Table Mountain

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il monte della catena dei Cederberg e la montagna del Suriname, vedi Tafelberg (Cederberg) e Tafelberg (Suriname).
Table Mountain
Table mountain.jpg
Stato Sudafrica Sudafrica
Altezza 1.086 m s.l.m.
Coordinate 33°57′00″S 18°24′59.98″E / 33.95°S 18.41666°E-33.95; 18.41666Coordinate: 33°57′00″S 18°24′59.98″E / 33.95°S 18.41666°E-33.95; 18.41666
Data prima ascensione 1503
Autore/i prima ascensione Antonio de Saldanha
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Sudafrica
Table Mountain

Table Mountain (Tafelberg in afrikaans) è una montagna piatta nel Western Cape, Sudafrica; sovrasta gli edifici di Città del Capo e si trova completamente inclusa nel territorio della città. La parte frontale, rivolta verso la città, è lunga circa tre chilometri e sostanzialmente diritta; il versante opposto ha una morfologia notevolmente più complessa. La cima della montagna è spesso avvolta da una coltre di nubi che, coerentemente col nome della montagna ("montagna-tavolo"), viene chiamata "tovaglia"; è formata dall'umidità che sale da False Bay, a est.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La Table Mountain fa parte di un complesso di rilievi che include a est il Devil's Peak (1.000 m) e a nord Lion's Head (669 m) e la collina di Signal Hill.

Il punto più alto della montagna, il "Maclear's Beacon" è situato a 1,086 m s.l.m., e prende il nome da un segnale (beacon) postovi da Thomas Maclear come punto di riferimento per calcoli trigonometrici. Non si tratta di un vero e proprio picco, in quanto si trova appena 19 metri sopra il punto di arrivo della cabinovia che sale le pendici del monte partendo dalla città.

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

Irace del Capo

La vegetazione della montagna appartiene al cosiddetto fynbos, una sorta di macchia mediterranea a elevatissima biodiversità. Sulla Table Mountain si trovano circa 1470 specie di piante (più di quante se ne contino nell'intero Regno Unito). Predominano le protee, i fiori tipici del Cape Floral Kingdom. La vegetazione della Table Mountain è oggi minacciata dall'invasione di specie non originarie, in particolare del pino marittimo.

L'animale più comune sulla montagna è l'irace del Capo (Procavia capensis); questi animali simili a grossi roditori (ma non realmente imparentati con essi) frequentano le aree in cui passano i turisti, come la stazione della cabinovia, alla ricerca di rifiuti di cui cibarsi. Altri animali presenti sulla montagna includono il porcospino del Capo, due specie di mangusta e due di genetta, diverse specie di serpenti e tartughe. I leoni e i leopardi che una volta abitavano la montagna sono oggi estinti; è incerto lo stato di conservazione di altre due specie di felini della zona, il caracal e il gatto selvatico africano (qui chiamato vaalboskat o vaalkat).

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Vista di Città del Capo dalla Table Mountain (sullo sfondo Robben Island)

La montagna è accessibile da Città del Capo usando una cabinovia inaugurata il 4 ottobre 1929 e rinnovata nello stesso giorno del 1997. La versione moderna della cabinovia (detta Cable Car) porta fino a 65 persone e ruota su sé stessa mentre si sposta, per consentire una vista ideale a tutti i passeggeri; arriva in cima in appena 7 minuti. Vi sono inoltre numerose opportunità per il trekking, la scalata e altre attività sportive; il primo sentiero per l'ascesa fu aperto nel 1503 da un portoghese. Guide dettagliate in merito ai percorsi possibili sono in vendita in molti negozi della città. In presenza di nubi (il table cloth), la visita della montagna è vietata e la cabinovia cessa di funzionare.

La Table Mountain appartiene al Table Mountain National Park, che si spinge a sud nella Penisola del Capo.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Table Mountain è l'unico elemento geografico terrestre a dare il nome a una costellazione: la Mensa (che significa appunto "tavolo"), posta nei pressi del polo sud celeste a sud di Orione, visibile nell'emisfero meridionale durante tutto l'anno; la Mensa fu battezzata nel XVIII secolo dall'astronomo francese Nicolas de Lacaille, durante la sua permanenza in Sudafrica.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]