Ondata di freddo del febbraio 2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ondata di freddo del febbraio 2012
Europe land surface tempature anomaly.jpg
Mappa dell'anomalia di temperatura registrata al suolo in Europa tra il 25 gennaio ed il 1º febbraio 2012
Luogo Europa e Nord Africa
Data 27 gennaio 2012 - 17 febbraio 2012
Tipo Ondata di freddo
Morti oltre 650[1]
Accumuli nevosi sui promontori dell'Isola del Giglio dopo la nevicata del 10 febbraio 2012

L'ondata di freddo del febbraio 2012 è stata un'ondata di freddo e neve che ha interessato buona parte dell'Europa fino al Nordafrica nel periodo compreso tra il 27 gennaio e il 17 febbraio 2012, causando oltre 650 morti nelle aree interessate[1].

Fu caratterizzata da temperature estremamente basse, specialmente nell'Europa orientale, le quali raggiunsero un minimo assoluto di -39,2 °C il 2 febbraio a Kuusamo, in Finlandia e forti nevicate sui restanti paesi europei.[2] Il 4 febbraio 2012 la neve cadde persino ad Algeri con un accumulo di circa 20 cm e l'aria gelida portò nevicate anche nel Deserto del Sahara

Sull'Europa centrale ed orientale si sono succedute per diversi giorni delle forti tormente di neve con temperature fino a qualche decina di gradi sottozero (-36 °C in Serbia e Russia, -30 °C in Polonia e Ucraina, -20 °C in Germania e Romania). Le forti nevicate interessarono anche i Balcani e si spinsero fino al Mar Nero.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dal 31 gennaio al 15 febbraio l'aria continentale invade l'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Neve copiosa a Torino il 28 gennaio 2012: la prima di una serie di nevicate.

In Italia l'ondata di freddo ha provocato gravi disagi ed almeno 57 vittime accertate.[3]

A partire dalla fine di gennaio, un flusso di aria artica continentale raggiunse la penisola. In un primo momento furono interessate soltanto le regioni del nord (a Torino la minima crollò a -12 °C[4]), successivamente il freddo si estese anche alle regioni centro-meridionali con L’Aquila che raggiunse i -7 °C,[5] ed infine l'aria artica invase alcune regioni del sud, in particolar modo quelle tirreniche.[6][7] Queste ultime, grazie alla formazione di una bassa pressione proveniente da ovest in contrasto con l'aria gelida proveniente dai Balcani, vennero imbiancate più volte ad eccezione della costa tirrenica dalla Campania in giù, del Salento e della Sicilia meridionale dove la neve cadde solo sulle cime più alte dei rilievi. Nel messinese, il giorno 13 febbraio, un'intensa grandinata che durò quasi un'ora provocò disagi alla circolazione stradale; particolarmente colpita fu l'A20 dove si formarono lunghe code a causa del ghiaccio presente sull'asfalto. Nello stesso giorno una violenta grandinata imperversò su Catania, facendo registrare accumuli consistenti. Le temperature più fredde nell'estremo sud vennero registrate sulla Sila cosentina con punte fino a -11 °C . [8]

La neve cadde su gran parte dell'Italia, soprattutto in Emilia-Romagna nella pianura che va da Reggio Emilia a Rimini e sulle regioni centrali, e soltanto alcune zone della Puglia, della Sicilia e della Calabria meridionale vennero escluse da questa improvvisa ondata di aria gelida. In molte zone del sud la neve raggiunse anche le quote di bassa collina o di pianura come a Cosenza,[9] Vibo Valentia[9] e persino alle Isole Eolie.[10] Come già accennato precedentemente, nel Salento ed in alcune zone della Sicilia e della Calabria meridionale le temperature rimasero su valori anche superiori alla media stagionale, come testimoniano i 17 °C misurati nel leccese[11] ed i 18 °C avuti nel messinese.[12] La causa di ciò fu l'approfondimento della suddetta depressione mediterranea sul basso Tirreno, poiché l'intensa ciclogenesi ad essa associata innescò un richiamo di correnti miti sciroccali provenienti da sud.[12]

L'ondata di freddo ebbe inizio il 28 gennaio, quando il gelo si concentrò soprattutto al centro-nord. Le prime regioni ad imbiancarsi furono quelle del nord-ovest, in particolare Piemonte e Liguria, con accumuli fino a 70 cm nel cuneese e neve a Torino.

Il 1º febbraio nevicò su gran parte della Toscana e sull'Umbria settentrionale fino in pianura. Le nevicate tuttavia non riuscirono a produrre accumuli omogenei su tutte le zone di pianura interessate, a causa degli intensi venti secchi di grecale e della conseguente compressione adiabatica dell'aria in caduta dal versante appenninico. Questo effetto è risultato particolarmente evidente ad ovest del Monte Pisano e nella città di Firenze, dove è stato coadiuvato dall'isola di calore locale. Altrove nevicò a tratti anche abbondantemente, con 10 cm misurati ad Empoli, con 20-25 cm misurati a Livorno ed i 27 cm cumulati a Siena. Scarsi furono invece gli accumuli fra Prato (lievi accumuli temporanei nel centro storico e accumuli temporanei maggiori nelle periferie settentrionali ed occidentali) e Pistoia (imbiancate temporaneamente solo le periferie settentrionali a ridosso dei rilievi); accumuli inizialmente nulli in Maremma, zona in cui la neve arrivò invece il 10 febbraio con accumuli di alcuni centimetri fino al livello del mare. Neve abbondante invece cadde fra la Versilia e le Cinque Terre, dove il manto nevoso è stato ovunque spesso oltre i 10 cm.

In Emilia Romagna la neve cadde in maniera molto abbondante su tutta la pianura a est di Parma e successivamente più a sud verso il litorale tirrenico.[13] Nell'area di Forlì-Cesena e Rimini non si raggiungeva un tale picco di nevosità da almeno 100 anni con accumuli fino a 4,5 metri in collina, 200 cm a Cesena città e 170 cm a Forlì città, mentre sulla costa romagnola ovunque si raggiungevano almeno i 75 cm dopo il 12 febbraio.[14] Il 14 febbraio, tra Forlì e Faenza si raggiunse il picco del freddo con la temperatura minima di -19,2°c rilevata dalla stazione amatoriale a norma (Davis Vantagre Pro 2)[ricerca originale?] della località di San Biagio (nella pianura tra Forlì e Faenza - RA), mentre la temperatura minima ARPA-SIMC è stata registrata nella località di Granarolo Faentino (RA) con -17.9 °C.

Ma fu nella pianura Piemontese tra Torinese e Cuneese che il gelo ebbe il suo apice: in questa zona infatti i termometri rimasero perennemente sottozero anche nei valori massimi dal 29 gennaio al 13 febbraio e le temperature minime scesero sotto i -20 °C dal 4 al 7 febbraio toccando le punte di -23,9 °C a Candiolo il giorno 7 (rete RAM) e -23,8 °C a Villanova Solaro il giorno 6 (rete ARPA), e persino in Liguria, a Sassello, il termometro precipitò fino a -22,1 °C: un primato per questa regione in precedenza sempre risparmiata dalle ondate di freddo importanti. Il primato di temperature più basse va tuttavia all'Abruzzo: il giorno 15 Febbraio infatti si sono misurati ben -28,6 °C a Tagliacozzo, -35,8 °C sull'Altopiano di Marsia e ben -37,4 °C ai Piani di Pezza, che detiene il record come località più fredda in Italia a parità di quota.

Piazza Regina Margherita (L'Aquila) dopo la nevicata

Nelle Marche la neve cadde pressoché su tutto il territorio regionale a partire dal 1º febbraio. Dopo una breve pausa, la precipitazione nevosa riprese a cadere dal tardo pomeriggio del 2 febbraio e si protrasse per circa 72 ore con la quota neve che scese progressivamente fino a raggiungere la costa. La provincia di Pesaro e Urbino risultò fra le più colpite dal maltempo. Nel comune di Mondavio, a Sant'Andrea di Suasa, domenica 5 febbraio c'era una media di 70 cm di neve al suolo, con accumuli di oltre 2 metri nelle zone più esposte ai venti di grecale. Le temperature rimasero sottozero per tre giorni. Dopo una tregua di 72 ore, la neve riprese a cadere la notte del 10 febbraio. Il 12 febbraio, quando la nevicata terminò, si misurò un'altezza media del manto nevoso di 130 cm, con cumuli di 2,50 m nelle zone più esposte e temperature comprese fra 1 °C e -2,5 °C. A Montecopiolo, nel Montefeltro, nevicò incessantemente per ben 18 giorni. In tale località il manto nevoso raggiunse un'altezza di 3,5 m con picchi alti fino a 6 metri.

In Abruzzo il manto nevoso ricopri dal 29 gennaio al 1 febbraio tutto il territorio regionale,in particolare la costa con accumuli che raggiunsero i 50 cm da Pescara verso nord.Nei giorni successivi le nevi si sciolsero soprattutto lungo il litorale ma non del tutto : a terra rimasero ancora 20 cm che si trasformarono in cumuli da circa un metro nelle notti tra il 3 ed il 9 febbraio. Durante la notte del 10 febbraio,nell'arco di 6 ore, caddero 60 cm di neve sulla spiaggia nei pressi di Silvi Marina (record di accumulo sulla costa). Sui monti la situazione fu peggiore : sulle cime del Gran Sasso e della Maiella si accumularono ben 15 metri di neve,facendo rimanere centinaia di paesetti del tutto isolati. Le temperature minime sulla costa arrivarono a sfiorare i -5 °C, mentre nella Marsica si raggiunsero punte di -25 °C fino ai 700 m di quota. In Lazio, Molise, Campania, Basilicata ed in alcune zone di Calabria, Umbria e Toscana centro-meridionale interna il maltempo creò forti disagi con accumuli di neve diffusi dai 70 cm fino ad oltre i 1,5-2 metri in montagna ed isolamento di diversi centri montani. A Tricarico in Basilicata nevicò per ben 90ore e si raggiunsero accumuli minimi di 150cm , e accumuli eolici superanti i 3 metri nel centro storico[15]. Mentre sul Monte Croccia, nelle vicinanze di Tricarico, caddero più di 4 metri di neve. Le nevicate interessarono pressoché tutto il territorio regionale abruzzese già dal 2 febbraio e si protrassero quasi ininterrottamente per diversi giorni.[16] Le precipitazioni si intensificarono a partire dal 3 febbraio e crearono forti problemi alla viabilità, con le autostrade A24 e A25 che rimasero chiuse tra molte polemiche per due giorni.[17] All'Aquila il centro storico, puntellato in seguito al terremoto del 2009, venne chiuso in via cautelativa per paura di nuovi crolli.[18] Abbondanti nevicate interessarono anche l'Irpinia, con 35 cm accumulati nel capoluogo nella prima giornata di precipitazioni. La notte tra il 6 e il 7 febbraio nevicò lievemente anche a Napoli (Max 5 cm) al centro, sul lungomare a 0 metri nevicava con circa 0 °C, nel cuore della notte Napoli si imbiancò per alcuni minuti, alle 6 di mattina la neve rimase dai 50 metri in su sui tetti delle abitazioni, la collina dei Camaldoli rimase imbiancata al lato che affaccia su Pianura, a valle del Vesuvio dai 120 metri in su la neve rimase al suolo fino alle 9 di mattina, a San Sebastiano al Vesuvio e San Vito nevicò molto, dai 180 metri in su la neve rimase fino alle 12:00, sui muri la neve arrivò fino a 15 cm, dai 350 metri in su la neve rimase per tutta la giornata, la temperatura su alcuni paesi vesuviani più in rilievo scese a - 5 °C. In alta Irpinia si misurarono mediamente 60 cm di neve[19] (con accumuli massimi di ben 400 cm di neve in alcune località montane irpine come al piano Laceno,situato a 1000 mt di quota nell'irpinia sud-orientale)[20] che causarono l'isolamento di numerosi comuni.[21]

Piazza del Popolo imbiancata a Roma

La notte tra il 2 e il 3 febbraio fiocchi di neve misti a pioggia raggiunsero alcuni quartieri di Roma (specie l'estremo nord capitolino) mentre fuori dal Raccordo dei deboli accumuli si registrarono a partire dai 150 m di altitudine. Il giorno seguente, venerdì 3 febbraio, la città di Roma (tranne i quartieri meridionali e litoranei) poco prima dell’ora di pranzo venne interessata da una nevicata con accumulo di circa 5/10 cm nelle zone Nord, che si protrasse dalle 11.45 fino alle 16 circa. I quartieri romani più meridionali e litoranei videro cadere diversi millimetri di pioggia mista a neve (a tratti anche solo neve), a causa di un temporaneo richiamo di aria mite in quota. Nella notte tra il 3 ed il 4 febbraio, la neve finì per interessare tutto il territorio comunale, accumulando 5 cm ad Ostia sin sulla spiaggia, 10 cm nelle zone Sud della città, 20 cm in centro e fino a mezzo metro appena fuori dal Raccordo. Tale evento creò numerosi disagi alla popolazione romana e sfociò in un violento scontro verbale tra il capo della Protezione Civile Franco Gabrielli ed il sindaco della capitale Gianni Alemanno, sotto accusa per non aver gestito al meglio l'emergenza. Il 10 febbraio e 11 febbraio Roma fu nuovamente interessata da intense precipitazioni nevose a carattere temporalesco, con accumuli fino a 15-20 cm registrati in alcune zone settentrionali ed orientali della città. Il 10 febbraio i fenomeni nevosi colpirono, per la seconda volta dopo il 3 febbraio, anche il litorale laziale (a Civitavecchia la neve cadde dal mattino sino a tarda sera con accumuli fino a 10 cm nei quartieri più alti). Il giorno 4 febbraio la temperatura media su Roma fu di 0 °C e nei giorni successivi le temperature massime non superarono i 7-8 °C.  [22]

A Bari, a seguito del clamore mediatico causato dagli eventi nevosi su Roma si arrivò al paradosso che, per eccesso di precauzione, il sindaco Michele Emiliano ordinò la chiusura di scuole e uffici pubblici per le giornate del 6 e 7 febbraio benché nel capoluogo pugliese non si fosse verificata alcuna nevicata. Tuttavia nelle zone a nord di Bari, in particolare nelle città di Corato, Andria, Ruvo di Puglia, Terlizzi, ed in tutta la Murgia, nei giorni 6 e 7 febbraio caddero più di 30 cm di neve. Sulla Murgia rimasero isolati per giorni sia numerose "masserie" di Corato e Ruvo di Puglia che i comuni di Gravina di Puglia, Poggiorsini e Spinazzola. Anche nel Foggiano e nel Subappennino Dauno rimasero isolati numerosi comuni, a causa del forte maltempo e del consistente manto nevoso che si venne a creare nelle principali arterie del Gargano. Nella provincia di Barletta-Andria-Trani cadde qualche cm di neve fin sui litorali. Nelle restanti zone pugliesi, nel Brindisino, nel Leccese e nel Tarantino ci fu solo pioggia ed in alcuni casi pioggia mista a fiocchi di neve.

Analisi meteorologica[modifica | modifica wikitesto]

I fenomeni nevosi della prima metà del mese hanno a tratti assunto delle spiccate condizioni di persistenza. Essi tuttavia sono stati preceduti da una stagione autunnale caratterizzata da una scarsa piovosità su buona parte del territorio italiano con l'eccezione delle zone alluvionate di Liguria e Sicilia, e da una precedente fase invernale non particolarmente fredda e scarsamente nevosa specie su Alpi (con l'eccezione delle Alpi di confine), Prealpi ed Appennino. Per questo motivo l'evento è classificabile a livello meteorologico come un fenomeno di compensazione.

Dal punto di vista sinottico due potenti irruzioni di aria fredda di matrice artica continentale provenienti dalla Russia e dalla Siberia, favorite dall'unione tra l'anticiclone delle Azzorre e l'anticiclone russo-siberiano (ponte di Voejkov), si sono abbattute sul territorio italiano a distanza di una settimana l'una dall'altra generando ciascuna una ciclogenesi sul Mediterraneo per contrasto con l'aria mite e umida preesistente. Ciò ha dato origine alla grande fase precipitativa unita al brusco abbassamento delle temperature con termiche a 850 hPa di -15 °C sulle Alpi e -10 °C sulle regioni centrali italiane. Si sono avute nevicate molto abbondanti fino in pianura soprattutto sul versante adriatico ed in parte anche su quello tirrenico, con annessi fenomeni di burian e di tormente di neve. Ad innescare una tale configurazione barica-sinottica è stato un evento di stratwarming occorso nella stratosfera a metà gennaio 2012.[23], tale fenomeno ha contribuito al rafforzamento dell'anticiclone russo-siberiano dal quale sono giunte masse d'aria gelide di matrice continentale. Configurazioni sinottiche simili si ebbero anche nelle celebri ondate di freddo del 1956 e 1985.

Da punto di vista statistico l'ondata di freddo del febbraio 2012 in alcune località italiane, soprattutto tra Romagna e Marche, ha assunto il carattere di evento estremo ed eccezionale, paragonabile alle storiche nevicate del 1929 e del 1956, per il periodo relativo alla prima parte del mese. Rispetto al febbraio 1956 che si mantenne molto freddo fino alla fine del mese, seppur con gelo in attenuazione nella parte finale, il febbraio 2012 a livello complessivo mensile non può però reggere completamente il paragone sia per la minore estensione delle aree colpite dalle nevicate e dal gelo della prima metà del mese che per la fase con temperature nettamente al di sopra delle medie del periodo che si è verificata in terza decade, quando negli ultimi giorni del mese si sono verificati anche alcuni nuovi record di temperatura massima mensile sulle regioni settentrionali italiane (nuovi record di massima mensile alle stazioni ufficiali di Bolzano, Dobbiaco e Mondovì e record di massima mensile eguagliato a Grottaglie). Analizzando l'andamento complessivo mensile, vi è una similitudine maggiore del febbraio 2012 con il febbraio 1991, anch'esso caratterizzato dalla prima parte con gelo e neve e dalla terza decade con temperature ben superiori alle medie del periodo.

Record di temperature minime mensili registrati in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Presso le stazioni meteorologiche ufficiali della rete WMO presenti in Italia, gestite dall'Aeronautica Militare o dall'Enav, nel corso della prima metà di febbraio 2012 le temperature minime più basse si sono registrate alla stazione automatica dell'aeroporto di Torino Venaria Reale con -22,3 °C il 6 febbraio, alla stazione automatica di Cuneo Levaldigi con -22,1 °C il 7 febbraio e alla stazione automatica di Casale Monferrato con -21,3 °C il 6 febbraio: le tre suddette stazioni hanno però una serie storica breve o frammentaria da non rendere statisticamente rilevanti le temperature minime sopra citate.

Sono stati tuttavia registrati vari record di temperatura minima mensile presso la stessa rete di stazioni meteorologiche ufficiali con alle spalle serie storiche almeno cinquantennali:[24]

Terza decade: record di caldo in Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, dopo la prima metà del mese con anomalie climatiche assimilabili a quelle della prima metà del febbraio 1956, la terza decade del febbraio 2012 si è caratterizzata per un sensibile rialzo termico, con temperature che soprattutto nelle regioni settentrionali sono risultate abbondantemente al di sopra delle medie del periodo, con una situazione di fatto molto simile a quella che caratterizzò l'andamento mensile del febbraio 1991 che ha fatto perdere le caratteristiche di eccezionalità al mese di febbraio 2012 nel suo complesso.

Presso le stazioni meteorologiche ufficiali italiane della rete WMO, gestite dall'Aeronautica Militare e dall'Enav, si sono registrati i seguenti record di temperatura massima mensile:

Le vittime[modifica | modifica wikitesto]

Al 16 febbraio 2012 il numero di morti accertati in Europa e in Nordafrica per le nevicate e il gelo è stato di oltre 650 persone.[1]

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Europe cold snap death toll tops 650 as 100-car pile-up is blamed on snow in The Daily Telegraph, 16 febbraio 2012. URL consultato il 20 febbraio 2012.
  2. ^ Maltempo, il peggio è passato ma resta l'allerta nel Meridione in la Repubblica, 12 febbraio 2012. URL consultato il 13 febbraio 2012.
  3. ^ Maltempo, il peggio è passato ma resta l'allerta nel Meridione in la Repubblica, 12 febbraio 2012. URL consultato il 13 febbraio 2012.
  4. ^ Video | Torino sotto zero. | news.centrodiascolto.it
  5. ^ Da domani temperature fino a oltre 10 gradi sotto zero - Il Sole 24 ORE
  6. ^ Nevica a Cosenza e su gran parte della provincia: 90 mezzi in azione| MeteoWeb
  7. ^ Sicilia sotto la neve: strade chiuse e mezzi bloccati| MeteoWeb
  8. ^ Calabria sotto zero, -11 in Sila, neve sui rilievi, pericolo ghiaccio - Nuova Cosenza Quotidiano d'informazione della Calabria
  9. ^ a b Maltempo:Calabria; neve a Cosenza e su Vibonese, -11 in Sila - Calabria - ANSA.it
  10. ^ Maltempo, neve anche alle isole Eolie - Corriere.it
  11. ^ Weather Station History | Weather Underground
  12. ^ a b Correnti...alternate: al Nord -10° al Sud +15°...perché?
  13. ^ [1]
  14. ^ Emergenza neve. La più grande nevicata degli ultimi 100 anni. Il bilancio di Forlì in Romagna Gazzette, 8 febbraio 2012. URL consultato l'8 febbraio 2012.
  15. ^ Maltempo, 3 metri di neve a Tricarico. in Oltrefreepress, 8 febbraio 2012. URL consultato il 20 novembre 2012.
  16. ^ Maltempo, pericolo ghiaccio all'Aquila. I sindaci chiudono le scuole in Il Centro, 4 febbraio 2012. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  17. ^ Lo scandalo dell'autostrada chiusa per neve. E in Abruzzo è la più cara d'Italia in Abruzzo 24 Ore, 4 febbraio 2012. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  18. ^ Centro chiuso e paesini isolati. L'Aquila rivive i giorni del sisma in Il Corriere della Sera, 7 febbraio 2012. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  19. ^ Neve eccezionale tra Romagna, Marche, Abruzzo e Molise, 3bmeteo.com.
  20. ^ Alta Irpinia allo stremo. Paesi isolati e cumuli di neve alti fino a 3 metri, tusinatinitaly.it.
  21. ^ Emergenza neve fino a domani. Due famiglie intrappolate a Bisaccia, napoli.repubblica.it.
  22. ^ Spessore del manto nevoso Aeronautica militare
  23. ^ The February 2010 Artcic Oscillation Index and its stratospheric connection in Quarterly Journal of the Royal Meteorological Society, 23 febbraio 2012. URL consultato il 23 febbraio 2012.
  24. ^ Riepiloghi mensili: febbraio 2012

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]




meteorologia Portale Meteorologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di meteorologia