazio
9 3 0 12 12
Zdeněk Zeman[98] Lazio Lazio
Roma Roma
10 2 0 12 12
Fabio Capello Roma Roma 10 2 0 12 12
Juan Carlos Lorenzo[99] Lazio Lazio
Roma Roma
8 3 0 11 11
Dino Zoff Lazio Lazio 10 0 1 10 11
Tommaso Maestrelli Lazio Lazio 7 3 0 10 10
Helenio Herrera Roma Roma 6 4 0 10 10

Record personali[modifica | modifica wikitesto]

Nella lista dei recordman del derby di Roma, Francesco Totti detiene il primato di gare disputate: 39 stracittadine, suddivise in 34 partite di campionato e 5 di Coppa Italia, più un gara amichevole con cui salirebbe a 40. In questa graduatoria è seguito dal romanista Sergio Santarini che vanta 19 presenze in campionato e 6 in coppa. Per i biancocelesti i giocatori più presenti sono Giuseppe Wilson con 22 gettoni (17 in campionato e 5 in coppa) e Silvio Piola (19 presenze in campionato e 2 in coppa).[100] Le sei presenze nella coppa nazionale valgono a Sergio Santarini il record per il giocatore con il maggior numero di presenze in Coppa Italia.

Totti con 13 vittorie, di cui 11 in campionato e 2 in coppa, è il giocatore ad aver vinto più derby;[100] in graduatoria viene seguito da Guido Masetti con 10 vittorie, realizzate tutte in campionato. Seguono con 8 vittorie Luca Marchegiani, primo dei laziali (6 vittorie in campionato e 2 in coppa), e Santarini che con 4 vittorie in campionato e 4 in coppa è anche il giocatore ad aver vinto il maggior numero di stracittadine in Coppa Italia. Totti è inoltre il giocatore che ha perso più derby capitolini: 15, di cui 12 in campionato e 3 in Coppa Italia. In questa classifica è seguito da Silvio Piola con 10 incontri persi, 9 in campionato ed uno in coppa.[100]

Francesco Totti, uno dei più grandi recordman del derby capitolino

Il giallorosso Dino Da Costa è il miglior marcatore assoluto dei derby con 11 reti, di cui 9 in campionato (primato condiviso con Marco Delvecchio e Francesco Totti) e 2 in Coppa Italia. Il brasiliano andò a segno in 8 derby consecutivi tra campionato (6) e coppa (2), durante la sua militanza nella Roma, dal 1955 al 1960; stabilendo il primato assoluto di marcature. Il romanista Rodolfo Volk detiene il primato di reti consecutive nei derby di campionato, andando a segno per 7 gare, dal 1929 al 1932. Per la Lazio i migliori marcatori sono Silvio Piola, con 7 reti (di cui 6 in campionato ed una in coppa), seguito da Alejandro Demaría e Tommaso Rocchi con 5 marcature, tutte in campionato. Le tre marcature consecutive di Dejan Stanković nei derby di campionato tra il 2002 e 2003 risultano essere, a tutt'oggi, il primato dei biancocelesti.[101]

Sergio Santarini è il giocatore ad aver segnato più autoreti nella storia del derby romano, insaccando il pallone nella propria porta, nei rispettivi incontri del 14 marzo 1971 e dell'11 marzo 1973. Hanno realizzato un'autorete nel derby, i giocatori: Faotto (primo tra i laziali), Gualtieri, Janich, Acerbi (primo tra i romanisti), Clerici, Rocca, Pulici e Negro. Episodio unico avvenne nel derby del 28 ottobre 1979, quando gli autogol segnati furono due, realizzati da Cordova della Lazio e De Sisti della Roma.[102]

Vincenzo Montella è il giocatore che ha segnato più gol in un unico derby: quattro reti, con il risultato finale di 5-1 a favore dei giallorossi, nella stagione 2001-2002.[101] Fino ad allora vi erano state tre triplette: due nella stagione 1933-1934: all'andata del romanista Ernesto Tomasi (Roma-Lazio 5-0) e al ritorno quella del laziale Alejandro Demaría, che con le sue marcature segnò la rimonta più corposa avvenuta in un derby (da 0-3 a 3-3). L'ultima in ordine di tempo, e l'unica tra le tre ad essere stata realizzata in trasferta, è quella di Pedro Waldemar Manfredini che segnò tre dei quattro gol con cui la Roma superò la Lazio nel novembre del 1960. Arne Selmosson, invece, è l'unico giocatore ad aver segnato nel derby con entrambe le squadre: con la Lazio, il 3 marzo 1957 (Roma-Lazio 2-2) e il 16 marzo 1958 (Lazio-Roma 2-1), e con la Roma, il 30 novembre 1958 (Lazio-Roma 1-3,) il 12 aprile 1959 (Roma-Lazio 3-0) e il 18 ottobre 1959 (Roma-Lazio 3-0).[101]

Sven-Göran Eriksson, alla guida della Lazio, nella stagione 1997-1998 è stato il primo e finora unico allenatore a vincere quattro derby in una sola stagione (2 di campionato e 2 di coppa).[101] Il primato di vittorie consecutive in campionato è di quattro partite, condiviso tra il romanista Luigi Barbesino, con le vittorie nelle stagioni 1935-1936 e 1936-1937, ed il laziale Tommaso Maestrelli, vittorioso nelle stagioni 1972-1973 e 1973-1974. Claudio Ranieri, alla guida della Roma, ha ottenuto quattro vittorie consecutive vincendo entrambi i confronti, nella stagione 2009-2010, e il match di andata della stagione 2010-2011, finanche l'incontro di Coppa Italia del 19 gennaio 2011.[103]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della storia del derby romano, furono cinque gli stadi utilizzati per disputare la sfida tra le due squadre. Il primo derby si disputò nel 1929 in casa della Lazio, allo Stadio della Rondinella; il campo non fu più riutilizzato, ed è quindi la Roma, con la vittoria del primo derby, ad aver vinto l'unico match giocato in questo stadio. La partita di ritorno si giocò in casa della Roma a Campo Testaccio, che verrà utilizzato per le partite in casa dei giallorossi fino alla stagione 1939-1940. Nello stadio situato nel quartiere di Testaccio vennero disputate dodici partite, di cui otto vinte dalla Roma. In questo periodo la Lazio giocò le partite casalinghe nello Stadio Nazionale, che in seguito all'abbattimento di Campo Testaccio venne utilizzato anche dalla Roma; nello stadio, che nel corso degli anni assunse anche il nome di Stadio del Partito Nazionale Fascista e Stadio Torino, le due squadre capitoline si affrontarono per quarantatré volte di cui diciassette vinte dalla Lazio e tredici dalla Roma. Dal 1953 entrambe le squadre utilizzarono per gli incontri casalinghi lo Stadio Olimpico, dove ancora tutt'oggi giocano; nelle centoventisei partite disputate nello stadio situato nel complesso del Foro Italico, la maggior parte sono terminate in pareggio, ben quarantacinque, mentre il maggior numero di vittorie è stato conseguito dalla Roma, con quarantuno successi. Dal 1953 la struttura è stata sempre utilizzata dalle due società, tranne che nella stagione 1989-1990, in cui per permettere gli interventi di ristrutturazione in vista dei mondiali, le due squadre romane disputarono i loro incontri allo Stadio Flaminio: in questa stagione un derby fu vinto dai giallorossi, mentre l'altro finì in pareggio. Le statistiche riguardo i risultati ottenuti dalle due squadre relative ad ognuno dei cinque impianti in cui si è disputato il derby di Roma sono raccolte nella seguente tabella:[104]

Stadio della Rondinella Campo Testaccio Stadio Nazionale Stadio Flaminio Stadio Olimpico
Stadio Stadio della Rondinella, Stazio Nazionale e Campo Apolloro.jpg CampoTestaccioAlto.jpg Roma Stadio Nazionale PNF 1930s.jpg Stadio Flaminio a Roma.jpg Stadio Olimpico Roma.jpg
Capienza 15.000 20.000 47.300 30.000 73.261
Vittorie Lazio 0 2 17 0 30
Vittorie Roma 1 8 13 1 41
Pareggi 0 2 13 1 45

Episodi drammatici[modifica | modifica wikitesto]

La morte di Vincenzo Paparelli[modifica | modifica wikitesto]

Il capitano della Lazio, Pino Wilson, mentre parla con i suoi tifosi per cercare di riportare l'ordine

Durante un derby capitolino, il 28 ottobre 1979, trovò la morte la seconda vittima italiana della violenza negli stadi: un sostenitore della Lazio, Vincenzo Paparelli, venne ucciso da un razzo nautico per segnalazioni luminose sparato da un diciottenne tifoso della Roma, Giovanni Fiorillo, che attraversò tutto il campo di gioco da un lato all'altro, percorrendo oltre 250 metri e finendo proprio nell'occhio della vittima. Paparelli venne trasportato verso l'ospedale Santo Spirito, decedendo durante il tragitto. Allo stadio, una volta diffusa la notizia del decesso del tifoso laziale, i sostenitori biancocelesti chiesero la sospensione del match. Tuttavia, per evitare ulteriori incidenti, fu scelto di disputare normalmente la gara; questa scelta scatenò l'ira dei tifosi laziali che iniziarono a lanciare oggetti in campo. Wilson e Giordano si fermarono a lungo per cercare di calmare la propria tifoseria, senza però riuscirci. Nel disordine generale l'arbitro D'Elia fischiò l'inizio del derby, con le proteste che si affievolirono col passare dei minuti, grazie anche all'intervento delle autorità.[105][106]

Il derby sospeso[modifica | modifica wikitesto]

Un evento molto particolare ebbe luogo invece nel derby del 21 marzo 2004. Sette tifosi della Roma, dopo aver scavalcato le recinzioni ed essere arrivati a bordo campo, chiesero al capitano della Roma, Francesco Totti, di pretendere dal direttore di gara l'interruzione della partita a causa di un presunto evento funesto, in ottemperanza alla norma che stabiliva proprio questa possibilità. Si diffuse sugli spalti, infatti, la voce, poi rivelatasi infondata, circa la morte di un ragazzo che sarebbe stato investito da una camionetta della polizia. In effetti molti spettatori videro, entrando nello stadio, un ragazzo disteso e coperto con un telo, ma nessuno spiegò al pubblico che era solo un malore dovuto alla respirazione di gas lacrimogeni sparati dalle forze dell'ordine nella zona della curva nord. L'ufficiale smentita da parte della polizia, diffusa tramite gli altoparlanti dello stadio, non fu in grado di levare ogni dubbio. Dopo 25 minuti di sospensione della partita, l'arbitro Rosetti, a seguito di una consultazione telefonica con il presidente della Lega Calcio, Adriano Galliani, decise di interrompere definitivamente la gara. All'indomani dell'episodio la Questura di Roma operò numerosi arresti negli ambienti delle tifoserie ultrà di Roma e Lazio, che dopo la sospensione dell'incontro si resero autrici di gravissime intemperanze ed incidenti al di fuori dello stadio.[107]

Partite a ranghi unificati[modifica | modifica wikitesto]

Rappresentativa romana-hungaria 1929.png Kit rappresentativa romana 1928-1929.jpg
Un'azione di gioco nella partita contro l'Hungaria e la divisa indossata in questa partita dalla rappresentativa romana, utilizzata precedentemente anche con il Viktoria Žižkov
« Nonostante la rivalità che le ha sempre divise, le due squadre - quando debbono formare una Rappresentativa - filano il perfetto accordo e fanno le cose in modo da arrivare al successo. »
(Il Littoriale, 16 aprile 1944[108])

Nella lunga storia delle due società capitoline, contrassegnata dall'accesa rivalità tra le due compagini, ci furono alcune occasioni in cui giocatori di Lazio e Roma giocarono uniti sotto un'unica divisa per rappresentare l'Urbe. La prima volta che ciò avvenne fu il 26 dicembre 1928, in una partita arbitrata dal romano Antonio Biolghini in cui ad affrontare i cechi del Viktoria Žižkov ci fu una squadra mista formata da giallorossi e biancocelesti; i cechi si portarono subito in vantaggio con Novak, ma la reazione dei capitolini fu travolgente, e a trafiggere Zeman, il portiere avversario, furono prima Volk, poi Pardini e Fasanelli, e infine nuovamente Volk; Novak mise a segno il suo secondo gol, portando il risultato sul 4-2 che rimarrà l'esito finale della partita. A scendere in campo da titolari per la rappresentativa romana furono Barzan, D'Aquino, Degni, Benatti, Fasanelli e Volk per la Roma e Sclavi, Bottacini, Caimmi, Pardini e Griggio per la Lazio, indossando una maglia bianca recante una lupa blu ricamata sul petto e con dei calzoncini neri. La stessa maglia fu utilizzata anche qualche giorno dopo, il 1º gennaio 1929, nella partita tra la rappresentativa romana e l'Hungaria disputata, come la precedente, allo Stadio Nazionale. Il match arbitrato dal romano De Santis, disputato sotto una pioggia incessante che rese il terreno pesante, fu condotto dagli ungheresi grazie alla doppietta nel primo tempo di Hirzer e al gol di Molnar; ad accorciare le distanze fu Fasanelli, servito da Bernardini, prima che Hirzer segni il suo terzo gol. Nel finale le reti di Bernardini e Chini non bastarono per completare la rimonta e la partita si concluse sul 4-3 a favore degli ungheresi.[109][110]

Kit rappresentativa romana 1 novembre 1973.jpg Mista LazioRoma-CSKA Mosca - 1973 - Domenghini, Re Cecconi, Chinaglia, Frustalupi e Prati.jpg
Domenghini, Re Cecconi, Chinaglia, Frustalupi e Prati prima della sfida tra la rappresentativa romana e il CSKA Mosca, e la divisa usata in quell'occasione dalla selezione capitolina

L'eccezionale evento si ripeté nuovamente il 26 dicembre 1930, quando durante una turnè di squadre straniere in Italia nel periodo natalizio, si venne a formare nuovamente una rappresentativa romana per affrontare gli ungheresi del Sabaria. Disputata a Campo Testaccio, dove i capitolini scesero in campo con i colori giallorossi, la partita fu vinta dai padroni di casa per 3-2, pur non convincendo del tutto, a causa della mancata intesa tra giocatori di Lazio e Roma.[111] Campo Testaccio che era stato già abbattuto da qualche anno quando le due squadre si unirono nuovamente per una partita: fu il 16 aprile 1944, in pieno periodo bellico, in un incontro che puntava a mettere di fronte i migliori giocatori del settore calcistico romano: da una parte gli Assi, composta da giocatori affermati di grande fama, tutti selezionati tra le fila di Lazio e Roma, e dall'altra parte i Giovani, giocatori promesse del calcio romano scelti dalle altre otto squadre del campionato romano di guerra; gli Assi, selezionati da Dino Canestri, scesero in campo con Gradella, Pastori, Valenti, Gualtieri, Andreolo, Milano, Krieziu, Borsetti, Amadei, Manola e Koenig, indossando una maglia biancazzurra, mentre i Giovani, che contavano calciatori di Vigili del Fuoco, Tirrenia, Avia, Alba, Mater e Juventus Roma, scesero in campo con una maglia giallorossa. La squadra dei grandi campioni come era prevedibile si portò subito in vantaggio, e dopo mezz'ora di gioco il risultato era fissato sul 3-0 grazie alla tripletta di Koenig; ma incredibilmente i Giovani riuscirono a rispondere lasciando da parte il timore, segnando tre reti che decisero il risultato finale, 3-3.[108][112]

Giordano e Di Bartolomei schierati in campo prima della partita benefica tra "Romani" e "Resto d'Italia" del 19 novembre 1979. Sul petto delle loro maglie, cuciti assieme, i due simboli di Lazio e Roma.

Sempre durante il periodo bellico, il 4 febbraio 1945, le due squadre capitoline diedero vita ad una formazione mista per affrontare, per un'iniziativa benefica, una rappresentativa inglese formata da militari della British Army. Il match si disputò allo Stadio del Partito Nazionale Fascista, al quale accorsero circa 20.000 persone per assistere alla partita che fu un trionfo di correttezza e sportività; i romani, scesi in campo con maglia bianca e calzoncini neri, furono Rega, Pastori, Andreoli, Gualtieri, Andreolo, Manola, Krieziu, Dagianti, Amadei, Lombardi e Koenig; quest'ultimo si confermò uno dei giocatori più prolifici in queste speciali occasioni, segnando una doppietta. Un terzo gol fu segnato da Krieziu, che garantì ai romani la vittoria per 3-1 sui britannici, che andarono a segno solamente una volta con Rudd.[113]

Nel 1973 i giocatori delle due squadre tornarono ad unirsi sotto un'unica livrea per sfidare, il 1º novembre, il CSKA Mosca, in quel periodo conosciuto come Armata Rossa perché sotto il diretto controllo del Ministero dell'Esercito. Davanti a 50.000 spettatori accorsi all'Olimpico, i russi sconfissero per 1-0 la rappresentativa mista capitolina; i giocatori di Roma e Lazio, che indossavano una maglia bianca con tre bande verticali, rossa, blu e gialla, e dei calzoncini bianchi, delusero i tanti appassionati di calcio presenti allo stadio, dimostrando poca intesa e poco impegno; in particolare i giocatori dell'attacco atomico della rappresentativa non rispettarono le attese, non riuscendo a segnare nemmeno un gol.[114][115][116]

L'ultimo incontro, ad oggi, in cui le due squadre scesero in campo con formazioni miste fu giocato il 18 novembre 1979, quando venne disputato un derby per ricordare la tragica morte di Vincenzo Paparelli, avvenuta meno di un mese prima, e per devolvere gli incassi della partita alla famiglia del defunto. La partita, a cui assistettero 19.006 tifosi paganti, venne chiamata in vari modi, come derby amichevole, derby pro-Paparelli, derby dell'amicizia o derby della solidarietà. I giocatori dei club si divisero in due squadre: i Romani, composti da Cacciatori, Tassotti, Amenta, Peccenini, Manzoni, Spinosi, Manfredonia, Rocca, Conti, Scarnecchia, Montesi, A. Lopez, Giordano, Di Bartolomei e D'Amico, guidati dalla panchina da Roberto Lovati e con una maglia verde petrolio con dettagli bianchi e calzoncini verdi; ad affrontarli la squadra Resto d'Italia, formata da Tancredi, Santarini, Maggiora, Citterio, Pighin, Wilson, Turone, Benetti, De Nadai, Garlaschelli, Viola, Pruzzo, Nicoli, Ancelotti e Ugolotti, guidati da Liedholm e con una maglia bianca con dettagli verdi e calzoncini bianchi; entrambe le maglie, invece, riportavano sul petto sia lo stemma della Roma, sia quello della Lazio. La partita fu vinta dal Resto d'Italia per 2-1, con a segno Pruzzo per due volte e Giordano su rigore.[117][118][119]

Cinema e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Alberto Sordi nelle vesti di Nando Moriconi

La rivalità tra Lazio e Roma fin dalle sue origini è stata più volte rappresentata nei suoi aspetti più vari, sia sul piccolo che sul grande schermo. Nel 1957 il derby capitolino compare nel film Il marito, commedia diretta da Nanni Loy e Gianni Puccini, in cui il romanista Alberto Sordi vede dal balcone i tifosi laziali recarsi allo stadio per il derby e grida loro «Anvedi 'sti sfollati! A profughi! A zozzi laziali!»[120] Molti anni più tardi, nel 1975, Sordi ribadisce il suo attaccamento ai colori giallorossi nei panni di Nando Moriconi nella commedia Di che segno sei?, in cui identifica i laziali come burini. Nel 1963 è Vittorio Gassman nel film I mostri di Dino Risi a portare avanti i colori romanisti, supportando la squadra allo stadio durante un Derby del Sole in cui andò a segno Pedro Manfredini.[121]

Nel 1983 il film Il tifoso, l'arbitro e il calciatore mette in scena un derby reso comico da Amadeo, interpretato da Pippo Franco, che per non scontentare né il padre, romanista, né il suocero, laziale, si cimenta in rocamboleschi cambi di colori per assistere al derby alternandosi tra una curva e l'altra, salvo poi essere scoperto.[121] Sei anni più tardi, nel 1989, sono Angelo Bernabucci e Maurizio Mattioli ad impersonare due tifosi giallorossi nel film Fratelli d'Italia di Neri Parenti; i due tornano a ricoprire due ruoli similari nel 1999, anno in cui Neri Parenti porta sul grande schermo le tifoserie italiane con la commedia Tifosi: a sostegno dei biancocelesti, impegnati nella gara casalinga contro l'Inter, c'è il laziale Christian De Sica, nei panni di Cesare Proietti.[121]

Nel 1991 Ricky Tognazzi tenta di mettere in luce gli aspetti più controversi delle tifoserie, come emarginazione e violenza, nel film Ultrà, che sancì la spaccatura tra Claudio Amendola, che interpretava un ultrà romanista, e la Curva Sud.[122] Tuttavia la frattura con i supporters giallorossi non impedisce all'attore di manifestare la sua fede giallorossa: così, nella serie televisiva I Cesaroni, nella bottiglieria che gestisce insieme ad Antonello Fassari, è presente una lavagnetta in cui si ricorda il derby terminato 4-1 del 21 novembre 1999.

Il derby di Roma fa una piccola comparsa anche nel film Mangia prega ama, del 2010, dove Julia Roberts, impersonando la scrittrice Elizabeth Gilbert, assiste, in un bar gremito di tifosi giallorossi, al derby, esultando alla rete decisiva di Amantino Mancini, sebbene nel romanzo da cui è stata tratta la pellicola, la scrittrice sia simpatizzante per i biancocelesti.[123] Chi invece dedica un intero documentario al derby capitolino è l'attore inglese Danny Dyer, che nella sua serie di documentari Ultras nel mondo: curve infuocate si addentra alla scoperta del mondo ultrà biancoceleste e di quello giallorosso, assistendo al derby alternandosi tra una curva e l'altra.[121]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I 15 derby più belli del mondo, eurosport.yahoo.com. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  2. ^ I derby più accesi del mondo, la top ten della CNN: Lazio-Roma al secondo posto, calcioblog.it. URL consultato il 25 ottobre 2013.
  3. ^ Stefano Petrucci, Derby di Roma, dopo gli insulti si cerca il gol, Corriere della Sera, 6 gennaio 2005.
  4. ^ Il calcio a Roma, UEFA, 20 marzo 2009.
  5. ^ S.S. Lazio: le origini, sslazio.it.
  6. ^ Impiglia
  7. ^ Cfr. M. C. Wickham, Roma medievale. Crisi e stabilità di una città 900-1150, Roma 2013, p. 38 nt. 31, che cita un passo di s. Bernardo di Clairvaux (De consideratione, IV 2): «Quid de populo loquar? Populus Romanus est [...]. Quid tam notum saeculis, quam protervia et cervicositas Romanorum? Gens insueta paci, tumultu assueta, gens immiti et intractabilis» (Di che popolo parlo? Del popolo romano […] famoso per la sfrontata protervia e caparbietà. Gente non avvezza alla pace, abituata alla ribellione, gente aspra e rude […]).
  8. ^ Impiglia, p. 54.
  9. ^ a b Il primo derby romano, enciclopediadelcalcio.it. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  10. ^ Il Littoriale, 9 dicembre 1929, p. 1.
  11. ^ I derby Lazio-Roma: gli Anni 20-30-40, asroma.it. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  12. ^ Impiglia, p. 55
  13. ^ Roma e Lazio chiudono alla pari 1-1 in Il Littoriale, 8 dicembre 1930, p. 1. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  14. ^ La Roma batte nettamente la Lazio per 4 a 1 in Il Littoriale, 23 febbraio 1931. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  15. ^ La Gazzetta dello Sport, 25 maggio 1931.
  16. ^ Con la prima linea pressoché al completo la Roma infligge alla Lazio un secco 5-0 (2-0) in Il Littoriale, 2 novembre 1933, p. 1. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  17. ^ La lazio, sorpresa da tre punti all'inizio, reagisce con animo e, benché menomata, riduce il distacco e raggiunge l'avversaria in Il Littoriale, 12 marzo 1934, p. 1. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  18. ^ Tammaro,  p. 26
  19. ^ La Roma conquista la vittoria sulla Lazio con un calcio di punizione di Mazzoni in Il Littoriale, 22 febbraio 1937, p. 1. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  20. ^ Superiore in ogni linea la Lazio comanda il gioco, segna due punti e vive tranquilla sul vantaggio in Il Littoriale, 16 gennaio 1939, p. 1. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  21. ^ La Lazio giuoca meglio e batte la disorientata Roma (2-0) in La Stampa, 16 gennaio 1939. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  22. ^ Roma-Lazio 1-0 (1-0) in La Stampa, 8 gennaio 1940.
  23. ^ La Roma impone la partita dello slancio e, segnando un gol con Campilongo al 5º minuto di gioco resiste saldamente al disordinato finale dell'incerta Lazio in Il Littoriale, 8 gennaio 1940, p. 1. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  24. ^ Lazio-Roma 1-0 (1-0) in La Stampa, 27 maggio 1940. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  25. ^ La Lazio gioca con decisa volontà e batte di stretta misura (1-0) la Roma dalla sterile manovra in Il Littoriale, 27 maggio 1940, p. 1. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  26. ^ La casa storica della roma in Il Tempo, 11 ottobre 2009. URL consultato il 19 settembre 2014.
  27. ^ La lazio impone la sua manovra nel primo tempo ma è costretta al pareggio (1-1) nella ripresa tutto slancio predominata dalla Roma in Il Littoriale, 25 novembre 1940, p. 1. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  28. ^ Il 24° confronto Lazio-Roma in Il Littoriale, 15 marzo 1941, p. 1. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  29. ^ Roma 2 - Lazio 1 in La Stampa, 12 gennaio 1942, p. 2. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  30. ^ La Roma è bloccata dalla rivale concittadina in La Gazzetta dello Sport, 25 maggio 1942, p. 1.
  31. ^ La lazio prevale per stile e incisività e coglie un meritato successo su di una Roma discontinua e giù di forma in Il Littoriale, 23 novembre 1942, p. 1. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  32. ^ Amadei sotto ai... "Ferri", forza Fornaretto, laroma24.it. URL consultato il 15 ottobre 2013.
  33. ^ La Lazio resiste alla Roma: 0-0 in Nuova Stampa Sera, 7 febbraio 1949, p. 1. URL consultato il 15 ottobre 2013.
  34. ^ Brava Lazio in Il calcio e il ciclismo illustrato, 17 ottobre 1949.
  35. ^ Gravi incidenti dopo Lazio-Roma: 3-1 in Nuova Stampa Sera, 17 ottobre 1949, p. 1. URL consultato il 16 ottobre 2013.
  36. ^ Senza emozioni in Il calcio e il ciclismo illustrato, 20 febbraio 1950.
  37. ^ In azzurro in Il calcio e il ciclismo illustrato, 16 ottobre 1950.
  38. ^ Sandro Zapelloni, Gravi incidenti nel derby a Roma in Nuova Stampa Sera, 19 aprile 1954, p. 4. URL consultato il 14 novembre 2013.
  39. ^ Botta e risposta in Lazio-Roma: 1-1 in Nuova Stampa Sera, 18 ottobre 1954, p. 5. URL consultato il 14 novembre 2013.
  40. ^ Sandro Zapelloni, Nel derby romano vince la Lazio: 3-1 in Nuova Stampa Sera, 7 marzo 1955, p. 4. URL consultato il 14 novembre 2013.
  41. ^ Carmelo Silva, Delusione per 50.000 in Il calcio e il ciclismo illustrato, 7 marzo 1955.
  42. ^ Giorgio Nani, La Roma accusa l'arbitro Orlandini di aver schiaffeggiato dei giocatori in Nuova Stampa Sera, 5 aprile 1956, p. 5. URL consultato il 14 novembre 2013.
  43. ^ Morto uno spettatore durante Roma-Lazio: 2-2 in Nuova Stampa Sera, 4 marzo 1957, p. 4. URL consultato il 14 novembre 2013.
  44. ^ La Roma nella ripresa sconfigge la Lazio: 3-0 in Nuova Stampa Sera, 28 ottobre 1957, p. 5. URL consultato il 14 novembre 2013.
  45. ^ Il Giornale d'Italia, 12 luglio 1958.
  46. ^ Selmosson ha segnato la rete più bella della giornata in Il Giornale d'Italia, 1º dicembre 1958.
  47. ^ Due pali della Lazio e un gol della Roma: 0-1 in Stampa Sera, 7 marzo 1960, p. 4. URL consultato il 14 novembre 2013.
  48. ^ Una Lazio in piena crisi travolta dalla Roma: 0-4 in Stampa Sera, 14 novembre 1960, p. 5. URL consultato il 14 novembre 2013.
  49. ^ Giorgio Nani, La Lazio blocca la Roma: 0-0 in Stampa Sera, 7 ottobre 1963, p. 6. URL consultato il 14 novembre 2013.
  50. ^ Giorgio Nani, Gli sbagli della Roma nel derby hanno aiutato la Lazio: 1-1 in Stampa Sera, 24 febbraio 1964, p. 9. URL consultato il 14 novembre 2013.
  51. ^ Mario Bianchini, Lazio-Roma fermate (0-0) dalla paura di perdere in Stampa Sera, 16 novembre 1964, p. 10. URL consultato il 14 novembre 2013.
  52. ^ Mario Bianchini, Roma e Lazio (0-0) deludono all'Olimpico in Stampa Sera, 29 marzo 1965, p. 11. URL consultato il 14 novembre 2013.
  53. ^ Pubblico deluso all'Olimpico: 0-0 in Stampa Sera, 28 febbraio 1966, p. 11. URL consultato il 14 novembre 2013.
  54. ^ Roma e Lazio pari anche nel brutto gioco in Stampa Sera, 28 febbraio 1966, p. 12. URL consultato il 14 novembre 2013.
  55. ^ Roma-Lazio 1-0 in Stampa Sera, 23 ottobre 1966, p. 9. URL consultato il 14 novembre 2013.
  56. ^ Mario Bianchini, I fotografi (e gli attaccanti) scioperano in Roma-Lazio: 0-0 in Stampa Sera, 6 marzo 1967, p. 9. URL consultato il 14 novembre 2013.
  57. ^ Giuliano Antognoli, Buio sul derby romano a 7 minuti dalla fine in l'Unità, 8 settembre 1969, p. 7.
  58. ^ Mario Bianchini, Sospeso all'89° il derby dell'Olimpico - Lazio-Roma (0 a 1) sarà ripetuta? in Stampa Sera, 8 settembre 1969, p. 8. URL consultato il 14 novembre 2013.
  59. ^ Giorgio Bellani, La Lega ha deciso: 2-0 alla Roma e un mese di squalifica a Lorenzo in La Stampa, 11 settembre 1969. URL consultato il 14 novembre 2013.
  60. ^ Mario Bianchini, Lazio-Roma 1-1 con molte polemiche in Stampa Sera, 2 marzo 1970, p. 8. URL consultato il 14 novembre 2013.
  61. ^ Mario Bianchini, Derby caldo a Roma, vince la Lazio in Stampa Sera, 30 agosto 1971, p. 9. URL consultato il 14 novembre 2013.
  62. ^ Mario Bianchini, Lo Bello contestato dai tifosi romanisti in Stampa Sera, 10 dicembre 1973, p. 14. URL consultato il 14 novembre 2013.
  63. ^ La Lazio, terza dietro le torinesi, vince un derby dominato dalla Roma in Corriere dello Sport, 29 novembre 1976.
  64. ^ Mario Bianchini, La Roma restituisce alla Lazio il colpaccio della gara d'andata in Stampa Sera, 28 marzo 1977, p. 14. URL consultato il 14 novembre 2013.
  65. ^ Restituita la beffa (e con gli interessi) in Momento-Sera, 28 marzo 1977.
  66. ^ Giulio Accatino, Un derby alla camomilla in Stampa Sera, 21 novembre 1977, p. 15. URL consultato il 14 novembre 2013.
  67. ^ Mario Bianchini, Lazio-Roma, botta e risposta senza nessuna emozione in Stampa Sera, 20 marzo 1978, p. 16. URL consultato il 14 novembre 2013.
  68. ^ Gianni Pignata, Roma-Lazio 2 a 1, risultato secondo logica in Stampa Sera, 3 marzo 1980, p. 15. URL consultato il 14 novembre 2013.
  69. ^ Laziali o romanisti, comunque felici: hanno ritrovato un amico in Corriere dello Sport, 24 ottobre 1983, p. 6.
  70. ^ Platinì e la Lazio danno lo scudetto alla Juve in Corriere dello Sport, 27 febbraio 1984, p. 1.
  71. ^ Giorgio Vigliono, Roma-Lazio, che delusione! in Stampa Sera, 12 novembre 1984, p. 21. URL consultato il 14 novembre 2013.
  72. ^ Giorgio Vigliono, Derby senza gioco e fair play in Stampa Sera, 25 marzo 1985, p. 17. URL consultato il 14 novembre 2013.
  73. ^ Massimo Gramellini, La regina di Roma è la Lazio in Stampa Sera, 16 gennaio 1989, p. 23. URL consultato il 14 novembre 2013.
  74. ^ Massimo Gramellini, All'Olimpico un derby color invidia in Stampa Sera, 29 maggio 1989, p. 24. URL consultato il 14 novembre 2013.
  75. ^ Francesco Zucchini, Rissosi, irascibili e inconcludenti in l'Unità, 29 maggio 1989.
  76. ^ Curzio Maltese, Lazio, in dieci, sfiora il successo in Stampa Sera, 20 novembre 1989, p. 4. URL consultato il 14 novembre 2013.
  77. ^ Sensi furioso col capitano in La Stampa, 7 marzo 1994, p. 9. URL consultato il 14 novembre 2013.
  78. ^ Piero Serantoni, Roma battuta da un momento di follia in La Stampa, 19 febbraio 1996, p. 32. URL consultato il 14 novembre 2013.
  79. ^ Piero Serantoni, Il solito derby della Lazio padrona in La Stampa, 9 marzo 1998, p. 30. URL consultato il 14 novembre 2013.
  80. ^ Piero Serantoni, La Roma in dieci rimonta due reti in La Stampa, 30 novembre 1998, p. 30. URL consultato il 14 novembre 2013.
  81. ^ Bruno Tucci, Roma cinica, Lazio timida in Corriere della Sera, 18 dicembre 2000.
  82. ^ Derby da crepacuore in il Messaggero, 30 aprile 2001, p. 1.
  83. ^ Montella nella leggenda in il Messaggero, 11 marzo 2002, p. 1.
  84. ^ Capolavoro di Mancini gela i biancocelesti. Emerson completa l'opera in il Messaggero, 10 novembre 2003, p. 1.
  85. ^ Di Canio trascina la Lazio, il derby è tutto biancoceleste in repubblica.it, 6 gennaio 2005. URL consultato il 14 novembre 2013.
  86. ^ Saluto romano, bufera su Di Canio. La Figc attiva l'ufficio indagini in repubblica.it, 7 gennaio 2005. URL consultato il 14 novembre 2013.
  87. ^ Che vergogna! in Corriere dello Sport, 16 maggio 2005, p. 1.
  88. ^ «Buffoni» per tutti in il Messaggero, 16 maggio 2005.
  89. ^ Il derby finisce in parità, fa festa Totti, poi la Lazio in repubblica.it, 24 ottobre 2005. URL consultato il 14 novembre 2013.
  90. ^ E 11! Lazio battuta nel derby, giallorossi nella storia in il Messaggero, 27 febbraio 2006, p. 1.
  91. ^ Roma cinque e lode - Totti ritorna padrone e conquista il derby in corriere.it, 14 marzo 2011. URL consultato il 14 novembre 2013.
  92. ^ Coppa Italia: finale Roma-Lazio si gioca domenica 26 maggio alle 18 in repubblica.it, 30 aprile 2013. URL consultato il 14 novembre 2013.
  93. ^ Questa colonna contiene la numerazione progressiva dei derby di Roma, tenendo in considerazione esclusivamente quelli disputate in gare ufficiali.
  94. ^ Comprende Coppe, Trofei e Tornei non ufficiali. Sono invece esclusi gli incontri da 45' totali. Cfr. Almanacco del Calcio, Panini, 2009, p. 507.
  95. ^ da Costa
  96. ^ Sono conteggiate anche le partite come direttore tecnico.
  97. ^ Dei dodici derby disputati da Sven-Göran Eriksson, nove sono come allenatore della Lazio e tre come allenatore della Roma. Sono conteggiate anche le partite come direttore tecnico.
  98. ^ Dei dodici derby disputati da Zdeněk Zeman, cinque sono come allenatore della Lazio e sette come allenatore della Roma.
  99. ^ Degli undici derby disputati da Juan Carlos Lorenzo, dieci sono come allenatore della Lazio e uno come allenatore della Roma.
  100. ^ a b c Totti: i suoi prima 40 derby, 20 fa il primo, canaleroma.it, 9 febbraio 2014.
  101. ^ a b c d Tutto sul derby di Roma: numeri, statistiche, record…, sportpaper.it, 5 aprile 2013.
  102. ^ Janich, Santarini, Negro. L'autogol diventa storia, laroma24.it, 1º marzo 2012.
  103. ^ Ranieri è Mister Derby: 4 vittorie alle prime 4 stracittadine. Eguagliato il record di Barbesino, laroma24.it, 8 novembre 2010.
  104. ^ Nelle statistiche riguardanti i risultati conseguiti nei vari impianti sportivi sono tenute in considerazione sia le partite ufficiali, sia le non ufficiali.
  105. ^ Mario Bianchini, Ucciso allo stadio da un razzo lanciato da una curva all'altra in Stampa Sera, 29 ottobre 1979, p. 1. URL consultato il 14 novembre 2013.
  106. ^ Massimiliano Governi, Vent'anni fa l'omicidio Paparelli in Gazzetta dello Sport, 28 ottobre 1999. URL consultato il 14 novembre 2013.
  107. ^ Roma, reati prescritti per il derby sospeso del 2004, La Repubblica, 25 settembre 2008.
  108. ^ a b L'incontro di oggi allo Stadio, motivo dominante della stagione calcistica in Il Littoriale, 16 aprile 1944, p. 1.
  109. ^ Castellani, Ceci, de Conciliis, p. 21.
  110. ^ Hungaria-Rapp. romana 4-2 in La Stampa, 2 gennaio 1929, p. 4. URL consultato il 14 novembre 2013.
  111. ^ Rapp. romana-Sabaria 3-2 in La Stampa, 27 dicembre 1930, p. 5. URL consultato il 14 novembre 2013.
  112. ^ Ennio Mantella, Il pareggio tra assi e giovani nell'emozionante partita allo Stadio in Il Littoriale, 17 aprile 1944.
  113. ^ La rappr. romana e la squadra inglese giocano una brillante e cavalleresca partita che si conclude con il successo dei romani per 3-1 in Corriere dello Sport, 5 febbraio 1945, p. 1. URL consultato il 14 novembre 2013.
  114. ^ Castellani, Ceci, de Conciliis, p. 90.
  115. ^ Mario Bianchini, Roma-Lazio cocktail di lusso in La Stampa, 1° novembre 1973, p. 18. URL consultato il 14 novembre 2013.
  116. ^ Mario Bianchini, Delude (e perde) la mista Roma-Lazio contro una modesta Armata Rossa: 1-0 in La Stampa, 2 novembre 1973, p. 18. URL consultato il 14 novembre 2013.
  117. ^ Castellani, Ceci, de Conciliis, p. 106.
  118. ^ Mario Bianchini, Anche i giocatori pagano il biglietto in Stampa Sera, 19 novembre 1979, p. 13. URL consultato il 14 novembre 2013.
  119. ^ Maurizio Martucci, p. 160.
  120. ^ Sordi tifoso della Roma: l'episodio del derby, corrieredellosport.it, 25 febbraio 2013.
  121. ^ a b c d Il derby di Roma al Cinema.., cittaceleste.it, 8 novembre 2012.
  122. ^ Fabrizio Caccia, Quel film va sequestrato offende noi veri ultras in la Repubblica, 10 marzo 1991. URL consultato il 18 settembre 2014.
  123. ^ Julia Roberts divide i tifosi di calcio nel suo film il laziale diventa romanista in la Repubblica. URL consultato il 18 settembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Castellani, Massimilano Ceci, Riccardo de Conciliis, La maglia che ci unisce. Storia delle divise dell'AS Roma dalla nascita ai giorni nostri (libro ufficiale AS Roma), Goalbook Edizioni, 2012, ISBN 978-88-908115-0-0.
  • Dino da Costa, Carlo Matteo Mossa, Quel tredicesimo gol... Io e il derby: come divenni l'incubo dei laziali, Roma, Libreria Sportiva Eraclea, 2012, ISBN 88-88771-38-7.
  • Marco Impiglia, Campo Testaccio. Siti, riti e liti della tifoseria romanista, Roma, Riccardo Viola Editore, 1996.
  • Maurizio Martucci, Cuore tifoso. Roma-Lazio 1979. «Un razzo ha distrutto la mia famiglia» Gabriele Paparelli racconta, Roma, Sovera Edizioni, 2009, ISBN non esistente. URL consultato il 12 ottobre 2013.
  • Aldo Tammaro, Cinquant'anni di derby, Roma, Edizioni Mediterranee, 1984, ISBN non esistente. URL consultato il 12 ottobre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 28 gennaio 2014vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue