Fabio Quagliarella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fabio Quagliarella
Fabio Quagliarella.jpg
Fabio Quagliarella a Castellammare di Stabia (NA)
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180[1] cm
Peso 79[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Torino Torino
Carriera
Giovanili
1993-1999 Torino Torino
Squadre di club1
1999-2002 Torino Torino 5 (0)
2002-2003 Florentia Viola Florentia Viola 12 (1)
2003-2004 Chieti Chieti 43 (19)
2004-2005 Torino Torino 34 (7)
2005-2006 Ascoli Ascoli 33 (3)
2006-2007 Sampdoria Sampdoria 35 (13)
2007-2009 Udinese Udinese 73 (25)
2009-2010 Napoli Napoli 34 (11)
2010-2014 Juventus Juventus 84 (23)
2014- Torino Torino 0 (0)
Nazionale
2000-2001
2001
2002-2004
2004
2007-2010
Italia Italia U-17
Italia Italia U-19
Italia Italia U-20
Italia Italia U-21
Italia Italia
8 (1)
9 (1)
8 (2)
1 (0)
25 (7)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 luglio 2014

Fabio Quagliarella (Castellammare di Stabia, 31 gennaio 1983) è un calciatore italiano, attaccante del Torino.

Indossa la maglia numero 27 in onore di Niccolò Galli, suo compagno nelle nazionali giovanili, morto in un incidente stradale nel 2001.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Attaccante capace di fare la prima punta, sia la seconda punta che l'attaccante esterno e qualche volta anche il trequartista. Possiede un tiro molto potente e preciso, che lo ha portato a segnare da grandi distanze, ed un buon colpo di testa. Rientrano nel suo repertorio anche il colpo di tacco e la rovesciata. Si distingue inoltre come assist-man.[2][3][4][5]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Firenze, Chieti, Torino e Ascoli[modifica | modifica sorgente]

Cresciuto nelle giovanili del Torino, ha esordito in Serie A il 14 maggio 2000, con la maglia del "Toro", nella partita vinta per 2-1 contro il Piacenza.[6]

Nel 2002, viste le scarse possibilità di giocare, viene dato in prestito alla Florentia Viola, allora militante in Serie C2; a Firenze segna soltanto un gol in 12 partite. Nel mese di gennaio l'allenatore Alberto Cavasin e la società decidono di cederlo. Il Torino (titolare del cartellino) lo gira in prestito al Chieti in Serie C1. In Abruzzo resta anche la stagione successiva, 2003-2004, quando, sempre in Serie C1, segna 17 gol in 32 partite. La parentesi biennale con la maglia neroverde termina segnando in totale 19 gol in 43 partite e a fine stagione il Torino lo riprende, in vista della stagione in Serie B.

A Torino parte titolare, e, con 7 gol in 34 partite, contribuisce alla promozione in Serie A: tuttavia, a seguito del fallimento della società granata, nell'agosto 2005 si ritrova svincolato e accetta la proposta dell'Ascoli, che gli garantisce un posto da titolare nella stagione 2005-2006: con la maglia bianconera, il 21 dicembre 2005 in Ascoli-Treviso (vinta 1-0), segna il suo primo goal in serie A.[7]

Sampdoria[modifica | modifica sorgente]

Al termine del campionato, l'Udinese, proprietaria del cartellino del giocatore dal 2005, lo cede alla Sampdoria in cambio della metà del cartellino del centravanti Foti, e ottiene la metà dei cartellini di Pieri e Quagliarella. Il 7 luglio 2006 entrambi i calciatori vengono ingaggiati dal club blucerchiato, allenato da Walter Novellino.[8]

Inizia il periodo a Genova da riserva. A ottobre, con la squalifica per scommesse di Francesco Flachi e le non buone condizioni fisiche di Fabio Bazzani, Quagliarella può trovare una maglia da titolare. Segna una doppietta con un gol da venti contro l'Atalanta nella partita persa 2-3[9], di rovesciata nella partita vinta contro la Reggina 0-1 grazie al suo gol[10], e nella 30ª giornata con un pallonetto da centrocampo[11] contro il Chievo. Alla fine del 2006, totalizza 9 gol in 16 partite con la maglia blucerchiata: in questo modo, al termine del girone d'andata, ha battuto il suo record di gol in Serie A in un'intera stagione. Nel girone di ritorno la sua media gol scende, anche perché spesso viene impiegato da Novellino come ala e non come seconda punta[senza fonte]; mette a segno altri 4 gol che lo fanno arrivare a quota 13 nella classifica dei cannonieri.

Udinese[modifica | modifica sorgente]

Nel giugno del 2007 le due squadre proprietarie del cartellino non trovano l'accordo per la risoluzione della comproprietà, e vanno alle buste, con la Sampdoria che offre 6,5 milioni di euro contro i 7,3 milioni dell'Udinese, che si aggiudica così la proprietà dell'attaccante campano.[12]

Dopo un inizio stentato, ad Udine gioca insieme ad Antonio Di Natale, firmando 12 reti. Nella stagione seguente segna al San Paolo contro il Napoli e arriva ai quarti di finale di Coppa UEFA contro il Werder Brema, nei quali mette a segno una doppietta che non basta a evitare l'eliminazione. Con 8 goal in Coppa UEFA si classifica al terzo posto nella classifica marcatori dietro Vágner Love e Ivica Olić[13]. Nell'ultima giornata contro il Cagliari mette a segno il tredicesimo gol in campionato, portandosi a quota 21 gol complessivi in stagione.

Napoli[modifica | modifica sorgente]

Il 1º giugno 2009 l'attaccante stabiese viene acquistato dal Napoli, con cui sottoscrive un contratto quinquennale.[14] All'Udinese vanno 16 milioni di euro e la seconda metà del cartellino di Maurizio Domizzi, mentre al giocatore viene riconosciuto un ingaggio di 1,8 milioni di euro a stagione, a salire di anno in anno, più eventuali bonus legati al rendimento,[15] diventando così il giocatore più pagato della squadra.[16] Come sua consuetudine, sceglie la maglia numero 27 in onore di Niccolò Galli, suo grande amico e compagno nelle nazionali giovanili, scomparso prematuramente in un incidente stradale nel 2001.[17]

Esordisce in maglia azzurra il 16 agosto 2009 nel match di Coppa Italia contro la Salernitana, terminato 3-0 per i partenopei.[18] I primi gol ufficiali arrivano il 30 agosto 2009 alla seconda di campionato contro il Livorno, al San Paolo, match nel quale apre le marcature per poi siglare il gol del definitivo 3-1 per il Napoli.[19] Inoltre, nella stessa partita, sullo 0-0, è autore di una tiro da centrocampo: un destro potente che colpisce la traversa e rimbalza sulla linea di porta, con il portiere amaranto Alfonso De Lucia già battuto.[20] Ritrova il gol all'ottava giornata di campionato, giocata il 18 ottobre 2009 al San Paolo contro il Bologna, firmando il gol del momentaneo 1-1; la partita si conclude poi con la vittoria del Napoli per 2-1.[21] Realizza un'altra doppietta al San Paolo il 6 dicembre 2009 contro il Bari, prima realizzando la rete del momentaneo 1-1 e quindi, dopo aver servito a Maggio l'assist per il 2-2, siglando all'88º minuto il gol del definitivo 3-2 per i partenopei.[22]

Il 18 gennaio 2010 riceve l'Oscar del calcio AIC per il miglior gol della stagione 2008-2009, realizzato in Napoli-Udinese del 31 gennaio 2009 con un destro al volo da fuori area.[23]

Nel girone di ritorno, dopo quasi tre mesi a secco di realizzazioni, torna al gol in Napoli-Juventus del 25 marzo 2010 (3-1), siglando il gol del momentaneo 2-1 per gli azzurri.[24] L'11 aprile 2010 realizza il suo 50º gol in Serie A nella gara persa 3-2 dal Napoli in casa contro il Parma.[25] Il 9 maggio 2010 decide con una doppietta, la terza stagionale, il match al San Paolo contro l'Atalanta (2-0) che garantisce ai partenopei il sesto posto aritmetico;[26] chiude la sua prima ed ultima stagione in maglia azzurra con 11 reti in 34 partite che ne fanno il vice-capocannoniere stagionale del Napoli, alle spalle di Marek Hamšík.

Juventus[modifica | modifica sorgente]

Il 27 agosto 2010 il Napoli lo cede in prestito oneroso per 4,5 milioni di euro alla Juventus[27], scatenando l'ira dei tifosi del Napoli[28] che lo hanno definito traditore e che si univano ai dubbi dei supporter juventini che si aspettavano una prima punta di peso.[29] Inoltre, avendo disputato la partita di andata dei play-off di Europa League con il Napoli, Quagliarella non poteva essere utilizzato dalla Juventus in quella competizione.

Esordisce in maglia bianconera il 29 agosto nel match di campionato contro il Bari, terminato 1-0 per i pugliesi.[30] Segna il suo primo gol juventino la giornata seguente, contro la Sampdoria, sua ex squadra, il 12 settembre a Torino, partita che termina con il risultato di 3-3.[31] Il 19 settembre, segna con un colpo di tacco il suo secondo gol in bianconero (il primo fuori casa) contro un'altra sua ex squadra, l'Udinese, firmando il momentaneo 2-0 per i suoi (finirà 4-0 per la Juventus).[32] Il 30 ottobre realizza la prima delle due reti con cui la Juventus sconfigge il Milan per 2-1 a San Siro.[33] Il 5 dicembre, in Catania-Juventus (vinta 3-1), segna la sua prima doppietta con la maglia della Juventus.[34] Il 19 dicembre segna, con una rovesciata, il gol del momentaneo 1-0 a Verona contro il Chievo (la partita terminerà 1-1), gol che è anche l'ultimo dei bianconeri nel 2010, nonché il suo nono stagionale.[35] Nel corso della diciottesima giornata, il 6 gennaio 2011, in Juventus-Parma (persa 1-4) si infortuna al legamento crociato anteriore destro, e subisce uno stop di circa 6 mesi.[36]

Il 22 giugno 2011, dopo essere riscattato dalla Juventus pagando i 10.5 milioni al Napoli in tre esercizi, firma un contratto triennale.[37] Torna in campo nel corso di Catania-Juventus, giocata il 25 settembre e terminata 1-1, in cui subentra all'81º minuto a Claudio Marchisio. Segna il suo primo gol stagionale il 18 dicembre, 364 giorni dopo la sua ultima rete in bianconero, siglando la rete del definitivo 2-0 in Juventus-Novara.[38] Sigla la seconda rete della stagione il 18 febbraio 2012 contro il Catania, incontro vinto 3-1 dai bianconeri. La terza rete arriva in campionato il 1º aprile contro il Napoli, sua ex squadra, nell'incontro finito 3-0 per la Juventus.[39] Il quarto sigillo arriva contro il Palermo al Renzo Barbera (rete del 2-0 finale per i bianconeri), il 7 aprile 2012.[40] Il 30 aprile 2012 firma un rinnovo di contratto con la Juventus fino al 30 giugno 2015.[41] Il 6 maggio 2012 conquista lo scudetto con la maglia bianconera con una giornata d'anticipo nella partita giocata in campo neutro di Trieste contro il Cagliari vinta 2 a 0, favorevole anche la vittoria dell'Inter contro il Milan per 4 a 2.[42][43][44]

La stagione 2012-2013 inizia con la vittoria della Supercoppa italiana allo Stadio nazionale di Pechino, grazie al punteggio di 4-2 sul Napoli.[45][46] Il 19 settembre 2012 esordisce in Champions League nel secondo tempo di Chelsea-Juventus, gara che segna il ritorno della Juventus nella massima competizione calcistica continentale dopo 3 anni di assenza, segnando il gol del definitivo 2-2.[47] Tre giorni più tardi ottiene una maglia da titolare nella sfida casalinga contro il Chievo, dove segna una doppietta che sancisce il 2-0 finale.[48] Il 31 ottobre successivo parte titolare nella sfida interna contro il Bologna, dove segna su assist di Giaccherini la rete del momentaneo 1-0, partita finita poi 2-1 per la Juventus.[49] Il 10 novembre, nella gara esterna contro il Pescara, terminata col punteggio di 6-1, mette a segno la sua prima tripletta in carriera,[50] che nella Juventus mancava da due anni (l'ultima era stata di Miloš Krasić in Juventus-Cagliari 4-2 del 26 settembre 2010), servendo anche gli assist per le reti di Asamoah e Giovinco.[51] Il 30 marzo 2013 nella sfida di San Siro contro l'Inter realizza dopo 3 minuti il gol dell'1-0 con un destro potente e preciso da fuori area, e nel secondo tempo serve l'assist per il gol del defintivo 2-1 di Matri. Il 5 maggio 2013, grazie alla vittoria casalinga sul Palermo per 1-0, vince – con tre giornate d'anticipo – il secondo scudetto consecutivo.[52]

Il 17 settembre 2013 torna a giocare da titolare contro il Copenaghen siglando il gol del pareggio, dimostrando di saper essere sempre decisivo nelle competizioni europee. Il 25 settembre sigla il primo e unico gol nella in campionato della stagione 2013-2014 contro il Chievo che regala il pareggio ai suoi nella partita che poi finirà 2-1 per i bianconeri[53], il 18 dicembre segna l'unico suo gol in Coppa Italia contro l'Avellino nella partita terminata 3-0 per i bianconeri[54]. Contribuisce comunque con le sue presenze al raggiungimento del terzo scudetto consecutivo e personale, che è anche il 30° scudetto bianconero[55].

Ritorno al Torino[modifica | modifica sorgente]

Il 17 luglio 2014 viene acquistato dal Torino per 3,5 milioni di euro, pagabili in 3 anni.[56]. Il giocatore fa quindi ritorno in maglia granata dopo nove anni[57], firmando un contratto triennale.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Dopo varie presenze nelle nazionali giovanili, viene convocato per la prima volta in Nazionale dal ct Roberto Donadoni.

L'esordio con la maglia della Nazionale avviene a 24 anni, il 29 marzo 2007, quando entra all'88º minuto della partita Italia-Scozia (2-0), giocata allo stadio San Nicola di Bari valida per le qualificazioni europee.

Il 6 giugno dello stesso anno, contro la Lituania a Kaunas, gioca titolare per la prima volta, siglando una doppietta con due gol da fuori area: il primo, un sinistro da 25 metri dopo aver effettuato dei dribbling; il secondo, un destro al volo da posizione defilata.[58] Il 6 febbraio 2008, nell'amichevole contro il Portogallo, realizza il suo terzo gol in maglia azzurra - dieci secondi dopo il suo ingresso in campo - e la rete numero 1200 nella storia della Nazionale.[59]

Ha fatto parte della spedizione azzurra agli Europei 2008, dove ha esordito nel corso della seconda partita del girone, contro la Romania.

Il CT Marcello Lippi, dopo averlo impiegato nelle qualificazioni mondiali, lo inserisce nella lista dei 23 convocati per la Confederations Cup 2009, dove viene impiegato nella partita giocata a Johannesburg contro l'Egitto. L'anno seguente viene inserito nella lista dei convocati per il Mondiale 2010 in Sudafrica.[60] Il 5 giugno 2010, nel corso di un'amichevole con la Svizzera, realizza il suo quarto gol in Nazionale fissando il risultato sull'1-1,[61] quasi 21 anni dopo l'ultimo gol realizzato da un calciatore del Napoli con la maglia azzurra.[62]

Debutta nella manifestazione sudafricana il 24 giugno nella terza ed ultima partita della fase a gironi contro la Slovacchia, subentrando nell'intervallo a Gennaro Gattuso e segna con un pallonetto da fuori area fissando il punteggio sul definitivo 3-2 per la nazionale mitteleuropea, risultato che determina l'eliminazione dell'Italia dalla competizione.[63] La stampa di settore riconosce la sua prestazione come l'unica degna di nota in un contesto azzurro piuttosto mediocre.[64][65][66][67][68]

Il 7 settembre 2010 segna il gol del momentaneo 4-0 nella partita di qualificazione a Euro 2012 giocata a Firenze contro le Isole Fær Øer, partita vinta 5-0 dagli azzurri.[69]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 5 maggio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1999-2000 Italia Torino A 1 0 CI 0 0 - - - - - - 1 0
2000-2001 B 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
2001-2002 A 4 0 CI 0 0 - - - - - - 4 0
Totale Torino 5 0 0 0 - - - - 5 0
2002-gen. 2003 Italia Florentia Viola C2 12 1 CI-C 3 0 - - - - - - 15 1
gen.-giu. 2003 Italia Chieti C1 11 2 CI-C - - - - - - - - 11 2
2003-2004 C1 32 17 CI-C 4 0 - - - - - - 36 17
Totale Chieti 43 19 4 0 - - - - 47 19
2004-2005 Italia Torino B 34 7 CI 4 2 - - - - - - 38 9
2005-2006 Italia Ascoli A 33 3 CI 0 0 - - - - - - 33 3
2006-2007 Italia Sampdoria A 35 13 CI 7 1 - - - - - - 42 14
2007-2008 Italia Udinese A 37 12 CI 2 0 - - - - - - 39 12
2008-2009 A 36 13 CI 1 0 CU 11 8 - - - 48 21
Totale Udinese 73 25 3 0 11 8 - - 87 33
2009-2010 Italia Napoli A 34 11 CI 2 0 - - - - - - 36 11
ago. 2010 A 0 0 CI 0 0 UEL 1[70] 0 - - - 1 0
Totale Napoli 34 11 2 0 1 0 - - 37 11
2010-2011 Italia Juventus A 17 9 CI 0 0 UEL[71] - - - - - 17 9
2011-2012 A 23 4 CI 4 0 - - - - - - 27 4
2012-2013 A 27 9 CI 1 0 UCL 7 4 SI 0 0 35 13
2013-2014 A 17 1 CI 2 1 UCL 4 2 SI 0 0 23 4
Totale Juventus 84 23 7 1 11 6 0 0 102 30
Totale carriera 353 102 30 4 23 14 0 0 406 120

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
29-3-2007 Bari Italia Italia 2 – 0 Scozia Scozia Qual. Euro 2008 -
2-6-2007 Tórshavn Fær Øer Fær Øer 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2008 -
6-6-2007 Kaunas Lituania Lituania 0 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2008 2
22-8-2007 Budapest Ungheria Ungheria 3 – 1 Italia Italia Amichevole -
12-9-2007 Kiev Ucraina Ucraina 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2008 -
13-10-2007 Genova Italia Italia 2 – 0 Georgia Georgia Qual. Euro 2008 -
21-11-2007 Modena Italia Italia 3 – 1 Fær Øer Fær Øer Qual. Euro 2008 - Ingresso al 58’ 58’
6-2-2008 Zurigo Italia Italia 3 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole 1
13-6-2008 Zurigo Italia Italia 1 – 1 Romania Romania Euro 2008 - 1º turno -
15-10-2008 Lecce Italia Italia 2 – 1 Montenegro Montenegro Qual. Mondiali 2010 -
28-3-2009 Podgorica Montenegro Montenegro 0 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 2010 -
1-4-2009 Bari Italia Italia 1 – 1 Irlanda Irlanda Qual. Mondiali 2010 -
10-6-2009 Pretoria Italia Italia 4 – 3 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Amichevole -
18-6-2009 Johannesburg Egitto Egitto 1 – 0 Italia Italia Conf. Cup 2009 - 1º turno -
12-8-2009 Basilea Svizzera Svizzera 0 – 0 Italia Italia Amichevole -
5-9-2009 Tbilisi Georgia Georgia 0 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Parma Italia Italia 3 – 2 Cipro Cipro Qual. Mondiali 2010 -
3-3-2010 Monaco Italia Italia 0 – 0 Camerun Camerun Amichevole -
3-6-2010 Bruxelles Italia Italia 1 – 2 Messico Messico Amichevole -
5-6-2010 Ginevra Svizzera Svizzera 1 – 1 Italia Italia Amichevole 1
24-6-2010 Johannesburg Slovacchia Slovacchia 3 – 2 Italia Italia Mondiali 2010 - 1º turno 1
10-8-2010 Londra Italia Italia 0 – 1 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole -
3-9-2010 Tallinn Estonia Estonia 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2012 -
7-9-2010 Firenze Italia Italia 5 – 0 Fær Øer Fær Øer Qual. Euro 2012 1
19-11-2010 Klagenfurt Romania Romania 1 – 1 Italia Italia Amichevole 1 [72]
Totale Presenze 25 Reti 7

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Juventus: 2011-2012, 2012-2013, 2013-2014
Juventus: 2012, 2013
Florentia Viola: 2002-2003

Individuale[modifica | modifica sorgente]

Miglior gol: 2009

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Fabio Quagliarella, juventus.com. URL consultato il 3 settembre 2012.
  2. ^ Fabio Quagliarella areanapoli.it
  3. ^ Quagliarella, sette giorni per convincere il ct azzurro areanapoli.it
  4. ^ E Quagliarella si scopre uomo assist areanapoli.it
  5. ^ Quagliarella, l'uomo dei gol d'autore sport.it
  6. ^ Fabio Quagliarella - Scheda calciatori-online.com
  7. ^ Ascoli-Treviso 1-0 quotidiano.net
  8. ^ Calciomercato: arrivano Pieri e Quagliarella, sampdoria.it
  9. ^ Atalanta, straordinaria rimonta - Samp sciagurata: da 2-0 a 2-3
  10. ^ Quagliarella, rovesciata d'autore - Finale rovente, la Samp festeggia
  11. ^ Supergol di Quagliarella, gollonzo di Brighi. Tra Chievo e Sampdoria è tutto qui in La Repubblica, 1 aprile 2007. URL consultato il 30 agosto 2013.
  12. ^ Marotta: «Per Quagliarella abbiamo fatto il massimo», sampdoria.it
  13. ^ [Hammond, Mike, ed (2009). The European Football Yearbook 2009/10. Londra: Carlton Books. ISBN 978-1-84732-360-6.], sampdoria.it
  14. ^ Fabio Quagliarella al Napoli, contratto per cinque stagioni, Articolo sul sito ufficiale
  15. ^ Quagliarella: 'Il mio sogno', repubblica.it
  16. ^ Quagliarella il più ricco: 1,8 milioni, repubblica.it
  17. ^ Quagliarella, annullata la prima rete con il Napoli, corrieredellosport.it
  18. ^ Napoli-Salernitana 3-0, sscnapoli.it
  19. ^ Napoli-Livorno 3-1, sccnapoli.it
  20. ^ Quagliarella, fotosequenza della prodezza, corrieredellosport.it
  21. ^ Napoli-Bologna 2-1, sscnapoli.it
  22. ^ Napoli-Bari 3-2, sscnapoli.it
  23. ^ Quagliarella vince L'Oscar del Calcio per il miglior gol dell'anno, sscnapoli.it
  24. ^ Napoli-Juventus 3-1, sscnapoli.it
  25. ^ Statistiche, 30 gol in A per Hamsik, 50 per Quagliarella, tuttonapoli.net
  26. ^ Quagliarella esalta il Napoli: «Campionato straordinario», corrieredellosport.it
  27. ^ Quagliarella alla Juventus, prestito con diritto di riscatto, sscnapoli.it, 27 agosto 2010. URL consultato il 27 agosto 2010.
  28. ^ Napoli: Il fu Fabio Quagliarella in calcioita.com.
  29. ^ Fabio Quagliarella alla Juventus, juventus.it, 27 agosto 2010. URL consultato il 27 agosto 2010.
  30. ^ Una perla di Donati piega una brutta Juve eurosport.yahoo.it
  31. ^ Juve ripresa due volte: finisce 3-3 eurosport.yahoo.it
  32. ^ Poker a Udine, la Juve rialza la testa eurosport.yahoo.it
  33. ^ Milan sprecone, colpo Juve a San Siro eurosport.yahoo.it
  34. ^ Quaglia gol, e la Juve resta in corsa eurosport.yahoo.it
  35. ^ Pellissier gela la Juve, vetta a -5 eurosport.yahoo.it
  36. ^ Quagliarella, c'è la lesione: fuori 3 mesi eurosport.yahoo.it
  37. ^ Matri, Motta, Pepe e Quagliarella riscattati
  38. ^ Juventus 2 - 0 Novara - legaseriea.it
  39. ^ Riccardo Pratesi, Tre squilli per lo scudetto - FINALE Juventus-Napoli 3-0 in Gazzetta.it, 1º aprile 2012. URL consultato il 1º aprile 2012.
  40. ^ Riccardo Pratesi, La Juve sfrutta l'occasione. Vince 2-0 a Palermo: è prima! in La Gazzetta dello Sport, 7 aprile 2012. URL consultato l'11 aprile 2012.
  41. ^ Quagliarella, Juve fino al 2015 in juventus.com, 30 aprile 2012. URL consultato il 30 aprile 2012.
  42. ^ Juve Campione d'Italia, 2-0 al Cagliari. Milan ko, tuttosport.com, 6 maggio 2012. URL consultato il 7 maggio 2012.
  43. ^ Vucinic e autogol, delirio Juve Per i bianconeri è il 28° scudetto, La Gazzetta dello Sport, 6 maggio 2012. URL consultato il 7 maggio 2012.
  44. ^ La Juventus è campione d'Italia, sportmediaset.it, 6 maggio 2012. URL consultato il 25 maggio 2014.
  45. ^ La Supercoppa è della Juve, Napoli ko 4-2 tra le polemiche in Sport.sky.it, 11 agosto 2012. URL consultato il 14 agosto 2012.
  46. ^ Supercoppa, la Juve travolge il Napoli. E gli azzurri disertano la premiazione in Lastampa.it, 11 agosto 2012. URL consultato il 14 agosto 2012.
  47. ^ Riccardo Pratesi, Grande Juve: pari in rimonta a Londra, contro il Chelsea finisce 2-2 in gazzetta.it, 19 settembre 2012. URL consultato il 19 settembre 2012.
  48. ^ Riccardo Pratesi, Juve inarrestabile: Chievo k.o. - Decide ancora Quagliarella in La Gazzetta dello Sport, 22 settembre 2012. URL consultato il 23 settembre 2012.
  49. ^ La Juve vede le streghe - Poi Pogba stende il Bologna in La Gazzetta dello Sport, 31 ottobre 2012. URL consultato il 2 novembre 2012.
  50. ^ Quagliarella: "Prima tripletta della carriera" in La Gazzetta dello Sport, 10 novembre 2012. URL consultato l'11 novembre 2012.
  51. ^ Riccardo Pratesi, Juve, esibizione a Pescara - Sei reti, tris di Quagliarella in La Gazzetta dello Sport, 10 novembre 2012. URL consultato l'11 novembre 2012.
  52. ^ Riccardo Pratesi, Juventus, scudetto bis: 1-0 sul Palermo. Conte sale ancora sul tetto della Serie A in La Gazzetta dello Sport, 5 maggio 2013. URL consultato il 6 maggio 2013.
  53. ^ Chievo-Juventus 1-2, gol di Thereau, Quagliarella e autogol Bernardini
  54. ^ Coppa Italia, Juventus-Avellino 3-0. Gol di Giovinco, Caceres e Quagliarella
  55. ^ Dalla rincorsa al tris scudetto La Juve e il suo campionato record
  56. ^ [1]
  57. ^ [2]
  58. ^ Quagliarella fa il fenomeno; l'Italia torna a convincere gazzetta.it
  59. ^ (EN) Special Scorers, forza-azzurri.info
  60. ^ De Sanctis, Maggio e Quagliarella ai Mondiali, sscnapoli.it
  61. ^ Calcio, mondiali; Amichevole: Svizzera-Italia 1-1
  62. ^ Il gol di Andrea Carnevale realizzato il 20 settembre 1989 ai danni della Bulgaria. Cfr. La Nazionale resta un sogno
  63. ^ Si scrive Slovacchia, si legge Corea, eurosport.com
  64. ^ Italia-Slovacchia, gara sconcertante ma brilla la stella Quagliarella, tuttomercatoweb.com
  65. ^ Slovacchia-Italia 3-2: addio campioni del mondo... in calcioita.com.
  66. ^ L'Italia va fuori, nonostante un immenso Quagliarella, tuttonapoli.net, 24 giugno 2010. URL consultato il 25 maggio 2014.
  67. ^ Quagliarella, gol e rabbia «Era il sogno di una vita», corrieredellosport.it
  68. ^ Italia-Slovacchia, le pagelle degli azzurri, tuttomondiali.it
  69. ^ Italia-Fær Øer 5-0: azzurri a punteggio pieno nel girone calcioita.com
  70. ^ Nei play-off.
  71. ^ Non inserito nella lista UEFA
  72. ^ Rete considerata autorete da alcune fonti, ma riconosciutagli dalla FIGC.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]