Roberto Rosato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Rosato
Robertorosato.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Ritirato 1979
Carriera
Giovanili
1957-1960 Torino Torino
Squadre di club1
1960-1966 Torino Torino 131 (4)
1966-1973 Milan Milan 187 (5)
1973-1977 Genoa Genoa 84 (1)
1977-1979 Aosta Aosta 48 (1)
Nazionale
1963
1965-1973
Italia Italia U-21
Italia Italia
 ? (?)
37 (0)
Palmarès
W.Cup2.svg  Coppa Rimet
Argento Messico 1970
UEFA European Cup.svg  Europei di calcio
Oro Italia 1968
Giochi del Mediterraneo.svg  Giochi del Mediterraneo
Oro Italia 1963
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Roberto Rosato (Chieri, 18 agosto 1943Chieri, 20 giugno 2010) è stato un calciatore italiano, di ruolo difensore centrale. Campione europeo nel 1968 e finalista mondiale nel 1970 con la Nazionale italiana.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Crebbe calcisticamente nelle giovanili del Torino, la squadra che lo fece esordire in Serie A il 2 aprile 1961 in Fiorentina-Torino (1-1). Da professionista vestì per sei stagioni la maglia granata.

Soprannominato Faccia d'angelo, per via dei tratti gentili del suo viso in contrasto con i suoi modi decisi e spesso rudi in campo,[1] Rosato era un difensore centrale di sicuro rendimento[2] e per questo motivo fu notato da Nereo Rocco, che lo volle al Milan, club presso il quale si trasferì nel 1966, per puntellare il reparto arretrato. Con il Milan vinse subito la Coppa Italia (1966-1967) e, in sequenza, lo scudetto e la Coppa delle Coppe nel 1968, la Coppa dei Campioni nel 1969 e la successiva Coppa Intercontinentale.

Del 1972 e del 1973 sono ulteriori due Coppe Italia consecutive, più un'altra Coppa delle Coppe, l'ultimo trofeo conquistato da Rosato prima del suo trasferimento al Genoa, avvenuto nell'estate del 1973.

Nel club genovese giocò quattro stagioni, scendendo una volta in Serie B e vincendo una volta il campionato cadetto. Al termine del campionato 1976-1977, Rosato si ritirò dal calcio professionistico. Continuò ancora per 2 stagioni con la maglia dell'Aosta, in Serie D, fino al ritiro definitivo nel 1979.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Esordì in Nazionale A il 13 marzo 1965 ad Amburgo in Germania Ovest-Italia (1-1), dopo qualche partita nella selezione B e nell'Under-21. Con questa rappresentativa vinse nel settembre 1963 i Giochi del Mediterraneo di Napoli e disputò 4 gare di qualificazione (contro Turchia e Polonia) per i XVIII Giochi Olimpici di Tokyo ai quali l'Italia si qualificò. Divenne titolare fisso dopo la non positiva prestazione italiana al campionato del mondo in Inghilterra nel 1966 e fece parte della squadra che vinse il campionato d'Europa 1968 che si tenne in Italia. Nel 1970 prese parte al nono campionato del mondo svoltosi in Messico, nel corso del quale fu tra i protagonisti della storica semifinale Italia - Germania Ovest 4-3. Giocò anche la successiva finale, persa per 4-1 contro il Brasile, venendo infine scelto come miglior stopper del torneo.[3]

In otto anni vestì complessivamente la maglia della Nazionale per 37 volte.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Il 20 giugno 2010 viene resa nota dai mass-media la sua morte,[4] nel giorno in cui la Nazionale italiana affronta la Nuova Zelanda al campionato del mondo 2010; per l'occasione, gli azzurri indossano il lutto al braccio.[5] Rosato aveva combattuto per dieci anni contro il cancro.[2] I funerali si sono svolti il 22 giugno 2010 nel duomo di Chieri.[2]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Campionato Coppa Italia Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1960-1961 Italia Torino A 1 CI 3 4
1961-1962 A 28 2 CI 1 CdA 8 1 37 3
1962-1963 A 12 CI 2 CM 1 15
1963-1964 A 30 CI 4 34
1964-1965 A 31 1 CI 1 CdC 8 1 40 2
1965-1966 A 29 1 CI 1 CdF 1 31 1
Totale Torino 131 4 12 9 1 9 1 161 6
1966-1967 Italia Milan A 33 2 CI 5 Coppa Alpi+CM 3+1 42 2
1967-1968 A 28 CI 9 1 CdC 10 47 1
1968-1969 A 27 1 CI 4 CC 7 38 1
1969-1970 A 24 CI 3 CC 4 CInt 2 33
1970-1971 A 29 CI 7 1 36 1
1971-1972 A 21 CI 9 1 CU 5 35 1
1972-1973 A 25 2 CI 7 CdC 6 38 2
Totale Milan 187 5 44 3 32 6 269 8
1973-1974 Italia Genoa A 30 1 CI 1 31 1
1974-1975 B 35 CI 4 39
1975-1976 B 16 CI 8 24
1976-1977 A 3 CI 3
Totale Genoa 84 1 13 97 1
Totale 402 10 69 3 41 1 15 1 527 15

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Milan: 1967-1968
Milan: 1966-1967, 1971-1972, 1972-1973

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Milan: 1967-1968, 1972-1973
Milan: 1968-1969
Milan: 1969

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

1968
Napoli 1963

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Tarello, Davide Enrico. Roberto Rosato, Faccia d'Angelo. GS Editrice, Santhià (TO) 2003. ISBN 88-87374-79-1
  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Addio a Rosato, stopper implacabile dalla faccia d'angelo ilsole24ore.com
  2. ^ a b c Addio al grande Rosato. Fece volare Milan e Italia Gazzetta.it
  3. ^ Italia in lutto, è morto Rosato sportmediaset.mediaset.it
  4. ^ Addio a Rosato, leggenda del Milan e della Nazionale
  5. ^ Morto Rosato, nazionale col lutto al braccio Ansa.it
  6. ^ Roberto Rosato - Amova, Associazione Medaglie d'oro al valore atletico. URL consultato il 10 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]