Cucina argentina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Asado o arrosto Argentino

La cucina argentina è l'espressione dell'arte culinaria sviluppata in Argentina. È caratterizzata per l'utilizzo prevalente della carne e della farina di frumento. Ha subito notevoli influenze da parte della cucina italiana e spagnola, per via dei grandi flussi immigratori avuti da tali popoli.[1]

Regioni[modifica | modifica sorgente]

La cucina argentina può essere divisa in quattro zone gastronomiche:[1]

La regione della Patagonia[modifica | modifica sorgente]

Nella patagonia sono consumati frutti di mare e, a seguito della forte presenza di tedeschi, anche marmellate e fragole. La coltivazione delle mele nella valle del Rio Negro è stata iniziata dai gesuiti.[1]

La regione centrale[modifica | modifica sorgente]

È la zona maggiormente influenzata dalla cucina spagnola e in cui abbonda l'uso della carne (in particolare arrosti).[1]

Il Nordest[modifica | modifica sorgente]

Nella zona nordest del paese è influenzata dalla cultura guaranì, con l'utilizzo del pesce di fiume, della maiolica, della papaia ed il formaggio.[1]

Empanadas
Puchero

Piatti tipici[modifica | modifica sorgente]

Alcuni piatti tipici della cucina argentina:

  • asado, arrosto
  • tallarines, tagliatelle,
    Tallarines al salmone
  • ravioles
  • ñoquis
  • dulce de leche ciò è dire: dolce di latte, è in forma di crema, utilizzata per dolci o da mangiare spalmata su pane, biscotti o al cucchiaio.
  • yerba mate
  • bistecca churrasco o bife (tipica bistecca grossa con o senza l'osso)
  • scaloppa escalope rosolata con farina di frumento
  • puchero un bollito misto preparato con diversi tipi di carne, patate, choclo o mais a seconda della regione
  • "albóndigas" (polpette di manzo cotto)
  • empanadas (torte o calzoni cotti al forno o fritti)
  • tortillas (specie de frittate)
  • chipá un pane fatto con farina di manioca e formaggi
  • torrone, turrón
  • mantecol
  • panettone, per Natale ("pan dulce")
  • churros
  • locro (Pietanza a base di mais o fagioli e carne, con varie preparazioni; alcune ricette risalgono al periodo coloniale spagnolo. Ingredienti tipici: mais bianco, petto di manzo, cipolla, pomodoro, salsiccia di manzo, zucca e patate. Viene servito con una salsa piccante di peperoncino rosso e paprica.)

In particolare, gli argentini non mangiano carne di cavallo in quanto e considerato come un animale domestico.[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e www.infoargentina.net

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Blanca Cotta, Cocina Argentina (por Blanca Cotta), Grupo Clarín, 1999.
  • Gato Dumas, Las Recetas del Gato Dumas, Editorial Sudamericana, 2000. ISBN 950-07-0312-2.
  • Margarita Elichondo, La comida criolla: Memoria y recetas. Biblioteca de Cultura Popular, Ediciones de EL SOL, 2003. ISBN 950-9413-76-3.
  • Mario José Silveira, Cocina y Comidas en el Río de la Plata, Universidad Nacional del Comahue, 2005, ISBN 9789871154814.
  • Pietro Sorba, Nueva cocina argentina, Buenos Aires, Editorial Planeta, 2012. ISBN 9789504929819.
  • Víctor Ego Ducrot, Los sabores de la Patria, Grupo Editorial Norma, 1998.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina