Immunosoppressore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Gli immunosoppressori sono molecole che inibiscono la risposta immunitaria. Vengono usate in medicina per la terapia delle malattie autoimmuni e per prevenire il rigetto in seguito a un trapianto. Esistono diversi tipi di farmaci immunosoppressori e si possono dividere nelle seguenti categorie:

Inibitori del network citochinico[modifica | modifica wikitesto]

Gli inibitori del network citochinico sono sostanze di scoperta relativamente recente. Si tratta per lo più di composti chimici in grado di sopprimere l'espressione di citochine trofiche per subpopolazioni di linfociti coinvolte nella risposta auto-immunitaria. Il loro bersaglio principale è la trasduzione del segnale citoplasmatica che fa capo a diverse protena chinasi. Gli inibitori delle chinasi Janus (JAKs) e di alcune tirosina chinasi ne sono un esempio.

Un'altra molecola che agisce con meccanismo differente è la ciclosporina. Il suo bersaglio molecolare è una piccola proteina citoplasmatica chiamata ciclofilina-A o FKBP12. Una volta interagita con questa, il complesso interferisce con la trasduzione del segnale dei linfociti T che implica gli ioni Ca2+ e la calmodulina, in particolare una proteina fosfatasi chiamata calcineurina che regola delle risposte trascrizionali per le citochine.

Antimetaboliti[modifica | modifica wikitesto]

L'azatioprina (derivato della 6-mercaptopurina) è stato il primo immunosoppressore antimetabolita usato nella prevenzione del rigetto dei trapianti. Impedisce la sintesi del DNA prevenendo l'utilizzazione dei nucleotidi adenilici ATP e deossi-ATP. Come tutti gli antimetaboliti impiegati nella terapia dei tumori, dunque, possiede numerosi effetti colatterali specie a carico del sangue, del fegato e dell'apparato digerente.

Dopo fu introdotto il metotrexate, analogo dell'acido folico che impedisce la sintesi de novo delle purine e quindi del DNA. È tutt'oggi usato a basso dosaggio nella psoriasi e nell'artrite reumatoide in associazione con gli anticorpi monoclonali.

Un altro antimetabolita attualmente usato è l'acido micofenolico o meglio dei suoi derivati perfezionati (micofenolato mofetil). Sono antagonisti dell'enzima inosina monofosfato deidrogenasi (IMPDH), utile nella sintesi e nel recupero dei nucleotidi guanilici (GMP, GDP e GTP). Sembra dotato di maggiore selettività rispetto ai precedenti.

Anticorpi[modifica | modifica wikitesto]

Gli anticorpi sono stati anch'essi tra le prime armi fronte nella lotta all'immunosoppressione. Non è nuova la terapia ad alte dosi di immunoglobuline di tipo G (IgG) nella cura di linfomi prima dell'avvento della chemioterapia antineoplastica. L'effetto delle IgG ad alto dosaggio sarebbe quello di "intasare" il sistema immunitario con anticorpi, ingannando le cellule B (le produttrici delle Ig) nel mimare una risposta anticorpale più che soddisfacente.

È da qualche decennio, però, che è sorta una nuova classe di anticorpi con bersaglio putativo completamente diverso. Sono gli anticorpi monoclonali diretti contro i recettori delle citochine, soprattutto, le interleuchine (IL-1 e -2) ed il fattore di necrosi tumorale (TNF-alfa). Sono noti con nomi quali cetuximab, infliximab, trastuzumab, ustekinumab ed adalimumab. Il suffisso finale -mab sta per Monoclonal Anti-Body o anticorpo monoclonale). Sono già correntemente impiegati nella cura dell'artrite reumatoide, della spondilite anchilosante, della psoriasi e della malattia di Crohn resistenti alle usuali terapie. Esistono trials clinici pubblicati che ne dimostrano la superiore efficacia rispetto agli immunosoppressori convenzionali (vedere referenze bibliografiche).

Corticosteroidi[modifica | modifica wikitesto]

I corticosteroidi sono stati una classe cardine nel fronte contro la lotta al rigetto d'organo. Classici steroidi impiegati sono il cortisolo, il prednisone ed il metil-prednisolone. Sono stati "presi in prestito" dalla chemioterapia delle leucemie e dei linfomi, sono dotati di pesanti effetti collaterali (diabete mellito di tipo 2, osteoporosi, ipertensione, disfunzione erettile, depressione, ansia etc) quando usati in cronico.

Ecco perché gli immunosoppressori non vengono mai somministrati come mono-farmaco. È preferibile somministrare due farmaci a basso dosaggio che una dose alta di una solo farmaco; con la prima scelta la probabilità di sviluppare effetti collaterali acuti si riduce sensibilmente e la comparsa di quelli cronici viene ritardata.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Doyle MK et al. Treatment with infliximab plus methotrexate improves anemia in patients with rheumatoid arthritis independent of improvement in other clinical outcome measures-a pooled analysis from three large, multicenter, double-blind, randomized clinical trials. Semin Arthritis Rheum. 2009 Oct; 39(2):123-31.
  • Maini R et al. Infliximab (chimeric anti-tumour necrosis factor alpha monoclonal antibody) versus placebo in rheumatoid arthritis patients receiving concomitant methotrexate: a randomised phase III trial. ATTRACT Study Group. Lancet 1999; 354(9194):1932-39.
  • Keating GM, Perry CM. Infliximab: an updated review of its use in Crohn's disease and rheumatoid arthritis. BioDrugs 2002; 16(2):111-48.
  • McLeod C et al. Adalimumab, etanercept and infliximab for the treatment of ankylosing spondylitis: a systematic review and economic evaluation. Health Technol Assess. 2007 Aug; 11(28):1-158, iii-iv.
  • Woolacott N et al. Etanercept and infliximab for the treatment of psoriatic arthritis: a systematic review and economic evaluation. Health Technol Assess. 2006 Sep; 10(31):iii-iv, xiii-xvi, 1-239.
  • Edrees AF, Misra SN, Abdou NI. Anti-tumor necrosis factor (TNF) therapy in rheumatoid arthritis: correlation of TNF-alpha serum level with clinical response and benefit from changing dose or frequency of infliximab infusions. Clin Exp Rheumatol. 2005 Jul-Aug; 23(4):469-74.