Paolo Tagliavento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Tagliavento
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Nome Paolo Tagliavento
Sezione Terni
Altezza 192 cm
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
2001 - 2003
2003 - 2010
2010 -
Serie C1 e C2
Serie A e B
Serie A
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Attività internazionale
2007 - UEFA e FIFA Arbitro
Esordio Turchia - Svezia 0 - 0
6 febbraio 2008

Paolo Tagliavento (Terni, 19 settembre 1972) è un arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente alla sezione AIA di Terni, viene promosso alla C.A.N. C nel 2001, e sotto tale organo tecnico riesce ad accumulare 24 presenze in Serie C1 (compresa la finale playoff Pescara-Martina del 2003); dopo sole 2 stagioni di permanenza (record detenuto assieme a Trefoloni e Guida) viene premiato con il passaggio alla C.A.N. A-B, per decisione dell'allora designatore Maurizio Mattei.

Durante la prima stagione sotto la nuova categoria, riesce subito a debuttare in Serie A: il 16 maggio 2004 in occasione di Chievo-Bologna. Nel 2006 viene coinvolto nell'inchiesta relativa a Calciopoli, poiché il suo nome compare nei verbali di alcune intercettazioni oggetto dell'indagine: viene però scagionato dalle accuse nell'ambito del procedimento della giustizia sportiva.

Il 1º gennaio 2007 è nominato arbitro internazionale. Nel giugno seguente, viene designato dall'UEFA per la finale della Regions' Cup, la massima competizione per squadre amatoriali del continente. Al termine della stagione 2013-14 ha diretto 157 partite del campionato italiano, tra cui: un derby d'Italia, due derby della Lanterna, tre derby di Roma, un derby di Milano, un Juventus-Roma, un Roma-Milan, un Juventus-Milan e un Inter-Roma. Il 12 maggio 2010 è designato come "addizionale" di porta per la finale di Europa League, giocata ad Amburgo tra Atlético Madrid e Fulham e diretta dal connazionale Nicola Rizzoli.

Il 3 luglio 2010, con la scissione della C.A.N. A-B in C.A.N. A e C.A.N. B, viene inserito nell'organico della C.A.N. A. Nel luglio 2010 viene insignito del Premio Mauro, destinato all'arbitro italiano particolarmente distintosi nel corso della stagione 2009-2010. L'8 dicembre 2010 fa il suo esordio nella fase a gironi della UEFA Champions League: dirige un match dell'ultima giornata, tra Arsenal e Partizan Belgrado.

Il 1º gennaio 2011 viene promosso nella categoria arbitrale UEFA Premier Development. Nel giugno successivo è tra i fischietti designati dall'UEFA per dirigere ai campionati europei di calcio Under 21 in Danimarca[1], qui dirige due partite della fase a gironi, e la finalissima tra Svizzera e Spagna. Dal 1º gennaio 2012 è inserito nella massima categoria degli arbitri europei, quella "Elite".[2].

Nel febbraio 2012, dopo aver fatto il suo esordio nella fase a eliminazione diretta della Champions League dirigendo l'andata di un ottavo di finale tra Lione ed APOEL Nicosia, è designato anche per una prestigiosa amichevole tra nazionali, Germania-Francia. Nel marzo del 2012 è selezionato ufficialmente come arbitro di porta in vista dell'Europeo 2012, nella squadra arbitrale diretta da Rizzoli. [3] Il 20 maggio 2013 viene designato come arbitro di porta in occasione della finale di Champions League tra Borussia Dortmund e Bayern Monaco a Wembley.

Ritorna ad arbitrare nella Coppa Europea più importante, la Champions League a ottobre 2014 dirigendo il match tra i belgi dell'Anderlecht e i tedeschi del Borussia Dortmund . Il 14 ottobre debutta nelle qualificazioni per Euro 2016 dirigendo a Helsinki la partita tra la Finlandia e la Romania. Altra chiamata in Champions League il 5 novembre: sua la direzione tra Sporting Lisbona e Schalke 04, allenato da un mese a questa parte dall'italiano Roberto Di Matteo.

Nuovo impegno per Euro 2016 il 14 novembre: gli viene assegnata la gara di Tbilisi tra la Georgia e la Polonia. Di nuovo in Champions League ( Gruppo C ) mercoledi 26 novembre alla BayArena di Leverkusen tra i locali del Bayer e l'AS Monaco: è la nona volta dal novembre 2011 ( terza gara nell'attuale stagione ) che l'arbitro italiano dirige nella più importante Coppa Europea una squadra tedesca o francese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I sei arbitri per le fasi finali – UEFA.com
  2. ^ [1]
  3. ^ http://www.uefa.com/MultimediaFiles/Download/competitions/General/01/77/43/22/1774322_DOWNLOAD.pdf

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]