Inibitore della pompa protonica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Gli inibitori della pompa protonica (IPP) sono un gruppo di molecole la cui azione principale è una pronunciata riduzione di lunga durata (dalle 18 alle 24 ore) dell'acidità dei succhi gastrici.[1].

Il gruppo degli IPP è il successore degli antistaminici H2 (come la ranitidina) e sono largamente più diffusi di questi ultimi per la loro maggiore efficacia.

Usi clinici[modifica | modifica wikitesto]

Questi medicinali sono utilizzati nel trattamento sintomatico ed eziologico di diverse sindromi, come:

Gli IPP sono anche utilizzati in pazienti trattati con acido acetilsalicilico o altri FANS a lungo termine. Tali farmaci, inibendo la funzione dell'enzima ciclossigenasi 1 (COX 1), hanno come effetto collaterale una riduzione della sintesi di prostaglandine, processo che dipende dallo stesso enzima. Poiché tra le funzioni delle prostaglandine c'è la protezione della mucosa gastrica dall'acidità, si utilizzano gli IPP al fine di ridurre l'acidità e proteggere la mucosa gastrica.

Nonostante alcune differenze a livello di farmacocinetica, tutte le diverse molecole degli IPP non sembrano avere profili di efficacia clinica significativamente diversi tra loro, anche nei protocolli per l'eradicazione dell'Helicobacter Pylori[2].; in ambito di sanità pubblica e farmacoeconomia, la scelta tra i diversi IPP dovrebbe quindi tenere conto anche del rapporto costi/benefici, orientandola in direzione delle molecole più economiche a parità di efficacia (come il lansoprazolo)[3].

Meccanismo d'azione[modifica | modifica wikitesto]

Questo tipo di medicinale inibisce l'enzima gastrico H+/K+-ATPasi (la pompa a protoni), catalizzatore dello scambio degli ioni H+ e K+. Questo crea un'inibizione efficace sulla secrezione acida.

Nel micro-canale dove il pH è basso, vicino al 2, questi inibitori vengono ionizzati e trasformati in molecole che stabiliscono dei legami covalenti col gruppo tiolico (SH) della cisteina della sotto-unità della pompa. Così facendo la pompa è inibita in modo irreversibile. La ripresa dell'attività di pompaggio necessita la produzione di nuove pompe. Mediamente il tempo per la sintesi di nuove pompe è tra le 18 e le 24 ore, un'unica dose permette un'inibizione di circa 24 ore.

Il fatto che gli inibitori siano attivi solo in ambiente acido, prima della protonazione, spiega che hanno un effetto minimo sulla H+/K+-ATPasi extra-gastrica situata al livello del retto e del colon.

Se questi inibitori fossero amministrati per scopo non gastrico, si trasformerebbero in metaboliti attivi nello stomaco, poiché nei micro-canali si raggiunge una concentrazione tale da inibire la pompa a protoni.

La secrezione di Cl- che parallela a quella dell'H+ per produrre HCl, non è direttamente modificata dagli inibitori della H+/K+-ATPasi. Il meccanismo della secrezione di Cl- resta ancora poco conosciuto. Sembra comunque essere legato a quella del potassio, che permette il riciclaggio di quest'ultimo.

Una conseguenza dell'inibizione dell'H+/K+-ATPasi gastrico è l'aumento esponenziale della gastrinemia, molto importante nei topi, ma di scarso rilievo nell'uomo. L'ipergastrinemia potrebbe dare il via ad un' iperplasia delle cellule enterocromaffini.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

  • Omeprazolo (Omeprazen, Antra, Mepral, Losec, Logastric) disponibile sotto forma di medicinale generico, generalmente in capsule da 10 mg e da 20 mg, dal 2002;
  • Lansoprazolo (Dakar, Prevacid, Lansox) disponibile sotto forma di medicinale generico, generalmente in capsule da 15 mg e da 30 mg, dal 2007;
  • Esomeprazolo (Axagon, Inexium, Nexium) nei dosaggi da 10 mg in bustina come granulato gastroresistente per sospensione orale, da 20 mg e da 40 mg come compresse in blister; disponibile sotto forma di medicinale generico, generalmente in capsule da 20 mg e da 40 mg, dal 2011;
  • Pantoprazolo (Pantoloc, Inipomp, Pantopan, Pantorc) disponibile sotto forma di medicinale generico, generalmente in capsule da 20 mg e da 40 mg, dal 2009;
  • Rabeprazolo sodico (Pariet) disponibile sotto forma di medicinale generico, generalmente in capsule da 10 mg e da 20 mg, dal 2012.

Effetti indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Questi medicinali sono generalmente ben tollerati. La maggioranza degli effetti indesiderati sono leggeri e transitori.

Gli effetti indesiderati seguenti costituiscono una minoranza sul totale: diarrea, cefalea, flatulenza, dolori addominali, stordimenti/vertigini, eruzioni cutanee, palpitazioni cardiache.

In certi casi gli effetti indesiderati spariscono con l'interruzione del trattamento.

Potrebbe verificarsi un effetto osteoporotico dopo un utilizzo prolungato, aumentando sensibilmente il numero di fratture del collo del femore.[4]

L'MHRA, autorità sanitaria britannica, ha emanato delle linee guida che raccomandano ai medici la misurazione dei livelli di magnesio prima e dopo i trattamenti con IPP protratti oltre 3 mesi[5], a seguito di studi che hanno evidenziato casi di importante carenza. Oltre i 12 mesi, si è evidenziato un rischio di osteoporosi e fratture alle ossa maggiore del 30-40% rispetto alla baseline [6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Raccomandazioni per l' utilizzo dei farmaci inibitori della secrezione acida gastrica - Azienda Ospedaliera Universitaria di Bologna
  2. ^ Meta-analysis: comparative efficacy of different proton-pump inhibitors in triple therapy for Helicobacter pylori eradication, Alimentary Pharmacology & Therapeutics, Vol. 18 Issue 6, Pages 647 - 654
  3. ^ Evidenze scientifiche sulla scelta degli IPP
  4. ^ Osteoporosi - Le novità sull'Osteoporosi
  5. ^ Drug Safety Update, Vol. 5 Issue 9, Aprile 2012
  6. ^ Due studi in revisione di studi epidemiologici: EoM CS pubblicato su Ann Fam Med, 2011, 9: 257-67; e Kwow CS pubblicato su Bone, 2011; 48:768-76

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Rossi S (Ed.) (2004). Australian Medicines Handbook 2004. Adelaide: Australian Medicines Handbook. ISBN 0-9578521-4-2.
  • (EN) Laheij RJF, Sturkenboom MCJM, Hassing R-J,Dieleman J, Stricker BHC, Jansen JBMJ, (2004).
  • Risk of Community-Acquired Pneumonia and Use of Gastric Acid–Suppressive Drugs. JAMA-TheJournal of the American Medical Association 292 (16), 1955-1960.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina