Camillo Fabbri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Camillo Fabbri
Camillofabbri.jpg
Camillo Fabbri con la maglia del Bari nella stagione 1941-42
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala sinistra
Ritirato 1950
Carriera
Giovanili
1937-1938 Flag of None.svg Castelbolognese
Squadre di club1
1938-1939 Forli Forlì  ? (?)
1939-1943 Bari Bari 89 (22)
1943-1944 Rutigliano Rutigliano  ? (?)
1944-1947 Bari Bari 26+ (1)
1947-1948 Verona Verona 24 (4)
1948-1950 Avellino Avellino  ? (?)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Camillo Fabbri (Castel Bolognese, 16 giugno 1919Bisceglie, 2005) è stato un calciatore italiano, di ruolo ala.

Fratello di Edmondo Fabbri.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Castelbolognese[1], giocò in Serie A e in Serie B per il Bari. Con il Bari realizza più di cento presenze tra Serie A e Serie B e segnando 23 gol. Debutta in Serie A con la maglia del Bari il 24 settembre 1939 in Genoa-Bari 3-0, e nella stagione 1941-1942 viene promosso in Serie A vincendo il campionato di Serie B; in questa stagione divenne anche il capocannoniere del Bari con 10 reti.

Nel 1944 torna nel Bari e nella stagione 1946-1947 riuscì ad raggiungere il settimo posto in classifica; traguardo attualmente non ancora eguagliato dallo stesso Bari. Questo Bari è tuttora ricordato come la “Stella del Sud”.

In seguito milita nel Rutigliano, con cui disputa nel 1944 il Campionato dell'Italia libera (un torneo calcistico disputatosi nella Puglia liberata dalle forze alleate durante la seconda guerra mondiale) perdendo la finale con il Conversano.

Con il Verona disputa solo una stagione realizzando 4 reti nel campionato di Serie B e classificandosi secondo al Padova, prima di terminare la carriera ad Avellino.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Bari: 1941-1942

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco dei giocatori italiani autorizzati a cambiare società nell'anno 1938-1939, Il Littoriale, 6 agosto 1938, pag.4

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]