Niccolò Galli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Niccolò Galli
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Carriera
Giovanili
1993-1994
1994-1995
1995-1998
1999-2000
2000-2001
Torino Torino
Parma Parma
Fiorentina Fiorentina
Arsenal Arsenal
Bologna Bologna
Squadre di club1
2000-2001 Bologna Bologna 1 (0)
Nazionale
1999
2000-2001
2000
Italia Italia U-16
Italia Italia U-17
Italia Italia U-18
1 (0)
5 (1)
3 (2)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 31 agosto 2008

Niccolò Galli (Firenze, 22 maggio 1983Bologna, 9 febbraio 2001) è stato un calciatore italiano, di ruolo difensore. È deceduto a 17 anni in un incidente stradale.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Figlio dell'ex portiere Giovanni Galli, debuttò nelle giovanili del Torino nel 1993 e l'anno successivo vestì la maglia del Parma. Nel 1995 iniziò a giocare nelle giovanili della Fiorentina, dove mise subito in mostra le sue doti di difensore. Nel 1999 l'Arsenal lo portò a Londra, dove vinse con le giovanili dei Gunners sia il Campionato Under-17 che la Coppa d'Inghilterra Under-18.

La nostalgia di casa lo fece tornare in Italia nel settembre del 2000, quando passò in prestito al Bologna. Debuttò in Serie A il 1º ottobre, entrando in campo all'83' della gara valida per la prima giornata del campionato 2000-2001 contro la Roma, persa 2-0 dal Bologna.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Nel gennaio del 2001 disputò con la Nazionale Under-18 la Coppa Meridian.

La morte[modifica | modifica sorgente]

Il 9 febbraio 2001, mentre tornava a casa dopo l'allenamento, morì in un incidente in motorino vicino al centro tecnico del Bologna, perdendo il controllo del mezzo e sbattendo contro un guard rail in manutenzione, dove era stato lasciato un tubo d'acciaio in posizione pericolosa[1].

Nel 2007 il Tribunale di Bologna ha condannato in primo grado per omicidio colposo un funzionario della Coop. Costruzioni (1 anno e 4 mesi di reclusione), il responsabile dell'ufficio manutenzione stradale del Comune (10 mesi e 29 giorni) e un tecnico dello stesso ufficio (6 mesi e mezzo); nel marzo del 2011, in appello, il procedimento è stato dichiarato estinto per intervenuta prescrizione[2].

Il Bologna ha deciso di ritirare la maglia numero 27 da lui indossata e di dare il suo nome al Centro Tecnico di Casteldebole. Molti tornei in Italia portano il suo nome.

Fabio Quagliarella, attaccante del Torino, nonché compagno di nazionale giovanile dello sfortunato calciatore, gioca con la maglia numero 27 proprio in suo onore, numero che (quando possibile) utilizza anche in Nazionale maggiore[3].

Fondazione[modifica | modifica sorgente]

Dopo la sua morte il padre Giovanni ha costituito la Fondazione Niccolò Galli ONLUS che si occupa di raccogliere fondi per scopi filantropici, quali eventi, partecipazioni di sostegno ed un memorial giovanile, anch'esso intitolato a Niccolò Galli, di notevole importanza nel settore calcistico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ «La morte di Galli non fu una fatalità» Il giovane calciatore mor ì contro un guardrail senza protezione. Il Pm chiede 4 rinvii a g iudizio in www.unita.it, 14 dicembre 2003. URL consultato il 26-08-2013.
  2. ^ La morte del giovane Niccolò Galli tre assolti per prescrizione in www.repubblica.it, 18 marzo 2011. URL consultato il 26-08-2013.
  3. ^ A Quagliarella la maglia 27, 2 giugno 2009..

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]