Ratomir Dujković

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ratomir Dujković
Dati biografici
Nazionalità Jugoslavia Jugoslavia
Jugoslavia Jugoslavia (dal 1992)
Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro (dal 2003)
Serbia Serbia (dal 2006)
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Carriera
Giovanili
19??-1962
1962-1964
Osijek Osijek
Stella Rossa Stella Rossa
Squadre di club1
1962-1964 Stella Rossa Stella Rossa 201 (-?)
1974-1977 Real Oviedo Real Oviedo 29 (-?)
1977-1980 Osijek Osijek 84 (-?)
1982-1983 Galenika Zemun Galenika Zemun 25 (-?)
Nazionale
1971 Jugoslavia Jugoslavia 4 (-?)
Carriera da allenatore
1983-1986 Galenika Zemun Galenika Zemun
1992-1995 Venezuela Venezuela
1996-1997 Birmania Birmania
1997-1998 Zulia Zulia
1998-1999 U. de Los Andes U. de Los Andes
2000-2001 Jugoslavia Jugoslavia All. portieri
2001 Est. Merida Est. Mérida
2001-2004 Ruanda Ruanda
2004-2006 Ghana Ghana
2006-2008 Cina Cina U-23
2009-2010 Serbia Serbia U-21
2010 Siria Siria
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Italia 1968
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 dicembre 2011

Ratomir Dujković (Borovo, 24 febbraio 1946) è un allenatore di calcio ed ex calciatore jugoslavo e successivamente serbo-montenegrino e serbo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Debutta da professionista nel 1962 con la Stella Rossa di Belgrado, cui legherà il proprio nome per ben 11 stagioni, vincendo cinque campionati della RSF di Jugoslavia, tre Coppe di Jugoslavia e la Mitropa Cup 1968.

Nell'estate del 1974 si trasferisce in Spagna al Real Oviedo dove gioca per tre stagioni.

Rientrato in patria, viene ingaggiato dall'NK Osijek, prima di chiudere la carriera al Galenika Zemun.

Con la Nazionale jugoslava vanta 4 presenze, e la partecipazione agli Europei del 1968.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la carriera da allenatore proprio nell'ultimo club in cui aveva militato, il Galenika Zemun, dove rimane fino al 1986, quando entra nello staff tecnico della Stella Rossa Belgrado, come allenatore dei portieri.

Nel 1992 viene ingaggiato dalla Nazionale venezuelana, ottenendo risultati modesti.

Nel 1996 viene nominato commissario tecnico della Nazionale del Myanmar, che riesce a qualificare ai Giochi Asiatici.

Ritorna in Venezuela, dove allena lo Zulia, l'Universidad de Los Andes e l'Estudiantes de Mérida Fútbol Club.

Nel 2000, inoltre, entra a far parte dello staff tecnico della Nazionale jugoslava allenata da Vujadin Boškov agli Europei del 2000.

Il 1º dicembre 2001 accetta la guida della Nazionale ruandese, che guida alla qualificazione, per la prima volta nella storia del paese, alla Coppa d'Africa del 2004, rimane in carica fino al 30 dicembre 2004.

Il 15 dicembre del 2004 la Federazione ghanese gli affida la guida della Nazionale ghanese, che guida nella Coppa d'Africa del 2006, e nei successivi Mondiali del 2006, con la storica qualificazione agli ottavi di finale, rimane in carica fino al 15 luglio 2006.

Il 21 ottobre 2006 viene nominato allenatore della Nazionale cinese olimpica alle Olimpiadi di Pechino 2008, carica che durò fino al 15 ottobre 2008.

Il 15 giugno 2009 viene nominato allenatore della Nazionale di calcio della Serbia Under-21, fino al 12 agosto 2010.

Il 28 ottobre 2010 diventa ct della Nazionale di calcio siriana, fino al 5 dicembre 2010.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Da giocatore[modifica | modifica wikitesto]

1963-1964, 1967-1968, 1968-1969, 1969-1970, 1972-1973
1964, 1968, 1970, 1971
1968