Antonio Powolny

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Powolny
Dati biografici
Nome Anton Powolny
Nazionalità Austria Austria
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Carriera
Squadre di club1
1916-1919 Austria Vienna Austria Vienna  ? (?)
1919-1921 Ober St.Veit  ? (?)
1921-1924 Wiener Sport-Club Wiener Sport-Club  ? (?)
1924 Wiener AF Wiener AF  ? (?)
1924-1926 Reggiana Reggiana 45 (27)
1926-1927 Inter Inter 27 (22)
1927-1928 Attila Miskolc  ? (?)
1928-1929 Sabária  ? (?)
1929-1930 Wiener Sport-Club Wiener Sport-Club  ? (?)
Carriera da allenatore
1929-1931 Taranto Taranto
1931-1935 600px Azzurro e Bianco (Strisce).png Reichenberg
1938 Duisburg Duisburg
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Antonio Powolny, all'anagrafe Anton Powolny (Vienna, 19 agosto 18991961), è stato un calciatore austriaco, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Powolny, poliziotto di professione[1], ha iniziato la sua carriera calcistica nelle file del Wiener Amateur-SV, negli anni della prima guerra mondiale e quelli immediatamente successivi. Ha poi giovato per l'Ober St. Veit, in seconda divisione, e nel 1921 si trasferì al Wiener Sport-Club, tornando così a calcare i campi della 1. Klasse. Il trasferimento però fu al centro di uno scandalo che portò ad una multa di 20.000 corone al Wiener SC e di 500 all'Ober St. Veit, in quanto si ritenne di ravvisare nel comportamento dei due club una violazione delle norme del dilettantismo[2]. Il giocatore stesso rischiò di perdere un'intera stagione[3].

Tornò in campo nel 1921-1922, e con 4 reti in 8 presenze aiutò la squadra a divenire campione d'Austria. Nella stagione successiva conquistò anche la Wiener-Cup nella finale contro il Wacker Vienna (3-1).

Passato al Wiener AF nel 1924, l'anno seguente fu ingaggiato dalla Reggiana, all'epoca allenata dall'ex-nazionale austriaco Karl Stürmer. Esordì nel campionato di Prima Divisione, allora la massima serie del campionato italiano, il 5 ottobre 1924 in Torino-Reggiana 3-1, segnando il gol del vantaggio per i granata di Reggio Emilia al 52' minuto. L'ultima partita con la maglia degli emiliani fu la vittoria casalinga contro il Mantova per 4-0 del 4 luglio 1926, dove segnò il gol del 3-0 al 71' minuto: complessivamente, in due anni giocò 43 partite, segnando 24 reti, 15 nel primo e 9 nel secondo.

L'anno successivo si trasferì a Milano, all'Inter, per giocarvi nel campionato 1926-1927, in cui disputò 27 partite e segnò 22 reti. Fu capocannoniere con 20 reti del girone A di Divisione Nazionale, segnando poi due reti anche nel girone finale in cui l'Inter si classificò penultima.

Coi nerazzurri esordì il 3 ottobre 1926 in Napoli-Inter 0-3, gara in cui battendo Vittorio Pelvi segnò una doppietta, diventando il primo giocatore a realizzare una rete contro la formazione partenopea[4]; l'ultima partita con la squadra lombarda è stata la sconfitta casalinga contro il Genoa per 3-2 del 3 luglio 1927. Segnò inoltre il primo gol dell'Inter a San Siro, pareggiando l'iniziale vantaggio di Giuseppe Santagostino nel derby che inaugurò lo stadio il 19 settembre 1926, con una vittoria dei nerazzurri per 6-3[5].

Lasciò quindi il campionato italiano, all'epoca dei regolamenti che impedivano la permanenza in squadra di atleti di origine straniera, per giocare in Ungheria con l'Attila Miskolc (con cui disputò la finale di coppa) ed il Sabária, prima di ritornare in Austria, al Wiener Sport-Club, nel 1929.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver lasciato il calcio giocato divenne allenatore del Taranto nel 1929. Allenò quindi i cecoslovacchi del Reichenberg, tra il 1931 ed il 1935, e il Duisburg nel 1938[6].

Di lui si persero le tracce negli ultimi mesi della seconda guerra mondiale[6].

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Club Campionato
Comp Pres Reti
1924-1925 Italia Reggiana PD 22 15
1925-1926 PD 22 10
Totale Reggiana 44 25
1926-1927 Italia Inter PD 27 22
Totale 71 47

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Di squadra[modifica | modifica sorgente]

Wiener SC: 1921-1922
Wiener SC: 1922-1923

Individuale[modifica | modifica sorgente]

Inter: 1926-1927 (22 gol)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (DE) Illustriertes Sportblatt, Auch eine Justitz, ÖNB/ANNO. URL consultato il 3 giugno 2011.
  2. ^ (DE) Illustriertes Sportblatt, Die Protestschrift, ÖNB/ANNO. URL consultato il 3 giugno 2011.
  3. ^ (DE) Illustriertes Sportblatt, Powolny und kein Ende, ÖNB/ANNO. URL consultato il 3 giugno 2011.
  4. ^ Mimmo Carratelli, La grande Storia del Napoli, Gianni Marchesini Editore, pagina 34, ISBN 978-88-88225-19-7
  5. ^ Prime luci a San Siro, sportvintage.it. URL consultato il 3 giugno 2011.
  6. ^ a b (DE) Andreas Pittler, Anton Powolny von Dornbach zur italienischen Torschützenkrone, Alszeilen n°2 - 2009. URL consultato il 3 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]