Antimetabolita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Un antimetabolita è una sostanza che inibisce l'attività dei metaboliti,[1] sostanze che vengono prodotte nelle cellule durante le varie attività biologiche.

Dettagli[modifica | modifica sorgente]

Per questa analogia gli antimetaboliti possono ridurre fino anche a bloccare le attività dei metaboliti normali e naturali delle cellule provocando degli effetti terapeutici o anche tossici.

Per esempio sono antimetaboliti alcuni antibiotici, alcuni antivitaminici, alcuni antagonisti del glucosio e degli amminoacidi, alcuni inibitori della sintesi del DNA.[2]

Applicazioni[modifica | modifica sorgente]

A fini terapeutici il concetto di antimetabolita trova larga applicazione in terapia antineoplastica dove sono stati ricercati e studiate una grande quantità di sostanza alcune delle quali hanno dimostrato essere utili, interferendo con il metabolismo della cellula neoplastica, ma anche di quelle normali, nell'inibire l'attività metabolica 'normale' e/o di replicazione delle cellule degenerate.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) IUPAC Gold Book, "antimetabolite"
  2. ^ GJ. Peters, CL. van der Wilt; CJ. van Moorsel; JR. Kroep; AM. Bergman; SP. Ackland, Basis for effective combination cancer chemotherapy with antimetabolites. in Pharmacol Ther, vol. 87, n. 2-3, pp. 227-53. DOI:10.1016/S0163-7258(00)00086-3, PMID 11008002.