Juventus Football Club 2011-2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Juventus Football Club.

Juventus Football Club
Stagione 2011-2012
Allenatore Italia Antonio Conte
All. in seconda Italia Angelo Alessio
Presidente Italia Andrea Agnelli
Serie A (in Champions League)
Coppa Italia Finalista
Maggiori presenze Campionato: Pirlo (37)
Totale: Pirlo (41)
Miglior marcatore Campionato: Matri (10)
Totale: Marchisio, Matri, Vučinić (10)
Maggior numero di spettatori 40 944 vs Atalanta (13 maggio 2012)
Minor numero di spettatori 23 078 vs Bologna (8 dicembre 2011)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Juventus Football Club nelle competizioni ufficiali della stagione 2011-2012.

Stagione[modifica | modifica sorgente]

La stagione 2011-2012 della Juventus è stata la 79ª stagione in Serie A e la 106ª complessiva in massima serie. Il club bianconero, inoltre, non ha partecipato ad alcuna coppa europea a causa del piazzamento al 7º posto nello scorso campionato. I bianconeri hanno iniziato la stagione con il nuovo allenatore Antonio Conte, il capitano della Juventus negli anni novanta.[1]

Da questo campionato, la nuova casa bianconera è lo Juventus Stadium, il nuovo impianto costruito tra il 2009 e 2011, il quale ospita gli incontri casalinghi del club. L'inaugurazione del nuovo impianto è avvenuta l'8 settembre 2011[2] in concomitanza con i festeggiamenti per il 150º anniversario dell'Unità d'Italia, con una cerimonia curata dalla K-events di Marco Balich,[3] che ha visto il culmine in un'amichevole contro il Notts County, club professionistico più antico del mondo, da cui la Juventus nel 1903 "ereditò" la divisa bianconera.[4] L'evento, seguito da Juventus Channel, Sky Sport e Cielo, è stato diffuso anche via Internet in streaming sul sito web e sul canale YouTube della Juventus.[5]

Antonio Conte, già capitano bianconero negli anni novanta, ritorna nel 2011-2012 alla Juventus come nuovo allenatore. Alla sua prima stagione sulla panchina del club, riporta la squadra torinese alla vittoria del titolo italiano dopo nove anni, centrando il nuovo record d'imbattibilità della Serie A.

La cerimonia di inaugurazione, presentata da Linus e con Cristina Chiabotto come madrina, ha ripercorso l'intera storia della Juventus, e ha visto protagonisti alcuni dei più famosi calciatori legati alla squadra. Lo stadio è stato poi ufficialmente inaugurato dal presidente della squadra, Andrea Agnelli, e dal sindaco di Torino, Piero Fassino. Giampiero Boniperti e Alessandro Del Piero, uniti al centro del campo, hanno suggellato l'evento, al fianco della storica panchina sulla quale, nel 1897, alcuni studenti liceali fondarono il club bianconero. C'è stato anche un ricordo per i due fratelli Agnelli, Gianni e Umberto, per Gaetano Scirea e per le vittime della strage dell'Heysel.[6] È seguita poi la partita contro il Notts County, terminata 1-1, con Luca Toni che ha siglato il primo gol nel nuovo impianto.[7]

Gli schemi offensivi di Conte generano un possesso palla che a fine stagione risulta essere il primo in Italia e il terzo in Europa (dietro solo al Barcellona e al Bayern Monaco),[8] mentre il gioco corale messo in atto permette di sopperire all'assenza di un bomber prolifico (l'unico attaccante a finire in doppia cifra è Alessandro Matri):[9] a fine stagione sono venti i giocatori andati in rete. L'ex rossonero Andrea Pirlo, arrivato a parametro zero, si rivela decisivo nel dare ordine e qualità al gioco della Juve,[8][10] così come sorprende l'impatto sulla squadra del giovane cileno Vidal;[11][12] per meglio sfruttare le loro caratteristiche, Conte rinuncia al suo classico 4-2-4 per disegnare prima un 4-3-3 e poi 3-5-2 che esalti appieno le loro potenzialità.[9] I due nuovi arrivati vanno ad affiancare a centrocampo Claudio Marchisio che, in questa stagione, fa il salto di qualità conquistando anche un posto da titolare in Nazionale; nel corso dell'annata il centrocampista si scopre anche molto prolifico in zona gol.[13] La difesa, pur se composta in buona parte dagli stessi uomini che terminarono il campionato precedente, appare rigenerata, diventando numeri alla mano la migliore del continente:[14] i progressi mostrati da Leonardo Bonucci sono il sintomo più evidente di questo salto di qualità.[15][16] Risulta importante anche l'apporto dato dalle seconde linee, tra cui si mettono in evidenza Emanuele Giaccherini (dal Cesena), Martín Cáceres (quest'ultimo, alla seconda esperienza bianconera, arrivato dal Siviglia nel mercato di gennaio),[8] Marcelo Estigarribia (dal Deportivo Maldonado) e Paolo De Ceglie.[16]

La prima partita ufficiale nel nuovo stadio si è svolta l'11 settembre 2011 contro il Parma (incontro terminato 4-1 in favore dei bianconeri), in occasione della seconda giornata della Serie A 2011-2012.[17][18] A segnare la prima rete ufficiale nel nuovo stadio sarà Stephan Lichtsteiner. Dopo le prime gare, la Juventus si porta in testa alla classifica insieme all'Udinese. Nel mese di ottobre, i bianconeri hanno la meglio su Milan, Fiorentina e Inter, ottenendo, però, nel contempo, una serie di pareggi contro le piccole, in un trend che segnerà l'intera stagione. Complice il rinvio della gara contro il Napoli per maltempo e la sosta per le Nazionali, la squadra resta ferma per tre settimane, fino al 20 novembre, con la vittoria contro il Palermo per 3-0. La gara con il Napoli viene recuperata alla fine del mese: i bianconeri, sotto prima per 2-0 e poi per 3-1, riescono a rimontare il doppio svantaggio e a portare a casa un pareggio per 3-3 e a mantenere la propria imbattibilità stagionale.

L'8 dicembre la Juventus esordisce in Coppa Italia battendo il Bologna per 2-1 con una rete di Marchisio nei tempi supplementari negli ottavi di finale.

Andrea Pirlo, arrivato a Torino a parametro zero, è protagonista di un'ottima stagione d'esordio in maglia juventina. Il regista è tra i maggiori artefici del 28º scudetto bianconero.

La partita del 12 dicembre contro la Roma, finita 1-1, è la prima della storia della Serie A a essere trasmessa in 3D.[19] Il 21 dicembre si recupera la prima giornata e, contro l'Udinese terza in classifica, la Juventus pareggia per 0-0, arrivando alla pausa natalizia in testa al campionato. Dopo la ripresa, con la vittoria contro l'Atalanta del 21 gennaio, si laureano campioni d'inverno con un punto di vantaggio sul Milan e tre sull'Udinese. Il 24 gennaio nei quarti di finale di Coppa Italia la Juventus sconfigge per 3-0 la Roma, qualificandosi per la semifinale in cui l'avversario sarà il Milan.

Il girone di ritorno si apre con la vittoria contro l'Udinese e sarà successivamente segnata dai rinvii delle partite contro Parma e Bologna a causa della pesante ondata di freddo che colpì l'Italia e mutilò pesantemente il campionato. Il Milan, così, scavalcò la Juventus in testa alla classifica e mantenne tale posizione anche dopo i recuperi, dopo una serie di pareggi in cui incapparono i bianconeri. La sfida con i rossoneri si ripete anche in Coppa Italia, l'8 febbraio, nell'andata della semifinale, a Milano, e si conclude con la vittoria bianconera per 2-1.

Lo scontro diretto in campionato, ancora al Meazza, del 25 febbraio termina invece in parità, ma è macchiato da vari errori arbitrali (tra cui un gol fantasma non assegnato ai rossoneri e una rete valida annullata ai bianconeri per presunto fuorigioco) che scatenano fitte polemiche.[20] Il distacco di due punti in classifica rimase pertanto immutato.

La 27ª giornata segna un primo punto di svolta nel campionato,[21] coi rossoneri che battono in casa il Lecce e scavano un solco di quattro punti sui bianconeri,[22] bloccati in trasferta dal Genoa.

Il 20 marzo è in programma la gara di ritorno della semifinale di Coppa Italia contro il Milan: i tempi regolamentari si chiudono sull'1-2, risultato speculare a quello dell'andata che porta ai tempi supplementari. Il 2-2 di Vucinic al 94' qualifica i bianconeri per la finale.

L'annata vede Claudio Marchisio in evidenza sul versante realizzativo. Il centrocampista conclude la stagione in doppia cifra (10 reti), inserendosi tra i capocannonieri assoluti della formazione bianconera.

Il mese di aprile si apre con le vittorie contro Napoli e Palermo, che consentono il sorpasso in testa ai danni del Milan,[23] fermato prima sul pari dal Catania e poi battuto dalla Fiorentina in casa con un gol allo scadere dell'ex juventino Amauri.[24] Inoltre, con la partita della 31ª giornata contro il Palermo i bianconeri eguagliano il record italiano della miglior serie iniziale di partite senza sconfitte, per i campionati a 20 squadre, dell'Inter 2006-2007. Con il successivo incontro della 32ª giornata contro la Lazio la squadra torinese supera lo stesso record. Da segnalare in questa gara un gol su punizione di Alessandro Del Piero, che si rivelerà determinante per la vittoria e per la successiva conquista dello scudetto.[25] La 34ª giornata vede la Juventus portare a tre le lunghezze di vantaggio sul Milan, complice l'ampia vittoria dei bianconeri sulla Roma[26] e il nuovo passo falso dei rossoneri in casa, stavolta col Bologna.[27]

Col successo della 35ª giornata sul Novara, la Juventus raggiunge una striscia di otto vittorie consecutive, nuovo record stagionale,[28] mettendo una seria ipoteca sul campionato, con tre lunghezze di vantaggio sul Milan: tuttavia, un errore, tra i pochissimi in stagione, di Buffon nella gara contro il Lecce consente a questi ultimi di pareggiare e ai rossoneri di portarsi a un solo punto di distacco a due giornate dalla fine.

Il 6 maggio 2012, in occasione della 37ª giornata, la Juventus conquista aritmeticamente lo scudetto in virtù della vittoria esterna contro il Cagliari (allo Stadio Nereo Rocco di Trieste) e della contemporanea sconfitta del Milan nel derby contro l'Inter.[29]

Con una striscia di 38 risultati utili da inizio campionato, pertanto imbattuta, la squadra ottiene un record storico che batte quello della miglior serie iniziale di partite senza sconfitte della stagione 1949-1950.[30] In campionato è stato anche battuto il record di partite senza sconfitte consecutive per quel che riguarda la squadra nei campionati a girone unico. Il precedente era stato realizzato a cavallo tra le stagioni del campionato 2005-2006 e del 2007-2008 con 30 partite consecutive (escludendo la Serie B).[31]

Il 13 maggio 2012, con la vittoria sull'Atalanta all'ultima giornata di campionato, la squadra batte contemporaneamente due record assoluti: raggiunge quota 43 risultati utili consecutivi (42 in stagione comprese le 4 partite di Coppa Italia più l'ultima giornata del campionato precedente), striscia record di imbattibilità in Italia indipendentemente dalla competizione giocata che supera quella del Milan stabilita fra il 1992 e il 1993,[32] e manda a segno 20 differenti giocatori (5 dei quali anche in Coppa Italia) grazie alle reti di Luca Marrone e di Andrea Barzagli su rigore.[33] Il gol incassato nella partita ferma inoltre il totale delle reti subite a 20, anch'esso un record per la Serie A nei gironi a 20 squadre.[33] La gara rappresenta anche l'ultima partita a Torino per lo storico capitano Alessandro Del Piero, che lascerà a fine stagione dopo 19 anni. Nell'occasione, Del Piero mette a segno il suo 290º gol con la maglia bianconera, venendo poi sostituito al 57', acclamato dai tifosi in lacrime.[34]

L'ultima gara stagionale è la finale di Coppa Italia contro il Napoli. La Juventus scende in campo con un distintivo speciale sulla maglia per celebrare l'ultima partita in assoluto in bianconero del suo capitano.[35] La partita, giocata all'Olimpico di Roma il 20 maggio 2012, termina 0-2 per i partenopei; questa sconfitta mette anche fine all'imbattibilità assoluta della squadra bianconera – escludendo l'1-2 contro il Milan nella semifinale di ritorno di Coppa Italia che si trasformò in un 2-2 dopo i tempi supplementari – che tra campionato e coppa termina dopo 43 partite utili consecutive (record nazionale).[36]

È questa l'ultima stagione in maglia bianconera di Alessandro Del Piero, che dopo diciannove anni lascia la Juventus.[37][38] Il numero 10 spesso si trova relegato in panchina in campionato,[16] giocando con continuità solo in Coppa. Il capitano trova comunque modo durante la stagione di timbrare la sua settecentesima partita con la maglia della Juventus, incrementando il record di presenze,[39] e di siglare gol all'Inter e alla Lazio.

Maglie e sponsor[modifica | modifica sorgente]

Per la stagione 2011-2012, la Juventus indossava come prima uniforme la classica maglia a strisce bianconere (disegnate però con un particolare effetto per la visione in 3D) e calzoncini e calzettoni bianchi, mentre la seconda si rifaceva alle prime divise della squadra torinese, presentando una maglia di colore rosa vivo con una grande stella bordata di nero, e calzoncini e calzettoni anch'essi neri; in occasione della semifinale di andata di Coppa Italia in casa del Milan, fu utilizzata per l'unica volta in stagione una terza divisa bianca con striscia tricolore al centro (già sfoggiata come seconda divisa nella stagione precedente). La divisa del portiere era completamente nera con due bordi laterali (verde a sinistra e rosso a destra) che richiamavano vagamente la bandiera italiana. Tutte le divise erano prodotte dalla Nike con la speciale tecnologia di riciclaggio del poliestere.[40]

Restavano immutati gli sponsor rispetto alla precedente stagione: Nike come sponsor tecnico, BetClic come sponsor ufficiale per la prima maglia e Balocco per la seconda e terza maglia.

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Prima divisa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Seconda divisa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1ª portiere
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2ª portiere
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
3ª portiere

Organigramma societario[modifica | modifica sorgente]

Area direttiva

  • Presidente: Andrea Agnelli
  • Presidenti onorari: Giampiero Boniperti e Franzo Grande Stevens
  • Amministratore delegato: Aldo Mazzia
  • Amministratori: Carlo Barel Di Sant'Albano, Michele Briamonte, Riccardo Montanaro, Pavel Nedvěd, Marzio Saà, Camillo Venesio, Khaled Fareg Zentuti
  • Direttore pianificazione, controllo e progetti speciali: Stefano Bertola
  • Direttore risorse umane: Alessandro Sorbone
  • Responsabile gestione e controllo investimenti immobiliari: Riccardo Abrate

Area organizzativa

  • Segretario sportivo: Francesco Gianello
  • Team manager: Matteo Fabris

Area comunicazione

  • Direttore comunicazione: Riccardo Abrate
  • Responsabile information technology: Claudio Leonardi
  • Addetti stampa senior: Marco Girotto
  • Addetti stampa ed editoria: Fabio Ellena e Gabriella Ravizzotti
  • Responsabile contenuti editoriali: Enrica Tarchi
  • Comunicazione corporate: Stefano Coscia

Area marketing

  • Direttore commerciale: Francesco Calvo
  • Responsabile marketing: Alessandro Sandiano

Area tecnica

Area sanitaria

  • Responsabile settore medico: dott. Bartolomeo Goitre
  • Medico sociale: dott. Luca Stefanini
  • Massofisioterapisti: Dario Garbiero, Alfonso Casano, Marco Luison, Emanuele Randelli e Gianluca Scolaro

Rosa[modifica | modifica sorgente]

Rosa aggiornata al 31 gennaio 2012.

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Gianluigi Buffon (vice-capitano)
2 Italia D Marco Motta[41]
3 Italia D Giorgio Chiellini
4 Uruguay D Martín Cáceres[42]
5 Italia C Michele Pazienza[41]
6 Italia D Fabio Grosso
7 Italia C Simone Pepe
8 Italia C Claudio Marchisio
9 Italia A Vincenzo Iaquinta[41]
10 Italia A Alessandro Del Piero (capitano)
11 Italia D Paolo De Ceglie
13 Austria P Alexander Manninger
14 Montenegro A Mirko Vučinić
15 Italia D Andrea Barzagli
17 Paesi Bassi C Eljero Elia
18 Italia A Fabio Quagliarella
N. Ruolo Giocatore 600px Nero e Bianco (Strisce).png
19 Italia D Leonardo Bonucci
20 Italia A Luca Toni[41]
20 Italia C Simone Padoin[42]
21 Italia C Andrea Pirlo
22 Cile C Arturo Vidal
23 Italia A Marco Borriello[42]
24 Italia C Emanuele Giaccherini
26 Svizzera D Stephan Lichtsteiner
27 Serbia C Miloš Krasić
28 Paraguay C Marcelo Estigarribia
30 Italia P Marco Storari
32 Italia A Alessandro Matri
33 Danimarca D Frederik Sørensen[41]
34 Italia C Luca Marrone
38 Italia A Amauri[41]

Calciomercato[modifica | modifica sorgente]

Sessione estiva (dal 1º/7 al 31/8)[modifica | modifica sorgente]

La Juventus si muove con gli acquisti, a parametro zero, di Andrea Pirlo dal Milan, di Reto Ziegler dalla neoretrocessa Sampdoria[43] e di Michele Pazienza dal Napoli.[44] Il 25 giugno 2011, all'apertura delle buste inerenti alle comproprietà, passano al club bianconero Sergio Bernardo Almirón dal Bari,[45] e Albin Ekdal dal Bologna,[46] mentre fanno ritorno, per fine prestito, Amauri dal Parma,[47] Luca Marrone dal Siena[48] e Cristian Pasquato dal Modena.[49] A titolo definitivo arrivano invece a Torino il terzino Stephan Lichtsteiner, ufficializzato il 1º luglio 2011, acquistato dalla Lazio per 10 milioni di euro pagabili in tre anni,[50] il centrocampista cileno Arturo Vidal, rilevato dal Bayer Leverkusen per 10,5 milioni di euro (più 2 di eventuali bonus) e viene ufficializzato il 1º agosto 2011 l'attaccante Mirko Vučinić: il montenegrino viene acquistato dalla Roma per 15 milioni di euro pagabili in tre anni.[51] A lasciare la città della Mole sono invece Alberto Aquilani,[52] Armand Traoré[53] e Leandro Rinaudo[54] per fine prestito (fanno ritorno, rispettivamente, al Liverpool, all'Arsenal e al Napoli); con il prestito parte inoltre Felipe Melo, passato al Galatasaray con formula onerosa a 1,5 milioni.[55] Tiago Mendes invece, rescinde il contratto;[56] sono invece ceduti a titolo definitivo Hasan Salihamidžić, accasatosi al Wolfsburg a parametro zero,[57] e Mohamed Sissoko, ceduto al Paris Saint-Germain per 7 milioni (più 1 di eventuale bonus).[58]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Carlo Pinsoglio Viareggio Viareggio fine prestito
D Stephan Lichtsteiner Lazio Lazio definitivo (10 milioni €)[59]
D Reto Ziegler svincolato[60]
C Gabriel Appelt Resende Resende definitivo (2 milioni €)[61]
C Sergio Bernardo Almirón Bari Bari risoluzione compartecipazione[62]
C Albin Ekdal Bologna Bologna risoluzione compartecipazione (1,31 milioni €)[61][62]
C Eljero Elia Amburgo Amburgo definitivo (9 milioni €) con bonus (1 milioni €)[63]
C Marcelo Estigarribia Dep. Maldonado Dep. Maldonado prestito (0,5 milioni €) con diritto di riscatto (5 milioni €)[64]
C Iago Falqué Villarreal B Villarreal B fine prestito
C Emanuele Giaccherini Cesena Cesena compartecipazione (3 milioni €)[65]
C Luca Marrone Siena Siena fine prestito
C Cristian Pasquato Modena Modena fine prestito
C Michele Pazienza svincolato[66]
C Andrea Pirlo svincolato[67]
C Arturo Vidal Bayer Leverkusen Bayer Leverkusen definitivo (10,5 mln €) con bonus (2 mln €)[68]
A Amauri Parma Parma fine prestito
A Ciro Immobile Grosseto Grosseto fine prestito
A Mirko Vučinić Roma Roma definitivo (15 mln €)[69]
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Mario Kirev Politehnica Timisoara Politehnica Timișoara prestito[70]
P Carlo Pinsoglio Pescara Pescara prestito
D Zdeněk Grygera svincolato[71]
D Leandro Rinaudo Napoli Napoli fine prestito
D Armand Traoré Arsenal Arsenal fine prestito
D Reto Ziegler Fenerbahçe Fenerbahçe prestito (0,6 mln €)[72]
C Sergio Bernardo Almirón Catania Catania definitivo (0,4 mln €)[73]
C Alberto Aquilani Liverpool Liverpool fine prestito
C Albin Ekdal Cagliari Cagliari compartecipazione (1,5 mln €)[74]
C Iago Falqué Tottenham Tottenham prestito (0 mln €) con diritto di riscatto (1 milione €)[61][75]
C Manuel Giandonato Lecce Lecce prestito (0 mln €)[76]
C Felipe Melo Galatasaray Galatasaray prestito (1,5 mln €) con diritto di riscatto (13 mln €)[77]
C Davide Lanzafame Palermo Palermo risoluzione compartecipazione (0 mln €)
C Jorge Andrés Martínez Cesena Cesena prestito (0 mln €)[78]
C Raffaele Palladino Parma Parma risoluzione compartecipazione (0 mln €)
C Cristian Pasquato Lecce Lecce prestito (0 mln €)[76]
C Hasan Salihamidžić svincolato
C Mohamed Sissoko Paris SG Paris SG definitivo (7 mln €) con bonus (1 mln €)[79]
C Tiago Mendes svincolato[80]
A Ciro Immobile Pescara Pescara prestito
A Michele Paolucci Siena Siena risoluzione compartecipazione (0 mln €)

Sessione invernale (dal 3/1 al 31/1)[modifica | modifica sorgente]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Carlo Pinsoglio Pescara Pescara fine prestito[81]
D Martín Cáceres Siviglia Siviglia prestito (1,5 milioni €) con obbligo di riscatto (8 milioni €) e penale (1,5 milioni €)[82]
C Ouasim Bouy Ajax Ajax definitivo (0,45 milioni €)[61]
C Simone Padoin Atalanta Atalanta definitivo (5 milioni €)[83]
C Cristian Pasquato Lecce Lecce fine prestito[84]
C Fausto Rossi Vicenza Vicenza risoluzione compartecipazione (1,7 milioni €)[61][81]
C Saphir Taïder Bologna Bologna compartecipazione (2,425 milioni €)[61][85]
A Marco Borriello Roma Roma prestito (0,5 milioni €) con diritto di riscatto (8 milioni €)[86]
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Carlo Pinsoglio Vicenza Vicenza compartecipazione (1,5 milioni €)[61][87]
D Marco Motta Catania Catania prestito[88]
D Frederik Sørensen Bologna Bologna compartecipazione (2,5 milioni €)[61][89]
C Cristian Pasquato Torino Torino prestito[90]
C Michele Pazienza Udinese Udinese prestito[91]
C Fausto Rossi Brescia Brescia prestito con diritto di riscatto e contro opzione[92]
C Saphir Taïder Bologna Bologna prestito (0 mln €)[81]
A Amauri Fiorentina Fiorentina definitivo (0,5 mln €)[93]
A Vincenzo Iaquinta Cesena Cesena prestito[94]
A Ciro Immobile Genoa Genoa compartecipazione (4 mln €)[95]
A Luca Toni Al-Nasr Al-Nasr definitivo[96]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Serie A[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Serie A 2011-2012.

Girone di andata[modifica | modifica sorgente]

Udine
21 dicembre 2011, ore 18:00 CET
1ª giornata[97]
Udinese Flag of Udinese Calcio.svg 0 – 0
(0 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Friuli (28 588 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Torino
11 settembre 2011, ore 12:30 CEST
2ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 4 – 1
(1 – 0)
referto
600px Bianco e Nero (Croce) e Blu e Giallo (Strisce).png Parma Juventus Stadium (35 920 spett.)
Arbitro Celi (Bari)

Siena
18 settembre 2011, ore 15:00 CEST
3ª giornata
Siena 600px Bianco e Nero (Strisce).png 0 – 1
(0 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena (15 265 spett.)
Arbitro Valeri (Roma)

Torino
21 settembre 2011, ore 20:45 CEST
4ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 1 – 1
(1 – 0)
referto
600px Rosso e Blu (Strisce) con croce Rosso e Giallo.png Bologna Juventus Stadium (35 679 spett.)
Arbitro Gava (Conegliano)

Catania
25 settembre 2011, ore 15:00 CEST
5ª giornata
Catania 600px Azzurro e Rosso (Strisce).png 1 – 1
(1 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Angelo Massimino (20 839 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Torino
2 ottobre 2011, ore 20:45 CEST
6ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 2 – 0
(0 – 0)
referto
600px Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).png Milan Juventus Stadium (37 281 spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Verona
16 ottobre 2011, ore 15:00 CEST
7ª giornata
Chievo 600px Giallo e Blu (Bordato).png 0 – 0
(0 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Marcantonio Bentegodi (22 000 spett.)
Arbitro De Marco (Chiavari)

Torino
22 ottobre 2011, ore 20:45 CEST
8ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 2 – 2
(1 – 1)
referto
600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png Genoa Juventus Stadium (35 618 spett.)
Arbitro Romeo (Verona)

Torino
25 ottobre 2011, ore 20:45 CEST
9ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 2 – 1
(1 – 0)
referto
600px Viola con giglio Rosso su sfondo Bianco.png Fiorentina Juventus Stadium (35 517 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Milano
29 ottobre 2011, ore 20:45 CEST
10ª giornata
Inter 600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png 1 – 2
(1 – 2)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Giuseppe Meazza (78 072 spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Napoli
29 novembre 2011, ore 20:45 CET
11ª giornata[98]
Napoli 600px Azzurro con N cerchiata.png 3 – 3
(2 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio San Paolo (57 402 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Torino
20 novembre 2011, ore 15:00 CET
12ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 3 – 0
(1 – 0)
referto
600px Rosa e Nero in diagonale con aquila.png Palermo Juventus Stadium (36 489 spett.)
Arbitro Bergonzi (Genova)

Roma
26 novembre 2011, ore 20:45 CET
13ª giornata
Lazio Bianco e Celeste con aquila.svg 0 – 1
(0 – 1)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Olimpico di Roma (57 148 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Torino
4 dicembre 2011, ore 15:00 CET
14ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 2 – 0
(0 – 0)
referto
Bianco e Nero.svg Cesena Juventus Stadium (38 217 spett.)
Arbitro Doveri (Roma)

Roma
12 dicembre 2011, ore 20:45 CET
15ª giornata
Roma Giallo oro e Rosso cremisi.svg 1 – 1
(1 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Olimpico di Roma (49 547 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Torino
18 dicembre 2011, ore 15:00 CET
16ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 2 – 0
(1 – 0)
referto
600px Azzurro con scudo Rosso crociato e stella Gialla.png Novara Juventus Stadium (38 318 spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Lecce
8 gennaio 2012, ore 15:00 CET
17ª giornata
Lecce 600px Giallo e Rosso (Strisce) con Bordo Blu Scuro.png 0 – 1
(0 – 1)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Via del Mare (23 298 spett.)
Arbitro Bergonzi (Genova)

Torino
15 gennaio 2012, ore 15:00 CET
18ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 1 – 1
(1 – 0)
referto
600px Rosso Blu coi 4 mori.png Cagliari Juventus Stadium (38 293 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Bergamo
21 gennaio 2012, ore 20:45 CET
19ª giornata
Atalanta 600px Azzurro e Nero (Strisce).png 0 – 2
(0 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Atleti Azzurri d'Italia (22 335 spett.)
Arbitro Celi (Bari)

Girone di ritorno[modifica | modifica sorgente]

Torino
28 gennaio 2012, ore 20:45 CET
20ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 2 – 1
(1 – 0)
referto
Flag of Udinese Calcio.svg Udinese Juventus Stadium (38 433 spett.)
Arbitro Valeri (Roma)

Parma
15 febbraio 2012, ore 18:30 CET
21ª giornata[99]
Parma 600px Bianco e Nero (Croce) e Blu e Giallo (Strisce).png 0 – 0
(0 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Ennio Tardini (17 200 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Torino
5 febbraio 2012, ore 15:00 CET
22ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 0 – 0
(0 – 0)
referto
600px Bianco e Nero (Strisce).png Siena Juventus Stadium (35 226 spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Bologna
7 marzo 2012, ore 18:30 CET
23ª giornata[100]
Bologna 600px Rosso e Blu (Strisce) con croce Rosso e Giallo.png 1 – 1
(1 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Renato Dall'Ara (30 321 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Torino
18 febbraio 2012, ore 20:45 CET
24ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 3 – 1
(1 – 1)
referto
600px Azzurro e Rosso (Strisce).png Catania Juventus Stadium (36 270 spett.)
Arbitro Brighi (Cesena)

Milano
25 febbraio 2012, ore 20:45 CET
25ª giornata
Milan 600px Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).png 1 – 1
(1 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Giuseppe Meazza (79 208 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Torino
3 marzo 2012, ore 20:45 CET
26ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 1 – 1
(1 – 0)
referto
600px Giallo e Blu (Bordato).png Chievo Juventus Stadium (38 361 spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Genova
11 marzo 2012, ore 15:00 CET
27ª giornata
Genoa 600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png 0 – 0
(0 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Luigi Ferraris (27 527 spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Firenze
17 marzo 2012, ore 20:45 CET
28ª giornata
Fiorentina 600px Viola con giglio Rosso su sfondo Bianco.png 0 – 5
(0 – 2)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Artemio Franchi (36 387 spett.)
Arbitro Bergonzi (Genova)

Torino
25 marzo 2012, ore 20:45 CET
29ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 2 – 0
(0 – 0)
referto
600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Inter Juventus Stadium (38 536 spett.)
Arbitro De Marco (Chiavari)

Torino
1º aprile 2012, ore 20:45 CEST
30ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 3 – 0
(0 – 0)
referto
600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli Juventus Stadium (38 644 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Palermo
7 aprile 2012, ore 18:30 CEST
31ª giornata
Palermo 600px Rosa e Nero in diagonale con aquila.png 0 – 2
(0 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Renzo Barbera (28 941 spett.)
Arbitro Brighi (Cesena)

Torino
11 aprile 2012, ore 20:45 CEST
32ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 2 – 1
(1 – 1)
referto
Bianco e Celeste con aquila.svg Lazio Juventus Stadium (38 346 spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Cesena
25 aprile 2012, ore 18:00 CEST
33ª giornata[101]
Cesena Bianco e Nero.svg 0 – 1
(0 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Dino Manuzzi (23 343 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Torino
22 aprile 2012, ore 20:45 CEST
34ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 4 – 0
(3 – 0)
referto
Giallo oro e Rosso cremisi.svg Roma Juventus Stadium (38 686 spett.)
Arbitro Bergonzi (Genova)

Novara
29 aprile 2012, ore 15:00 CEST
35ª giornata
Novara 600px Azzurro con scudo Rosso crociato e stella Gialla.png 0 – 4
(0 – 2)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Silvio Piola (17 649 spett.)
Arbitro Celi (Bari)

Torino
2 maggio 2012, ore 20:45 CEST
36ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 1 – 1
(1 – 0)
referto
600px Giallo e Rosso (Strisce) con Bordo Blu Scuro.png Lecce Juventus Stadium (38 573 spett.)
Arbitro Valeri (Roma 2)

Trieste
6 maggio 2012, ore 20:45 CEST
37ª giornata[102]
Cagliari 600px Rosso Blu coi 4 mori.png 0 – 2
(0 – 1)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Nereo Rocco (20 120 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Torino
13 maggio 2012, ore 15:00 CEST
38ª giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 3 – 1
(2 – 0)
referto
600px Azzurro e Nero (Strisce).png Atalanta Juventus Stadium (40 944 spett.)
Arbitro Gava (Conegliano)

Coppa Italia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Coppa Italia 2011-2012.
Torino
8 dicembre 2011, ore 21:00 CET
Ottavi di finale
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 2 – 1
(d.t.s.)
(0 – 0; 1 – 1; 2 – 1)
referto
Rosso e Blu (Strisce) con croce Rosso e Giallo.svg Bologna Juventus Stadium (23 078 spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Torino
24 gennaio 2012, ore 20:45 CET
Quarti di finale
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 3 – 0
(2 – 0)
referto
Giallo oro e Rosso cremisi.svg Roma Juventus Stadium (38 498 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Milano
8 febbraio 2012, ore 20:45 CET
Semifinali - Andata
Milan 600px Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).png 1 – 2
(0 – 0)
referto
600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Giuseppe Meazza (31 384 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Torino
20 marzo 2012, ore 20:45 CET
Semifinali - Ritorno
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 2 – 2
(d.t.s.)
(1 – 0; 1 – 2; 2 – 2)
referto
600px Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).png Milan Juventus Stadium (40 045 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Roma
20 maggio 2012, ore 21:00 CEST
Finale
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 0 – 2
(0 – 0)
referto
600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli Stadio Olimpico (60 000 spett.)
Arbitro Brighi (Cesena)

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Andamento in Serie A[modifica | modifica sorgente]

Classifica giornata per giornata.[103]

Juve11-12.svg

Statistiche di squadra[modifica | modifica sorgente]

Dati statistici aggiornati al 20 maggio 2012.[103]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale M.I.
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 84 19 13 6 0 40 12 19 10 9 0 28 8 38 23 15 0 68 20 +8
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 3 2 1 0 7 3 1 1 0 0 2 1 5 3 1 1 9 6 -
Totale 84 22 15 7 0 47 15 20 11 9 0 30 9 43 26 16 1 77 26 +8
Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo T C T C T C T C C T T C T C T C T C T C T C T C T C T T C C T C T C T C T C
Risultato N V V N N V N N V V N V V V N V V N V V N N N V N N N V V V V V V V V N V V
Posizione

Fonte: Serie A – Classifiche, Sky Sport.
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica sorgente]

Dati statistici aggiornati al 20 maggio 2012.[104] In corsivo i giocatori che hanno lasciato la società durante la stagione.

Giocatore Serie A Coppa Italia Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Amauri, Amauri 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Barzagli, A.A. Barzagli 35 1 3 0 4 0 1 0 39 1 4 0
Bonucci, L.L. Bonucci 32 2 8 1 5 0 1 0 37 2 9 1
Borriello, M.M. Borriello 13 2 1 0 4 0 2 0 17 2 3 0
Buffon, G.G. Buffon 35 -16 0 0 0 -0 0 0 35 -16 0 0
Caceres, M.M. Cáceres 11 1 0 0 3 2 0 0 14 3 0 0
Chiellini, G.G. Chiellini 34 2 7 0 3 0 0 0 37 2 7 0
De Ceglie, P.P. De Ceglie 21 1 3 1 2 0 0 0 23 1 3 1
Del Piero, A.A. Del Piero 23 3 0 0 5 2 0 0 28 5 0 0
Elia, E.E. Elia 4 0 0 0 1 0 0 0 5 0 0 0
Estigarribia, M.M. Estigarribia 14 1 0 0 4 0 0 0 18 1 0 0
Giaccherini, E.E. Giaccherini 23 1 3 0 4 2 0 0 27 3 3 0
Grosso, F.F. Grosso 2 0 0 0 0 0 0 0 2 0 0 0
Iaquinta, V.V. Iaquinta 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Krasić, M.M. Krasić 7 1 0 0 2 0 1 0 9 1 1 0
Lichtsteiner, S.S. Lichtsteiner 35 2 6 0 3 0 0 0 38 2 6 0
Manninger, A.A. Manninger 0 -0 0 0 0 -0 0 0 0 -0 0 0
Marchisio, C.C. Marchisio 36 9 7 0 3 1 1 0 39 10 8 0
Marrone, L.L. Marrone 3 1 0 0 3 0 0 0 6 1 0 0
Matri, A.A. Matri 31 10 4 0 1 0 0 0 32 10 4 0
Motta, M.M. Motta 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Padoin, S.S. Padoin 6 1 0 0 1 0 0 0 7 1 0 0
Pazienza, M.M. Pazienza 8 0 0 0 1 0 1 0 9 0 1 0
Pepe, S.S. Pepe 31 6 6 0 2 0 0 0 33 6 6 0
Pirlo, A.A. Pirlo 37 3 6 0 4 0 0 0 41 3 6 0
Quagliarella, F.F. Quagliarella 23 4 4 0 4 0 1 1 27 4 5 1
Sorensen, F.F. Sørensen 0 0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 0
Storari, M.M. Storari 3 -4 0 0 5 -6 2 0 8 -10 2 0
Toni, L.L. Toni 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Vidal, A.A. Vidal 33 7 12 1 2 0 1 0 35 7 13 1
Vučinić, M.M. Vučinić 32 9 3 1 3 1 1 0 35 10 4 1

Giovanili[modifica | modifica sorgente]

Organigramma societario[modifica | modifica sorgente]

Area direttiva

Juventus Soccer Schools

  • Responsabile: Marco Marchi

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Primavera[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Alberto Mauro, Ufficiale, Conte alla Juve. Il tecnico: "Ritorno a casa" in La Gazzetta dello Sport, 31 maggio 2011. URL consultato il 28 luglio 2011.
  2. ^ Antonino Caffo, A Torino lo stadio che cambia il calcio è un concentrato di tecnologia in La Stampa, 1º settembre 2011. URL consultato il 1º settembre 2011.
  3. ^ Calcio, Juve: giovedì cerimonia inaugurale del nuovo stadio in la Repubblica.it, 5 settembre 2011. URL consultato il 9 settembre 2011.
  4. ^ Bianconeri dal 1903 in Juventus.com, 14 agosto 2011. URL consultato il 14 agosto 2011.
  5. ^ Cerimonia d'inaugurazione, ecco dove vederla in Juventus.com, 5 settembre 2011. URL consultato il 5 settembre 2011.
  6. ^ Davide Chinellato, Juve, la notte dell'orgoglio, il nuovo stadio emoziona in Gazzetta.it, 8 settembre 2011. URL consultato il 9 settembre 2011.
  7. ^ Con il Notts termina 1-1, applausi per tutti in Juventus.com, 9 settembre 2011. URL consultato il 9 settembre 2011.
  8. ^ a b c Gianni Mura, Juve, la stagione perfetta di una squadra europea in repubblica.it, 7 maggio 2012. URL consultato il 9 maggio 2012.
  9. ^ a b Emanuele Gamba, Grinta e lavoro, fuoriclasse Conte in repubblica.it, 6 maggio 2012. URL consultato l'11 maggio 2012.
  10. ^ Paolo Menicucci, La Juve mette Pirlo sul piedistallo in it.uefa.com, 7 maggio 2012. URL consultato il 9 maggio 2012.
  11. ^ Alberto Mauro, Vidal come Deschamps, per lui Conte ha cambiato la Juve in gazzetta.it, 18 aprile 2012. URL consultato il 9 maggio 2012.
  12. ^ Adriano Seu, Il Cile incorona Vidal, Re Artù batte Sanchez in gazzetta.it, 9 maggio 2012. URL consultato il 9 maggio 2012.
  13. ^ (EN) Juventus return to the summit in fifa.com, 14 maggio 2012. URL consultato il 14 maggio 2012.
  14. ^ Riccardo Pratesi, Juve miglior difesa d'Europa. E con Prandelli si tinge d'azzurro in gazzetta.it, 4 aprile 2012. URL consultato l'11 maggio 2012.
  15. ^ Bonucci esalta la difesa: "Un reparto imperforabile" in tuttosport.com, 29 aprile 2012. URL consultato l'11 maggio 2012.
  16. ^ a b c Massimo Mauro, Conte e la società da 10. Del Piero merita la lode in repubblica.it, 6 maggio 2012. URL consultato l'11 maggio 2012.
  17. ^ Fu comunque la prima gara del campionato in ordine temporale a causa dello sciopero dei calciatori
  18. ^ Calcio: calendari; sarà Parma a inaugurare stadio Juventus in ANSA.it, 27 luglio 2011. URL consultato il 27 luglio 2011.
  19. ^ Roma-Juventus in 3D su Sky in legaseriea.it, 12 dicembre 2011. URL consultato il 12 dicembre 2011.
  20. ^ Gaetano De Stefano, Matri risponde a Nocerino, ma è bufera per il gol di Muntari in gazzetta.it, 25 febbraio 2012. URL consultato il 28 febbraio 2012.
  21. ^ Massimo De Luca, Adesso è fuga in circomassimo.corriere.it, 11 marzo 2012. URL consultato il 12 marzo 2012.
  22. ^ Gaetano De Stefano, Nocerino e Ibra: Lecce k.o., il Milan vola a +4 sulla Juve in gazzetta.it, 11 marzo 2011. URL consultato il 12 marzo 2012.
  23. ^ Riccardo Pratesi, La Juve sfrutta l'occasione, vince 2-0 a Palermo: è prima! in gazzetta.it, 7 aprile 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  24. ^ Gaetano De Stefano, Amauri fa un regalo alla Juve, il Milan crolla con la Fiorentina in gazzetta.it, 7 aprile 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  25. ^ Massimiliano Cristina, Super Del Piero, magia da scudetto, sportmediaset.mediaset.it, 11 aprile 2012. URL consultato il 23 aprile 2012.
  26. ^ Riccardo Pratesi, Uragano Vidal sulla Roma, la Juve sale a +3 sul Milan in gazzetta.it, 22 aprile 2012. URL consultato il 26 aprile 2012.
  27. ^ Gaetano De Stefano, Ibra stavolta non basta, Ramirez sgonfia il Milan in gazzetta.it, 22 aprile 2012. URL consultato il 26 aprile 2012.
  28. ^ Massimo De Luca, Otto volte Juve in circomassimo.corriere.it, 29 aprile 2012. URL consultato il 4 maggio 2012.
  29. ^ Juventus Campione d'Italia 2011-2012 in legaseriea.it, 6 maggio 2012. URL consultato l'8 maggio 2012.
  30. ^ Juve record, ma l'attacco delude sportmediaset.mediaset.it
  31. ^ Juve: bissato suo record imbattibilita' - Corriere della Sera
  32. ^ Riccardo Pratesi, Lanfredo Birelli, La Juve sogna la stagione perfetta Nel mirino i record di Inter e Milan, Gazzetta.it, 19 aprile 2012. URL consultato il 14 maggio 2012.
  33. ^ a b Giovanni Battista Olivero, Juve, altro record: lo firma Barzagli, 14 maggio 2012. URL consultato il 13 gennaio 2014.
  34. ^ Del Piero ultima Juve, questa è la mia gente, Ansa.it, 13 maggio 2012. URL consultato il 14 maggio 2012.
  35. ^ Sulla maglia della Juve un omaggio ad Alex Del Piero in tuttosport.com, 19 maggio 2012. URL consultato il 19 maggio 2012.
  36. ^ Paolo Menicucci, Riepilogo stagione: Italia in Union des Associations Européennes de Football, 21 maggio 2012. URL consultato il 24 maggio 2012.
  37. ^ Del Piero: "Addio Juve? È andare via da casa" in corrieredellosport.it, 17 aprile 2012. URL consultato il 9 maggio 2012.
  38. ^ Massimiliano Nerozzi, Del Piero e l'amarezza di un addio: "Sorpreso dall'annuncio di Agnelli" in lastampa.it, 18 aprile 2012. URL consultato il 9 maggio 2012.
  39. ^ Riccardo Pratesi, Lanfredo Birelli, Del Piero, 700 in bianconero. La storia di chi ha fatto la storia in gazzetta.it, 11 aprile 2012. URL consultato il 9 maggio 2012.
  40. ^ La collezione bianconera 2011/12 in www.juventus.it, 6 luglio 2011.
  41. ^ a b c d e f Ceduto durante la sessione invernale del calciomercato.
  42. ^ a b c Acquistato durante la sessione invernale del calciomercato.
  43. ^ Ufficiale: Reto Ziegler è della Juve
  44. ^ Ufficiale: Pazienza è della Juve, contratto triennale
  45. ^ Almiron torna alla Juve e Barreto all'Udinese
  46. ^ Juve, è ufficiale: Ekdal passa al Bologna
  47. ^ Ag. Amauri: "Torna alla Juve ma..."
  48. ^ Juve, Marrone non tornerà al Siena
  49. ^ Pasquato: 'Voglio restare alla Juve'
  50. ^ UFFICIALE: LICHTSTEINER ALLA JUVENTUS
  51. ^ Vucinic ha firmato Giornata da juventino
  52. ^ Aquilani torna a Liverpool "Juve, non ho rimpianti"
  53. ^ Juve, per Traorè probabile ritorno all'Arsenal
  54. ^ Rinaudo torna al Napoli
  55. ^ UFFICIALE: FELIPE MELO AL GALATASARAY
  56. ^ Thiago all'Atletico
  57. ^ Salihamidzic al Wolfsburg: «Qui c'è un grande progetto»
  58. ^ Sissoko-PSG, accordo raggiunto?
  59. ^ Accordo con la S.S. Lazio per l'acquisto a titolo definitivo del calciatore Stephan Lichtsteiner
  60. ^ Ziegler è bianconero
  61. ^ a b c d e f g h relazione finanziaria annuale 30.06.2012, juventus.com. URL consultato il 9 giugno 2013.
  62. ^ a b Apertura buste comproprietà
  63. ^ Accordo con l'Hamburger SV per l'acquisto del calciatore Eljero Elia, juventus.com, 31 agosto 2011. URL consultato il 31 agosto 2011.
  64. ^ Accordo con la società Deportivo Maldonando per l'acquisto a titolo temporaneo del calciatore Marcelo Estigarribia, juventus.com, 29 agosto 2011. URL consultato il 29 agosto 2011.
  65. ^ ACCORDO CON LA SOCIETÀ A.C. CESENA RELATIVO AL CALCIATORE EMANUELE GIACCHERINI, Juventus Football Club.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 25 agosto 2011.
  66. ^ Contratto triennale per Pazienza, juventus.com
  67. ^ Andrea Pirlo è bianconero, juventus.com, 24 maggio 2011. URL consultato il 24 maggio 2011.
  68. ^ ACCORDO CON IL BAYER 04 LEVERKUSEN PER L'ACQUISTO DEL CALCIATORE ARTURO VIDAL, Juventus Football Club.com, 22 luglio 2011. URL consultato il 23 luglio 2011.
  69. ^ Accordo con l'A.S. Roma per l'acquisto del calciatore Mirko Vucinic, Juventus Football Club.com. URL consultato il 23 luglio 2011.
  70. ^ Kirev in prestito al Timisoara, juventus.com, 5 settembre 2011. URL consultato il 5 settembre 2011.
  71. ^ Risoluzione consensuale con il calciatore Zdenek Grygera, juventus.com, 30 agosto 2011. URL consultato il 30 agosto 2011.
  72. ^ Ziegler al Fenerbahçe, juventus.com, 3 settembre 2011. URL consultato il 3 settembre 2011.
  73. ^ Accordo con la società Calcio Catania per la cessione definitiva del calciatore Sergio Bernardo Almiron, juventus.com, 27 agosto 2011. URL consultato il 27 agosto 2011.
  74. ^ Accordo con la società Cagliari Calcio relativo al calciatore Albin Ekdal, Juventus Football Club.com, 23 agosto 2011. URL consultato il 23 agosto 2011.
  75. ^ Yago in prestito al Tottenham, juventus.com. URL consultato il 26 agosto 2011.
  76. ^ a b Giandonato e Pasquato al Lecce, juventus.com, 31 agosto 2011. URL consultato il 31 agosto 2011.
  77. ^ Accordo con il Galatasaray per la cessione temporanea del calciatore Felipe Melo Juventus.com
  78. ^ Martinez in prestito al Cesena, juventus.com. URL consultato il 29 agosto 2011.
  79. ^ Accordo con il Paris Saint-German per la cessione del calciatore Mohamed Sissoko, juventus.com. URL consultato il 28 luglio 2011.
  80. ^ Risoluzione consensuale con il calciatore Tiago Cardoso Mendes Juventus.com
  81. ^ a b c Calciomercato, legaseriea.it. URL consultato il 17 gennaio 2012.
  82. ^ (EN) Accordo con la società Sevilla Futbol Club per l'acquisizione del calciatore Martin Caceres, juventus.com, 27 gennaio 2012. URL consultato il 27 gennaio 2012.
  83. ^ Accordo con l'Atalanta per l'acquisto del calciatore Simone Padoin, juventus.com, 31 gennaio 2012. URL consultato il 31 gennaio 2012.
  84. ^ Risolto il contratto con Pasquato, uslecce.it, 28 gennaio 2012. URL consultato il 28 gennaio 2012.
  85. ^ Sorensen al Bologna, juventus.com. URL consultato il 17 gennaio 2012.
  86. ^ Accordo con l'A.S. Roma per l'acquisto a titolo temporaneo del calciatore Marco Borriello, juventus.com, 3 dicembre 2011. URL consultato il 3 dicembre 2011.
  87. ^ Carlo Pinsoglio in biancorosso, vicenzacalcio.com. URL consultato il 17 gennaio 2012.
  88. ^ Marco Motta al Catania, calciocatania.it, 30 gennaio 2012. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  89. ^ Sørensen al Bologna, juventus.com. URL consultato il 17 gennaio 2012.
  90. ^ CRISTIAN PASQUATO AL TORO, torinofc.it, 29 gennaio 2012. URL consultato il 29 gennaio 2012.
  91. ^ Pazienza in prestito all'Udinese, juventus.com. URL consultato il 31 gennaio 2012.
  92. ^ Fausto Rossi in prestito al Brescia, juventus.com. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  93. ^ Accordo con la ACF Fiorentina per la cessione definitiva del calciatore Carvalho De Oliveira Amauri, juventus.com. URL consultato il 24 gennaio 2012.
  94. ^ Iaquinta in prestito al Cesena, juventus.com. URL consultato il 31 gennaio 2012.
  95. ^ Accordo con la società Genoa C.F.C. relativo al calciatore Ciro Immobile, juventus.com, 30 gennaio 2012. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  96. ^ juventus.com, Toni all’Al Nasr, 30 gennaio 2012. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  97. ^ Partita inizialmente prevista per il 28 agosto 2011 e successivamente rinviata a causa dello sciopero dei calciatori proclamato dall'AIC per la mancata sottoscrizione dell'Accordo Collettivo:
  98. ^ Partita inizialmente prevista per il 6 novembre 2011 e successivamente rinviata per maltempo:
  99. ^ Partita inizialmente prevista per il 31 gennaio 2012 e successivamente rinviata per neve:
  100. ^ Partita inizialmente prevista per il 12 febbraio 2012 e successivamente rinviata per neve:
  101. ^ Partita inizialmente prevista per il 15 aprile 2012 e successivamente rinviata a causa della morte del calciatore del Livorno Piermario Morosini:
  102. ^ La seguente partita è stata giocata allo Stadio Nereo Rocco di Trieste a causa del perdurare dell'inagibilità dello Stadio Sant'Elia di Cagliari:
  103. ^ a b Panini, op. cit., 18
  104. ^ Panini, op. cit., 22
  105. ^ Sconfitta nei quarti dal Milan per 2-0.
  106. ^ Sconfitta dalla Roma in finale con il risultato complessivo di 2-1.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Redazione Sport Panini (a cura di), Almanacco statistico del calcio 2011-12, Modena, Panini, settembre 2012. ISBN 978-88-6304-387-7.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]