Karl Stürmer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Karl Stürmer
Karl Strumer.jpg
Dati biografici
Nazionalità Austria Austria
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Squadre di club1
1898-1907 First Vienna First Vienna  ? (?)
1907-? Wiener AC Wiener AC  ? (?)
Nazionale
1903-1907 Austria Austria 2 (0)
Carriera da allenatore
1918-1919 Wiener AC Wiener AC
1919-1920 Rudolfshugel Rudolfshügel
1920-1922 Reggiana Reggiana
1922-1924 Torino Torino
1923-1924 Reggiana Reggiana
1926 Reggiana Reggiana
1926-1929 Prato Prato
1929-1930 Torino Torino
1931-1932 Alessandria Alessandria
1932-1934 Lazio Lazio
1934 Massese Massese
1935-1936 Livorno Livorno
1936 Alessandria Alessandria
1937-1939 Juventus Juventus Assistente - Giovanili
1940-1941 Cremonese Cremonese
1941-1942 Verona Verona
1942-1943 Cesena Cesena
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al febbraio 2009

Karl Stürmer (Vienna, 9 ottobre 1882Faenza, 1943) è stato un allenatore di calcio e calciatore austriaco, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Viennese, dopo la gavetta nel Wiener Cricket, giocò come terzino nel First Vienna, esordendo in Nazionale nel 1903.

Nel 1907 passò al WAC, dove venne schierato come centrocampista.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Interrotta la carriera di calciatore dopo la prima guerra mondiale, si dedicò ad allenare il WAC e poi lo Sport Club Rudolfshügel in Austria. Approdò in Italia nei primi anni venti, ingaggiato dalla Reggiana che allenò a più riprese.

Particolarmente importante fu la sua esperienza al Torino; dopo la nascita del settore giovanile granata (i Balon boys, dal nome di Adolfo Baloncieri) dedicò gran parte della sua attenzione ai giovani talenti della squadra granata, lanciando tra gli altri i fratelli Aldo e Felice Borel, Janni, Silano e Bo. Sempre sul finire degli anni venti seguì il Prato, ottenendo l'ammissione alla Divisione Nazionale nel 1927-1928.

Dopo un campionato all'Alessandria nel 1931-1932 allenò la Lazio e, dopo l'esonero dell'aprile 1934, la Massese prima di approdare, dopo qualche mese, al Livorno. Al ritorno all'Alessandria, nel 1935-1936, costruì una squadra che raggiunse la finale di Coppa Italia; venne poi esonerato alla fine del 1936. Passò ad allenare le giovanili della Juventus e fece anche da assistente a Virginio Rosetta, tecnico della prima squadra nel 1938-1939.

Andò poi ad allenare in Serie C Cremonese, Verona e Cesena, prima di venire ucciso nel 1943 a Faenza da un uomo tedesco.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Wiener AC: 1914-1915
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
First Vienna: 1899, 1900

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]