Serie A 1942-1943

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serie A 1942-1943
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 43ª (14ª di Serie A)
Organizzatore Direttorio Divisioni Superiori
Date dal 4 ottobre 1942
al 25 aprile 1943
Luogo Italia Italia
Partecipanti 16
Risultati
Vincitore Torino Torino
(2º titolo)
Retrocessioni Bari Bari
Liguria Liguria
Statistiche
Miglior marcatore Italia Silvio Piola (21)
Incontri disputati 240
Gol segnati 742 (3,09 per incontro)
Grande Torino 1942-43.jpg
I granata campioni d'Italia, primo successo dell'epopea del Grande Torino.
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1941-1942 1945-1946 Right arrow.svg

La Serie A 1942-1943 fu il massimo livello della quarantatreesima edizione del campionato italiano di calcio e la quattordicesima giocata con la formula del girone unico.

Avvenimenti[modifica | modifica sorgente]

Antefatti[modifica | modifica sorgente]

Il sorprendente Livorno ottenne il suo miglior risultato nella storia del girone unico, concludendo il torneo al secondo posto e marciando per diversi tratti come capolista.

In un'estate in cui i trasferimenti furono molto limitati, continuò il progressivo rafforzamento del Torino voluto dal presidente Novo: a completare la rosa furono chiamati gli interni del Venezia Loik e Mazzola[1]. I lagunari puntarono dunque sulle contropartite Petron e Mezzadra[2]; si mossero anche la Juventus (ridenominata Juventus Cisitalia per l'abbinamento con l'omonima casa automobilistica[3]) che ingaggiò il portiere Sentimenti IV e piazzò il colpo Meazza, e l'Ambrosiana. I nerazzurri licenziarono l'allenatore Fiorentini (che si accasò al Livorno[4]) e lo sostituirono con Giovanni Ferrari cui affidarono, per tentare una risalita, gli atalantini Gaddoni e Fabbri. La Roma campione uscente si limitò a confermare la rosa dell'anno precedente[5].

Il campionato[modifica | modifica sorgente]

La Juventus (ridenominata Cisitalia per l'abbinamento con la casa torinese) chiuse al terzo posto con il miglior attacco, grazie ai gol di Lushta, Meazza e Sentimenti III.

A vivacizzare sin dalle prime battute il torneo, che iniziò il 4 ottobre 1942, fu il Livorno. La squadra amaranto, salvatasi in extremis l'anno precedente, aveva costruito la sua ossatura in estate, con elementi provenienti soprattutto dalla Serie B, e si era affidata a Ivo Fiorentini, fautore del Metodo e già valorizzatore di talenti all'Atalanta[4]. Partiti spediti, i toscani si scrollarono presto di dosso una Roma destinata ad un rapido declino, ed allungarono: il 22 novembre, espugnata l'Arena Civica, vantavano cinque punti sul Torino secondo, inaspettatamente partito con due sconfitte[1].

Nel mese di dicembre il Torino approfittò di alcuni passi falsi del Livorno e lo affiancò in vetta, ma l'incostanza nei risultati spinse Novo ad esonerare l'allenatore Kuttik, poco adatto ad inquadrare la squadra secondo le nuove logiche del Sistema, e a chiamare il più eclettico Janni[6]. Il 10 gennaio, al termine del girone d'andata, le due squadre erano appaiate. Aveva preso il via un duello destinato a durare fino al termine; solo la Juventus e, soprattutto, l'Ambrosiana (in vetta il 7 febbraio) tentarono d'inserirsi. Sul fondo si erano già staccate, intanto, il debuttante Vicenza e il Venezia, orfano dei suoi leader; annaspava anche la Roma scudettata.

Silvio Piola, attaccante della Lazio e miglior marcatore con 21 gol.

Nel mese di febbraio il Livorno mantenne saldamente la vetta, arrivando a +4 su Torino ed Ambrosiana a sette giornate dal termine. Con lo stop del 21 marzo in casa della Juventus, gli amaranto furono avvicinati dal Torino e la lotta, con l'Ambrosiana ormai in disarmo, fu serrata. Fu un moto d'orgoglio della Roma, il 7 aprile, a costare il primato ai labronici; il Torino si presentò a Bari il 25 aprile con un punto di vantaggio sugli amaranto e con un ruolino di sei vittorie consecutive alle spalle. Strappata la vittoria sui pugliesi a pochi minuti dalla fine, il Torino infranse le speranze del Livorno dei carneadi ed intascò il secondo scudetto della sua storia, quindici anni dopo il primo. In quella stagione la squadra granata vincerà anche la Coppa Italia, centrando il primo double nella storia del calcio italiano[6].

Nel finale di campionato, le squadre ormai fuori dal discorso scudetto declinarono bruscamente andando incontro a pesanti sconfitte, che costarono ai giocatori multe e richiami, contro compagini più bisognose di punti[6]. Nell'ultimo turno la Juventus, che pure aveva strappato il terzo posto all'Ambrosiana, si lasciò infilzare pesantemente dal rinvigorito Vicenza, e allo stesso modo gli uomini di Ferrari caddero di fronte al Venezia, il quale a sua volta due settimane prima aveva potuto rientrare in corsa per la salvezza espugnando Bologna[6]. I lagunari raggiunsero così Bari e Triestina agli spareggi, mentre il Liguria, autore di un disastroso girone di ritorno, si era assestato sul fondo. Fu il Bari a finire tra i "cadetti"; le retrocessioni furono comunque solamente virtuali, visto che vennero annullate alla ripresa del girone unico, nel 1946[6].

Squadre[modifica | modifica sorgente]

Profili[modifica | modifica sorgente]

Club partecipanti Città Stadio Stagione 1941-42
Soccer Jersey Azure-Black (stripes).png Ambrosiana-Inter dettagli Milano Arena Civica 12ª in Serie A
Soccer Jersey Azure-Black (stripes).png Atalanta dettagli Bergamo Stadio Mario Brumana 13ª in Serie A
Soccer Jersey White-Red (borders).png Bari dettagli Bari Stadio della Vittoria 1º in Serie B, promosso
Soccer Jersey Red-Blue (quarters).png Bologna dettagli Bologna Stadio del Littoriale 7º in Serie A
Jersey violet.svg Fiorentina dettagli Firenze Stadio Giovanni Berta 9ª in Serie A
Soccer Jersey Red-Blue (half).png Genova 1893 dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 4º in Serie A
Soccer Jersey White-Black (stripes).png Juventus Cisitalia dettagli Torino Stadio Benito Mussolini 6ª in Serie A
Soccer Jersey Sky-White (borders).png Lazio dettagli Roma Stadio Nazionale del PNF 5ª in Serie A
Soccer Jersey Liguria.png Liguria dettagli Genova Stadio del Littorio 11º in Serie A
Jersey granate.svg Livorno dettagli Livorno Stadio Edda Ciano Mussolini 14º in Serie A
Soccer Jersey Red-Black (stripes).png Milano dettagli Milano Arena Civica 10º in Serie A
Soccer Jersey Roma Red-Yellow (borders).png Roma dettagli Roma Stadio Nazionale del PNF Campione d'Italia
Soccer Jersey Maroon.png Torino dettagli Torino Stadio Filadelfia 2º in Serie A
Soccer Jersey Red-White (borders).png Triestina dettagli Trieste Stadio Littorio 8ª in Serie A
Soccer Jersey Green-Black (borders).png Venezia dettagli Venezia Stadio Pierluigi Penzo 3º in Serie A
Soccer Jersey Red-White (stripes).png Vicenza dettagli Vicenza Campo del Littorio 2º in Serie B, promosso

Squadra campione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Associazione Calcio Torino 1942-1943.
Formazione tipo[7] Giocatori (presenze)[8]
Italia Alfredo Bodoira (17)
Italia Sergio Piacentini (22)
Italia Giacinto Ellena (29)
Italia Osvaldo Ferrini (23)
Italia Fioravante Baldi (16)
Italia Giuseppe Grezar (30)
Italia Ezio Loik (30)
Italia Valentino Mazzola (30)
Italia Romeo Menti (22)
Italia Pietro Ferraris (30)
Italia Guglielmo Gabetto (26)
Altri giocatori: Filippo Cavalli (13), Luigi Cassano (15), Cesare Gallea (15), Franco Ossola (12).

Allenatori e primatisti[modifica | modifica sorgente]

Squadra Allenatore Calciatore più presente[9] Cannoniere[9]
Ambrosiana-Inter Italia Giovanni Ferrari Italia Angelo Caimo (30) Italia Giovanni Gaddoni (14)
Atalanta Ungheria János Nehadoma Italia Alberto Citterio,
Italia Secondo Lanfranco,
Italia Luigi Mamoli,
Italia Vittorio Schiavi,
Italia Paolo Tabanelli (30)
Italia Adriano Gè (12)
Bari[10] Ungheria János Vanicsek (1ª-18ª)
Italia Raffaele Costantino (19ª-30ª)
Italia Walter De Boni,
Italia Paolo Giammarco (30)
Italia Dante Di Benedetti,
Italia Camillo Fabbri (II) (6)
Bologna Italia Mario Montesanto Italia Vittorio Malagoli (II) (30) Croazia Frane Matošić (13)
Fiorentina Italia Giuseppe Galluzzi Italia Ferruccio Valcareggi (30) Italia Angelo Bollano,
Italia Renato Gei (11)
Genova 1893 Italia Guido Ara Italia Guglielmo Trevisan (30) Italia Guglielmo Trevisan (20)
Juventus Cisitalia[11][12] Italia Virginio Rosetta Italia Vittorio Sentimenti (III),
Italia Giovanni Varglien (II) (30)
Italia Vittorio Sentimenti (III) (19)
Lazio Germania Alexander Popovic Italia Luciano Ramella (30) Italia Silvio Piola (21)
Liguria Germania Tony Cargnelli Italia Aldo Parena,
Italia Pietro Tabor (29)
Italia Ernani D'Alconzo (9)
Livorno Italia Ivo Fiorentini Italia Fabio Del Bianco,
Italia Mario Stua,
Italia Renato Tori (30)
Italia Teresio Piana (12)
Milano[13] Italia Mario Magnozzi Italia Walter Del Medico,
Italia Edoardo Galimberti (30)
Italia Walter Del Medico (8)
Roma[14][15] Ungheria Alfréd Schaffer (1ª-10ª)
Ungheria Géza Kertész (11ª-30ª)
Argentina Italia Miguel Ángel Pantó (30) Italia Amedeo Amadei (14)
Torino[16] Ungheria András Kuttik (1ª-24ª)
Italia Antonio Janni (25ª-30ª)
Italia Giuseppe Grezar,
Italia Ezio Loik,
Italia Valentino Mazzola,
Italia Pietro Ferraris (II) (30)
Italia Guglielmo Gabetto (14)
Triestina[17] Italia Mario Villini (1ª-13ª)
Italia Guido Testolina (14ª-30ª)
Italia Aldo Ballarin,
Italia Emilio Rancilio (30)
Italia Francesco Cergoli (7)
Venezia[18] Italia Giovanni Battista Rebuffo (1ª-18ª)
Ungheria János Vanicsek (19ª-30ª)
Italia Sandro Puppo (30) Italia Francesco Pernigo (9)
Vicenza Italia Pietro Spinato Italia Livio Bussi (28) Italia Alberto Marchetti (12)

Classifica finale[modifica | modifica sorgente]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Scudetto.svg Coccarda Coppa Italia.svg 1. Torino Torino 44 30 20 4 6 68 31 +37
2. Livorno Livorno 43 30 18 7 5 52 34 +18
3. Juventus Cisitalia Juventus Cisitalia 37 30 16 5 9 75 55 +20
4. Ambrosiana-Inter Ambrosiana-Inter 34 30 15 4 11 53 38 +15
5. Genova 1893 Genova 1893 33 30 14 5 11 59 53 +6
6. Bologna Bologna 29 30 12 5 13 53 39 +14
6. Milano Milano 29 30 10 9 11 39 44 -5
6. Fiorentina Fiorentina 29 30 12 5 13 55 61 -6
9. Lazio Lazio 28 30 10 8 12 56 59 -3
9. Atalanta Atalanta 28 30 11 6 13 34 44 -10
9. Roma Roma 28 30 12 4 14 36 50 -14
12. Vicenza Vicenza 25 30 8 9 13 36 44 -8
Noatunloopsong.png 13. Triestina Triestina 24 30 5 14 11 32 40 -8
Noatunloopsong.png 14. Venezia Venezia 24 30 8 8 14 34 46 -12
1downarrow red.svg 15. Bari Bari 24 30 7 10 13 24 38 -14
1downarrow red.svg 16. Liguria Liguria 21 30 7 7 16 36 66 -30

Legenda:

         Campione d'Italia 1942-1943
         Retrocesse in Serie B 1943-1944

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di parità, venivano effettuati spareggi per determinare titolo o retrocessioni.
I verdetti di retrocessione furono annullati dopo la fine della guerra.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Tabellone[modifica | modifica sorgente]

  Amb Ata Bar Bol Fio Gen Juv Laz Lig Liv Mil Rom Tor Tri Ven Vic
Ambrosiana –––– 1-0 0-0 1-0 4-0 3-0 3-1 4-1 5-1 0-1 3-1 0-2 1-0 1-0 1-4 1-2
Atalanta 2-5 –––– 2-0 1-0 1-0 3-1 0-2 2-0 2-0 0-2 0-0 2-1 1-0 2-2 1-2 2-2
Bari 1-0 0-0 –––– 0-1 4-2 0-0 2-3 2-1 2-0 1-1 2-0 2-2 0-1 1-0 2-1 0-0
Bologna 3-1 2-0 4-0 –––– 3-1 3-1 2-2 4-0 3-3 1-2 3-0 4-2 1-2 2-2 0-2 1-2
Fiorentina 2-0 2-0 1-0 0-1 –––– 3-2 3-4 1-1 5-1 4-3 3-0 3-0 2-3 2-2 2-1 4-2
Genova 1893 1-0 1-0 3-2 3-1 0-2 –––– 1-2 6-5 3-0 5-2 4-2 0-2 3-3 1-1 5-1 6-1
Juventus Cisitalia 4-2 5-1 5-0 3-1 5-2 3-2 –––– 2-4 4-1 3-0 1-1 1-2 2-5 6-2 5-2 2-6
Lazio 3-1 3-2 0-0 2-1 3-3 1-1 5-3 –––– 5-1 0-1 4-2 3-1 2-3 3-1 1-1 2-1
Liguria 1-1 3-0 1-0 1-7 2-2 1-2 1-0 2-0 –––– 1-2 2-2 3-0 2-3 1-1 1-0 3-1
Livorno 4-2 1-1 1-1 1-0 4-1 3-1 0-3 4-2 3-1 –––– 3-1 2-0 0-0 0-0 2-1 2-0
Milano 0-3 0-1 3-1 3-2 1-3 0-0 2-0 4-1 0-0 1-1 –––– 4-1 1-0 2-0 1-2 1-1
Roma 1-3 2-1 1-0 1-1 1-0 2-3 1-2 1-0 5-1 1-0 1-1 –––– 0-4 1-2 2-1 1-0
Torino 1-3 4-2 3-0 2-1 5-0 3-1 2-0 2-2 3-0 1-2 0-1 4-0 –––– 4-1 3-1 0-0
Triestina 0-0 0-1 1-1 0-0 3-0 0-1 1-1 0-0 3-1 1-1 0-1 2-0 2-3 –––– 1-1 2-0
Venezia 0-2 1-1 0-0 1-0 2-2 4-1 1-1 2-1 1-0 0-1 1-3 0-0 0-3 1-1 –––– 0-1
Vicenza 2-2 2-3 1-0 0-1 3-0 0-1 0-0 1-1 1-1 1-3 1-1 1-2 0-1 2-1 2-0 ––––

Calendario[modifica | modifica sorgente]

Andata (1ª) Prima giornata Ritorno (16ª)
4 ott. 1-0 Ambrosiana-Torino 3-1 17 gen.
2-0 Bari-Liguria 0-1
2-0 Bologna-Atalanta 0-1
6-1 Genova-Vicenza 1-0
1-1 Juventus-Milano 0-2
2-1 Livorno-Venezia 1-0
1-0 Roma-Fiorentina 0-3
0-0 Triestina-Lazio 1-3

Andata (3ª) Terza giornata Ritorno (18ª)
18 ott. 1-0 Ambrosiana-Atalanta 5-2 31 gen.
2-1 Bari-Lazio 0-0
4-2 Fiorentina-Vicenza 0-3
5-1 Genova-Venezia 1-4
2-5 Juventus-Torino 0-2
3-1 Livorno-Liguria 2-1
1-1 Roma-Milano 1-4
0-0 Triestina-Bologna 2-2

Andata (5ª) Quinta giornata Ritorno (20ª)
1º nov. 1-0 Ambrosiana-Bologna 1-3 14 feb.
2-1 Fiorentina-Venezia 2-2
3-0 Genova-Liguria 2-1
5-1 Juventus-Atalanta 2-0
4-2 Livorno-Lazio 1-0
0-4 Roma-Torino 0-4
1-1 Triestina-Bari 0-1
1-1 Vicenza-Milano 1-1

Andata (7ª) Settima giornata Ritorno (22ª)
15 nov. 5-1 Fiorentina-Liguria 2-2 28 feb.
6-5 Genova-Lazio 1-1
3-1 Juventus-Bologna 2-2
1-1 Livorno-Bari 1-1
1-2 Milano-Venezia 3-1
2-1 Roma-Atalanta 1-2
0-0 Triestina-Ambrosiana 0-1
0-1 Vicenza-Torino 0-0

Andata (9ª) Nona giornata Ritorno (24ª)
29 nov. 1-1 Fiorentina-Lazio 3-3 14 mar.
3-2 Genova-Bari 0-0
4-2 Juventus-Ambrosiana 1-3
0-0 Milano-Liguria 2-2
1-1 Roma-Bologna 2-4
1-1 Triestina-Livorno 0-0
0-3 Venezia-Torino 1-3
2-3 Vicenza-Atalanta 2-2

Andata (11ª) Undicesima giornata Ritorno (26ª)
13 dic. 1-0 Fiorentina-Bari 2-4 28 mar.
5-2 Genova-Livorno 1-3
4-1 Milano-Lazio 2-4
1-3 Roma-Ambrosiana 2-0
3-0 Torino-Liguria 3-2
1-1 Triestina-Juventus 2-6
1-1 Venezia-Atalanta 2-1
0-1 Vicenza-Bologna 2-1

Andata (13ª) Tredicesima giornata Ritorno (28ª)
27 dic. 4-3 Fiorentina-Livorno 1-4 11 apr.
3-0 Liguria-Atalanta 0-2
3-1 Milano-Bari 0-2
1-2 Roma-Juventus 2-1
2-2 Torino-Lazio 3-2
0-1 Triestina-Genova 1-1
1-0 Venezia-Bologna 2-0
2-2 Vicenza-Ambrosiana 2-1

Andata (15ª) Quindicesima giornata Ritorno (30ª)
10 gen. 2-0 Atalanta-Lazio 2-3 25 apr.
3-2 Fiorentina-Genova 2-0
1-7 Liguria-Bologna 3-3
1-1 Milano-Livorno 1-3
1-2 Roma-Triestina 0-2
3-0 Torino-Bari 1-0
0-2 Venezia-Ambrosiana 4-1
0-0 Vicenza-Juventus 6-2
Andata (2ª) Seconda giornata Ritorno (17ª)
11 ott. 2-0 Atalanta-Bari 0-0 24 gen.
2-2 Fiorentina-Triestina 0-3
2-1 Lazio-Bologna 0-4
1-1 Liguria-Ambrosiana 1-5
0-0 Milano-Genova 2-4
1-2 Torino-Livorno 0-0
1-1 Venezia-Juventus 2-5
1-2 Vicenza-Roma 0-1

Andata (4ª) Quarta giornata Ritorno (19ª)
25 ott. 0-2 Atalanta-Livorno 1-1 7 feb.
4-0 Bologna-Bari 1-0
3-1 Lazio-Ambrosiana 1-4
1-0 Liguria-Juventus 1-4
1-3 Milano-Fiorentina 0-3
3-1 Torino-Genova 3-3
0-0 Venezia-Roma 1-2
2-1 Vicenza-Triestina 0-2

Andata (6ª) Sesta giornata Ritorno (21ª)
8 nov. 3-1 Atalanta-Genova 0-1 21 feb.
1-0 Bari-Ambrosiana 0-0
1-2 Bologna-Livorno 0-1
5-3 Lazio-Juventus 4-2
18 feb. 3-0 Liguria-Roma 1-5
8 nov. 2-0 Milano-Triestina 1-0
5-0 Torino-Fiorentina 3-2
0-1 Venezia-Vicenza 0-2

Andata (8ª) Ottava giornata Ritorno (23ª)
22 nov. 0-1 Ambrosiana-Livorno 2-4 7 mar.
1-0 Atalanta-Fiorentina 0-2
2-3 Bari-Juventus 0-5
3-1 Bologna-Genova 1-3
3-1 Lazio-Roma 0-1
3-1 Liguria-Vicenza 1-1
0-1 Torino-Milano 0-1
1-1 Venezia-Triestina 1-1

Andata (10ª) Decima giornata Ritorno (25ª)
6 dic. 3-0 Ambrosiana-Genova 0-1 21 mar.
0-0 Atalanta-Milano 1-0
2-2 Bari-Roma 0-1
3-1 Bologna-Fiorentina 1-0
2-1 Lazio-Vicenza 1-1
1-0 Liguria-Venezia 0-1
0-3 Livorno-Juventus 0-3
4-1 Torino-Triestina 3-2

Andata (12ª) Dodicesima giornata Ritorno (27ª)
20 dic. 4-0 Ambrosiana-Fiorentina 0-2 4 apr.
1-0 Atalanta-Torino 2-4
0-0 Bari-Vicenza 0-1
3-0 Bologna-Milano 2-3
3-2 Juventus-Genova 2-1
1-1 Lazio-Venezia 1-2
1-1 Liguria-Triestina 1-3
2-0 Livorno-Roma 0-1

Andata (14ª) Quattordicesima giornata Ritorno (29ª)
3 gen. 3-1 Ambrosiana-Milano 3-0 18 apr.
2-1 Bari-Venezia 0-0
1-2 Bologna-Torino 1-2
0-2 Genova-Roma 3-2
5-2 Juventus-Fiorentina 4-3
5-1 Lazio-Liguria 0-2
2-0 Livorno-Vicenza 3-1
0-1 Triestina-Atalanta 2-2

Spareggi[modifica | modifica sorgente]

Spareggi salvezza[modifica | modifica sorgente]

Città e data
Bari 1-1 Venezia Roma, 2 maggio 1943
Triestina 2-0 Venezia Firenze, 9 maggio 1943
Triestina 3-2 Bari Modena, 16 maggio 1943
Venezia 3-0 Bari Bologna, 6 giugno 1943

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Classifica in divenire[modifica | modifica sorgente]

[19] 10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª 23ª 24ª 25ª 26ª 27ª 28ª 29ª 30ª
 
Ambrosiana 2 3 5 5 7 7 8 8 8 10 12 14 15 17 19 21 23 25 27 27 28 30 30 32 32 32 32 32 34 34
Atalanta 0 2 2 2 2 4 4 6 8 9 10 12 12 14 16 18 19 19 20 20 20 22 22 23 25 25 25 27 28 28
Bari 2 2 4 4 5 7 8 8 8 9 9 10 10 12 12 12 13 14 14 16 17 18 18 19 19 21 21 23 24 24
Bologna 2 2 3 5 5 5 5 7 8 10 12 14 14 14 16 16 18 19 21 23 23 24 24 26 28 28 28 28 28 29
Fiorentina 0 1 3 5 7 7 9 9 10 10 12 12 14 14 16 18 18 18 20 21 21 22 24 25 25 25 27 27 27 29
Genova 1893 2 3 5 5 7 7 9 9 11 11 13 13 15 15 15 17 19 19 20 22 24 25 27 28 30 30 30 31 33 33
Juventus Cisitalia 1 2 2 2 4 4 6 8 10 12 13 15 17 19 20 20 22 22 24 26 26 27 29 29 31 33 35 35 37 37
Lazio 1 3 3 5 5 7 7 9 10 12 12 13 14 16 16 18 18 19 19 19 21 22 22 23 24 26 26 26 26 28
Liguria 0 1 1 3 3 5 5 7 8 10 10 11 13 13 13 15 15 15 15 15 15 16 17 18 18 18 18 18 20 21
Livorno 2 4 6 8 10 12 13 15 16 16 16 18 18 20 21 23 24 26 27 29 31 32 34 35 35 37 37 39 41 43
Milano 1 2 3 3 4 6 6 8 9 10 12 12 14 14 15 17 17 19 19 20 22 24 26 27 27 27 29 29 29 29
Roma 2 4 5 6 6 6 8 8 9 10 10 10 10 12 12 12 14 14 16 16 18 18 20 20 22 24 26 28 28 28
Torino 0 0 2 4 6 8 10 10 12 14 16 16 17 19 21 21 22 24 25 27 29 30 30 32 34 36 38 40 42 44
Triestina 1 2 3 3 4 4 5 6 7 7 8 9 9 9 11 11 13 14 16 16 16 16 17 18 18 18 20 21 22 24
Venezia 0 1 1 2 2 2 4 5 5 5 6 7 9 9 9 9 9 11 11 12 12 12 13 13 15 17 19 21 22 24
Vicenza 0 0 0 2 3 5 5 5 5 5 5 6 7 7 8 8 8 10 10 11 13 14 15 16 17 19 21 23 23 25

Classifiche di rendimento[modifica | modifica sorgente]

Rendimento andata-ritorno[modifica | modifica sorgente]

Andata Ritorno
Livorno 21 Torino 23
Torino 21 Livorno 22
Juventus Cisitalia 20 Genova 1893 18
Ambrosiana 19 Juventus Cisitalia 17
Atalanta 16 Vicenza 17
Bologna 16 Roma 16
Fiorentina 16 Ambrosiana 15
Lazio 16 Venezia 15
Genova 1893 15 Milan 14
Milano 15 Bologna 13
Liguria 13 Fiorentina 13
Bari 12 Triestina 13
Roma 12 Atalanta 12
Triestina 11 Bari 12
Venezia 9 Lazio 12
Vicenza 8 Liguria 8

Rendimento casa-trasferta[modifica | modifica sorgente]

Casa Trasferta
Livorno 24 Torino 22
Fiorentina 22 Livorno 19
Genova 1893 22 Juventus Cisitalia 16
Lazio 22 Ambrosiana 13
Torino 22 Vicenza 12
Ambrosiana 21 Genova 11
Juventus Cisitalia 21 Milano 11
Atalanta 19 Bologna 10
Bari 19 Roma 10
Bologna 19 Venezia 10
Liguria 18 Atalanta 9
Milano 18 Triestina 9
Roma 18 Fiorentina 7
Triestina 15 Lazio 6
Venezia 14 Bari 5
Vicenza 13 Liguria 3

Primati stagionali[modifica | modifica sorgente]

Record

  • Maggior numero di vittorie: Torino (20)
  • Minor numero di sconfitte: Livorno (5)
  • Miglior attacco: Juventus Cisitalia (75 reti fatte)
  • Miglior difesa: Torino (31 reti subite)
  • Miglior differenza reti: Torino (+37)
  • Maggior numero di pareggi: Triestina (14)
  • Minor numero di vittorie: Triestina (5)
  • Maggior numero di sconfitte: Liguria (16)
  • Peggiore attacco: Bari (24 reti fatte)
  • Peggior difesa: Liguria (66 reti subite)
  • Peggior differenza reti: Liguria (-30)
  • Partita con più reti: Genova 1893-Lazio 6-5 (7ª giornata)
  • Miglior sequenza di partite utili: Livorno (11, dalla 14ª alla 24ª giornata)
  • Peggior sequenza di partite senza vittoria: Triestina (14, dalla 1ª alla 14ª giornata)
  • Massimo numero di reti segnate in una singola giornata: 37 (26ª giornata)
  • Minimo numero di reti segnate in una singola giornata: 15 (25ª giornata)

Capoliste solitarie

  • dalla 3ª alla 10ª giornata: Livorno
  • dalla 12ª alla 14ª giornata: Livorno
  • dalla 16ª alla 18ª giornata: Livorno
  • dalla 20ª alla 26ª giornata: Livorno
  • dalla 27ª alla 30ª giornata: Torino

Classifica marcatori[modifica | modifica sorgente]

Nel corso del campionato furono segnati complessivamente 742 gol (di cui 21 su autorete) da 131 diversi giocatori, per una media di 3,09 gol a partita. Di seguito, la classifica dei marcatori[19].

Reti Rig. Calciatore Squadra
21 5 Italia Silvio Piola Lazio
19 4 Italia Guglielmo Trevisan Genova 1893
17 3 Italia Vittorio Sentimenti (III) Juventus Cisitalia
16 Albania Riza Lushta Juventus Cisitalia
14 Italia Amedeo Amadei Roma
14 Italia Guglielmo Gabetto Torino
Reti Rig. Calciatore Squadra
14 Italia Giovanni Gaddoni Ambrosiana-Inter
13 2 Croazia Frane Matošić Bologna
12 Italia Pietro Ferraris (II) Torino
12 Italia Adriano Gè Atalanta
12 2 Italia Alberto Marchetti Vicenza
12 Italia Teresio Piana Livorno

[19]

Reti Calciatore Incontro Giornata
4 Italia Silvio Piola Lazio-Juventus 5-3 4
4 Italia Giuseppe Baldini Atalanta-Ambrosiana 2-5 18
4 Italia Amedeo Amadei Roma-Liguria 5-1 21
4 Italia Pietro Magni Juventus-Triestina 6-1 26

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Chiesa, op. cit., 46
  2. ^ Chiesa, op. cit., 48
  3. ^ «La Juve è diventata Juventus-Cisitalia: un modo per far passare i calciatori dalla divisa da gioco alla tuta da operaio e sottrarli ad obblighi militari», cfr. Carlo Moriondo, Il romanzo della Juve in Stampa Sera, 3 giugno 1977, p. 18.
  4. ^ a b Chiesa, op. cit., 47
  5. ^ Storia della stagione su asrtalenti.altervista.org
  6. ^ a b c d e Chiesa, op. cit., 46-47
  7. ^ Chiesa, op. cit., p. 51
  8. ^ Melegari, 2004, op. cit., p. 109
  9. ^ a b Melegari, 2004, op. cit., 459
  10. ^ Notiziario, La Stampa, n. 27, 1º febbraio 1943, p. 2.
  11. ^ Granata e bianconeri, La Stampa, n. 254, 24 ottobre 1942, p. 3.
  12. ^ L'affare Borel-Rosetta, La Stampa, n. 256, 27 ottobre 1942, p. 4.
  13. ^ Storia della stagione su magliarossonera.it
  14. ^ Storia della stagione su asrtalenti.altervista.it
  15. ^ Schaffer se ne va e verrà sostituito da Kertesz, Il Littoriale, n. 295, 10 dicembre 1942, p. 2.
  16. ^ Sport, La Stampa, n. 67, 19 marzo 1943, p. 3.
  17. ^ Influenza del N. 13 e una bora che schiaffeggia il pallone, La Stampa, n. 1, 1º gennaio 1943, p. 3.
  18. ^ Gli allenamenti calcistici, La Stampa, n. 31, 5 febbraio 1943, p. 2.
  19. ^ a b c Campionato 1942-43 su rsssf.com

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Carlo F. Chiesa. Il grande romanzo dello scudetto. Quarta puntata: Roma e Toro nel vento di guerra, da Calcio 2000, maggio 2002, pp. 39-58.
  • Fabrizio Melegari (a cura di). Almanacco illustrato del calcio - La storia 1898-2004. Modena, Panini, 2004.
  • La Stampa, annate 1942 e 1943.
  • Il Littoriale, annata 1942.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]