Nazionale di calcio del Ghana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ghana Ghana
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione Ghana Football Association
Codice FIFA GHA
Soprannome The Black Stars
("Le stelle nere")
Selezionatore Ghana Kwesi Appiah
Record presenze Richard Kingson (82)
Capocannoniere Asamoah Gyan (39)
Esordio internazionale
Gold Coast Gold Coast 1 - 0 Nigeria Nigeria
Accra, Ghana; 28 maggio, 1950
Migliore vittoria
Kenya Kenya 0 - 13 Ghana Ghana
Nairobi, Kenya; 12 dicembre 1965
Peggiore sconfitta
Brasile Brasile 8 - 2 Ghana Ghana
São José, Brasile; 27 marzo 1996
Campionato del mondo
Partecipazioni 3 (esordio: 2006)
Miglior risultato Quarti di finale (2010)
Coppa d'Africa
Partecipazioni 19 (esordio: 1963)
Miglior risultato Vincitori, 1963, 1965,
1978, 1982
Il Ghana che affrontò la Nigeria nei quarti di finale della Coppa d'Africa 2008, giocata in casa

La Nazionale di calcio ghanese, conosciuta come la squadra delle Stelle Nere o il Brasile d'Africa, è la rappresentativa calcistica nazionale del Ghana ed è posta sotto l'egida della Federazione calcistica ghanese. È considerata una delle squadre africane più forti e può vantare in bacheca 4 vittorie in Coppa d'Africa (1963, 1965, 1978, 1982).

Attualmente occupa la 23ª posizione nel Ranking mondiale FIFA.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La federazione calcistica del Ghana fu fondata nel 1957, poco dopo l'indipendenza della nazione, e si affiliò alla CAF e alla FIFA nel 1958. L'inglese George Ainsley fu nominato commissario tecnico della Nazionale.

Nel 1960 il Ghana giocò contro il Real Madrid, campione di Spagna, d'Europa e del mondo in carica, e pareggiò per 3-3.

Malgrado non si sia qualificata mai ad un Mondiale prima di Germania 2006, il Ghana vanta un grande prestigio a livello giovanile, avendo vinto il Campionato mondiale Under-17 per due volte ed essendosi classificata seconda per altre due volte nella stessa competizione. La squadra ghanese ha vinto la Coppa d'Africa quattro volte. Tali successi la rendono la seconda nazione più titolata a livello continentale insieme al Camerun e alle spalle dell'Egitto.

Nel 1961 divenne CT Charles Kumi Gyamfi, che condusse la squadra del Ghana a due successi di fila in Coppe d'Africa, nel 1963 e nel 1965, e alla vittoria più larga della sua storia, un 13-0 contro il Kenya in trasferta. La squadra ghanese raggiunse la finale della Coppa d'Africa anche nel 1968 (sconfitta per 0-1 dal RD del Congo) e nel 1970 (0-1 dal Sudan). Negli anni sessanta si guadagnò il soprannome di Brasile d'Africa. In questo periodo, però, la Nazionale non brillò nelle qualificazioni per la Coppa del mondo. Negli anni settanta fallì la qualificazione a tre edizioni consecutive della Coppa d'Africa. Tra gli anni sessanta e i settanta si qualificò per le Olimpiadi, dove raggiunse i quarti di finale nel 1964 e si ritirò per motivi politici nel 1976

I progressi iniziarono nel 1991, con la nomina del CT Burkhard Ziese. Nella Coppa d'Africa 1992, dopo tre mancate qualificazioni alla fase finale del torneo, il Ghana giunse secondo alle spalle della Costa d'Avorio, che ebbe la meglio solo ai rigori.

Negli anni novanta i contrasti tra Abedi Pele ed Anthony Yeboah costrinsero il governo e il parlamento ghanese ad intervenire per sedare gli animi e riportare calma nell'ambiente della Nazionale, che era scivolata all'89º posto nella Classifica mondiale della FIFA. Una nuova generazione di talenti salì alla ribalta agli albori del terzo millennio, qualificandosi per il Mondiale Under-20 del 2001 e costituendo la spina dorsale della Nazionale ghanese presente alla Coppa d'Africa 2002 e alle Olimpiadi 2004.

Nel 2005 il Ghana rimase imbattuto e si qualificò per il Mondiale di Germania 2006.

Nella Coppa d'Africa 2006 la squadra deluse, venendo eliminata al primo turno.

Alla sua prima partecipazione ad un Mondiale, nel 2006, fu eliminata agli ottavi di finale. Inserita nel girone E con i futuri campioni del mondo dell'Italia, gli Stati Uniti e la Repubblica Ceca, perse per 0-2 la prima partita contro l'Italia, mentre nella seconda batté per 2-0 la Repubblica Ceca. Nell'ultima partita del girone superò gli Stati Uniti per 2-1, conquistando una storica qualificazione agli ottavi da seconda classificata alle spalle dell'Italia. Agli ottavi fu sconfitta per 0-3 dal Brasile.

Il Ghana contro il Brasile prima del match nello storico ottavo raggiunto nel 2006


Giocò in casa la Coppa d'Africa 2008, dove raggiunse la semifinale. Nella corsa per Sudafrica 2010 fu la prima squadra africana, escluso il Sudafrica qualificato d'ufficio, a qualificarsi con due turni d'anticipo, eliminando le più deboli Mali, Benin e Sudan.

Nella Coppa d'Africa 2010 in Angola si qualificò per la finale, dove venne sconfitta di misura dall'Egitto.

Al Mondiale 2010 è stata inserita nel gruppo D insieme a Germania, Australia, Serbia. Considerata tra le favorite per il passaggio del turno, la squadra ghanese ha ben figurato, battendo alla prima giornata la Serbia (1-0) e pareggiando la seconda partita con l'Australia (1-1), pur avendo giocato per un'ora in superiorità numerica. Nell'ultima e decisiva partita del girone le Stelle Nere hanno giocato contro la ben più blasonata Germania e nonostante la sconfitta di misura sono riuscite a qualificarsi agli ottavi di finale di un Mondiale per la seconda volta consecutiva. Contro gli Stati Uniti, già affrontati e battuti quattro anni prima in Germania, il Ghana ha vinto per 2-1 dopo i tempi supplementari grazie alle reti di Boateng e di Asamoah Gyan. Con questo risultato il Ghana ha raggiunto i quarti di finale della Coppa del mondo per la prima volta nella sua storia e per la terza volta in assoluto in rappresentanza dell'Africa (dopo il Camerun nel 1990 e il Senegal nel 2002). Dopo un estenuante match contro l'Uruguay terminato 1-1 dopo i tempi supplementari, la squadra ghanese, sostenuta dal tifo di un intero continente, ha concluso la propria avventura sudafricana dopo aver fallito con Gyan un calcio di rigore, finito sulla traversa all'ultimo istante della partita, prima dei rigori. Dal dischetto i ghanesi hanno sbagliato due volte con John Mensah e Dominic Adiyiah.

Colori e divise[modifica | modifica sorgente]

Ghana home kit 2008.svg Ghana away kit 2008.svg

Divise dei mondiali 2006

A differenza di altre squadre dell'Africa nera (quindi escluso il Maghreb) che usano spesso e volentieri i colori delle proprie bandiere e, in genere, i colori panafricani o comunque divise molto vistose, la nazionale ghanese scende in campo con una divisa completamente bianca con bordi neri. In realtà questa scelta cromatica non è stata sempre univoca, essendo stata adottata da non molto tempo. In particolare il Ghana negli anni precedenti e comunque fino alla metà degli anni 1990 vestiva sgargianti divise richiamanti la bandiera nazionale, in genere gialle col rosso e verde ben marcati. Divisa emblematica è quella utilizzati tra gli anni sessanta e settanta, composta da strisce verticali giallo-verdi e spalle rosse.

Black star.svg

Simbolo di una certa continuità è la stella nera, presente nella bandiera proprio al centro e stemma primordiale della nazionale sul petto. Adottato in seguito lo stemma della federazione, la stella è sempre e comunque, magari in minor parte, comparsa sulle maglie. Attualmente è posta in traslucenza su una spalla.

Albo d'oro[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1930 Uruguay Uruguay Non iscritta - - - -
1934 Italia Italia Non iscritta - - - -
1938 Francia Francia Non iscritta - - - -
1950 Brasile Brasile Non iscritta - - - -
1954 Svizzera Svizzera Non iscritta - - - -
1958 Svezia Svezia Non iscritta - - - -
1962 Cile Cile Non qualificata - - - -
1966 Inghilterra Inghilterra Non qualificata - - - -
1970 Messico Messico Non qualificata - - - -
1974 Germania Germania Non qualificata - - - -
1978 Argentina Argentina Non qualificata - - - -
1982 Spagna Spagna Non qualificata - - - -
1986 Messico Messico Non qualificata - - - -
1990 Italia Italia Non qualificata - - - -
1994 Stati Uniti Stati Uniti Non qualificata - - - -
1998 Francia Francia Non qualificata - - - -
2002 Giappone Giappone / Corea del Sud Corea del Sud Non qualificata - - - -
2006 Germania Germania Ottavi di finale 2 0 2 4:6
2010 Sudafrica Sudafrica Quarti di finale 2 2 1 5:4

Coppa d'Africa[modifica | modifica sorgente]

Squadra[modifica | modifica sorgente]

Lista dei convocati alla Coppa d'Africa 2012

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Gol Squadra
1 P Richard Kingson 13 giugno 1978 (1978-06-13) (35 anni) 90 1 Cipro Doxa Katokopias
16 P Adam Larsen Kwarasey 12 dicembre 1987 (1987-12-12) (26 anni) 18 0 Norvegia Strømsgodset
22 P Daniel Adjei 10 novembre 1989 (1989-11-10) (24 anni) 5 0 Ghana Liberty Professionals
2 D Daniel Opare 18 ottobre 1990 (1990-10-18) (23 anni) 7 0 Belgio Standard Liegi
4 D John Paintsil 15 giugno 1981 (1981-06-15) (32 anni) 89 0 Israele Hapoel Tel Aviv
5 D John Mensah 29 novembre 1982 (1982-11-29) (31 anni) 75 1 Francia Rennes
7 D Samuel Inkoom 22 agosto 1989 (1989-08-22) (24 anni) 29 1 Ucraina Dnipro
14 D Masahudu Alhassan 12 gennaio 1992 (1992-01-12) (22 anni) 10 0 Italia Latina
15 D Isaac Vorsah 21 giugno 1988 (1988-06-21) (25 anni) 43 1 Austria Salisburgo
17 D Lee Addy 26 settembre 1985 (1985-09-26) (28 anni) 23 0 Croazia Dinamo Zagabria
18 D Jonathan Mensah 13 luglio 1990 (1990-07-13) (23 anni) 14 1 Francia Evian TG
21 D John Boye 23 aprile 1987 (1987-04-23) (26 anni) 24 2 Francia Rennes
6 C Anthony Annan 21 giugno 1986 (1986-06-21) (27 anni) 65 2 Spagna Osasuna
37 C Kevin-Prince Boateng 6 marzo 1987 (1987-03-06) (27 anni) 10 2 Germania Schalke 04
8 C Emmanuel Agyemang-Badu 2 dicembre 1990 (1990-12-02) (23 anni) 41 7 Italia Udinese
9 C Derek Boateng 2 maggio 1983 (1983-05-02) (30 anni) 46 1 Inghilterra Fulham
10 C André Ayew 17 dicembre 1989 (1989-12-17) (24 anni) 34 2 Francia Marsiglia
11 C Sulley Muntari Captain sports.svg 27 agosto 1984 (1984-08-27) (29 anni) 76 19 Italia Milan
19 C Michael Essien 3 dicembre 1982 (1982-12-03) (31 anni) 55 9 Italia Milan
20 C Kwadwo Asamoah 9 settembre 1988 (1988-09-09) (25 anni) 54 3 Italia Juventus
23 C Mohammed Abu 14 novembre 1991 (1991-11-14) (22 anni) 2 0 Inghilterra Manchester City
3 A Asamoah Gyan 22 novembre 1985 (1985-11-22) (28 anni) 71 32 Emirati Arabi Uniti Al-Ain
12 A Prince Tagoe 9 novembre 1986 (1986-11-09) (27 anni) 28 7 Arabia Saudita Al-Ettifaq
13 A Jordan Ayew 11 settembre 1991 (1991-09-11) (22 anni) 3 0 Francia Sochaux

Record individuali[modifica | modifica sorgente]

Record di reti[modifica | modifica sorgente]

  • Il grassetto indica giocatori ancora in attività.
Pos. Nome. Reti
1 Asamoah Gyan 39
2 Abédi Pelé 33
3 Anthony Yeboah 29
4 Sulley Muntari 19
5 Stephen Appiah 16
6 Matthew Amoah 13
7 Junior Agogo 12
8 Michael Essien
9 Prince Tagoe 7
10 Andre Ayew 4
11 Quincy Owusu-Abeyie 2
12 Kevin-Prince Boateng 2

Tutte le rose[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]


Coppa d'Africa[modifica | modifica sorgente]


Giochi olimpici[modifica | modifica sorgente]

NOTA: Per le informazioni sulle rose successive al 1948 visionare la pagina della Nazionale olimpica.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio