Miloš Krasić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati.
bussola Disambiguazione – "Krasic" rimanda qui. Se stai cercando l'omonimo cestista, vedi Bariša Krasić.
Miloš Krasić
MilosKrasic.jpg
Krasić nel 2009 con la Nazionale serba
Dati biografici
Nazionalità Jugoslavia Jugoslavia
Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro (2003-2006)
Serbia Serbia (dal 2006)
Altezza 185 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Bastia Bastia
Carriera
Giovanili
1998-1999
1999-2000
Rudar Kosovska Mitrovica Rudar Kosovska Mitrovica
Vojvodina Vojvodina
Squadre di club1
2000-2004 Vojvodina Vojvodina 77 (7)
2004-2010 CSKA Mosca CSKA Mosca 150 (26)
2010-2012 Juventus Juventus 40 (8)
2012-2013 Fenerbahçe Fenerbahçe 13 (0)
2013- Bastia Bastia 17 (3)
Nazionale
2004-2007[1]
2006-
Serbia Serbia U-21
Serbia Serbia
5 (0)
46 (3)
Palmarès
 Europei di calcio Under-21
Argento Germania 2004
Bronzo Portogallo 2006
Argento Olanda 2007
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 25 settembre 2013

Miloš Krasić (in serbo Милош Красић[?]; Kosovska Mitrovica, 1º novembre 1984) è un calciatore serbo, ala del Bastia, in prestito dal Fenerbahçe, e della Nazionale serba.

Caratteristiche tecniche

È un'ala dotata di una grande facilità di corsa, di una buona abilità tecnica e di precisione nel crossare. Preferisce essere schierato sulla fascia destra dove, grazie alla sua rapidità, riesce a saltare l'avversario per poi crossare o addentrarsi nell'area di rigore avversaria e rendersi di conseguenza pericoloso.[2]

Una volta arrivato in Italia, alla Juventus, è stato più volte paragonato al ceco Pavel Nedvěd, per la grande facilità di corsa.[3]

Carriera

Club

Gli inizi

Cresce nel settore giovanile della squadra della sua città, il Rudar Kosovska Mitrovica. Nel 1999, a 14 anni, si trasferisce al Fudbalski klub Vojvodina, con cui rimane fino al 2004, diventandone il capitano.[4] Con la maglia del Vojvodina Novi Sad ha totalizzato in tutto 77 presenze e 7 gol (tutti in campionato).

CSKA Mosca

Krasić nel 2008 con la maglia del CSKA Mosca.

Nel gennaio del 2004 si trasferisce in Russia, al CSKA Mosca, con cui vince due Campionati russi (2005 e 2006), altrettante Coppe di Russia (2005 e 2006), tre Supercoppe di Russia (2004, 2006, 2007), e il primo trofeo internazionale nella storia del club: la Coppa UEFA 2004-2005.

In 7 stagioni con la maglia del CSKA Mosca ha totalizzato 150 presenze e 26 gol in campionato, 51 presenze e 5 gol fra Champions League e Coppa UEFA, 23 presenze e 2 gol nella Coppa di Russia e 5 presenze nella Supercoppa di Russia per un totale di 229 presenze e 33 gol. Il 29 dicembre 2009 è stato anche eletto miglior calciatore serbo dell'anno, dopo aver segnato nello stesso anno 13 gol.[5]

Juventus

Il 21 agosto 2010 viene ufficializzato il suo trasferimento in Italia, alla Juventus, per 15 milioni di euro pagabili in tre rate da 5 milioni l'una; con la squadra bianconera firma un contratto quadriennale.[6] Inizialmente esprime il desiderio di indossare la maglia numero 17 (che indossava al CSKA Moska), ma data l'impossibilità di avere il numero, poiché allora ancora "occupato" da David Trezeguet, decide di vestire la maglia numero 27 lasciata vacante da Michele Paolucci.[7] Il debutto nel campionato arriva il 29 agosto seguente nella trasferta persa contro il Bari (1-0), alla 1ª giornata. È decisivo il 12 settembre, alla 2ª giornata, nella partita pareggiata in casa contro la Sampdoria (3-3), nella quale fornisce l'assist per il gol di Claudio Marchisio; si ripete anche sette giorni dopo nella trasferta vinta contro l'Udinese (0-4), mandando in rete prima Fabio Quagliarella e poi Claudio Marchisio.

Il 26 settembre, alla 5ª giornata, realizza una tripletta nella partita casalinga vinta contro il Cagliari (4-2), trovando così i primi gol in bianconero.[8] Meno di un mese dopo, il 21 ottobre, entra in campo nel secondo tempo durante la trasferta di Europa League contro il Salisburgo (1-1) segnando, su assist di Paolo De Ceglie, il primo gol nelle coppe europee con la maglia bianconera.[9] Tre giorni dopo, nella trasferta pareggiata contro il Bologna (0-0), dell'8ª giornata, si procura un rigore (che verrà sbagliato da Vincenzo Iaquinta). Il giudice sportivo ritiene che si tratti di simulazione e lo squalifica per due giornate per condotta antisportiva; la società torinese reputa la sanzione troppo severa e presenta ricorso, che risulta poi vano.[10][11][12] Il 4 novembre, nella partita casalinga di Europa League pareggiata contro il Salisburgo (0-0),[13] si procura uno stiramento al muscolo adduttore lungo della coscia sinistra, che lo costringerà a restare fuori per alcuni giorni.[14]

Ritorna in campo a diciassette giorni dall'infortunio, nella 13ª giornata, realizzando il gol del 2-0 nella vittoria in trasferta sul Genoa (0-2) del 21 novembre. Il 12 dicembre segna durante i minuti di recupero del secondo tempo, il gol della vittoria contro la Lazio su assist di Mohamed Sissoko, sancendo così il risultato finale di 2-1.[15] Il 13 gennaio 2011 segna nella partita di Coppa Italia contro il Catania,[16] e dopo di questa partita torna al gol a circa tre mesi di distanza, precisamente il 22 marzo 2011, nella gara interna vinta contro il Brescia (2-1), della 30ª giornata, segnando il gol del provvisorio 1-0 su assist di Alessandro Matri. Conclude la sua prima stagione in bianconero con 33 presenze e 7 gol in campionato, 2 presenze e un gol in Coppa Italia e 6 presenze e un gol in Europa League per un totale di 41 presenze e 9 gol.

La stagione successiva non riesce a imporsi come titolare poiché il nuovo tecnico, Antonio Conte, cambia modulo, passando dal 4-4-2 al 4-3-3, e gli preferisce altri giocatori. Trova il primo (e unico) gol in occasione di Catania-Juventus (1-1), complice un errore del portiere Andújar.[17] Il 6 maggio 2012 conquista lo scudetto con la maglia bianconera - il primo in carriera - con una giornata d'anticipo.[18][19][20]

Fenerbahçe

Krasić in azione nel 2013 al Fenerbahçe

Il 2 agosto 2012, il Fenerbahçe comunica di aver acquistato il giocatore per 7 milioni di euro con un contratto quadriennale da 2,3 milioni a stagione più 12500 euro come bonus-partita[21]. Arrivato in Turchia, il serbo non riesce a rendere quanto sperato, complice un infortunio procuratosi nel match di ritorno contro lo Spartak Mosca, valido per i preliminari di Champions League. Tornato dall'infortunio non riesce a imporsi nuovamente tra i titolari a causa di una forma fisica non al meglio e di varie incomprensioni con l'allenatore Aykut Kocaman.[senza fonte] Durante la stagione colleziona 21 presenze, una rete (in Türkiye Kupası contro il Göztepe su assist di Sezer Öztürk) e due assist.

Bastia

Il 30 agosto 2013 passa in prestito ai francesi del Bastia.[22]. Segna la sua prima rete contro il Lorient.

Nazionale

Ha partecipato, nel 2004, ai Campionati Europei Under-21, con la Nazionale di calcio della Serbia e Montenegro Under-21, arrivando in finale, ma perdendo contro l'Italia. Ha fatto parte all'edizione del 2006, dove giunge fino alle semifinali della competizione. Ha partecipato anche ai Campionati europei Under-21 del 2007 con la Nazionale serba Under-21, con cui ha raggiunto la finale, persa contro l'Paesi Bassi. Ha fatto parte della spedizione serbo-montenegrina all'Olimpiade di Atene 2004. Nel corso delle qualificazioni agli Europei del 2008, ha fatto il debutto con la nazionale maggiore. Viene anche convocato per i Mondiali del 2010 in Sudafrica dove scende in campo in tutte e tre le partite, ma la sua nazionale viene eliminata al primo turno.

Statistiche

Presenze e reti nei club

Statistiche aggiornate al 22 maggio 2013.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2000-2001 Serbia Vojvodina SS 1 0 CJ  ?  ? - - - - - - 1+ 0+
2001-2002 SS 26 2 CSM  ?  ? - - - - - - 26+ 2+
2002-2003 SS 23 1 CSM  ?  ? - - - - - - 23+ 1+
2003-2004 SS 27 4 CSM  ?  ? - - - - - - 27+ 4+
Totale Vojvodina 77 7  ?  ? - - - - 77+ 7+
2004 Russia CSKA Mosca PL 7 0 CR 1 0 UCL 4 0 SR - - 12 0
2005 PL 27 2 CR 8 1 CU+CU 9+5 0 SU 1 0 50 3
2006 PL 26 3 CR 6 0 UCL 8 0 SR 1 0 41 3
2007 PL 22 4 CR 3 0 CU+UCL 2+4 0+1 SR 1 0 32 5
2008 PL 28 6 CR 2 1 CU 6 0 - - - 36 7
2009 PL 26 9 CR 3 0 CU+UCL 4+6 0+4 SR 1 0 40 13
2010 PL 14 2 CR - - UCL 3 0 SR 1 0 18 2
Totale CSKA Mosca 150 26 23 2 51 5 5 0 229 33
2010-2011 Italia Juventus A 33 7 CI 2 1 UEL 6 1 - - - 41 9
2011-2012 A 7 1 CI 2 0 - - - - - - 9 1
Totale Juventus 40 8 4 1 6 1 - - 50 10
2012-2013 Turchia Fenerbahçe SL 13 0 CT 6 1 UCL[23]+UEL 2+5 0 ST 1 0 27 1
2013-2014 Francia Bastia L1 17 3 CdL+CdF 3+0 0 - - - - - - 20 3
Totale carriera 297 44 33+ 4+ 64 6 6 0 403+ 54+

Cronologia presenze e reti in Nazionale

Palmarès

Club

Competizioni nazionali

CSKA Mosca: 2005, 2006
CSKA Mosca: 2004-2005, 2005-2006, 2007-2008, 2008-2009
CSKA Mosca: 2004, 2006, 2007, 2009
Juventus: 2011-2012
Fenerbahçe: 2012-2013

Competizioni internazionali

CSKA Mosca: 2004-2005

Individuale

2009

Note

  1. ^ Serbia [U21] - Kader U21 EURO 2004 Germania in Worldfootball.net.
  2. ^ Guido Vaciago, Juve, hai visto? Krasic è perfetto per il 4-4-2 ma si adatta a tutti i moduli in Tuttosport.com, 19 giugno 2010.
  3. ^ Gianni Balzarini, Krasic già meglio di Nedved in sportmediaset.mediaset.it, 27 settembre 2010.
  4. ^ Krasic, tecnica e velocità alla corte di Delneri in Juventus.com, 21 agosto 2010.
  5. ^ Alessio Tuveri, Krasic giocatore serbo dell’anno in Calcionews24.com, 29 dicembre 2009.
  6. ^ Juventus, raggiunto accordo per il calciatore Milos Krasic per 15 mln in it.finance.yahoo.com, 23 agosto 2010.
  7. ^ Alberto Mauro, Krasic accende la Juve "Sono qui per vincere" in Gazzetta.it, 21 agosto 2010.
  8. ^ Krasic trascina la Juve. Una tripletta affonda il Cagliari in La Gazzetta dello Sport, 26 settembre 2010.
  9. ^ Riccardo Pratesi, Juve, che brividi in coppa: Krasic rimedia: 1-1 in Austria in La Gazzetta dello Sport, 21 ottobre 2010.
  10. ^ Guido Vaciago, Krasic, una simulazione tutta da smontare in Tuttosport.com, 27 ottobre 2010.
  11. ^ Milos Krasic: 2 turni di squalifica in sportmediaset.mediaset.it, 26 ottobre 2010.
  12. ^ Due giornate a Krasic. Marotta: "Decisione iniqua" in La Gazzetta dello Sport, 26 ottobre 2010.
  13. ^ Juve-Salisburgo finisce 0-0, Krasic e Legrottaglie ko in Tuttosport.com, 4 novembre 2010.
  14. ^ Genoa-Juve alle 12.30. Dubbio Krasic: subito titolare? in Tuttosport.com, 21 novembre 2010.
  15. ^ Juventus 2 - 1 Lazio in Legaseriea.it. URL consultato il 1º agosto 2011.
  16. ^ Riccardo Pratesi, C'è il raddoppio di Pepe in La Gazzetta dello Sport, 13 gennaio 2011.
  17. ^ Catania-Juventus 1-1: Al Massimino pioggia e svarioni, Krasic salva la Juve, http://www.goal.com, 25 settembre 2011. URL consultato il 15 maggio 2012.
  18. ^ Juve Campione d'Italia, 2-0 al Cagliari. Milan ko, tuttosport.com, 6 maggio 2012. URL consultato il 7 maggio 2012.
  19. ^ Vucinic e autogol, delirio Juve Per i bianconeri è il 28° scudetto, La Gazzetta dello Sport, 6 maggio 2012. URL consultato il 7 maggio 2012.
  20. ^ LA JUVENTUS È CAMPIONE D'ITALIALA JUVENTUS È CAMPIONE D'ITALIA, sportmediaset.it, 6 maggio 2012. URL consultato il 7 maggio 2012.
  21. ^ Fenerbahçe sign Juventus winger Milos Krasic for €7 million, turkish-football.com, 2 agosto 2012. URL consultato il 15 luglio 2013.
  22. ^ (FR) Miloš Krasić signe au Sporting !, sc-bastia.net, 30 agosto 2013.
  23. ^ 2 presenze nei turni preliminari.

Altri progetti

Collegamenti esterni