Ansiolitico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Gli ansiolitici sono una categoria di psicofarmaci usati per attenuare e curare stati di ansia e di angoscia. Questi riducono l'attività del sistema nervoso centrale e possono essere aggiuntivi a neurolettici per le fasi acute (questo a volte per lungo tempo nei pazienti schizofrenici) e ad alti dosaggi provocano sedazione. Vengono usati in medicina per alleviare l'insonnia temporanea, l'ansia e il dolore.

I maggiori rappresentanti sono le benzodiazepine che hanno quasi completamente sostituito i barbiturici.

In dosi massicce alcuni ansiolitici (notoriamente, i barbiturici e gli oppioidi) sono in grado di inibire i centri della respirazione polmonare e possono provocare coma e morte. Le benzodiazepine sono prive di questa capacità e non sono dunque letali in overdose (se assunte da sole; possono essere invece letali in combinazione con l'alcol). Se assunti in modo sconsiderato e improprio possono portare dipendenza fisica e psicologica.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina