Organi di senso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli organi di senso sono strutture fisiche presenti nei corpi degli esseri viventi che servono a ricevere informazioni dal mondo circostante.

Negli animali sono composti da strutture più o meno complesse specializzate nella ricezione di stimoli provenienti dall’esterno o dall’interno, di trasformarli in impulsi nervosi che potranno percorrere differenti percorsi e dare eventualmente atto ad una risposta, verso l'esterno, allo stimolo; nei vegetali, pur agendo similmente per potenziali d'azione, con differenze nelle concentrazioni ioniche intra ed extracellulari, in assenza di un sistema neuronale, i fenomeni come tigmotropismo, tropismo, tigmonastia, vengono diversamente mediati.

Tipologie di recettori negli animali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Recettore sensoriale.

I recettori sensoriali si classificano in base alla provenienza dello stimolo:

  • Telecettori: sensibili a stimoli provenienti da lontano.
  • Esterocettori: sensibili a stimoli provenienti da fonti esterne vicine al corpo.
  • Interocettori: sensibili a fenomeni provenienti dall’interno dell’organismo.
  • Propriocettori: sensibili a stimoli provenienti dalle articolazioni, dai muscoli e dai tendini. Servono a sentire dove si trova il nostro corpo nello spazio.

Si possono classificare anche in base al tipo di stimolo a cui sono sensibili:

  • Chemiorecettori: ricevono stimoli chimici come, ad esempio, il gusto e l'olfatto.
  • Meccanocettori: ricevono stimoli come pressione, tocco e dolore. Il tatto e l'udito fanno parte di questa classe.
  • Termorecettori: ricevono stimoli termici.
  • Fotorecettori: capaci di captare l'energia luminosa come, ad esempio, la vista.
  • stato-acustici : percepiscono lo stato di equilibrio del corpo,stabiliscono l'orientamento del corpo nello spazio e percepiscono i suoni.
  • Elettrorecettori percepiscono intensità e variazioni del campo elettrico

Infine sono classificabili anche in base al loro adattamento sensoriale, cioè alla possibilità di far diminuire la frequenza di uno stimolo prolungato nel tempo.

  • Fasici o Dinamici: Si adattano facilmente. Ad esempio l'olfatto.
  • Tonici o Statici: Si adattano poco o per niente. Per esempio i termocettori.

Chemiorecettori[modifica | modifica wikitesto]

Fra i chemocettori si trovano i glomi, l'apparato gustativo e l'apparato olfattivo.

Glomi[modifica | modifica wikitesto]

Sono interocettori che sono situati in presenza delle grandi arterie (carotide, aorta, sacrale media), hanno la funzione di registrare le alterazioni dei tassi di O2 (ossigeno) e di CO2 (anidride carbonica) nel sangue.

Apparato gustativo[modifica | modifica wikitesto]

È formato dai calici gustativi che sono presenti nelle papille linguali Circumvallate (si trovano a forma di V nella parte più interna della lingua), Foliate, e, in piccola parte anche nelle Fungiformi. Le Filiformi, invece, sono papille tattili. Ogni calice è formato da tre tipi di cellule:

  • Basali
  • di Sostegno
  • Gustative: sono i veri e propri recettori chimici, fornite di microvilli che recepiscono le molecole disciolte nella saliva.

Apparato olfattivo[modifica | modifica wikitesto]

Il tessuto specializzato per riconoscere gli odori è l'epitelio olfattivo che si trova nella parte superiore della cavità nasale. Esso è ricoperto di muco dove si trovano le molecole da analizzare. L'epitelio olfattivo è formato da tre tipi di cellule:

  • Basali
  • di Sostegno: sono attorno alle cellule olfattive, hanno dei microvilli usati per spostare il muco.
  • Olfattive: sono le cellule atte a ricevere lo stimolo. Hanno delle ciglia immerse nel muco. Sono le stesse cellule a portare l'informazione al sistema nervoso centrale, invece di affidare il messaggio ad un neurone specializzato.

Meccanorecettori[modifica | modifica wikitesto]

Tatto[modifica | modifica wikitesto]

I meccanocettori presenti sull'epidermide sono vari e sono sensibili alla pressione e al dolore. Si dividono in due:

Orecchio: apparato uditivo e vestibolare[modifica | modifica wikitesto]

L'orecchio è costituito da tre parti:

L'apparato uditivo è formato dalla coclea e dai tre ossicini. Il martello è a contatto con la membrana del timpano e trasmette le vibrazioni all'incudine e alla staffa. Attraverso la finestra ovale, le vibrazioni si trasmettono alla coclea. Quest'ultima è formata da tre canali, di cui il primo e il terzo sono collegati e contengono perilinfa:

  • Canale vestibolare: collegato alla staffa attraverso la finestra ovale.
  • Canale medio: si trova in mezzo agli altri due, contiene l'endolinfa e l'organo del Corti.
  • Canale timpanico: collegato alla finestra rotonda.

Il suono, quindi, si trasmette dal timpano ai tre ossicini, passa nella coclea attraverso la finestra ovale e comprime la perilinfa che trasmette le vibrazioni al canale vestibolare, quindi al canale timpanico e da questo al canale medio. In quest'ultimo canale si trova l'organo del Corti dove si trovano le cellule sensoriali. Queste cellule sono ricoperte da una membrana tettoria. Le loro ciglia, sfregando sulla membrana tettoria, trasmettono le vibrazioni al nervo uditivo.

L'apparato vestibolare, invece, è composto dai tre canali semicircolari che hanno all'estremità un'ampolla che è in contatto con l'utricolo e il sacculo, due cavità a forma, appunto, di sacco. Nell'utricolo e nel sacculo ci sono le cellule sensoriali dell'equilibrio che hanno delle ciglia immerse in una gelatina in cui sono immersi degli otoliti. Gli otoliti sono sassolini di carbonato di calcio che, con il movimento, sfregano le ciglia dei recettori. Se il movimento è rotatorio (angolare), l'endolinfa presente nei tre canali semicircolari preme sulla gelatina presente nell'ampolla facendo muovere le ciglia delle cellule sensoriali immerse in essa (nella gelatina).

Termorecettori[modifica | modifica wikitesto]

I termocettori sono di due tipi:

Fotorecettori[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Occhio e vista (senso).

Trasmissione dello stimolo[modifica | modifica wikitesto]

Lo stimolo è, in realtà, una variazione della polarità della membrana. Normalmente, l'interno del derma ha polarità negativa. Questo perché gli ioni negativi Cl- (cloro) sono molti di più di quelli positivi K+ (potassio). L'ambiente esterno, invece, è carico positivamente perché ricco di ioni Na+ (sodio). Quando c'è uno stimolo, i Cl- escono e i Na+ entrano invertendo la polarità (depolarizzazione). I K+ escono molto più lentamente e, quando ciò avviene, ristabiliscono l'equilibrio riportando la polarità della pelle al negativo (ripolarizzazione). Lo stimolo recepito si trasforma in potenziale recettoriale che si trasmette ai neuroni sensoriali afferenti (che portano al sistema nervoso centrale). I neuroni, prima di inviare il messaggio, lo trasformano in potenziale d'azione (trasduzione). N.B.: se uno stimolo è prolungato nel tempo, aumenta la frequenza di trasmissione dello stimolo, e non l'intensità.

Nell'essere umano[modifica | modifica wikitesto]

Nove sono i sensi umani canonici, nonostante spesso ci si limiti a citare solo i primi cinque:

Anche altri organi di senso sono presenti nel corpo umano, tuttavia sono considerati secondari rispetto a quelli citati.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]