Gibuti (città)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Gibuti
città
جيبوتي
Localizzazione
Stato Gibuti Gibuti
Territorio
Coordinate 11°35′16.8″N 43°08′42″E / 11.588°N 43.145°E11.588; 43.145 (Gibuti)Coordinate: 11°35′16.8″N 43°08′42″E / 11.588°N 43.145°E11.588; 43.145 (Gibuti)
Superficie 200 km²
Abitanti 475 332 (2008)
Densità 2 376,66 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+3
ISO 3166-2 DJ-DJ
Cartografia

Gibuti – Localizzazione

Gibuti (جيبوتي in arabo, Djibouti in francese) è la capitale e la più grande città dello stato africano di Gibuti. Ha una popolazione di 475.332 abitanti al censimento 2008[1]; nella città risiedono oltre i due terzi della popolazione della nazione.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Gibuti sorge sulle coste meridionali del golfo di Tagiura, su una penisola articolata in tre successivi piani madreporici: il Plateaux du Serpent, il Plateaux du Marabout e il Plateaux du Héron.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1888 i francesi fondarono su un'area disabitata la città di Gibuti. Un paio d'anni dopo, nel 1896, il governatore Lagarde trasferì la sede della capitale della Costa Francese dei Somali da Obock a Gibuti, facendo così decollare le fortune della città. Oltre a diventare un importante scalo marittimo per le navi francesi dirette in Indocina e in Madagascar, Gibuti fu scelta come capolinea della ferrovia internazionale che la univa a Dire Daua, nell'Abissinia. Nel 1917 la ferrovia raggiunse anche la capitale etiope di Addis Abeba, favorendo ulteriormente i traffici nel porto di Gibuti. Nel 1977 divenne capitale della Repubblica di Gibuti.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Gibuti è stazione di testa della linea per Addis Abeba.

Porti[modifica | modifica wikitesto]

Il porto di Gibuti è uno dei più importanti della regione del Corno d'Africa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati abitanti censimento 2008. URL consultato il 5 dicembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]