Lansoprazolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Lansoprazolo
Lansoprazole.svg
Lansoprazole 3D.png
Nome IUPAC
(RS)-2-[(3-methyl-4-(2,2,2-trifluoroethoxy) pyridin-2-yl) methylsulfinyl] -1H-benzoimidazole
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C16H14F3N3O2S1
Massa molecolare (u) 369.363 g/mol
Numero CAS [103577-45-3]
Codice ATC A02BC03
PubChem 3883
DrugBank APRD00077
Dati farmacocinetici
Emivita 1–1.5 ore
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 315 - 319 - 335
Consigli P 261 - 305+351+338 [1]

Il Lansoprazolo è un inibitore della pompa protonica, commercializzato da diverse case farmaceutiche sia come farmaco originale che come equivalente, essendone da tempo scaduto il brevetto.

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Viene utilizzato contro l’ulcera gastrica e duodenale, la sindrome di Zollinger-Ellison e contro la malattia da reflusso gastroesofageo

Nonostante alcune differenze a livello di farmacocinetica, tutte le diverse molecole degli IPP non sembrano avere profili di efficacia clinica significativamente diversi tra loro, anche nei protocolli per l'eradicazione dell'Helicobacter Pylori; in ambito di sanità pubblica e farmacoeconomia, la scelta tra i diversi IPP dovrebbe quindi tenere conto anche del rapporto costi/benefici, orientandola in direzione delle molecole più economiche a parità di efficacia (come il lansoprazolo)[2].

Dosaggi[modifica | modifica wikitesto]

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Gli inibitori della pompa protonica servono ad inibire la secrezione degli acidi gastrici, prodotti in maniera anomala dall’individuo, bloccando il sistema enzimatico idrogeno-potassio adenosintrifosfatasi.

Effetti Indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Dolore addominale, diarrea, cefalea, vertigine, insonnia, sonnolenza, alopecia, ecchimosi, allucinazioni, confusione, raramente impotenza, dolori muscolari, stanchezza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 14.09.2012
  2. ^ Evidenze scientifiche sulla scelta degli IPP

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • British National Formulary, Guida all’uso dei Farmaci 4ª Edizione, Lavis, Agenzia Italiana del Farmaco, 2007.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina