Corticosteroide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
struttura chimica del cortisolo, principale glucocorticoide prodotto dalla corteccia surrenale

I corticosteroidi sono un gruppo di ormoni, prodotti dalla corteccia delle ghiandole surrenali, appartenenti alla classe degli steroidi. Si possono far derivare tutti da successive degradazioni della catena laterale del colesterolo.
I corticosteroidi sono coinvolti in una varietà di meccanismi fisiologici, inclusi quelli che regolano l'infiammazione, il sistema immunitario, il metabolismo dei carboidrati, delle proteine, il livello di elettroliti nel sangue.

I corticosteroidi hanno una molecola di struttura caratteristica, il nucleo steroideo, che è la stessa degli ormoni sessuali maschili e femminili (rispettivamente testosterone e progesterone/estradiolo).

Sono utilizzati per le loro proprietà antinfiammatorie e immunosoppressive e per i loro effetti sul metabolismo. Si dividono in:

Qualche esempio di comuni ormoni naturali sono il corticosterone (C21H30O4), il cortisone (C21H28O5, 17-idrossi-11-deidrocorticosterone) e l'aldosterone.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Glucocorticoidi di sintesi e Mineralcorticoidi di sintesi.

I corticosteroidi hanno la proprietà di ridurre le infiammazioni e alcune reazioni allergiche: trovano, in particolare, impiego per le eruzioni cutanee. I glicocorticoidi sintetici sono usati nelle artriti, asma, epatiti, lupus erythematosus, ulcere. Corticosteroidi sono usati poi nella prevenzione della nausea.

Effetti collaterali[modifica | modifica wikitesto]

I corticosteroidi esogeni, in correlazione con le azioni farmacologiche, possono ridurre la risposta immunitaria verso le infezioni, sopprimere la capacità di produzione endogena degli stessi (per meccanismo di feedback che provoca l'atrofia della corticale del surrene) e provocare effetti metabolici sull'equilibrio acqua-elettrolitico.

Tra gli effetti collaterali dei mineralocorticoidi ci sono l'ipertensione arteriosa, un abbassamento dei livelli di potassio nel sangue, ipernatriemia (alti livelli di sodio nel sangue), edemi periferici e osteoporosi.

Gli effetti collaterali dei glucocorticoidi comprendono diabete mellito tramite aumento dell'insulinoresistenza, iperglicemia, ipernatriemia, infezioni, retinopatie, ipertensione arteriosa, inibizione della sintesi di T3 e di testosterone, sindrome di Cushing, miopatia, morbo di Addison (dopo l'uso), osteoporosi, impotenza, perdità della libido, insonnia, ansia e depressione.

C'è anche da dire che dopo una terapia di glucocorticoidi i surreni possono diventare ipofunzionanti e causare il morbo di Addison, in più è necessario diminuire le dosi gradualmente perché la crisi di astinenza da glucocorticoidi può essere letale.

Si è recentemente verificato che i corticosteroidi possono causare permanenti danni alla retina. Una varietà di prodotti contengono corticosteroidi come spray anti-allergici (Nasonex, Flonase), creme per la pelle, gocce per gli occhi.

Composti di interesse farmacologico[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]