Filantropia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Filantropia, etimologicamente indica un sentimento ed un conseguente atteggiamento di amore (dal greco φιλία, filìa) nei confronti degli esseri umani (dal greco άνθρωπος, ànthropos). Nell'uso corrente un filantropo è una persona generosa che fa attività di beneficenza. Nel circolo degli Scipioni fu usato anche con il significato di "cultura letteraria e filosofica", mentre Cicerone lo usò con un'accezione semantica molto più complessa come ad esempio: "profonda sensibilità", "raffinatezza", "generosità".

Nel Cristianesimo, e in particolare nel Cattolicesimo, la filantropia e la beneficenza sono viste come attività relativamente indipendenti dalla fede e ben distinte dalla carità, che è vista come amore di Dio nei confronti dell'uomo, un amore con cui l'uomo, a sua volta può donarsi agli altri, non solo con le opere e il denaro, ma anche con la sua presenza e la sua testimonianza di fede.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia