Julio Libonatti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Julio Libonatti
Julio Libonatti.jpg
Dati biografici
Nazionalità Argentina Argentina
bandiera Italia (dal 1926)
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Carriera
Giovanili
 ???? Rosario Central Rosario Central
Squadre di club1
1917-1925 Newell's O. B. Newell's O. B. 141 (78)
1925-1934 Torino Torino 239 (150)
1935-1936 Genoa Genoa 46 (13)
1937-1938 Libertas Rimini Libertas Rimini 0 (0)
Nazionale
1919-1922
1926-1932
Argentina Argentina
Italia Italia
15 (8)
17 (15)
Carriera da allenatore
1937-1938 Libertas Rimini Libertas Rimini
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Argento Cile 1920
Oro Argentina 1921
Transparent.png Coppa Internazionale
Oro 1927-1930
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al febbraio 2008

Julio Libonatti (Rosario, 5 luglio 1901Rosario, 9 ottobre 1981) è stato un allenatore di calcio e calciatore argentino naturalizzato italiano, di ruolo attaccante.

Con 150 gol totali con la maglia del Torino si trova al secondo posto della classifica dei marcatori del club torinese dietro a Paolo Pulici (172).

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Julio Libonatti, nato da genitori italiani, dopo essersi formato nel Belgrano di Rosario, inizia la sua carriera di calciatore professionista nell'altra squadra della sua città natale, il Newell's Old Boys. Il suo gioco funambolico e uno spiccatissimo senso del gol porteranno Julio a diventare un idolo dei tifosi rossoneri col soprannome di matador. Nell'estate del 1925, grazie alla convenzione che consentiva ai figli di italiani di fruire della doppia nazionalità, viene tesserato dal Torino.

Baloncieri, Libonatti e Rossetti formavano il trio delle meraviglie

Anche in Italia diventa presto un beniamino dei tifosi. Oltre alle doti funamboliche, tipiche dei calciatori argentini, Libo ha un'intelligenza tattica che gli consente di offrire spettacolari palloni da rete (in futuro verranno chiamati assist) ai due interni. Nei granata l'interno che sfrutta al meglio il gioco di Libonatti è Gino Rossetti. Da non dimenticare è che in quel Torino gioca anche un grande tessitore della linea d'attacco, il cervello della squadra, Adolfo Balon Baloncieri. I tre diventano un tutt'uno. Nasce così il famoso trio delle meraviglie, che porterà il Torino a vincere due titoli di campione d'Italia (uno poi revocato) e uno perso nella finalissima con il Bologna. Un dato riassume tutta la potenza di quell'attacco: nel campionato 1928-29, quello appunto perso d'un soffio contro il Bologna, la squadra segnò 117 reti in 33 partite. Sono numeri che neanche il Grande Torino riuscirà a battere. Con i granata Libonatti colleziona 241 presenze (239 di campionato e 2 di coppa Italia), segnando 157 reti (150 in campionato e 7 in coppa Italia). Nel gennaio 1935 lascia i granata accasandosi, in serie B, con i rossoblu del Genova 1893 che grazie anche al suo apporto risaliranno subito nella massima serie. Con i genovesi militò sino al 1936.

Nel 1937 venne ingaggiato dal Libertas Rimini, rivestendo il duplice ruolo di allenatore/giocatore. Con i romagnoli ottenne il quinto posto del Girone D della Serie C 1937-1938.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

In Argentina a diciotto anni veste già la maglia biancazzurra arrivando a totalizzare 15 presenze, 8 reti e vincendo la Coppa America del 1921. Nella Nazionale italiana, invece, grazie al suo status, è il primo oriundo a vestire la maglia azzurra, il 28 ottobre del 1926. Collezionerà 17 presenze e 15 reti.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Fuori dal campo Julio era un tipo spassoso, sempre allegro, pronto allo scherzo, amante della bella vita, delle donne e dell'eleganza. Si racconta che per vestirsi e indossare splendide camicie di seta spendesse grosse somme. Non seppe mai mettere da parte i molti quattrini che guadagnò negli anni che giocò in Italia (non paragonabili certamente alle somme di oggi ma per lo stipendio medio di allora, si poteva raccogliere una discreta fortuna), cosicché gli dovettero addirittura pagare il biglietto della nave quando decise di far ritorno in Argentina.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club italiani[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Club Campionato
Comp Pres Reti
1925-26 Torino Torino 1°D 22 18
1926-27 DN 27 21
1927-28 DN 32 35
1928-29 DN 25 24
1929-30 A 10 6
1930-31 A 29 14
1931-32 A 31 16
1932-33 A 32 7
1933-34 A 31 9
1934-35 Genoa Genoa B 19 6
1935-36 A 27 7
Totale Camp. Massima serie 266 157
Totale Serie A[1] 160 59

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Argentina Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
19/10/1919 Buenos Aires Argentina Argentina 6 – 1 Uruguay Uruguay Amichevole 3
02/12/1919 Montevideo Uruguay Uruguay 4 – 2 Argentina Argentina Amichevole 1
18/07/1920 Montevideo Uruguay Uruguay 2 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
25/07/1920 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 3 Uruguay Uruguay Amichevole -
08/08/1920 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Uruguay Uruguay Amichevole -
12/09/1920 Viña del Mar Argentina Argentina 1 – 1 Uruguay Uruguay Coppa America 1920 -
20/09/1920 Viña del Mar Cile Cile 1 – 1 Argentina Argentina Coppa America 1920 -
25/09/1920 Viña del Mar Argentina Argentina 2 – 0 Brasile Brasile Coppa America 1920 1
02/10/1921 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Brasile Brasile Coppa America 1921 1
16/10/1921 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 0 Paraguay Paraguay Coppa America 1921 1
30/10/1921 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Uruguay Uruguay Coppa America 1921 1 1º Titolo
28/09/1922 Rio de Janeiro Argentina Argentina 4 – 0 Cile Cile Coppa America 1922 -
08/10/1922 Rio de Janeiro Uruguay Uruguay 1 – 0 Argentina Argentina Coppa America 1922 -
15/10/1922 Rio de Janeiro Brasile Brasile 2 – 0 Argentina Argentina Coppa America 1922 -
17/12/1922 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 2 Uruguay Uruguay Amichevole -
Totale Presenze 15 Reti 8
Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
28/10/1926 Praga Cecoslovacchia Cecoslovacchia 3 – 1 Italia Italia Amichevole -
30/01/1927 Ginevra Svizzera Svizzera 1 – 5 Italia Italia Amichevole 1
20/02/1927 Milano Italia Italia 2 – 2 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole 1
24/04/1927 Parigi Francia Francia 3 – 3 Italia Italia Amichevole 2
29/05/1927 Bologna Italia Italia 2 – 0 Spagna Spagna Amichevole -
23/10/1927 Praga Cecoslovacchia Cecoslovacchia 2 – 2 Italia Italia Coppa Internazionale 2
06/11/1927 Bologna Italia Italia 0 – 1 Austria Austria Coppa Internazionale -
01/01/1928 Genova Italia Italia 3 – 2 Svizzera Svizzera Coppa Internazionale 2
25/03/1928 Roma Italia Italia 4 – 3 Ungheria Ungheria Coppa Internazionale 1
15/04/1928 Oporto Portogallo Portogallo 4 – 1 Italia Italia Amichevole 1
22/04/1928 Gijón Spagna Spagna 1 – 1 Italia Italia Amichevole 1
14/10/1928 Zurigo Svizzera Svizzera 2 – 3 Italia Italia Coppa Internazionale -
11/11/1928 Roma Italia Italia 2 – 2 Austria Austria Amichevole -
02/12/1928 Milano Italia Italia 3 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 2
03/03/1929 Bologna Italia Italia 4 – 2 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Coppa Internazionale 1
07/04/1929 Vienna Austria Austria 3 – 0 Italia Italia Coppa Internazionale -
13/12/1931 Torino Italia Italia 3 – 2 Ungheria Ungheria Coppa Internazionale 1
Totale Presenze 17 Reti (15º posto) 15

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1926-1927[2]
Torino: 1927-1928
Genoa: 1934-1935

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Argentina: 1921
Italia: 1927-1930

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1927-1928 (35 gol)
1927-1930 (6 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il totale di serie A, come nelle statistiche ufficiali, si riferisce ai campionati a girone unico a partire dal 1929/30. Non vengono quindi presi in considerazione il campionato cosiddetto "di guerra" del 1944 e il primo campionato post-guerra 1945/46, svolti entrambi a gironi (campionati nei quali Piola ha all'attivo 52 presenze e 43 reti)
  2. ^ A seguito delle decisioni del Direttorio Federale in merito ai fatti riguardanti il caso Allemandi, lo scudetto vinto dal Torino nel campionato 1926-1927 fu revocato e non più assegnato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) Carlos Durhand; Javier Parenti, Historia en rojo y negro, La Capital, 2010, p. 176.
  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]