Depressione (geografia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Mar Morto, il punto di maggiore depressione accessibile.

In geomorfologia il termine depressione indica una zona che si trova ad un livello più basso rispetto ad un'altra presa come riferimento.[1] In questo caso si parlerà di depressione relativa. In genere, comunque, si fa riferimento al livello del mare (si dirà allora depressione assoluta).[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Una depressione può avere origine dallo sprofondamento o dal crollo del terreno, o dal fenomeno dell'erosione.

Sulla Terra il punto di massima depressione libera da ghiacci è la riva del Mar Morto posta a 395 m sotto il livello del mare, mentre la depressione più estesa è situata nei pressi del Mar Caspio,[3] a -28 m; la massima depressione in assoluto si trova in Antartide, a -2.555 m nella Fossa subglaciale di Bentley a 81º Sud, 110º Ovest (tuttavia essa è coperta dalla calotta polare antartica, la cui sommità è sopra il livello del mare).[4]

Criptodepressione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Criptodepressione.

Si dice criptodepressione una depressione nascosta dalle acque di un lago (Esempio: il Lago di Como, i cui fondali arrivano a circa 220 metri sotto il livello del mare). La sua formazione è dovuta per esempio all'azione di ghiacci e fiumi oppure dalla presenza di una fossa tettonica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.treccani.it
  2. ^ Sapere
  3. ^ www.meteoweb.eu
  4. ^ www.liceoberchet.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]