Depressione del Kuma-Manyč

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il confine orientale d'Europa in base ai vari criteri; quello prevalente è segnato dalla linea A tra Caspio e Mar Nero (depressione del Kuma-Manyc) e dalla linea B tra gli Urali e il Caspio (Urali e fiume Ural).

La depressione del Kuma-Manyč (in russo: Кумо-Манычская впадина, Kumo-Manyčskaja vpadina) è una depressione nel sud-est della Russia che separa la grande pianura del bassopiano Sarmatico (a nord della depressione) dalla regione del Caucaso (a sud della depressione). Prende il nome dai due fiumi russi che scorrono nella zona, la Kuma e il Manyč.

Nei paesi dell'Europa e in Russia la depressione del Kuma-Manyč è considerata il confine naturale tra l'Europa e l'Asia[1]. Fu la zarina Anna I di Russia, nel 1730, che rese ufficiale tale separazione tra i due continenti[1], sulla base degli studi compiuti dal geografo Philip Johan von Strahlenberg.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b AA. VV., Calendario Atlante De Agostini 2013, edito da De Agostini, 2012, ISBN 9788851117054 (consultabile su Google ricerca libri: vedi pagina 80).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia