Harald Nielsen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Harald Nielsen
Bo-fc-harald-nielsen.jpg
Dati biografici
Nome Harald Ingemann Nielsen
Nazionalità Danimarca Danimarca
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Carriera
Squadre di club1
1959-1961 Frederikshavn Frederikshavn 50 (44)
1961-1967 Bologna Bologna 157 (81)
1967-1968 Inter Inter 8 (2)
1968-1969 Napoli Napoli 10 (2)
1969-1970 Sampdoria Sampdoria 4 (0)
Nazionale
1959-1960 Danimarca Danimarca 14 (15)
Palmarès
Bandiera olimpica  Olimpiadi
Argento Roma 1960
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Harald Ingemann Nielsen (Frederikshavn, 26 ottobre 1941) è un ex calciatore danese, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

In Danimarca[modifica | modifica sorgente]

Iniziò la carriera nella squadra della sua città natale, il Frederikshavn fI, che giocava nel secondo livello danese. Debuttò nel marzo del 1959 e subito conquistò il titolo di capocannoniere contribuendo alla promozione della sua squadra. Il 13 settembre dello stesso anno, a nemmeno 18 anni compiuti, fece il suo esordio in Nazionale a Oslo contro la Norvegia, e per questo fu il più giovane calciatore danese ad aver indossato la maglia della Nazionale. La Danimarca vinse 4 a 2 e Nielsen segnò una rete.

Nel marzo del 1960 esordì nella massima serie danese segnando una tripletta. Al termine del campionato la sua squadra giunse al quinto posto e Nielsen fu nuovamente capocannoniere. Nell'estate del 1960 partecipò con la sua Nazionale ai Giochi Olimpici di Roma: la Danimarca conquistò la medaglia d'argento, venendo sconfitta in finale dalla Jugoslavia per 2-1, e Nielsen fu secondo nella classifica dei marcatori con 6 reti, a pari merito con lo jugoslavo Kostić e alle spalle del capocannoniere Galić, pur'egli jugoslavo.

Quando, nel 1961, all'età di 20 anni, Nielsen si trasferì in Italia per giocare nel Bologna, dovette rinunciare alla Nazionale per via del regolamento allora in vigore in Danimarca che escludeva dalla Nazionale i giocatori che militavano in campionati professionisti. A causa di questa regola, abolita solo nel 1971, Nielsen non poté più indossare la maglia della Nazionale danese, con la quale aveva segnato fino a quel momento 15 reti in 14 partite.

In Italia[modifica | modifica sorgente]

Gol di Nielsen segnato a Bologna contro la SPAL

Nielsen arrivò in Italia per il campionato 1961-1962, ingaggiato dal Bologna. Nella sua prima stagione in Italia giocò 16 partite segnando 8 reti. L'anno seguente vinse il titolo di capocannoniere con 19 reti e in quello successivo riuscì a vincere uno storico scudetto con i rossoblù e nuovamente il titolo di capocannoniere con 21 centri, a pari merito coll'oriundo argentino della Roma, Pedro Manfredini.

Nella stagione 1964-1965 segnò 13 gol, e in quella successiva litigò con il fuoriclasse tedesco Helmut Haller con il risultato che la sua prestazione scese ancora, 12 gol nel 1965-1966 e 8 nel 1966-1967. Fu quindi ceduto all'Inter dove rimase una sola stagione (8 partite e 2 reti), poi passò al Napoli (10 partite, 2 reti) e infine giocò il suo ultimo campionato italiano con la maglia della Sampdoria, con cui scese in campo 4 volte senza mai andare a segno.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Serie Presenze Reti
1961-1962 Italia Bologna Serie A 16 8
1962-1963 Serie A 29 19
1963-1964 Serie A 31 21
1964-1965 Serie A 31 13
1965-1966 Serie A 29 12
1966-1967 Serie A 21 8
1967-1968 Italia Inter Serie A 8 2
1968-1969 Italia Napoli Serie A 10 2
1969-1970 Italia Sampdoria Serie A 4 0

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Bologna: 1963-1964

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Roma 1960

Individuale[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]