Città del Capo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Città del Capo
città
Kaapstad / Cape Town
Città del Capo – Stemma
Città del Capo – Veduta
Localizzazione
Stato Sudafrica Sudafrica
Provincia Capo Occidentale
Distretto Città del Capo
Municipalità locale Non presente
Amministrazione
Sindaco Dan Plato
Territorio
Coordinate 33°55′35.04″S 18°25′21.72″E / 33.9264°S 18.4227°E-33.9264; 18.4227 (Città del Capo)Coordinate: 33°55′35.04″S 18°25′21.72″E / 33.9264°S 18.4227°E-33.9264; 18.4227 (Città del Capo)
Superficie 2 454,72 km²
Abitanti 3 497 097 (2007)
Densità 1 424,64 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 8000
Prefisso +27 (0)21
Fuso orario UTC+2
Nome abitanti capetoniani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Sudafrica
Città del Capo
Città del Capo – Mappa
Sito istituzionale

Città del Capo (in afr. Kaapstad, in xh. iKapa, in ingl. Cape Town, 3.497.097 ab. nel 2007) è la capitale legislativa del Sudafrica[1] e la terza città più popolosa del Paese. Amministrativamente facente parte della Provincia del Capo Occidentale, della quale è capoluogo, si trova all'estremità settentrionale della Penisola del Capo. I suoi abitanti si chiamano capetoniani, da Cape Town.

Il centro della città, detto City Bowl ("conca cittadina") si trova in una depressione in mezzo a numerosi rilievi, tra cui il più noto è il caratteristico Tafelberg (Table Mountain, "Montagna-tavolo"), che con la sua sommità pianeggiante sovrasta la città. La cima della montagna è spesso coperta da una nube, che, per analogia, viene chiamata "la tovaglia" (table cloth). Oltre al Tafelberg, il territorio cittadino include altre cime: Lion's Head ("testa di leone"), Devil's Peak ("picco del diavolo"), Twelve Apostles ("dodici apostoli") e Signal Hill ("collina del segnale"). La City Bowl si affaccia sull'Oceano Atlantico a nord-est, e precisamente sulla Table Bay, in cui si trova l'isola di Robben Island.

Storicamente, Città del Capo fu il primo insediamento europeo del Sudafrica; tutta la storia del Sudafrica moderno, dallo storico sbarco dei primi coloni olandesi al primo discorso di Nelson Mandela dell'era post-apartheid, ha lasciato qui tracce culturali e architettoniche. Gli antichi edifici in stile Cape Dutch coesistono con moderni grattacieli e lussureggianti giardini botanici.

Città del Capo è dotata di un aeroporto internazionale e può considerarsi la capitale del turismo del Sudafrica. I numerosi visitatori sono attratti sia dalla città in sé che dalle bellezze naturalistiche della Penisola del Capo; molti tour del Paese partono da qui, imboccando poi le celebri strade come la Mountain Route, la Wine Route o la Garden Route, dirigendosi verso il Karoo, il distretto di Cape Winelands o la costa meridionale.

Come in tutta la provincia di Western Cape, il clima è mite e mediterraneo; il vento di mare detto Cape Doctor ("Dottore del Capo", perché contribuisce al clima salubre della città), pulisce ogni giorno l'aria, soffiando non di rado a velocità prossime ai 95 km/h.

Città del Capo e il Capo di Buona Speranza in una rappresentazione

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia del Capo di Buona Speranza.

Città del Capo fu il luogo del primo insediamento europeo in Sudafrica; Kaapstad fu infatti fondata alla fine del XVII secolo dalla Compagnia Olandese delle Indie Orientali come punto di scalo e rifornimento per le sue imbarcazioni dirette verso l'Asia. A partire da questo singolo insediamento si andò formando la Colonia del Capo, che comprendeva sotto il dominio olandese tutta la Penisola del Capo e una parte di entroterra. La Colonia del Capo fu in seguito invasa dagli inglesi, che procedettero a espanderne i confini verso nord e verso est. Verso la fine del XIX secolo, Città del Capo era capitale di un territorio estremamente vasto, che si spingeva fino ai fiumi Fish River e Orange.

La Colonia del Capo cessò di esistere nel 1910 con la formazione dell'Unione Sudafricana, dominion del Commonwealth, il cui territorio corrispondeva sostanzialmente a quello del moderno Sudafrica. L'Unione Sudafricana è ricordata, tra l'altro, per il regime della segregazione razziale, che a Città del Capo ha una storia più antica che in altre zone del Paese: già nel 1901, precedendo di oltre 40 anni l'inizio ufficiale dell'apartheid, le autorità del Capo confinarono la popolazione nera in quelle che oggi sono le township di Cape Flats per combattere un'epidemia di peste bubbonica. La stessa Città del Capo fu però anche teatro del primo discorso pubblico di Nelson Mandela dopo la scarcerazione, l'11 febbraio 1990.

La Città del Capo moderna sta ancora cercando di migliorare le condizioni di vita della cittadinanza. I prezzi delle proprietà sono aumentati e il centro città sta diventando più sicuro, con lo sviluppo di appartamenti tipo loft in grandi e antiche strutture come l'Old Mutual Building e il Board of Executors. La piena integrazione della popolazione mista di Città del Capo, comunque, rimane ancora lontana. L'African National Congress (ANC) e il New National Party (NNP) lavorano assieme nel consiglio cittadino, che è guidato dal Sindaco di Città del Capo Helene Zille, una donna bianca. Intanto la vasta maggioranza degli abitanti che vivono nei Cape Flats è ancora divisa lungo linee razziali e soffre di importanti problemi economici, sociali e sanitari. Città del Capo sta affrontando in queste aree grandi problemi come l'AIDS e i crimini violenti legati alla droga.

Governo[modifica | modifica wikitesto]

Città del Capo è governata da un consiglio cittadino di 200 membri, che risponde ad un consiglio esecutivo di 28 membri. Questo a sua volta è presieduto da un city manager e da un sindaco esecutivo. L'attuale sindaco è Patricia de Lille.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

La City Bowl vista dal Tafelberg

Secondo il censimento del 2001 2.893.251 persone e 759.767 famiglie risiedono nella città. La densità di popolazione è 1.158/km². La densità di famiglie è 304/km². La composizione razziale della città è di 31,68% neri, 48,13% cape coloured (meticci), 1,43% indiani/asiatici e 18.75% bianchi. Il 16,0% di tutte le famiglie è composto da single. La media della dimensione delle famiglie è 3,81.

In città la popolazione è distribuita con il 26,6% sotto l'età di 15 anni, il 20,0% dai 15 ai 24 anni, il 33,4% dai 25 ai 44 anni, il 15,0% dai 45 ai 64 anni e il 5,0% oltre i 65 anni. L'età media è di 26 anni. Ogni 100 femmine ci sono 92,4 maschi. Ogni 100 femmine maggiorenni ci sono 89,3 maschi.

In città il 41,4% dei residenti in casa parla Afrikaans, il 27,9% parla inglese, lo 0,0% parla Ndebele, il 28,7% parla xhosa, lo 0,3% parla zulu, lo 0,0% parla Sepedi, lo 0,7% sesotho, lo 0,1% setswana, lo 0,0% swati, lo 0,0% Tshivenda e lo 0,0% Xitsonga. Lo 0,7% della popolazione a casa parla una lingua non ufficiale.

Il 76,6% dei residenti è cristiano, il 10,7% è ateo, il 9,7% è islamico, lo 0,5% è ebreo e lo 0,2% è induista. Il 2,3% ha altri o indeterminati credi.

Il 4,2% dei residenti dai vent'anni in su non ha ricevuto alcun tipo di istruzione, l'11,8% ne ha avuta una parziale e di base primary school senza però portarla a compimento; il 7,1% ha completato solo gli studi elementari primary school, il 38,9% ha iniziato gli studi secondari high school e il 25,4% li ha terminati; il 12,6% ha proseguito gli studi dopo l'istruzione secondaria. Il 38,0% dei residenti ha terminato gli studi secondari.

Il 68,6% delle unità abitative ha un telefono e/o un telefono cellulare nell'abitazione stessa, il 29,5% ha accesso ad un telefono nelle vicinanze e l'1,9% non ha un accesso nelle vicinanze o non ha affatto accesso ad un telefono. L'87,4% delle famiglie ha un impianto fognario o un bagno chimico. Al0 94,4% i rifiuti vengono rimossi dalla municipalità almeno una volta a settimana e l'1,4% non ha un servizio di smaltimento del pattume. Il 69,3% ha l'acqua corrente all'interno dell'abitazione, l'84,4% ha l'acqua corrente all'interno della proprietà, e il 98,7% ha accesso all'acqua corrente. L'80,1% delle famiglie usa l'elettricità per cucinare, il 75,0% per il riscaldamento, e l'88,8% per l'illuminazione. L'80,7% delle famiglie ha una radio, il 77,0% ha una televisione, il 21,3% possiede un computer, il 76,4% ha un frigorifero, e il 45.5% ha un telefono cellulare.

Il 19,4% della popolazione tra i 15 e i 65 anni è disoccupato. Tra i disoccupati, il 58,3% sono neri africani, il 38,1% sono "coloured", lo 0,5% sono indiani/asiatici, e il 3,1% sono bianchi. Il 34,8% dei neri africani è disoccupato, la percentuale scende al 15,8% per i "coloured", il 7,1% per gli indiani/Asiatici, e al 3,1% per i bianchi.

Il reddito medio annuo per gli adulti occupati, tra i 15 e i 65 anni, è di 25.774 Rand ($3.874). Gli uomini hanno un reddito medio annuo di 28.406 Rand ($4.270) contro i 22.265 Rand($3.347) delle donne. Il reddito medio annuo in base all'appartenenza etnica è di 13.471 Rand($2.025) per i neri africani, 23.012 Rand ($3.459) per i "coloured", 44.233 Rand ($6.648) per gli Indiani/Asiatici, e 70.380 Rand ($10.579) per i bianchi. la distribuzione del reddito medio annuo a Città del Capo è:

  • Nessun reddito 2,0%
  • 12 – 4.800 Rand ($2 – $721) 4,4%
  • 4.812 – 9.600 Rand ($723 – $1.443) 10,0%
  • 9.612 – 19.200 Rand ($1.445 – $2.886) 25,7%
  • 19.212 – 38.400 Rand ($2.888 - $5.772) 23,1%
  • 38.412 – 76.800 Rand ($5.774 - $11.543) 18,1%
  • 76.812 – 153.600 Rand ($11.545 - $23.087) 10,1%
  • 153.612 – 307.200 Rand ($23.089 - $46.174) 4,4%
  • 307.212 – 614.400 Rand ($46.176 - $92.348) 1,4%
  • 614.412 o più ($92.350+) 0,8%
Fonte: Statistics South Africa Census 2001

I principali quartieri[modifica | modifica wikitesto]

Adderley

La strada più storica è Government Adderley, che attraversa la parte alta città da nord a sud, attraverso i giardini botanici Company's Gardens. Su questa via si affacciano la maggior parte dei musei e molti edifici storici; tra gli altri, il South African Museum, con numerosi documenti sulle culture e la fauna dell'Africa australe. La South African National Gallery ospita opere d'arte moderna. Nella stessa zona si trovano la Cattedrale di San Giorgio Martire, che è la principale della Chiesa Anglicana in Sudafrica (è retta dall'arcivescovo Desmond Tutu), la House of Parliament, e la Groote Kerk della Chiesa Riformata Olandese. La piazza di Green Market Square ospita tutta la settimana un variopinto mercato. Infine, lo Old Town House Museum raccoglie opere di pittori olandesi e fiamminghi del XVII e XVIII secolo, fra cui alcuni van Dyck.

La Town Hall su Grand Parade
Central

La zona del Central si sviluppa attorno a St. George's Mall ed è ricca di centri commerciali (tra cui spicca il Golden Acre Center, un tempo stazione ferroviaria) e uffici. Qui si trova il luogo dove sbarcò Jan van Riebeeck, e che oggi, a causa di opere di bonifica, non si trova più sul mare; una fontana commemora l'evento. La Grand Parade è un grande spiazzo dove si tengono le parate militari; nei pressi sorge l'edificio più antico della città, il Castello di Buona Speranza, eretto fra il 1666 e il 1679, roccaforte della VOC. Sul lato lungo della Grand Parade si erge l'imponente Town Hall (palazzo del municipio).

Bo-Kaap
Bo-Kaap

Il quartiere malese di Bo-Kaap, che si snoda dalle pendici della Signal Hill, è caratterizzato da numerose moschee e case basse del primo XIX secolo, dipinte in colori sgargianti. È un quartiere vitale, alla moda, in cui vivono artisti e yuppie, che si mescolano con i molti musulmani. In questo sobborgo ha il proprio centro il movimento People Against Gangsterism and Drugs (PAGAD), un'associazione di stampo islamico che si propone di combattere il crimine organizzato e lo spaccio di droga nella città.

Waterfront

Il molo del Victoria & Alfred Waterfront è una delle mete turistiche più rinomate della città; vi si trovano il museo marittimo e il Two Oceans Aquarium, in cui si può ammirare la fauna marina dell'Oceano Atlantico e dell'Oceano Indiano. Lo Scratch Patch è un'esposizione di minerali e l'Imax Theatre-Cyber World offre spettacoli hi-tech e film in 3D. Dal molo parte il Robben Island Ferry, che conduce i turisti a Robben Island.

Osservatorio

Situato nella zona sud della città, questo quartiere è il cuore culturale di Città del Capo, frequentato da artisti e studenti. Si trova vicino ai campus universitari di Groote Schuur, dove Barnard effettuò il primo trapianto di cuore del mondo. Nella stessa zona si trova l'imponente mausoleo in onore di Cecil Rhodes (Cecil Rhodes Memorial).

Kirstenbosch

Il giardino botanico di Kirstenbosch, situato sul lato est della Table Mountain, è un polmone verde di 530 ettari. Fra le quasi 10.000 specie di piante che vengono coltivate in questo giardino (uno dei più belli al mondo) si trovano anche tutte le principali specie del fynbos sudafricano.

Township
Constantia

Constantia è la zona più esclusiva della città; è qui che VIP come Desmond Tutu o Wilbur Smith hanno la propria residenza, insieme alle grandi famiglie storiche del Capo. Si alternano ville (alcune delle quali sono adibite a museo) e vigneti.

Le township

Come le altre grandi città sudafricane, Città del Capo ha la propria cintura di township, i quartieri poveri dove vivono i neri rimasti al margine della società. Le township di Città del Capo si trovano nella zona delle Cape Flats. Khayelitsha, Gugulethu, Mitchell's Plain, Atlantis e Athlone sono i sobborghi in cui si trovano le case popolari; altrove nelle Flats si estendono i cosiddetti squatter camps, le baraccopoli.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Una vista della città dalla Table Mountain (sullo sfondo Robben Island)

Città del Capo è una delle principali mete turistiche del Sudafrica. La città gode di un ottimo clima e di una posizione molto scenografica, affacciata sull'Oceano ai piedi della Table Mountain, ed è ricca di attrazioni: fra queste si possono citare il ricchissimo Waterfront, l'acquario, l'ascesa alla Table Mountain in funivia, la collina di Signal Hill, e il pittoresco quartiere malese di Bo-Kaap. Immediatamente fuori città si trovano anche i primi rilievi di interesse, come Lion's Head e Devil's Peak. Sulle spiagge nei dintorni della città si praticano ogni tipo di sport acquatici (per esempio la spiaggia di Blouberg è una "mecca" di windsurfer e kitesurfer), e dal porto salpano numerosi battelli che organizzano crociere intorno al promontorio o escursioni alle isole vicine, come Robben Island. Moltissime sono poi le attrazioni turistiche della Penisola del Capo (in gran parte riserva naturale), dalla colonia di pinguini africani di Boulders Beach, ai suggestivi panorami costieri del Cape Point, alle distese di fynbos (la ricchissima flora arbustiva tipica della zona). Inoltre, anche grazie al suo ruolo di hub aeroportuale, Città del Capo è il punto di partenza dei principali itinerari turistici del Sudafrica meridionale, ovvero quello della Garden Route (che si snoda lungo la costa, offrendo opportunità di whale watching e attività marine di vario genere), quello della Wine Route (che invece si inoltra nell'entroterra, nella zona dei vini e dei rilievi montuosi) e quello della Mountain Route che si dirige verso i panorami desertici del Karoo.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Città del Capo ha due squadre di calcio nella Premier League: il Santos (basato ad Athlone) e l'Ajax Cape Town (basato a Parow). Il sobborgo di Newlands è sede della squadra di rugby del Western Cape, la Western Province Rugby Union, una delle più forti del Sudafrica; dello stesso quartiere è anche la squadra di cricket della provincia e una delle cinque squadre sudafricane del Super 14 di rugby, gli Stormers.

Il clima clemente della regione permette di praticare sport all'aperto per tutto l'anno. Oltre agli sport di squadra, golf e tennis sono molto popolari e in tutta la città esistono strutture per praticarli. Numerosi anche gli sport acquatici, dalla immersioni a surf, kitesurf e vela.

La città è stata sede dei Mondiali di Calcio 2010 ospitando alcune partite al Green Point Stadium (capienza 70.000 spettatori).

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

L'Aeroporto Internazionale di Città del Capo è il secondo aeroporto del Sudafrica e un importante snodo per i passeggeri della Regione del Capo. Offre diversi voli internazionali con destinazioni in Africa, Europa, Asia e Nord America. Quasi tutti gli aeroporti commerciali del Sudafrica sono collegati a questo.

Istruzione a Città del Capo[modifica | modifica wikitesto]

Il campus principale del'Università di Città del Capo.

Sia l'Università di Città del Capo che l'Università del Western Cape si trovano all'interno della metropoli, mentre la Stellenbosch University è a 50 km di distanza. Esiste inoltre la Cape Peninsula University of Technology, formata a seguito della fusione tra Cape Technikon e Peninsula Technikon, voluta dall'allora presidente messicano Fenicio Velèz.

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Essendo Pretoria la capitale amministrativa e Bloemfontein quella giudiziaria

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Africa Portale Africa: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Africa